30/01/2020 - 17:54

“L’accoglimento, seppur parziale, dell’istanza di dissequestro del viadotto Cerrano della A14 è un’ottima notizia. Il tratto autostradale sarà riaperto ai mezzi pesanti ad eccezione dei trasporti eccezionali che comunque già non passano sui nostri territori e dei trasporti di merci pericolose. È un importante risultato perché da più di due mesi quel tratto autostradale attanagliava il nostro Abruzzo con problemi, creando caos sulla Statale 16. Mi sono impegnata in questi mesi, con interrogazioni, interventi in aula, incontri con amministratori e cittadini. Ormai eravamo allo stremo della resistenza. Ringrazio tutti gli operatori del settore che hanno saputo affrontare pur con tante difficoltà ed intralci la situazione di disagio e la ministra delle Infrastrutture De Micheli”.

Lo dichiara la deputata abruzzese del Pd, Stefania Pezzopane.

29/01/2020 - 17:25

“Ho depositato un’interrogazione parlamentare per chiedere al ministro della Sanità di intervenire su una vicenda assurda. Con quale delibera, con quale atto formale supportato da quali motivazioni, la Asl provinciale dell’Aquila ha sospeso in autotutela, proprio in dirittura di arrivo, per presunti ‘approfondimenti’, l’appalto per intervenire sulla residenza sanitaria assistenziale (Rsa) di Montereale? Si tratta di una struttura chiusa da tre anni per inagibilità dovuta ai terremoti del 2016 e 2017, con i circa 60 anziani trasferiti all’Ex Onpi dell’Aquila. La decisione sarebbe stata presa dal nuovo direttore generale, Roberto Testa, da settembre al vertice della Asl, espressione del Presidente Marsilio. Scelta poco chiara, che potrebbe anche costare cara all’azienda sanitaria, stazione appaltante, perché le imprese partecipanti potrebbero richiedere risarcimenti danno”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

“Contro l’operazione voluta da Testa - aggiunge la deputata dem - sono insorti i territori con il sindaco del centro montano, Massimiliano Giorgi, che, anche a nome di altri primi cittadini dell’Alta Valle dell’Aterno, ha minacciato di scendere in piazza se non ci sarà lo sblocco immediato della procedura di gara avviata nel 2017. Il provvedimento con cui tutto è stato bloccato non è pubblicato sul sito della Asl, non si conoscono le motivazioni, il blocco perché avviene? Ci sono illegittimità o irregolarità? Se non ci sono, come si fa a bloccare una procedura ormai conclusa? Al ministro della Sanità chiedo un intervento urgente per fare piena luce su quanto accaduto, anche per dare risposte certe agli anziani in attesa di poter usufruire di questa struttura e alle imprese di veder rispettati gli impegni. E’ l’unica Rsa pubblica del comprensorio aquilano, i lavoratori della struttura ora sono trasferiti a L’Aquila. Che interessi si stanno muovendo su questo stop? Vogliamo chiarezza e trasparenza. La Regione che fa?”.

22/01/2020 - 16:39

“Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale e l’entrata in vigore il prossimo 5 febbraio del Dpcm ‘Regolamento di organizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, degli uffici di diretta collaborazione del Ministro e dell’Organismo indipendente di valutazione della performance’ il governo mantiene un impegno preso e fa il bene dell’Abruzzo. Il superamento in positivo della Sovrintendenza speciale per il solo cratere resa ora stabile ed estesa alle Province di L’Aquila e Teramo edai complessivi campi d’intervento, permette alla Regione di avere due direzioni operative: L’Aquila-Teramo e Pescara-Chieti. Vorrei ingraziare il ministro Franceschini per queste così significative scelte e per aver ascoltato le tante voci del territorio a sostegno della Sovrintendenza per L’Aquila Teramo. Alla nuova Sovrintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio dell’Aquila e Teramo va anche ad aggiungersi presso il Mibact l’ufficio che seguirà tutte le ricostruzioni e il patrimonio artistico danneggiato dal terremoto. Mentre in Regione la maggioranza di destra debutta molto male nella sua amministrazione, dal governo nazionale giunge un forte sostegno alla comunità abruzzese”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

15/01/2020 - 12:40

“Il governo intervenga con decisione e determinazione per mettere fine agli affari sporchi collegati alla cosiddetta ‘mafia dei pascoli’, un fenomeno che vede coinvolte le montagne abruzzesi sfruttate da imprenditori senza scrupoli di altre regioni con finte transumanze di bestiame per intascare ingentissimi rimborsi da parte della Comunità Europea. Un business da centinaia di milioni di euro e che riguarderebbe anche le Alpi oltre agli Appennini. Inchieste giornalistiche segnalano grossi gruppi e consorzi con sede legale in particolare nel Nord Italia che continuerebbero a prendere in affitto, anche in Abruzzo, grandi superfici a pascolo e prato pascolo, che hanno canoni nettamente inferiori rispetto alle superfici seminative. Questo consentirebbe di incassare l’alto valore dei loro titoli Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), nell’ordine di anche 10mila euro per ettaro. Questo malaffare deve finire e i ministri competenti devono prontamente assumere l’iniziativa”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, che questa mattina ha presentato un’interrogazione parlamentare rivolta al presidente Consiglio e ai ministri della Giustizia, dell’Ambiente e delle Politiche Agricole.

“E’ necessaria - aggiunge la deputata dem - un’azione urgente a salvaguardia della legalità e a tutela di un intero territorio e di quelle categorie di lavoratori, agricoltori e allevatori onesti, contro una subdola, pericolosissima, infiltrazione malavitosa, portatrice di un degrado socio-economico che finirebbe inevitabilmente con l’accelerare il progressivo spopolamento dei nostri monti. Ancora nei giorni scorsi sono state ritrovate decine e decine di carcasse di ovini deceduti e centinaia di capi di bestiame mal ridotti o maltrattati, quasi tutti morti, seppelliti in Zona speciale di conservazione senza adeguate autorizzazioni. Chiedo al governo - conclude Stefania Pezzopane - di agire in virtù delle proprie competenze e di fare piena luce su quanto sta avvenendo, ponendo in atto ogni soluzione anche legislativa adeguata ad affrontare una questione urgentissima”.

14/01/2020 - 16:27

“Chiedo pubblicamente alla ministra Fabiana Dadone di convocare con urgenza il tavolo ad hoc per il riordino del personale che opera nella ricostruzione delle aree colpite dai terremoti, soprattutto per quanto riguarda gli eventi sismici del 2009, dell’Emilia e del Centro Italia. Un tavolo in grado di affrontare in maniera organica le numerose questioni aperte che interessano il personale e gli addetti impiegati, in gran parte precari, che lei stessa aveva positivamente annunciato lo scorso 20 novembre, accogliendo una mia precisa richiesta”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“Grazie all’approvazione del Decreto Sisma - aggiunge la deputata dem - tutto il personale è stato prorogato fino al 31 dicembre 2020, ma bisognerà prevedere ulteriori proroghe e stabilizzazioni, poiché l’attività di ricostruzione non è stata completata e molte sono le emergenze ancora in corso. C’è l’esigenza di giungere alle stabilizzazioni concordate con sindaci e Regioni, anche per affrontare positivamente gli effetti del mancato turn over, dei buchi dovuti a Quota 100 e dell’efficienza degli uffici. Buona parte della ricostruzione dipende dalla efficienza degli operatori, dalla motivazione e dalla programmazione degli interventi. Di questo dovrà occuparsi il tavolo per il riordino del personale. Sono certa che la ministra Dadone manterrà la parola data ed è d’accordo che i lavoratori e le lavoratrici non possono essere precari a vita. Un tavolo che metta insieme gli enti e le organizzazioni sindacali per stilare un programma di respiro e per ridare fiducia ai tanti dipendenti precari ma indispensabili. Sono ovviamente pronta - conclude Stefania Pezzopane - a dare il mio contributo e ogni supporto al buon lavoro e al buon esito dell’importante tavolo per il riordino del personale”.

09/01/2020 - 13:37

“Un incubo. È questa la parola che mi viene in mente per descrivere gli enormi disagi e l’inquinamento da record che sta subendo chi vive in prossimità del tratto abruzzese dell’A14 all’uscita Pescara Nord-Città di Castello. Io stessa, durante il periodo natalizio, mi sono ritrovata in una coda chilometrica per quasi 5 ore.” Lo scrive in una nota Stefania Pezzopane, deputata dem abruzzese e membro della Presidenza del Gruppo Pd, commentando l’interdizione al traffico del viadotto Cerrano disposta dalla procura di Avellino che costringe 4mila mezzi pesanti al giorno ad usare la Statale 16 da prima di Natale.

“La piena consapevolezza – ha aggiunto Pezzopane – delle immani difficoltà createsi per chi vive e lavora nel tratto della Statale 16 interessata al passaggio dei mezzi pesanti mi spinge ad impegnarmi in prima persona affinché venga trovata una soluzione al più presto. Auspico fortemente che il tavolo tecnico tra la società Autostrade e il Mit che si terrà oggi porti ad una soluzione definitiva e che porti alla fine di questa situazione letteralmente angosciante per chi la subisce."

“La deviazione del traffico sulla statale - conclude Pezzopane - sta determinando un vero sconvolgimento della vita quotidiana di quelle comunità, disagi enormi, un traffico impossibile scaricato sui comuni costieri di Silvi, Pineto ed altri. Strade già oberate dal traffico locale, dove sono operative centinaia di attività economiche e commerciali massacrate da settimane. Le condizioni di sicurezza ed ambientali sono insopportabili e va trovata una soluzione. Questa vicenda è assurda è vergognosa. Si dissequestri e si metta in sicurezza ogni tratto autostradale. Siamo stanchi".

23/12/2019 - 15:11

“Il Milleproroghe approvato dal governo contiene una rilevante notizia in materia di giustizia per i cittadini. E’ stata infatti inserita, con l’articolo 8 comma 6, la norma che proroga i tribunali di Avezzano, Sulmona, Vasto e Lanciano fino al settembre 2022. Un ulteriore anno e più, oltre i due già precedentemente previsti. Si creano così le condizioni, durante questo prossimo importante triennio, per poter programmare adeguatamente il lavoro e trovare una soluzione definitiva alla geografia giudiziaria della Regione Abruzzo ed alle tante emergenze che mettono a rischio un settore così delicato e nevralgico delle nostre istituzioni. Si tratta di un passaggio fondamentale per i territori che interessa, ma necessario per poter mettere mano agli organici e rendere vivibili i tribunali. Si dà in questo modo una risposta positiva alle richieste che sono giunte dagli Ordini professionali, dagli operatori di giustizia, dalle organizzazioni associative dei cittadini. Un Milleproroghe che fa bene all’Abruzzo. In particolare, per Avezzano, Sulmona, Vasto e Lanciano, dove i sindaci e le autorità locali avevano fatto sentire forte e chiaro le loro grida di dolore. Un ulteriore impegno mantenuto, dunque, che si aggiunge con soddisfazione a una serie di misure molto attese per rilanciare le comunità abruzzesi”.

Così Stefania Pezzopane, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

22/12/2019 - 12:40

“Quello vissuto ieri dagli automobilisti che si sono trovati in viaggio lungo la A14 è stato un incubo. A causa di alcuni restringimenti di carreggiata si sono create code infinite soprattutto nel tratto abruzzese. C’è chi è stato cinque ore in macchina per percorre i 150 chilometri tra Ancona e Pescara. Solo al fianco ai sindaci della costa adriatica che hanno dovuto affrontare una vera e propria emergenza e chiedo al governo di intervenire prontamente per evitare che quanto accaduto possa ripetersi. Si metta fine a una situazione di gran confusione dovuta a provvedimenti contraddittori sul traffico pesante. Il Gip di Avellino ha dissequestrato alcuni viadotti marchigiani, per cui si tratta di capire se non sia da dissequestrare anche il viadotto attiguo al casello di Roseto. Già venerdì era stato un incubo con le centinaia di Tir in fila sulla Statale 16 a causa della chiusura del traffico pesante del tratto Pescara Nord /Atri. E cosa accadrà domani lunedì quando torneranno i Tir sulla statale?”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“I sindaci di Pineto, Roseto, Silvi - aggiunge la deputata Pd - vanno sostenuti. Questa vicenda diventa ogni giorno più assurda, situazione kafkiana, con la magistratura che sequestra i viadotti, Autostrade per l’Italia che rivendica di aver fatto ogni cosa per evitare il sequestro, i provvedimenti di inibizione ai mezzi pesanti che scaricano il traffico pesante sulla statale, i sindaci che si trovano nel cuore dei loro territori una situazione da incubo, gli utenti dell’autostrada che percorrono l’autostrada continuando a pagare come se nulla fosse, nonostante il percorso sempre più da incubo. Al governo chiedo di intervenire per trovare una soluzione. Non se ne può più”.

21/12/2019 - 17:29

“L’approvazione della norma contenuta nel Milleproroghe che rinvia di sei mesi la restituzione delle tasse sospese dopo il terremoto del 2009 è giusta e molto attesa dalle aziende e dal territorio aquilano. L’impegno è stato mantenuto ed io sono molto soddisfatta. In questo modo il governo risponde positivamente a una proposta che avevo suggerito con un ordine del giorno approvato dalla Camera già nel Decreto Sisma. Sono stati utili i confronti ed il costante rapporto con i rappresentanti delle categorie produttive più volte presenti negli incontri al Ministero. Adesso non dobbiamo sprecare questi sei mesi di ossigeno, ma favorire con ogni mezzo necessario una positiva conclusione delle trattative in corso per definire una soluzione finale a un problema che ci trasciniamo da troppo tempo. La nuova Commissione europea ha avviato una serrata trattativa con il governo italiano e confidiamo che il ministro per gli Affari europei, Vincenzo Amendola, possa trovare insieme ai rappresentanti delle categorie produttive e le istituzioni coinvolte una via di uscita. L’Aquila vive una grave ingiustizia che va sanata una volta per tutte”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

21/12/2019 - 13:48

Buone notizie per l’Abruzzo. Sono davvero molto soddisfatta. Quello della ministra De Micheli è stato un ottimo lavoro con lo stanziamento di importanti risorse per il trasporto pubblico della nostra regione. Alcuni esempi: il contributo Tpl (Tradporto pubblico locale) è di 27.324.530,29 milioni di euro; e per l’acquisto di nuovi autobus 70.819.241, di cui 3.21.056 nel primo anno e 4.828.585 dal 2020 al 2033. Tutto ciò in una operazione complessiva da più di 5 miliardi di progetti finanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che hanno ottenuto il via libera dalla Conferenza Unificata. La quota più consistente di risorse assegnate, pari a 2 miliardi e 319 milioni, riguarda il trasporto pubblico locale delle città. E oltre 2,2 miliardi sono stati assegnati alle Regioni per il rinnovo del parco autobus del trasporto pubblico locale e la sostituzione dei mezzi inquinanti. Inoltre è stato approvato il sesto stralcio del programma per il ripristino delle strade interessate dal terremoto del Centro Italia del 2016. Si tratta di 92 interventi, distribuiti su 44 comuni del cratere, per un importo totale di 53 milioni”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

16/12/2019 - 15:35

“Il decreto con cui il governo salva la Banca Popolare di Bari è anche per noi abruzzesi una buona notizia. Lo Stato, finanziando con 900 milioni di euro Invitalia, mette in sicurezza una Banca importante e soprattutto dà risposte certe e concrete e migliaia di risparmiatori e piccoli azionisti, salvaguardando al tempo testo centinaia di posti di lavoro. Il decreto, tanto atteso dai risparmiatori pugliesi, lo era anche per noi abruzzesi, dopo che la Popolare  di Bari aveva acquisito la Tercas e Caripe, che avevano pagato un conto salatissimo in termini di erogazione di credito e servizi bancari. Il decreto approvato  e' dunque per tutti i risparmiatori abruzzesi delle banche assorbite da BPB  motivo di rassicurazione , dando la possibilità di guardare al futuro con occhi diversi dal recente passato. Ovviamente dopo questo primo concreto impegno del governo andrebbe capito cosa intenda fare la Regione Abruzzo e come il sistema bancario intende reagire a questa drammatica situazione. per noi,  Il primo interesse sono i risparmiatori.  Voglio ricordare che in Abruzzo ci sono moltissimi sportelli , in particolare in piccoli comuni come Civitaquana, Collecorvino, Civitella, Cugnoli, Farindola, San Valentino, Tocco a Casauria, Torre Dei Passeri, Arsita, Aprati, Campli, Canzano, Castelli, Colonnella, Pietracamela, Torricella Sicura, Isola del Gran Sasso, Carsoli, S. Maria Imbaro, Poggiofiorito ed altri, con  numerosi risparmiatori e correntisti da tutelare“.

10/12/2019 - 16:35

“Chi lavora ha il diritto non negoziabile di ricevere la retribuzione per l’attività svolta. Quanto sta avvenendo ai circa 150 lavoratori del call center Customer 2 Care dell’Aquila è inaccettabile. La comunicazione dell’azienda che annuncia che non verranno pagati né lo stipendio di novembre, né la tredicesima, va respinta al mittente. Ma come possono scrivere che l’azienda non ha liquidità? Dove sta la Wind/H3g che ha dato la commessa? Quali garanzie ha avuto? Ma come si permettono di mettere in difficoltà centinaia di famiglie proprio alla vigilia delle festività natalizie? Su questa vicenda presenterò immediatamente un’interrogazione parlamentare alla ministra del lavoro, Catalfo, per chiedere l’intervento urgente del governo e appena rientrerò all’Aquila incontrerò i lavoratori che oggi hanno deciso di occupare l’azienda per protesta. Il Partito democratico non li lascerà soli. Ma in Regione Abruzzo il tavolo permanente sui call center che fine ha fatto? Queste situazioni vanno continuamente monitorate. Sono purtroppo lontani i tempi in cui la Regione aveva un permanente confronto con aziende e sindacati”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

06/12/2019 - 12:40

“La proroga per la restituzione delle tasse sospese è una notizia importante e positiva per le aziende e per il territorio aquilano. Il governo fa propria la proposta che avevo suggerito con un ordine del giorno approvato dalla Camera nel decreto sisma e la inserisce nell’elenco proroghe nella legge di bilancio. Sei mesi di proroga per favorire le conclusioni della soluzione definitiva, questa è la proposta che il governo inserirà nella legge di bilancio in discussione al Senato e poi alla Camera. La proroga è assolutamente necessaria per favorire il concludersi delle trattative in corso per definire la soluzione finale al problema delle tasse sospese nel 2009 e da restituire. La nuova Commissione europea si è insediata nei primi giorni di novembre ed il Governo italiano ha avviato una serrata trattativa seguita direttamente dal Ministro per gli affari europei, Vincenzo Amendola, e dal suo capo di gabinetto Lucentini. Trattative a cui stanno collaborando con impegno rappresentanti delle categorie produttive ed istituzioni che voglio anche in questa circostanza ringraziare. La questione tasse sospese e da restituire, è un tema complesso e delicato che si trascina da tempo e che deve assolutamente essere chiuso. Stiamo soffrendo una grave ingiustizia che va superata assolutamente”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

“Massimo è il mio impegno – ha proseguito la deputata dem - affinché questo governo chiuda una vicenda assurda. Possiamo far pagare alle aziende le colpe di burocrati e politici distratti e superficiali? No, assolutamente. Nel 2011 la legge di bilancio abbassò al 40% la percentuale delle tasse sospese e da restituire all’indomani del sisma, una scelta giusta che allora ci conquistammo con una grande protesta popolare. Purtroppo questa importante decisione non fu comunicata alla Commissione europea che ha considerato quel provvedimento un aiuto di Stato. Di conseguenza è partita la procedura di infrazione europea con richiesta alle aziende di restituzione del 100% delle tasse sospese, e questo dopo 10 anni! Dobbiamo far comprendere in tutti i modi che aiuti di Stato non furono e che la trattativa deve concludersi positivamente per le imprese. Con la proroga di sei mesi, mi auguro proprio che si possa chiudere in positivo. Nel decreto sisma sono stata io stessa a presentare come relatrice un emendamento riguardante il sisma del centro Italia. Anche lì abbiamo con questo decreto abbassato a 40% le somme da restituire tra 10 anni, ma ho immediatamente fatto approvare un emendamento che stabilisce la quota di de minimis entro cui si applica la deroga, in maniera da evitare alle aziende del Centro Italia lo stesso tormento che è toccato alle aziende aquilane. Se lo avessero fatto anche 10 anni fa, non staremmo in questa situazione kafkiana e pericolosa per le nostre aziende per i lavoratori delle stesse. Una proroga necessaria, con l’ambizione di chiudere la vicenda definitivamente.”

04/12/2019 - 13:16

“Proseguono i risultati positivi della politica del fare e di questo governo. Ieri il ministro per i Beni e le Attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha annunciato che il Munda -  Museo Nazionale d’Abruzzo è tra i dieci musei autonomi introdotti dalla riorganizzazione del Mibact. I criteri per la selezione dei nuovi musei autonomi vanno dalla rilevanza dei luoghi e delle collezioni, alle potenzialità di sviluppo e agli impatti sociali sulle comunità. In questo contesto il Munda, inaugurato il 23 settembre 1951, per la sua collezione archeologica e di dipinti, sculture medioevali e moderne, testimonia l’identità, la storia e la cultura dell’intera regione. Chiuso dopo il terremoto del 6 aprile 2009 e riaperto il 19 dicembre 2015, il Museo Nazionale d’Abruzzo, in virtù della rafforzata autonomia, saprà cogliere le nuove opportunità che si presentano contribuendo alla crescita culturale-turistica e allo sviluppo del territorio”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

“Inoltre – ha concluso Pezzopane – esprimo ancora la mia soddisfazione perché in Abruzzo ci saranno due direzioni stabili: L’Aquila-Teramo e Pescara-Chieti. La Sovrintendenza speciale per il solo cratere non esiste più e viene superata in positivo, rendendo stabile la Sovrintendenza ed estendendo il campo d’intervento sulle due province di L’Aquila e Teramo. Una grande ed importante novità. L’Aquila recupera dunque il suo ruolo ed esce dall’isolamento dopo il triste decennio del sisma. Credo che tutti ne dobbiamo essere soddisfatti, si va apre una fase nuova e con la realizzazione del MAXXI si va a rafforzare una grande possibilità.”

03/12/2019 - 16:32

“Sono molto soddisfatta. Le anticipazioni di ieri hanno la conferma del Consiglio dei ministri. In Abruzzo ci saranno due direzioni stabili: L’Aquila-Teramo e Pescara-Chieti. La Sovrintendenza speciale per il solo cratere viene superata in positivo, rendendo stabile la Sovrintendenza ed estendendo il campo d’intervento. L’Aquila recupera dunque il suo ruolo ed esce dall’isolamento dopo il triste decennio del sisma. Ringrazio il ministro Franceschini per le importanti scelte e per aver ascoltato con attenzione le voci che in ambito sindacale e tra gli operatori si erano levate a sostegno delle due Sovrintendenze. Nasce dunque la nuova Sovrintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio dell’Aquila e Teramo. Tra l’altro presso il Mibact si va a costituire anche un ufficio per seguire tutte le ricostruzioni e il patrimonio artistico danneggiato dal terremoto. Si tratta di un altro passo in avanti. Un esito positivo e davvero molto rilevante per lo sviluppo stesso del territorio. Dopo i risultati del Decreto Sisma, anche con questa iniziativa si va a rafforzare un percorso di attenzione e cura nei confronti dell’Abruzzo”.

Così Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, che da tempo sosteneva la richiesta di sindacati e associazioni per la costituzione di due Sovrintendenze in Abruzzo.

Pagine