15/04/2020 - 14:43

"Per salvare l'estate al mare occorre intervenire subito. In primo luogo va permesso agli addetti di allestire gli stabilimenti balneari con misure di distanziamento necessarie per contenere il contagio e vanno introdotte norme specifiche per contenere i prezzi; evitando quindi che la riduzione degli ombrelloni nelle spiagge possa far aumentare le spese per i clienti".

È quanto dichiara Martina Nardi, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive e turismo di Montecitorio.

"La stagione balneare non è totalmente compromessa ma è necessario intervenire fin da oggi per poter garantire l'apertura degli stabilimenti in tutta sicurezza. Le barriere in plexiglas non si adattano ai litorali di molte coste italiane dove la soluzione migliore sarà la riduzione degli ombrelloni. Per incentivare i cittadini sarà però opportuno mantenere i prezzi dello scorso anno e quindi prevedere misure compensative per gli stabilimenti. Saranno inoltre fondamentali controlli accurati e continui da parte delle autorità preposte per assicurare che le distanza di sicurezza vengano rispettate": conclude Martina Nardi.

14/04/2020 - 18:34

"E' necessario predisporre interventi mirati per cercare di salvaguardare la stagione balneare: la parola d'ordine deve essere però distanziamento e non contenimento. Le barriere in plexiglas proposte in alcuni stabilimenti sono infatti utili, ad esempio, nelle vaste spiagge della riviera romagnola ma difficilmente praticabili in altre realtà dove il litorale è meno ampio. Andranno quindi previsti modelli di gestione efficaci. Penso, ad esempio, alla riduzione del numero degli ombrelloni e a servizi di ristorazione direttamente in spiaggia, per evitare assembramenti nei bar e nei chioschi": è quanto dichiara Martina Nardi, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive di Montecitorio.

08/04/2020 - 13:13

"Accertare le cause del cedimento del ponte ed avviare una rapida ricostruzione dell'infrastruttura": è quanto dichiara Martina Nardi, deputata Pd, che questa mattina si è recata, con il sindaco di Aulla Roberto Valettini sul luogo del crollo.

"La provincia di Massa Carrara ha comunicato che il ponte era stato controllato pochi mesi fa. Ma la struttura è completamente ed improvvisamente franata su se stessa e soltanto per caso non ha causato una strage. Va aperta una indagine seria ed accurata su quanto accaduto e sui controlli fatti fino ad oggi e procedere ad una rapida ed efficiente ricostruzione": conclude Martina Nardi.

02/04/2020 - 13:05

"Per rimettere in moto l'economia e l'occupazione, una volta terminata l'emergenza, andranno individuati strumenti adeguati per sostenere le imprese: mi riferisco ad un vero e proprio 'lavoro minimo garantito' dallo Stato": è quanto dichiara Martina Nardi, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive di Montecitorio, facendo riferimento ad una sua proposta di legge depositata alla Camera.
Mi riferisco ad un provvedimento che preveda. in sintesi, la possibilità da parte di cittadini
in cerca di occupazione di stipulare, tramite l’attività di coordinamento dei centri per l’impiego, contratti temporanei di lavoro per un massimo di 36 ore settimanali con le piccole e medie imprese del territorio e le cui retribuzioni saranno a carico della finanza pubblica. Soprattutto per quelle persone, di una fascia media di età, troppo giovani per pensare alla pensione ma troppo vecchi per le dinamiche attuali del mondo del lavoro. In questo modo sarà possibile erogare un sostegno economico in cambio di una prestazione lavorativa, permettendo ai cittadini di costruire o consolidare un percorso formativo e professionale e alle aziende di affrontare con minori spese la difficile congiuntura e programmare un rilancio produttivo": conclude Martina Nardi.

01/04/2020 - 12:22

"Incentivi fiscali per chi trascorrerà le vacanze nelle località turistiche italiane. È innegabile che il comparto turistico sarà tra quelli maggiormente colpiti dall'emergenza sanitaria anche nel medio e lungo periodo. Per questo motivo proporrò di introdurre nel prossimo decreto ed almeno per due anni fiscali la detraibilità delle spese sostenute dagli italiani, per un massimo di 1000 euro, che sceglieranno il nostro paese per trascorrere le vacanze". Così Martina Nardi, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive e turismo, raccogliendo alcune idee lanciate nelle scorse settimane da operatori del settore e amministratori locali.

18/03/2020 - 12:07

"Ancora una volta esponenti della Lega si prestano ad iniziative di sciacallaggio mediatico, anche in questi momenti di preoccupazione per molte famiglie e di lavoro senza sosta di medici , infermieri e personale sanitario. Spalleggiati da conduttori televisivi che cercano soltanto audience sul dolore e sulle angosce degli italiani.” Lo dice in una nota Martina Nardi, deputata Pd, in riferimento alla presunta inchiesta relativa al vecchio ospedale di Massa, andato in onda ieri, martedì 17 marzo, nel corso della trasmissione ‘Fuori dal coro’.

"Il nuovo plesso ospedaliero di Massa e Carrara (Noa) a differenza di quanto detto in tv  - sottolinea la deputata dem - è funzionale e all’avanguardia e ha sostituito strutture vetuste e non funzionali per operatori e utenti.  Al tempo stesso, dal momento che i precedenti ospedali territoriali non sono stati ceduti o dismessi, è ora possibile una loro eventuale riapertura in questo momento di emergenza, così come disposto dal decreto Salva Italia".

16/03/2020 - 15:54

"Fontana e Zaia prendano una posizione chiara sull'iniziativa dei loro compagni di partito Ceccardi e Centinaio che, senza alcuna autorizzazione e contro le norme vigenti, stanno attraversando l'Italia e l'Europa su un autobus per riportare turisti italiani che avrebbero potuto tornare, come molti altri hanno già fatto, in aereo". Lo dichiara Martina Nardi, deputato Pd.

"Possibile che i due governatori della Lega, da settimana in prima fila contro la pandemia e sempre pronti a criticare le scelte del governo, non dicano niente sulla follia dei loro colleghi della Lega?", conclude Martina Nardi.

16/03/2020 - 14:16

"Il Ministero degli Esteri è già stato attivato per aiutare i nostri connazionali a rientrare in Italia. L'iniziativa dell'eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi, è inqualificabile e incomprensibile e aggraverà sicuramente il già difficile lavoro di controllo e prevenzione che personale medico, paramedico e Forze dell'ordine stanno portando avanti in questi giorni. Ho aiutato personalmente restando a casa tanti giovani a rientrare anche da Fuerteventura. Ci sono riusciti dei ragazzi giovanissimi con dei semplici consigli e avrebbe potuto farlo anche il gruppo di turisti, tra cui la consigliera comunale della Lega a Massa, Sabrina Marchi. Evidentemente per Susanna Ceccardi le disposizioni e le restrizioni vigenti devono valere per tutti ma non per gli esponenti del Carroccio. Purtroppo quello della Ceccardi è l'ennesimo cattivo esempio di esponenti della Lega che violano palesemente le regole mettendo a repentaglio la salute dei cittadini".

Così la deputata dem, Martina Nardi.
 

12/03/2020 - 17:31

"Chiediamo al governo di attivare la proroga degli ammortizzatori sociali, a partire dalla Naspi, per tutti i lavoratori stagionali legati al settore turistico e ricettivivo che non verranno riassunti a causa del Coronavirus e delle misure restrittive vigenti. È ormai evidente che la stagione turistica, che si apre solitamente prima di Pasqua, verrà rimandata in tutta Italia": è quanto dichiara Martina Nardi, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive di Montecitorio.

28/02/2020 - 15:19

“Potenziare le norme e gli strumenti per il ritrovamento delle persone scomparse che sono oltre 61mila nel nostro paese", è quanto chiede in un’interrogazione al ministro dell'Interno Martina Nardi, deputata del Partito democratico.

"Nonostante l'impegno costante delle istituzioni e degli agenti di pubblica sicurezza gli ultimi dati rimarcando una flessione delle percentuali di ritrovamento non solo degli scomparsi stranieri ma anche di quelli italiani. È emerso come l’attuale veicolazione delle informazioni tra le istituzioni pubbliche preposte (ad esempio Forze di Polizia, presidi medici, stazioni) non sia spesso repentino ed efficace. L'esito positivo delle ricerche, se non viene risolto nelle prime ore, ha spesso risvolti drammatici. Per questi motivi - conclude Martina Nardi - chiediamo al governo misure urgenti e risorse adeguate per assicurare un maggiore coordinamento tra i soggetti coinvolti, ridurre il numero delle persone scomparse e promuovere un sempre maggior numero di ritrovamenti".

17/12/2019 - 13:10

“Velocizzare l’attivazione della cassa integrazione straordinaria, già concordata per i lavoratori di Securpol da oltre due mesi, e verificare che l'attuale amministrazione controllata della società sia realmente garante dei diritti dei dipendenti”.

E’ quanto chiede il capogruppo Pd in commissione Attività produttive alla Camera, Martina Nardi, in una interrogazione ai ministri dello Sviluppo Economico Patuanelli e del Lavoro Catalfo.

“Securpol - spiega la deputata dem - ha ancora 225 dipendenti in tutta Italia, soprattutto in Lazio e Toscana, che devono ricevere gli stipendi arretrati. La gestione complessiva della società, caratterizzata da numerosi anni di irregolarità fiscali e legali, con un debito crescente e sistematiche violazioni dei diritti degli occupati, ha creato e sta creando gravi difficoltà economiche ai lavoratori e alle loro famiglie. Gli ultimi ritardi sull’erogazione degli ammortizzatori sociali stanno quindi causando ulteriori problemi e disagi. Il governo - conclude Martina Nardi - si deve attivare per risolvere rapidamente questa situazione promuovendo un reinserimento occupazionale dei lavoratori coinvolti”.

20/11/2019 - 16:13

“Ringraziamo il ministro Patuanelli per essere venuto in quest’Aula a dettagliarci sui 150 tavoli di crisi; sulle 400 città inserite nelle aree di crisi non complesse; sulle 19 aree di crisi complesse; insomma la fotografia di un’Italia che da molti anni è in crisi. Dal 2014 non siamo stati fermi. Industria 4.0, i bonus per l’edilizia, la nuova Sabatini sono solo alcuni dei tanti interventi che abbiamo messo in campo per dare una risposta a queste crisi. La globalizzazione ha visto la crescita soprattutto dei Paesi asiatici, grazie anche all’apertura del Canale di Suez. E tutto questo è vero anche per Mittal che mentre sta per chiudere Taranto compra per 6 miliardi di dollari una delle più grandi aziende dell’India. Decide di investire li, con un risparmio al ribasso sul costo del lavoro, sul costo sociale dell’impresa, sui costi ambientali. E allora siccome questo è lo scenario nuovo dobbiamo decidere se competere al ribasso come Mittal e quindi abbassare i salari, abbassare i diritti, abbassare la qualità del lavoro e della nostra produzione oppure decidiamo di competere al rialzo stando sul tema della competitività, dell’innovazione, della cultura e della crescita delle imprese e cioè investiamo.

Abbiamo un grande progetto per il nostro Paese, si chiama green new deal e Taranto rappresenta oggi il nostro banco di prova: costruire e investire in nuove tecnologie; sburocratizzare; riqualificazione e rigenerazione delle nostre imprese, svoltandole e facendole guardare all’ambiente è per noi la soluzione. Le crisi sono un momento per mettersi in discussione e oggi noi dobbiamo farlo per provare con più forza e più capacità ad aggiustare il nostro Paese”. Lo ha detto in Aula intervenendo sull’informativa del ministro Patuanelli, Martina Nardi, deputata Pd, membro della commissione Attività produttive di Montecitorio.

16/10/2019 - 12:27

Mise convochi il gruppo giapponese per chiarimenti

"La ex Magneti Marelli leader del settore automotive in Italia, venduta nel maggio 2019 da Fca al gruppo giapponese Calsonic Kansei, ha dato vita alla Magneti Marelli CK Holdings, una multinazionale con 170 stabilimenti fra Europa e Giappone. Nelle scorse settimane la Marelli ha chiesto la cassa integrazione per 910 lavoratori degli stabilimenti bolognesi di Crevalcore e Bologna. Siamo preoccupati per la situazione dei lavoratori anche alla luce del fatto che non conosciamo il piano industriale né la strategia di sviluppo da parte dell'azienda. Per questo abbiamo chiesto al Mise che venga convocata la Calsonic Kansei per chiarire la situazione per il presente e le intenzioni per il futuro, oltre a dedicare particolare attenzione a questi temi di prospettiva nel tavolo di confronto con associazioni di categoria e sindacati, già convocato dal ministro Patuanelli per il 18 ottobre. Sempre per questo abbiamo chiesto che si identifichi una strategia nazionale di sviluppo dell'automotive, tenendo conto delle realtà e delle capacità italiane".

Lo ha chiesto il vicepresidente Pd della commissione Attività produttive di Montecitorio, Gianluca Benamati, nel corso di un question time al Mise in commissione, a prima firma Benamati e dei deputati Bonomo, De Maria, Lacarra, Manca, Nardi e Zardini.

10/05/2019 - 11:56

Interrogazione su appalto di manutenzione a Caf Italia

“Il ministro dei Trasporti è a conoscenza che Caf Italia, azienda controllata dalla spagnola Caf, che si è aggiudicata l’appalto del servizio di manutenzione dei convogli Etr 500, non ha mai operato nel nostro Paese nel delicato settore della manutenzione dei mezzi ad alta velocità su rotaia? Danilo Toninelli sa che Caf Italia, oggi priva del personale idoneo, è alla concitata ricerca di ingegneri e tecnici con consolidata esperienza ‘per l’inizio delle attività di manutenzione di treni per conto di Trenitalia’ prevista dal prossimo 18 giugno? Il governo ha chiaro che con l’uscita di scena di Hitachi Rail Italy e Sitav, che da venti anni svolge questo servizio, e che ha proposto ricorso al Tar del Lazio lamentando, tra l’altro, proprio il difetto dei requisiti di partecipazione di Caf Italia, si mette a rischio l’intero esercizio commerciale degli Etr 500 e la stessa sicurezza dei trasporti, visto che parliamo di convogli che possono trasportare circa 600 passeggeri e raggiungere i 360 chilometri orari?”.

Sono le domande alle quali intende dare una risposta l’interrogazione presentata dalla deputata Dem, Martina Nardi, al ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli.

22/02/2019 - 13:11

“Il governo promuove la concorrenza sleale e penalizza le imprese. Con la Legge di Bilancio i professionisti che fatturano fino a 100 euro non pagheranno infatti l’Iva sulle fatture. Questa norma che avrebbe potuto creare benefici per i giovani, per i nuovi imprenditori o per le partite Iva in difficoltà, rischia però di essere controproducente e di creare evidenti storture nel mercato”.

Lo dichiara la deputata Pd, Martina Nardi, su una interrogazione discussa alla Camera dei deputati alla presenza del sottosegretario all’Economia, Alessio Villarosa.

“E’ evidente - aggiunge la parlamentare Dem - come questa norma avrà effetti negativi per il lavoro e l’economia. Il nuovo regime fiscale, prevedendo una esenzione Iva solo per alcuni soggetti, ha promosso di fatto un meccanismo di competizione deforme, non determinata da virtuose azioni di mercato ma esclusivamente da effetti fiscali. Si incoraggia infatti i professionisti a passare al regime più favorevole mediante destrutturazione del proprio studio, con effetti penalizzanti anche sull’occupazione, o la creazione di società fittizie con cui adottare il sistema che non prevede l’emissione dell’Iva nelle fatture. Penalizzando conseguentemente gli studi con incidenza dei costi più alta. Ma l’aspetto più grave della vicenda - prosegue Martina Nardi - è la risposta avuta alla mia interrogazione a Montecitorio, dove il sottosegretario Villarosa si è limitato ad esporre la problematica senza però proporre alcuna soluzione: segno evidente dell’incapacità di questo governo di non comprendere minimamente gli effetti delle norme che sta approvando. Non dimentichiamo infatti che questa norma, soggetta alla necessaria autorizzazione dell’Ue per via dell’esenzione Iva - conclude la deputata Pd - rischia di portare il Paese in una procedura di infrazione comunitaria”.

Pagine