Economia

29/06/2016

APPROVATO IL DECRETO BANCHE

sbloccare il credito vuol dire crescere

Il decreto legge sulle banche ha l’obiettivo fondamentale di creare le condizioni per migliorare il funzionamento del sistema bancario e permettere quindi il consolidamento della ripresa.

Il provvedimento punta per questo innanzitutto a rimuovere gli ostacoli e le lungaggini che hanno fin qui impedito al sistema creditizio di svolgere il suo fondamentale ruolo economico a favore di famiglie e imprese. Vengono così accorciati i tempi dei tribunali per recuperare i crediti, eliminando così uno dei principali motivi che scoraggiano i cittadini stranieri a investire i loro capitali in Italia e quelli italiani a fare impresa.

Allo stesso tempo, si creano strumenti che facilitano l’accesso al credito per le piccole e medie imprese; e si evita, attraverso il pegno non possessorio, che la richiesta di un finanziamento possa tradursi nel blocco dell’attività imprenditoriale o avere ripercussioni sui beni personali dell’imprenditore.

Il decreto provvede infine a rimborsare i risparmiatori che avevano acquistato le obbligazioni subordinate dai quattro istituti di credito (Banca popolare dell’Etruria, Banca delle Marche, Cassa di Risparmio di Ferrara, Cassa di Risparmio di Chieti) poi falliti. A quelli truffati toccherà un rimborso automatico dell’80 per cento dell’investimento, mentre chi ha investito i propri soldi consapevole dei rischi, potrà far valere i propri diritti con un arbitrato davanti all’Anac di Cantone.