28/07/2017 - 19:58

“Solidarietà al giornalista della Rai Carlo Paris e alla sua troupe per le ferite riportate oggi mentre documentavano gli scontri in atto nelle strade di Gerusalemme”. Lo dichiara Vinicio Peluffo, capogruppo Pd in Commissione Vigilanza Rai.”

“L’episodio dà la misura della passione e della professionalità che caratterizzano il lavoro di Paris e dei suoi colleghi, svolto con coscienza tale da non tirarsi indietro nemmeno quanto la situazione può comportare dei gravi rischi. Auguriamo che possano rimettersi al più presto e tornare a informarci su quel che accade a Gerusalemme”, conclude.

28/07/2017 - 19:43

“A essere sempre più preoccupati sono i cittadini romani per la manifesta incapacità della sindaca Raggi”. Lo dichiara Stella Bianchi, deputata del Partito democratico, per commentare le dichiarazioni della sindaca Virginia Raggi sull’emergenza idrica a Roma.

“La Raggi – continua - è capace solo di ripetere che il governo deve trovare una soluzione a qualunque problema di Roma. Nel caso specifico, alla possibilità che i romani si ritrovino senz'acqua visto che Acea, controllata dal comune di Roma, ha continuato a prelevarla dal lago di Bracciano nonostante l'emergenza causata dalla siccità. Dallo scorso novembre la Raggi sapeva della criticità del lago di Bracciano e non ha ritenuto di fare nulla”.

“E anche ora non c'è neppure il tentativo da parte sua di gestire la situazione o almeno dare informazioni ai romani. La manifesta incapacità della Raggi produce danni evidenti alla città”, conclude.

28/07/2017 - 19:41

“Esprimo la mia solidarietà ai tre parlamentari del Pd aggrediti dai no-vax”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico, per commentare l’aggressione tre colleghi del Partito democratico, avvenuta oggi davanti a Montecitorio, da parte di alcuni manifestanti No-Vax.

“Certi episodi di violenza sono inqualificabili. Sono figli del clima che scientemente è stato costruito attorno a un provvedimento di assoluto buon senso e di responsabilità per la salute pubblica. Per questo, anche in vista della prossima campagna elettorale, chi ha ruoli di responsabilità pubblica deve abbassare i toni e riportare il dibattito lungo i binari della civiltà e della normale dialettica democratica, pur nella diversità, anche radicale, delle posizioni”, conclude.

28/07/2017 - 19:40

“La collega Castelli, che è di Torino, dimostra di conoscere poco Roma e la sua complessità”. Lo dichiara Marco Miccoli, deputato del Partito democratico, in risposta alle parole di Laura Castelli sull’emergenza idrica a Roma.

“La voglio informare – continua - che a Roma, nell’era della Raggi e della sua giunta grillina, non viviamo solo la crisi idrica ma anche l’emergenza rifiuti, il teatrico dell’Atac e del trasporto pubblico e la più completa disorganizzazione della macchina amministrativa. Cercare di addossare la responsabilità a Regione e governo del totale disastro che loro stanno compiendo a Roma è paradossale”.

“Purtroppo a pagarne il prezzo di questa inconcludente amministrazione fatta di dilettanti allo sbaraglio saranno i romani. Il soccorso strumentale della Castelli contribuirà solo ad aumentare la loro rabbia e la loro preoccupazione”, conclude.

28/07/2017 - 17:55

"In sede di approvazione del decreto vaccini, il Governo ha accolto alcuni ordini del giorno del Pd che lo impegnano a sgravare le scuole dal complesso carico di adempimenti  connessi alla necessità di gestire  il cartaceo delle certificazioni vaccinali  o le certificazioni sostitutive  di tutti gli alunni". Lo dichiarano Mara Carocci, Grazia Rocchi e Camilla Sgambato, deputate del Partito democratico e componente della Commissione Cultura della Camera.
"Siamo convinte - continuano - che il Governo metterà in campo tutte le misure necessarie, disponendo l’immissione in ruolo di personale amministrativo su tutti i posti  degli organici risultanti vacanti e disponibili,
e intervenendo per facilitare l’accesso e l’utilizzo  di tecnologie digitali finalizzate allo snellimento  e sfoltimento delle incombenze amministrative che dal prossimo anno scolastico graveranno sulle istituzioni scolastiche".

"L'obbligatorietà dei vaccini a scuola è giusta e consentirà di tutelare la salute dei più giovani ma le scuole non potranno essere lasciate da sole nella gestione di procedure così complesse", concludono.

28/07/2017 - 17:42

"Vile e barbara aggressione a tre deputati, oggetto di violenza da parti di alcuni manifestanti anti vaccini.  Nulla può giustificare atti di questo tipo, dal sapore squadrista e fascista. Solidarietà a Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone. Chi, come il Movimento 5 stelle, ogni giorno fomenta l'odio verso chi ha posizioni differenti, dovrebbe riflettere e farsi qualche esame di coscienza". Lo afferma Marco Di Maio, deputato e componente dell'ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera.

28/07/2017 - 17:41

“L’Italia non si sottrae alle proprie responsabilità. Bene la risposta equilibrata del governo alla richiesta di aiuto operativo da parte del governo libico”. Lo dichiara Lia Quartapelle, capogruppo Pd in Commissione Esteri alla Camera, per commentare l’approvazione da parte dei Consiglio dei ministri di una delibera che estende la missione Mare Sicuro al supporto operativo e logistico alla guardia costiera libica.
“Con la decisione di estendere e rendere più efficace l’operazione Mare sicuro, l’Italia si conferma in prima linea al contrasto ai trafficanti di persone e all’immigrazione illegale. Lavoreremo affinché il Parlamento autorizzi con la maggioranza più ampia possibile l’estensione della missione navale, confermando così  l’impegno complessivo del nostro Paese a rendere più sicuro il Mar Mediterraneo”, conclude.

28/07/2017 - 16:15

“Trovo assurdo che una misura che riguarda la tutela della salute pubblica sia stata trasformata in un dibattito sulla validità della scienza.  Oggi finalmente si garantisce il diritto alla salute, di chi il vaccino lo fa e di chi vorrebbe farlo ma non può e anche, è bene sottolinearlo, di chi pure non si vuole vaccinare". Così l’on. Sara Moretto deputata del Pd commenta l’approvazione questa mattina alla Camera del decreto vaccini.

“Si dovrebbe parlare dei vaccini - prosegue Moretto - come di un problema solo nel caso in cui milioni di persone non avessero diritto di accedervi o se ancora si morisse di malattie invece curabili. E mi rattrista constatare che alcuni, come il governatore del Veneto, strumentalizzino un tema tanto delicato, ostinandosi a parlare di una forma di 'coercizione'. Vorrei ricordare al Presidente Zaia e a chi la pensa come lui che il diritto alla salute, che le istituzioni tutte devono garantire e la Regione in primis, passa anche per i vaccini".

28/07/2017 - 16:14

"Quanto accaduto questa mattina davanti alla Camera è inaccettabile e allarmante. Tutta la mia solidarietà ai colleghi ed amici Mariano, Vico e Capone vittime di un aggressione che non esito a definire fascista da parte dei manifestanti novax". Così il responsabile sanità del Pd, Federico Gelli, commenta l'aggressione a danno dei tre deputati PD avvenuta questa mattina davanti a Montecitorio dopo l'approvazione definitiva del decreto vaccini.
“L’aggressione di questa mattina era purtroppo nell’aria. Questo è il frutto di una campagna di veleni e menzogne portata avanti sistematicamente da settimane da parte di chi, per proprio tornaconto elettorale, ha cavalcato il peggiore populismo mettendo a rischio la salute dei cittadini ed alimentando un clima d’odio contro il Governo. Negli ultimi giorni abbiamo assistito a ‘liste di proscrizione’ per i senatori che hanno votato a favore del decreto, mail di minacce ai deputati, ed ora questo. Senza contare chi, tra i banchi del Parlamento così come sui social, ha parlato in maniera vergognosa di ‘sperimentazioni sui bambini’, o di ‘nazismo’ da parte delle Istituzioni scientifiche e parlamentari”, ha proseguito Gelli.
“Ieri, durante le dichiarazioni di voto, una parlamentare del M5S è arrivata addirittura a paragonare i bambini non vaccinati agli ebrei perseguitati dimostrando così tutta la sua ignoranza e la totale mancanza di rispetto verso le reali sofferenze del popolo ebraico. Tutto questo è inaccettabile. E’ ormai evidente la totale incapacità da parte di alcune forze politiche di saper mantenere quel clima di responsabilità e rispetto che dovrebbe essere alla base delle Istituzioni che sono chiamate a rappresentare”, conclude Gelli.

28/07/2017 - 15:31

"Oggi abbiamo la necessità a livello nazionale e sui territori di un partito forte, coeso, capace di interpretare le esigenze dei cittadini e che al contempo non si disperda in un dibattito autoreferenziale, sui propri temi ed equilibri interni, incomprensibile ai più.
Anche a livello locale è momento di una responsabilità condivisa, che ci deve vedere impegnati tutti a parlare di contenuti per Bologna metropolitana, di proposte ed idee da mettere in campo.
Partiamo dallo sforzo del lavoro di questi anni, confrontiamoci con idee e contributi che in questa fase sono importanti, ma con la consapevolezza che il congresso, soprattutto in questa fase, ci consegna una responsabilità importante, quella di tenere unita una comunità preziosa come quella del partito democratico.
Per questo il confronto fra il Sindaco metropolitano Virginio Merola e il segretario della federazione Francesco Critelli è un elemento positivo sia per il presente sia per la stagione congressuale che sta per aprirsi.
Nel rispetto reciproco, nell'autonomia dei ruoli, nel sostegno alla nostra amministrazione comunale e metropolitana  vi è il motore per continuare anche a Bologna e sui territori quel lavoro di rafforzamento del partito democratico ora più che mai necessario anche in quadro nazionale". Lo dichiarano i deputati del Pd, Gianluca Benamati e Andrea De Maria.

28/07/2017 - 15:03

“L'aggressione violenta ai tre deputati del PD Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone, da parte dei manifestanti invasati ‘No-Vax’ è un fatto gravissimo”. Lo dichiara Matteo Mauri, vice-capogruppo vicario del gruppo Pd alla Camera.

“Se non fosse intervenuta la polizia – continua - le conseguenze avrebbero potuto essere ben più serie. Gesti di questo tipo dimostrano ancora una volta il clima di pericolosa intolleranza alimentato da troppi da ormai troppo tempo. Chi la sottovaluta non capisce la gravità della situazione. Le forze politiche e sociali che non la denunciano con forza sono irresponsabili conniventi. Chi la alimenta per trarne qualche beneficio è da considerarsi un delinquente, fuori e dentro le Aule delle Istituzioni. Aspettiamo perciò con impazienza le dichiarazioni di condanna da parte del M5S. La delegittimazione della democrazia passa anche dalla demonizzazione dei suoi eletti. È sempre stato così. Spero che la polizia identifichi gli aggressori anche perché sarebbe interessante capire le loro "biografie". Potremmo avere delle sorprese.

“Intanto vorrei abbracciare idealmente Elisa, Ludovico e Salvatore che, oltre che colleghi, sono miei amici. Conoscendoli so che non arretreranno di un millimetro. Così come faremo tutti noi. Anzi...”, conclude.

28/07/2017 - 15:00

“Un gruppo di veri e propri squadristi ha aggredito poco fa tre deputati del Partito Democratico, appena usciti dall’Aula di Montecitorio dopo aver approvato le nuove norme sull’obbligo di vaccinazione. Noi rivendichiamo con orgoglio questa legge che guarda con senso di responsabilità alla salvaguardia della salute pubblica di tutta la nostra comunità.
Lo dichiara Emanuele Fiano, deputato del Partito Democratico e responsabile sicurezza del PD – chi pretende di difendere la libertà di scelta usando la violenza come strumento di intimidazione ci troverà sempre dall’altra parte. Chi in Parlamento, come il Movimento 5 stelle, pretende di difendere la libertà personale impedendo la libertà di salute per tutti – sottolinea il deputato Dem – fomenta le illusioni antiscientifiche che hanno portato alla violenza di oggi di alcuni manifestanti No-Vax!.

“Esprimiamo piena solidarietà ai nostri  tre colleghi e – conclude Fiano – ci auguriamo che Questura di Roma e Procura della Repubblica consegnino presto alla giustizia gli autori di queste violenze.

28/07/2017 - 14:56

"Sulla salute non si può improvvisare né tentennare, soprattutto se riguarda i più piccoli, i bambini. In una stagione fatta di incertezze e di fronte al dilagarsi di un sentimento antiscientifico, noi continuiamo ad affidarci al rigore della scienza e al progresso della medicina. Ci fosse anche un solo dubbio sulla necessità e sicurezza delle vaccinazioni non avremmo approvato questo decreto che ne rende obbligatorie 6 in più. Una misura indispensabile perché i vaccini tutelano la salute non solo dei singoli bambini ma di tutta la comunità.

Sono 318 i milioni spesi per i vaccini, 29 i miliardi di spesa farmaceutica. Questo dimostra che i vaccini non sono un business, sono prevenzione, diminuiscono la spesa farmaceutica e non la aumentano. Una riflessione per chi ascolta le sirene che raccontano di speculazioni. Non c'è speculazione, c'è preoccupazione per la salute della nostra comunità. 200 anni fa iniziarono le vaccinazioni contro il vaiolo,oggi non lo facciamo più, la malattia è debellata. Tra qualche anno contiamo di sconfiggere definitivamente, grazie alle campagne di vaccinazioni, rosolia, morbillo, malattie per cui in questo paese ancora si muore per ignoranza".

Lo scrive su Fb Ettore Rosato, presidente deputati Pd

28/07/2017 - 14:45

“Con il decreto che oggi approviamo la salute pubblica viene tutelata grazie al maggior numero di persone che verranno vaccinate e che, per questo, garantiranno coloro che non possono farlo perché troppo piccoli; l’immunità di gregge è molto importante. Ora è in atto una epidemia di morbillo che ha fatto tre morti, c’è chi dice che l’epidemia non ci sia; per noi tre bambini morti sono troppi. La questione dei vaccini è una questione di salute pubblica che non riguarda solo i propri figli; la scelta di vaccinare è una scelta individuale che ha ripercussioni sulla salute di tutti. Prevenire le epidemie è meglio che combatterle”. Lo ha detto Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali durante la dichiarazione di voto sul decreto vaccini.

“Sul tema dei vaccini - ha proseguito Lenzi - c’è una discussione anche in Europa e in altri Paesi extra europei, le informazioni buone o cattive ormai sono in rete. Noi abbiamo sottoscritto il piano europeo per le vaccinazioni, obiettivo sconfiggere la polio, il morbillo, la rosolia. Come è stato per il vaiolo nel 1979 possiamo eradicare queste malattie e vaccinare di più. Questo è il nostro obiettivo”.

28/07/2017 - 14:31

“La politica sui temi dell’innovazione deve riappropriarsi del suo ruolo e non lasciare le agenzie o altre istituzioni nella posizione di dover scrivere regole attuative di leggi non adeguate. Sulla cosiddetta ‘Airbnb Tax’ dobbiamo ripartire dal metodo, coinvolgendo maggiormente gli operatori”. Lo dichiara Sergio Boccadutri, deputato e responsabile Innovazione del Pd, al termine dell’incontro, svoltosi questa mattina presso la sede del Partito Democratico, con i rappresentanti dei principali portali online, AirBnB, Booking, HomeAway.
“In discussione non è – spiega -  la possibilità di utilizzare anche le nuove tecnologie per combattere l’evasione fiscale presente in maniera diffusa - come in molti altri settori della nostra economia - anche nella locazione delle case. La volontà è lavorare già in vista della prossima legge di Bilancio per rivedere la norma, preservandone gli obiettivi di gettito, al fine di rendere possibili soluzioni diverse per differenti modelli di business. Insomma un fisco più amico che differenzi senza discriminare. L’arrivo di Ernesto Ruffini all’Agenzia delle Entrate può dare ulteriore stimolo verso la semplificazione del fisco e la comprensione che la tecnologia è un alleato nella lotta all’evasione. È necessario quindi incentivare l’utilizzo di metodi tracciabili, online o con agenti immobiliari, di quella fetta di mercato che sceglie di nascondersi anche attraverso strumenti privi di alcuna tracciabilità. Gli operatori presenti alla riunione hanno ribadito, come già avvenuto in altre occasioni, la loro volontà di collaborare con le istituzioni, purché questo avvenga nel rispetto delle normative europee applicabili ai servizi online e in un contesto privo di contrarietà pregiudiziali verso le piattaforme elettroniche”.
“Il rischio è di creare discriminazioni profonde nel mercato, sia tra online che offline che tra gli stessi operatori del digitale. Come legislatore dobbiamo assicurare la trasparenza e la lotta all’evasione, ma questo non può avvenire a discapito della concorrenza che genera occasioni di crescita economica per tutto il Paese”, conclude.