25/03/2017 - 12:46

Vuole farne vittima per riabilitarla 

"La polemica dei 5 Stelle sulla presunta censura a Virginia Raggi è del tutto pretestuosa e ha un chiaro obiettivo: rilanciare la disastrosa immagine della sindaca facendola passare per vittima del solito fantomatico complotto". Lo dichiara Vinicio Peluffo, capogruppo Pd in Commissione Vigilanza Rai.
"Sostenere che la Raggi - spiega - è stata censurata equivale ad andare contro l'evidenza dei fatti. Prima che la linea tornasse in studio, la sindaca ha infatti potuto parlare in diretta per due minuti e trenta. E il conduttore ha deciso di tornare in studio per dar conto del contemporaneo discorso del premier Gentiloni. Si tratta dunque di una scelta editoriale e non di censura, una tesi resa ridicola dalla successiva trasmissione integrale  del discorso della Raggi".
"Siamo dunque davanti alla solita pretesa di stabilire le scalette, le presenze e da oggi anche la durata dei collegamenti tv. Ma tg e trasmissioni, purtroppo per Grillo e i suoi, non sono come le comunarie di Genova".

24/03/2017 - 18:40

“Fa sorridere che proprio i 5 stelle, che nel 2010 avevano lanciato per la prima volta Norberto Confalonieri nel blog di Beppe Grillo per denunciare il business nella sanità, oggi chiedano chiarimenti alla Rai per la presenza in tv dello stesso chirurgo”. Lo dichiara Federico Gelli, deputato del Partito democratico.

“Segno evidente – continua - che già sei anni fa l'armata brancaleone grillina faceva acqua da tutte le parti nella selezione dei suoi interlocutori. Un po' come purtroppo abbiamo avuto il modo di apprendere dallo scatafascio dell'amministrazione romana”.

“E ancora di più fa sorridere la presa di distanza del capogruppo Caso che si arrampica sugli specchi pur di negare l’evidenza del logo del blog di Grillo che precede e accompagna l’intervista a Confalonieri. Le possibilità sono due: o un troll si è appropriato del logo grillino e va in giro a fare interviste, oppure Caso mente”, conclude.

24/03/2017 - 17:44

“Saremo soddisfatte quando il primo bonus verrà erogato alla prima madre che sarà riuscita a presentare la domanda. Ci è stato confermato che i bonus saranno erogati a partire dal mese di maggio: a questo punto non dovranno esserci ulteriori ritardi da parte di INPS. Se così fosse, torneremo a chiedere spiegazioni che comunque ancora mancano. I tempi tecnici sono legittimi ma, per un ente come INPS, quattro mesi per una piattaforma informatica sono decisamente troppi. Su questo e su tanti altri temi abbiamo il dovere di dare delle risposte ai cittadini. Alle mamme di domani serve un aiuto oggi, non certo dopodomani”.

Lo dichiarano le deputate dem Chiara Gribaudo e Lia Quartapelle dopo i chiarimenti forniti dal Sottosegretario Bressa stamani a Montecitorio per l’interpellanza urgente sul bonus mamme. Le due deputate stigmatizzano l’assenza del ministro Costa: “Siamo molto dispiaciute che il Ministro Costa non sia venuto a rispondere personalmente in Aula alla nostra interrogazione, anche perché in quel momento prendeva parte ad una conferenza stampa con altri ministri del suo partito per attaccare l’abolizione dei voucher, misura da loro prima sostenuta in Consiglio dei Ministri. Forse sarebbe stato più opportuno venire a dare risposte chiare alla Camera sulle politiche per la famiglia”.

24/03/2017 - 17:41

“In queste ore abbiamo appreso dunque che la scelta di non autorizzare la manifestazione pro lago non è figlia di disattenzione e leggerezza ma, piuttosto, della superbia e dell’arroganza a cinquestelle che dimostra un dilettantismo e un grado di incompetenza disarmante. Appellandosi alla mancanza di autorizzazioni prefettizie di pubblica sicurezza, la Sindaca Anselmo non solo ha dimostrato di non conoscere la normativa ma neanche quella Costituzione che lo scorso 4 dicembre hanno fatto finta di difendere. La Sindaca dovrebbe sapere che siamo e viviamo in un Paese libero e democratico dove, secondo l’articolo 17 della nostra Costituzione, i cittadini hanno il diritto di riunirsi pacificamente in luoghi pubblici per manifestare il proprio pensiero. La verità è che la banda grillina, su ordini di scuderia, non solo non ha autorizzato la manifestazione calpestando quella libertà di manifestare che è un diritto imprescindibile del nostro Paese, ma ha fatto in modo di boicottarla subdolamente negando al Comitato promotore quel sostegno che un’amministrazione locale dovrebbe garantire in situazioni che accumulano la sensibilità e la preoccupazione di migliaia di residenti. È questa la triste verità che la Sindaca a cinque punte, nel goffo tentativo di tirare in ballo l’aspetto sicurezza trasformando magicamente Anguillara in Parigi o Londra, non ha voluto ammettere neanche in queste ore continuando a giustificare una scelta francamente indifendibile”.

Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il post facebook pubblicato questo pomeriggio dalla Sindaca di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo.

24/03/2017 - 17:39

“Oltre a presentare interrogazioni parlamentari sulle presenze in Rai del chirurgo milanese Norberto Confalonieri, arrestato ieri per corruzione e turbativa d’asta, vorremmo che i deputati 5 Stelle ci spiegassero per quale motivo lo stesso chirurgo sia stato intervistato sul sito di Beppe Grillo, che ne magnificava la professionalità e le conoscenze di chirurgia robotica”. Lo dichiara Vinicio Peluffo, capogruppo Pd in Commissione Vigilanza Rai, in risposta all’interrogazione preannunciata dalla deputata 5 Stelle Nesci, commentando la notizia pubblicata da Affariitaliani.it.

“Vorremo anche capire per quale motivo l’intervista di Confalonieri, che può essere rivista attraverso Youtube, risulta non più rintracciabile sullo stesso sito di Beppe Grillo.  L’impressione è che in alcuni casi il sito di Grillo, che fa della trasparenza un principio assoluto, venga meno ai suoi mantra”, conclude.

24/03/2017 - 17:38

"Il no agli OGM annunciato oggi dai ministri delle Politiche agricole Martina, della Salute Lorenzin, e dell'Ambiente Galletti, che hanno annunciato esprimeranno il 27 marzo in sede di comitato europeo,  è una netta e chiara posizione comune, è la naturale conseguenza di una politica che fin dall’inizio di questa legislatura è stata improntata alla tutela della salute degli italiani e dell’ambiente del nostro paese. Questo no ribadisce, senza se e senza ma, il divieto entro i nostri confini nazionali di coltivare gli ogm, autorizzati invece a livello europeo sul proprio territorio. Stiano dunque tranquilli i nostri consumatori, in maggioranza contrari ai prodotti geneticamente modificati, l’Italia continuerà a perseguire una politica agroalimentare nel rispetto della buona tradizione e della salute”. 

Lo dichiara Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in commissione Agricoltura.

24/03/2017 - 15:12

“Il turismo all’aria aperta o open air è un settore in continua crescita in Italia, che vale 3 miliardi di euro all’anno. Già nel 2015 il settore dei campeggi ha visto una ripresa generale, con un fatturato in aumento del 2,7 per cento, dopo anni di bilanci in negativo. Inoltre il turismo open air rappresenta una fetta significativa di turisti stranieri nel nostro Paese: circa 2700 aziende turistico-ricettive e 3 milioni di turisti che annualmente soggiornano in camper e rulotte; un comparto economico che dà lavoro a circa 45 mila addetti. Con la proposta di legge presentata vogliamo disciplinare questo settore che ha un potenziale di crescita notevole”. Lo dice il deputato del Pd, Tiziano Arlotti, primo firmatario della proposta di legge che disciplina il turismo open air, sottoscritta da 40 parlamentari, che verrà presentata mercoledì 29 marzo alle ore 14:30 presso la sala stampa di Montecitorio.
“La proposta di legge – spiega Arlotti – è composta da 16 articoli e definisce il ruolo strategico del turismo all’aria aperta; individua i soggetti e la tipologia delle strutture ricettive; definisce le aree dove sono consentite le strutture. L’articolo 10 prevede una delega al Governo per semplificare le procedure amministrative e ridurre gli oneri burocratici per l’avvio dell’attività; ed infine la legge prevede la copertura finanziaria per il turismo open air”.
Introdurranno l’evento:
Tiziano Arlotti, deputato Pd, primo firmatario
Gianluca Benamati, capogruppo Pd Commissione Attività produttive Camera dei Deputati
Silvia Fregolent, vicepresidente Gruppo Pd Camera dei Deputati

Interverranno:
Maurizio Vianello, Presidente FAITA (Confcommercio)
Angelo Macola, Presidente ASSITAI (Confindustria)
Monica Saielli, Presidente ASSOCAMPING
Francesca Tonini, Direttore Generale APCC Italia
Marco Galletti, Direttore Generale ECV 

24/03/2017 - 15:10

“Un fatto gravissimo che lascia sgomenti, l’abuso di un tredicenne da parte di un gruppo di minori avvenuto a Giugliano in Campania. Un episodio che, al di là del dolore che provoca, ci chiama in causa come soggetti politici, ci riconduce a quello che è un nostro dovere prioritario: trovare soluzioni concrete per togliere bambine e bambini, adolescenti, dal degrado culturale ed economico che è, spesso, alla base di eventi così drammatici, come ha anche evidenziato una approfondita indagine conoscitiva svolta in commissione infanzia. Sono molti i bambini nel nostro paese che vivono nella povertà assoluta - oltre 1 milione, il 10% del totale (dati Unicef) - a cui si aggiunge un’ altra povertà, ugualmente pericolosa, quella educativa che li priva di un futuro.
Il Parlamento ha lavorato per contrastare il problema della povertà dei minori. Con il provvedimento approvato in via definitiva alla Camera la scorsa settimana, abbiamo dato strumenti reali per una maggiore inclusione sociale e per una lotta all'emarginazione dei soggetti più deboli della società, minori , famiglie con disabili gravi, minori a carico di donne in stato di gravidanza . Tuttavia, siamo consapevoli che, presupposto essenziale per una applicazione esaustiva della legge, è che politica e società compiano quel passo culturale indispensabile che faccia del minore un soggetto con diritti inalienabili e non soltanto un beneficiario di servizi”. Così Sandra Zampa, vicepresidente commissione Infanzia e Adolescenza.

24/03/2017 - 14:49

"Secondo l'Istat i votanti continuano a diminuire nonostante il numero degli elettori sia in crescita. La partecipazione dei cittadini italiani alle elezioni è in progressiva flessione dal 1978. Le ragioni dell'astensionismo sono molteplici però è importante eliminare ostacoli di natura tecnico-logistica per l'esercizio del diritto di voto, come la norma introdotta con l'Italicum che consente il voto per corrispondenza a chi per motivi di studio o lavoro vive all'estero per un periodo di almeno 3 mesi nel quale ricada la data delle consultazioni elettorali. Dentro tale norma però non è stata affrontata la questione del voto per gli studenti fuori sede sul territorio nazionale, che spesso non cambiano la residenza e si trovano a dover affrontare viaggi anche molto lunghi e faticosi nonché costosi, nonostante le agevolazioni economiche per chi si sposta appunto per esercitare il proprio diritto di voto. Non è quindi raro che a volte gli studenti rinuncino ad andare a votare. Per tali ragioni abbiamo presentato questa proposta di legge che delega il Governo a introdurre misure che permettano agli studenti fuori sede sul territorio italiano di esercitare il proprio diritto di voto senza dover necessariamente rientrare nei comuni di residenza". Lo dichiarano il deputato del Pd, Emanuele Lodolini, primo firmatario della proposta di legge delega al Governo per la disciplina dell'esercizio del diritto di voto per i cittadini fuori sede nel territorio nazionale, presentata alla Camera e la senatrice Pd, Silvana Amati, che ha presentato un’analoga proposta di legge al Senato. La proposta di legge sarà presentata martedì 28 marzo alle ore 10 presso la sala stampa di Montecitorio.

Presenteranno la proposta di legge:

Anna Finocchiaro, Ministra per i Rapporti con il Parlamento

Emanuele Lodolini, deputato Pd

Silvana Amati, senatrice Pd

Interverranno:

Alessandro De Nicola (resp. Riforme segreteria regionale Marche)

Francesco di Vita (Segretario Regionale GD Marche)

Mattia Zunino (Segretario Nazionale GD)

24/03/2017 - 13:46

“Si terrà domani e domenica la 25esima edizione delle “Giornate di Primavera” del FAI che daranno la possibilità di ammirare oltre 1.000 siti in 400 diverse località lungo la Penisola. Particolarmente ricca l’offerta artistica nel comasco con, ad esempio, le famose Villa Amalia, Villa del Balbianello e Villa d’Este, a cui si aggiungono il Teatro Sociale di Como, la Torre del Barbarossa a Tremezzina o il Borgo San Paolo a Cantù e tanti altri”. Lo dichiara Chiara Braga, deputata comasca del Partito Democratico e membro della VIII Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera.
“Si tratta - prosegue Chiara Braga - di una straordinaria occasione per conoscere e ammirare la tanta bellezza di cui è ricchissima la nostra Italia e al tempo stesso di partecipare e condividere l'importante messaggio di tutela e valorizzazione che le Giornate di Primavera trasmettono ai nostri concittadini. Dopo aver recentemente approvato la legge delega di riforma del sistema di Protezione Civile di cui sono stata prima proponente e ieri il terzo decreto Terremoto di cui sono stata relatrice, norme entrambe legate anche alla salvaguardia del paesaggio e dei suoi beni artistici, mi auguro – conclude Chiara Braga - di poter festeggiare la prossima edizione delle Giornate di Primavera del FAI 2018 con l’approvazione delle legge contro il consumo di suolo, utile strumento a tutela del nostro prezioso paesaggio”. 

24/03/2017 - 13:44

Nove mesi di loro inattività e di NO alle nostre proposte

“Il gruppo PD del XV Municipio è stato molto attivo durante questi mesi di consiliatura. Sin dai primi giorni della nuova amministrazione si è posto su una linea di collaborazione con la maggioranza, ascoltando il territorio e producendo una gran mole di analisi e proposte. Purtroppo, il bilancio non è affatto positivo: nonostante i 44 documenti propositivi e le 26 interrogazioni che chiedono risposte concrete al presidente e alla giunta municipale su questioni ancora irrisolte, abbiamo sempre ricevuto solo dei "No". Il nodo è che il Movimento 5 stelle blocca l'attività amministrativa del municipio, quel poco che si è fatto è stato grazie al Pd, basta vedere i numeri! Mentre boicottano la nostra azione, non propongono nulla per il territorio. Insomma, un bilancio negativo, a tutto discapito dei cittadini,  del loro modo di stare al governo e di gestire i rapporti con l’opposizione: i nostri eletti in consiglio municipale non demorderanno dal continuare a pungolare una giunta inerte”.

Così Rosa Calipari, deputata e commissario del circolo Pd nel XV municipio della Capitale.

24/03/2017 - 12:56

La Deputata PD in occasione della celebrazione dei 60 anni dei Trattati di Roma

“La firma a Roma dei Trattati istitutivi della Comunità Europea nel 1957 diede avvio al più importante processo di stabilizzazione e di democratizzazione del nostro continente. A 60 anni di distanza l’Europa è diventata più prospera, più giusta, e soprattutto ha vissuto un inedito ininterrotto periodo di pace, che dura fino a oggi. Rispetto ad una crescente disaffezione verso l’Europa è importante non indietreggiare, lasciando spazio ai populismi. Bensì bisogna agire a velocità variabili, ma risoluti, sulla strada della sempre più stretta integrazione in temi che riguardano la nostra vita quotidiana di europei, come l’integrazione, la sicurezza, la difesa, il lavoro, i diritti. E’ questa la migliore risposta a chi spera in un’Europa debole, rinchiusa in sè stessa e non più faro della democrazia a livello mondiale”.
Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, in occasione della celebrazione nella capitale del 60° anniversario dei Trattati di Roma.

24/03/2017 - 12:52

“E’ stata fulminea l’approvazione in aula a Montecitorio dell’ordine del giorno che ho presentato sui precari della ricostruzione post sisma in Molise. In rappresentanza del Governo Gentiloni, è intervenuta la sottosegretaria per l'Economia e le finanze De Micheli che ha espresso parere favorevole”. Lo dichiara la deputata dem Laura Venittelli che spiega: “Governo e Parlamento hanno accolto la richiesta che ho presentato al fine di salvaguardare sia le professionalità che ora sono lasciate senza tutela, nonostante l’impegno profuso in passato e le competenze maturate sul campo, sia per agevolare e ulteriormente velocizzare l’iter della stessa ricostruzione, al cui termine ultimo mancano solo poco più di dieci mesi.  Con il voto di ieri, la Camera  impegna Palazzo Chigi a intervenire con misure immediate per garantire l’impiego dei lavoratori,  formati ed esperti, della Protezione civile del Molise nell’Agenzia regionale per la Ricostruzione,  in luogo di bandire nuove selezioni di personale”.

24/03/2017 - 12:21

“Serve egoismo e una buona dose di sfacciataggine nell’accusare una sola parte dell’Aula dell’accaduto di ieri sera a fine seduta. Chi infatti può pensare che davanti alle telecamere, allo streaming e alla diretta televisiva qualcuno potesse rifiutarsi di commemorare le vittime di Londra? Chi ha sbuffato, deve prendersi la responsabilità di un atto imperdonabile e superficiale. Ma chi pensa di montarci su una campagna contro la politica, chi come i grillini scarica la responsabilità su altri, è in assoluta malafede, perché il cordoglio per le vittime e la lotta al terrorismo non sono mai state in discussione e non dovrebbero essere strumentalizzate per qualche voto in più”.

Così la vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Alessia Morani.

24/03/2017 - 10:58

“Affrontare l’emergenza, aiutare la ricostruzione, risolvere il tema del personale, dare sostegno a enti locali, accelerare le procedure per la realizzazione delle opere di urbanizzazione per casette, le stalle e le scuole, riconoscere il danno indiretto alle attività turistiche e commerciali”. Così Emanuele Lodolini (PD), della commissione Finanze, traccia le linee guida del terzo Decreto Terremoto approvato in aula.
“L’obiettivo - spiega - è di contrastare il rischio di chiusura e di trasferimento delle attività economiche già insediate, con il pericoloso effetto abbandono, prevedendo misure per aumentare l’attrattività di questi territori per nuovi investimenti e nuove imprese. Nel testo si prevede la delocalizzazione temporanea delle attività economiche e produttive dai Comuni del cratere in altro Comune,  previo assenso fra i due Enti interessati.  Bene l'impegno del Governo per il prossimo provvedimento economico, ad aumentare le misure per lo sviluppo, per l’ occupazione e a intervenire su Zone franche urbane e detassazione.
Inoltre, si rafforzano le istituzioni riportando le competenze a curare la pianificazione urbanistica in capo ai Comuni colpiti dal terremoto. Si destinano nuove risorse umane per la Protezione civile, gli Enti Locali e i due Parchi Nazionali coinvolti, ed è stato finanziato un piano di verifica di vulnerabilità sismica e di interventi per la messa in sicurezza delle scuole su tutto il territorio nazionale. Aumentato anche il finanziamento per il piano di microzonazione sismica nelle zone a maggiore rischio, potenziato le politiche di prevenzione e tutela del territorio con il Dipartimento "Casa Italia". Tra le novità più rilevanti una norma che destina per i prossimi 10 anni la quota statale dell'8 per mille ai beni culturali, al recupero e alla ricostruzione e restauro dei beni artistici e culturali nei territori colpiti dal sisma (piedi 1.000 Chiese distrutte e danneggiate)
L'impegno del Parlamento in termini economici è molto rilevante. Con il 3' decreto-legge sono state aggiunte 53 milioni di risorse ulteriori ma, con il primo decreto, tra minori entrate, cioè tasse che non vengono pagate e maggiori spese sono stati previsti 922 milioni di euro; con la legge di bilancio per il 2017 abbiamo messo 7 miliardi e 100 milioni di euro; con il decreto-legge n. 244 del 2016 abbiamo messo altri 32 milioni di euro; con cinque delibere del Consiglio dei ministri abbiamo messo altri 230 milioni di euro.