06/11/2019 - 16:48

“Abbiamo chiesto al ministro per la Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone quali iniziative intenda adottare per modificare le novità introdotte dal decreto legge 101/2019 e dalla legge 145/2018, volute dall’ex ministro Giulia Buongiorno, che hanno introdotto significative limitazioni e rigidità nell’utilizzo delle graduatorie dei concorsi pubblici. Non è pensabile che ogni volta che un sindaco si trovi di fronte a un’esigenza di organico debba fare un concorso pubblico, con un evidente spreco di tempo e denaro. Dobbiamo semplificare l’accesso alla Pubblica Amministrazione affinché diventi uno strumento utile al servizio dei cittadini”.

Lo ha dichiarato Marianna Madia, deputata del Partito democratico, intervenendo in Aula per il Question Time.

Nella replica, Piero De Luca, deputato dem, dichiarandosi parzialmente soddisfatto della risposta del ministro, ha ribadito che “queste sono norme profondamente sbagliate. Chiederemo che vengano modificate già nel decreto fiscale. Serve un elenco di idonei che i sindaci possano utilizzare per esigenze impreviste o programmate. È paradossale credere di poter fare ogni volta un concorso pubblico, dobbiamo fornire agli amministratori locali strumenti efficaci e subito utilizzabili; ai giovani che vogliono entrare nella Pubblica Amministrazione un percorso chiaro e coerente; alla Pubblica Amministrazione la possibilità di un ricambio generazionale e di poter contare sulle migliori intelligenze. Ci auguriamo – ha concluso l’esponente dem – che in Parlamento si formi un’ampia maggioranza favorevole a queste modifiche”.

29/10/2019 - 10:39

Domani, mercoledì 30 ottobre, ore 14.30, Sala Stampa di Montecitorio - Partecipano: Graziano Delrio, Piero De Luca, Stefano Ceccanti, Marianna Madia

Verrà presentata domani, alle ore 14.30, nella Sala Stampa della Camera, la proposta di legge che intende modificare il comma 361, dell’articolo 1, della Legge di Bilancio 2019, ripristinando il precedente regime sulla durata delle graduatorie dei concorsi delle Pubbliche Amministrazioni.

Alla conferenza stampa partecipano: Graziano Delrio, presidente del Gruppo Pd; Piero De Luca, primo firmatario della Pdl; Stefano Ceccanti, capogruppo dem in commissione Affari costituzionali; Marianna Madia, deputata ed ex ministra per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione.

L’obiettivo della proposta di legge è prevedere che le graduatorie dei concorsi siano utilizzabili non solo per la copertura dei posti messi immediatamente a concorso, ma anche di quelli che si rendano disponibili, entro i limiti dei 2 o 3 anni successivi, in virtù delle previsioni del Piano Triennale del Fabbisogno di Personale che ciascuna Amministrazione è tenuta a predisporre.

30/09/2019 - 12:54

“Il caso della brigatista Saraceni che attualmente può percepire il reddito di cittadinanza, rende chiaro che la norma è sbagliata e su questo punto bisogna intervenire. Ho presentato una interrogazione sul caso”.

 

Così la deputata dem, Marianna Madia, sul suo profilo Twitter.

05/09/2019 - 17:38

“Buon lavoro al ministro Dadone. Spero che ora il lavoro pubblico torni all’attenzione del Governo. ‪Ci sono temi completamente trascurati: assunzione dei precari che hanno diritto, sblocco assunzioni, rinnovo del contratto. Si riparta da accordo del 30 novembre 2016”. Lo scrive su Twitter Marianna Madia, deputata del Partito democratico.

24/07/2019 - 18:44

“Non ho avuto informazioni da Salvini dice Conte che conferma che Savoini senza incarichi partecipava a missioni governative. A che titolo ha viaggiato con Governo? E chi ha pagato il viaggio? Visto che non si informa il Parlamento come cittadini lo chiediamo con il Foia”. Così su twitter la democratica Marianna Madia che annuncia la presentazione di un Foia, il Freedom of Information Act che è lo strumento per ottenere l'accesso civico generalizzato ai dati e ai documenti posseduti dalle Pubbliche Amministrazioni.

16/07/2019 - 19:30

Post su Fb della deputata Pd Marianna Madia

La vicenda di ieri di Cardinal Capranica a Primavalle pone diverse questioni: dalla gestione dell’emergenza abitativa a quella dell’ordine pubblico. Avremo modo di affrontare politicamente anche queste. Oggi però c’è una urgenza immediata che riguarda la destinazione dei minori e dei bambini coinvolti nello sgombero. Ad oggi nessuno ha notizia di dove e come siano stati sistemati. Nemmeno il Parroco che li seguiva ha informazioni.
Siccome credo sia interesse di tutti avere garanzie sul fatto che ai bambini sia assicurata la massima cura e attenzione, sto cercando la Sindaca Raggi per avere informazioni.
Al di là di ogni polemica politica credo sia giusto che i parlamentari facciano il proprio dovere anche di vigilanza sulla tutela dei diritti delle persone.
Per questo vorrei poter sapere con certezza che sia davvero tutto ok, verificando personalmente.
Questa vicenda riguarda la mia città e il modo in cui le istituzioni affrontano le questioni sociali che ci riguardano tutti. Voglio seguirla e tenere informato chi come me ne è interessato.

15/07/2019 - 14:18

“Incontro di Salvini con le parti sociali è surreale: dal #Viminale commissaria il Governo con la regia di Siri appena dimesso dal Governo stesso. ‪Invece di riferire in Parlamento su #Savoini. ‪Invece di essere a #Primavalle a fare il suo lavoro anche a tutela di famiglie e bimbi”.

Lo scrive su twitter la deputata Pd, Marianna Madia.

10/05/2019 - 16:09

“Relazione commissario fa crollare ultime bugie”

“Oggi in audizione presso la commissione Bilancio della Camera sono crollate le ultime bugie sulla storia del debito di Roma capitale. La relazione del Commissario straordinario per il debito di Roma Capitale, Alessandro Beltrami, ha, nei fatti, chiarito che il debito fu gonfiato per consentire all’allora Sindaco Alemanno di allargare la spesa corrente e produrre di fatto ulteriore debito. È quello che sosteniamo da anni.  Fu un regalo del governo di allora ad Alemanno, un governo nel quale c’era la Lega Nord. La gestione commissariale di Varazzani, nominato dal governo Berlusconi-Bossi, fece ulteriori danni pagando debiti con ulteriori debiti. Adesso, questo governo, dominato dalla Lega propone un ‘frega Roma’ con una norma che scarica di nuovo sui cittadini romani i disastri decennali della desta romana e nazionale e della Lega. Il Movimento Cinque Stelle non ha saputo difendere la norma inizialmente proposta che consentiva di chiudere la gestione commissariale e ricontrattare il debito opportunamente ricalcolato. Una norma già ideata dal centrosinistra. Il Pd la riproporrà con un emendamento che punta anche ad un drastico abbattimento delle tasse e dei costi per interessi che oggi, più che in tutte le altre città, gravano su imprese e famiglie romane”.

Lo affermano in una nota i deputati democratici eletti a Roma: Roberto Morassut, Michele Anzaldi, Micaela Campana, Paolo Gentiloni, Marianna Madia, Luciano Nobili, Matteo Orfini, Flavia Piccoli Nardelli, Patrizia Prestipino.

08/05/2019 - 15:06

“C’è una deriva pericolosa in questo Paese. Il ministro Salvini è responsabile di questo clima e le forze sane del Paese devono dare un segnale di reazione culturale immediato. Massima solidarietà al Sindaco Raggi #Casalbruciato”. Lo scrive su Twitter la deputata del Pd Marianna Madia, commentando i pesanti insulti  urlati da estremisti di destra e da alcuni residenti di Casal Bruciato alla Raggi, che oggi ha visitato il quartiere per incontrare la famiglia Rom assegnataria di un alloggio popolare.

19/03/2019 - 13:41

“Quando il ministro dell’Ambiente Costa dice che la raccolta differenziata a Roma è ‘partita con la sindaca Raggi, perché prima su questo tema c’era lo zero assoluto’, le alternative sono due: o il ministro non conosce i dati e non ha neanche letto i rapporti dell’Ispra che dovrebbe conoscere, visto che è l’ente di ricerca vigilato dal suo ministero, oppure è un bugiardo. Nel 2016, secondo l’Ispra, il cosiddetto ‘porta a porta’ nella Capitale raggiunge un romano su tre e, secondo i dati dell’Ama, sempre nel 2016, anno in cui solo a giugno si insedia la sindaca Raggi, la raccolta differenziata tocca quota 43%. La verità è che Roma è ormai paralizzata e questa Giunta M5s non ha né un’idea, né un progetto per il futuro della città”.

Così la deputata Dem, Marianna Madia.

13/03/2019 - 14:59

"La Capitale d’Italia è una città bloccata. Ormai è cronaca quotidiana l’incapacità del M5s di amministrare Roma. L’ultima notizia è che con l’uscita della consigliera Francesca Sappia il Movimento 5 stelle perde la maggioranza in un altro municipio. E siamo al terzo. La loro esperienza a Roma si conferma un fallimento sotto tutti i punti di vista. Dalla sindaca ai municipi".

Lo afferma Marianna Madia, deputata del Pd.

04/02/2019 - 13:42

“Sono tra i primi a sostenere l’esigenza di una misura di protezione sociale universale per tutti i cittadini europei. Ma deve andare a chi è povero. Non a tutti. E servono alleanze, non insulti quotidiani a questo o quell’altro Stato europeo”. Lo scrive su Twitter Marianna Madia, deputata del Pd, rispondendo al post di Grillo sul reddito universale europeo.

25/01/2019 - 15:59

“Quanti erano esattamente gli ospiti del Cara di Castelnuovo di Porto al momento dell’inizio delle operazioni di sgombero? Quale l’esatta destinazione e lo status giuridico riconosciuto a ciascuno di loro e dove andranno coloro che non potranno rinnovare il permesso di soggiorno per motivi umanitari, in applicazione della nuova normativa?”. Lo chiede la deputata del Pd Marianna Madia in un’interrogazione al ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“A tre giorni dalle operazioni di sgombero – prosegue la deputata del Pd- c’è ancora assoluta incertezza sui numeri e sulla destinazione di soggetti vulnerabili, tra cui numerosi bambini che frequentavano la scuola ed erano integrati nel tessuto sociale. Non si sa dove andranno a finire anche in relazione allo status giuridico: accanto ai richiedenti protezione internazionale ci sarebbero, infatti, diversi titolari di permesso di soggiorno umanitario che si troverebbero ora con il rischio concreto di finire per strada. La vicenda di Castelnuovo ha nuovamente portato alla ribalta come disumanità e ideologia, lungi dal contribuire alla gestione e risoluzione dei problemi che affliggono chi fugge da guerre e torture, fame o povertà , rischiano solo di mortificare e gettare nella disperazione persone già profondamente ferite e che stavano finalmente cercando di ricostruirsi una vita come, nel caso di Mouna, la giovane Somala ospitata provvisoriamente dal sindaco, che dopo la licenza di scuola media e l’iscrizione alle scuole superiori serali, rischia ora di restare priva di ogni forma di protezione e alloggio”.

24/01/2019 - 16:30

Ieri sono stata a Castelnuovo di Porto insieme ad altri colleghi parlamentari, perché le notizie che arrivavano erano allarmanti. Ho conosciuto il personale del Cara, veri professionisti che fanno il proprio mestiere con passione e che perderanno il lavoro. Il centro di accoglienza è tenuto molto bene, ma sono convinta che come sosteniamo da tempo sia giusto dire che il Cara sia un modello da superare, perché non è la risposta adatta per assicurare una vera integrazione. A distanza di 48 ore il governo non ha ancora fornito alcuna risposta sulla chiusura del centro di accoglienza. Perché è stata gestita come fosse uno sgombero, un'operazione di polizia, mentre dovrebbe essere un ordinario trasferimento di persone? Perché il sindaco non è stato avvisato come si trattasse di un blitz? E più di tutto, perché a queste persone non è stato spiegato cosa stesse accadendo, il loro status attuale e la loro destinazione? L’unica vera ragione è che Salvini cerca lo scontro sociale. Noi faremo il nostro dovere fino in fondo. Contrasteremo questo clima che sta creando, insieme a milioni di cittadini che non vogliono che questo Paese diventi una polveriera di tensioni sociali. Questo Paese ha reagito a periodi peggiori. Passerà anche Salvini. Non vincerà lui.

Lo afferma la deputata del Pd Marianna Madia.

09/01/2019 - 11:47

“La ministra della Pubblica amministrazione si è resa conto che il divieto di assunzione fino al prossimo 15 novembre per Presidenza del Consiglio, ministeri, enti pubblici non economici e agenzie fiscali, contenuto nella Legge di Bilancio, arreca un gravissimo danno a migliaia di precari storici che, grazie alla riforma della scorsa legislatura, avevano acquisito il diritto di essere assunti immediatamente? Giulia Bongiorno è a conoscenza che questa decisione pregiudica il futuro anche dei tanti giovani che hanno vinto un concorso pubblico ed erano in graduatoria pronti a essere assunti a tempo indeterminato? Il governo ha preso atto che lo stato di incertezza riguarda anche i giovani ricercatori precari del Cnr che hanno recentemente sostenuto e vinto il concorso e che si trovano in attesa della chiamata per il piano di assunzione?”.

Sono le domande alle quali intende dare una risposta l’interrogazione alla ministra della Pubblica amministrazione presentata dai deputati Dem Marianna Madia e Luca Rizzo Nervo.

“Il governo - spiegano Madia e Rizzo Nervo - si è fin qui distinto per le tante contraddizioni che hanno caratterizzato il suo operato rispetto alle enunciazioni della scorsa campagna elettorale. Emblematico è l’atteggiamento nei confronti del personale della Pa e, più in particolare, del ricambio generazionale e dello sblocco totale del turn over, che i governi a guida Pd hanno avviato e strutturato, prevedendo, tra l’altro, la assunzione di 50 mila dipendenti precari. Quali iniziative intende ora adottare Giulia Bongiorno - chiedono i due deputati Dem - per attenuare gli effetti più deleteri delle disposizioni legislative contenute in Legge di Bilancio?”.

Pagine