03/06/2020 - 18:30

“Sostenere, finanziare e promuovere l’intero settore sportivo dilettantistico  che rappresenta per il Partito Democratico  una straordinaria infrastruttura sociale per le nostre comunità”. E’ quanto si legge in una nota del gruppo del Pd alla Camera che attraverso i deputati Andrea Rossi, Luca Lotti e Patrizia Prestipino assieme ai loro colleghi delle commissioni Scuola e Cultura hanno presentato un pacchetto di emendamenti al Decreto Rilancio.
“Con l’introduzione di diverse norme, il decreto  ha posto una giusta e doverosa attenzione per far fronte all’emergenza – si legge nella nota del Pd -   a partire dai 600 euro per i lavoratori dello sport e dei contributi a fondo perduto sia per la sanificazione degli ambienti che per l’attività sportiva o il raddoppio dei fondi da 70 a 140 milioni per il bando sport e periferie." Tra le misure proposte, l’incremento di 100 milioni a favore delle associazioni e delle società  sportive dilettantistiche iscritte al registro del Coni, al fine di consentire a tali società  di beneficiare di una copertura pari al 100 per cento degli importi finanziati , sia in garanzia diretta che in riassicurazione. Il Pd ha proposto inoltre la revisione dei rapporti di concessione di impianti pubblici in scadenza al 31 luglio 2023, di estendere fino al 30 novembre 2020 la sospensione dei termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori e di incrementare, dagli attuali 13,2 milioni di euro, a 50 milioni di euro, l’importo destinato allo sport bonus con l’innalzamento del credito d’imposta dall’attuale 65 per cento all’80 per cento. Inoltre, sarà  consentita agli operatori dello sport dilettantistico di mantenere livelli di liquidità idonei a fronteggiare le difficoltà derivanti dalla chiusura degli impianti sportivi . Tra le altre proposte del Pd, anche quella di innalzare l'età dei ragazzi dai 18 ai 24 per la detrazione delle spese per l'attività sportiva per le famiglie.  E’ inoltre previsto l’introduzione del  credito d’imposta  per  le spese di sponsorizzazione delle associazioni e società sportive dilettantistiche, al fine di incentivare gli investimenti privati. . Il Partito democratico ha infine proposto di estendere alle associazioni e società sportive iscritte al registro del Coni i benefici fiscali concernenti  l’efficientamento energetico, l’adeguamento sismico e l’installazione di pannelli solari

29/05/2020 - 17:22

“Sono sicuro che il giusto appello che arriva dal consiglio dell’ordine dei giornalisti per consentire la presenza per tutti gli addetti della libera stampa durante le partite di campionato a porte chiuse, sarà accolto positivamente dalle istituzioni sportive come la Figc e da Cts e Governo. La disponibilità degli spazi, per garantire un distanziamento e una presenza in sicurezza, negli stadi italiani consente di poter andare oltre alle indicazioni contenute nelle ‘Indicazioni generali per la
pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità a porte chiuse, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologia da Covid-19’, presentate a inizio settimana da Figc al Cts e al Governo. Quest’ultime a oggi prevedono l’ingresso di 20 tra giornalisti e fotografi, oltre a 65 addetti per produzioni e licenziatari Tv. Non c’è bisogno quindi di un nuovo protocollo, ma è sufficiente adeguare il documento prodotto dalla Figc e consentire previo accredito la presenza dei giornalisti e fotografi”.

Così il deputato dem, Andrea Rossi.

28/05/2020 - 20:25

“Il campionato di Calcio di Serie A riprende il 20 giugno. Una buona notizia per tutti gli appassionati e un segnale positivo per il nostro Paese. Il ritorno del calcio, non solo nella sua dimensione economica ma anche sana passione che unisce famiglie, amici e comunità intere, segna un ulteriore passo avanti per il ritorno alla normalità”.

Lo dichiara Andrea Rossi, deputato del Partito democratico.

22/05/2020 - 19:10

“Abbiamo deciso, dopo il suo accantonamento, di ritirare l’emendamento a firma congiunta Lotti-Rossi che consentiva alle società sportive dilettantistiche iscritte al Registro del CONI di poter accedere, al pari delle altre imprese, ai prestiti degli istituti di credito con garanzia pubblica. Lo abbiamo fatto in accordo con il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, che ha seguito in prima persona il provvedimento sulla liquidità delle imprese, perché si è ritenuto più opportuno utilizzare lo strumento normativo qual è il Dl Rilancio, da pochi giorni pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Abbiamo quindi condiviso la possibilità di stanziare, così come proposto dal Ministro, tra i fondi di garanzia presenti nel decreto una cifra di 100 milioni di euro a sostegno dello sport di base. Le difficoltà che stanno riscontrando le migliaia di società sportive che rappresentano un’infrastruttura sociale straordinaria per il nostro territorio, potranno trovare grazie a questa iniziativa - che speriamo sia accolta positivamente da tutte le forze politiche dell’arco parlamentare - un’ulteriore risposta, in aggiunta alle risorse già disponibili nel Dl Rilancio”.

Lo dichiarano in una nota Luca Lotti e Andrea Rossi, deputati del Partito democratico.

19/05/2020 - 20:00

“Bene la condivisone del protocollo della Figc da parte del CTS: un deciso passo avanti verso la ripresa del campionato di calcio, nella direzione già indicata anche da noi in queste settimane. Inutile ribadire per l'ennesima volta l'importanza economica e la passione per questo sport nel nostro Paese. Con l'incontro del 28 maggio tra il ministro Vincenzo Spadafora e le rappresentanze di FIGC e Lega Calcio si potrà definire il calendario della ripresa, in massima sicurezza nell'interesse di tutti. Anche la decisione della Uefa di poter derogare alla data del 3 agosto per la definizione delle squadre delle diverse leghe nazionali che parteciparono alle competizioni europee, consentirà di definire un programma della ripresa del campionato con maggior disponibilità di tempo. Soddisfazione, quindi, per questa decisione di oggi e per il lavoro svolto dalle istituzioni sportive e dal ministro”.

Così Andrea Rossi, deputato del Partito democratico

19/05/2020 - 16:26

"Condivido il senso di preoccupazione, e con esso tutto il disagio e la difficoltà espressi dal mondo delle scuole paritarie, attraverso questi due giorni di sciopero dalla modalità delle lezioni telematiche. Le misure previste nel dl Rilancio per questa importante fetta dell'istruzione paritaria, che è correttamente inserita dentro al sistema nazionale di istruzione, sono insufficienti. Questi istituti rappresentano un valore educativo e sociale all'interno del nostro sistema di istruzione a carattere misto, come previsto dalla legge sulla parità scolastica. E' inoltre notizia di oggi che alle scuole primarie e secondarie paritarie sarà erogato un contributo straordinario complessivo di 40 milioni di euro nell'anno 2020. Un importante passo avanti che, tuttavia, alle attuali condizioni, non risulta sufficiente ad appianare la fatica di tante famiglie nel pagare le rette e a fronteggiare l'indebitamento di molte scuole che si trovano in vera difficoltà nel provvedere agli stipendi degli insegnanti e del personale. Visto il grande investimento di oltre 1,5 miliardi per la scuola in questa fase di emergenza, il nostro impegno deve tendere a implementare le risorse dei 40 milioni presenti nel "DL Rilancio" per rafforzare gli aiuti alle scuole paritarie, per il quale avanzerò, insieme a altri colleghi del PD, una proposta di emendamento specifico". Lo dichiara Andrea Rossi, deputato Pd.

15/05/2020 - 13:37

Dichiarazione dei deputati Pd commissione Cultura della Camera

Ezio Bosso è stato un grande artista e un grande esempio di umanità. Difficilmente dimenticheremo le straordinarie emozioni che ci ha regalato con la sua musica.
Ha continuato a suonare fino alla fine, pur prigioniero di una terribile malattia. La sua vita, non solo quella musicale, è per tutti noi esempio di come si può vivere intensamente nonostante le avversità.
I deputati del partito democratico della commissione Cultura della Camera Flavia Piccoli Nardelli, Rosa Maria Di Giorgi, Lucia Ciampi, Patrizia Prestipino, Andrea Rossi, Matteo Orfini.
 

06/05/2020 - 16:09

“Abbiamo chiesto al ministro per le Politiche giovanili e lo Sport quali iniziative intenda prendere per promuovere, pur nel rispetto del principio di autonomia sportiva, un percorso condiviso per affrontare la conclusione della stagione in corso dei campionati professionistici di calcio di serie A, B e di Lega Pro nonché della Lega Nazionale Dilettanti, consapevoli delle diversità e delle specificità presenti in ciascuna categoria. Spero non sfugga a nessuno la dimensione economica e sociale che rappresenta nel nostro Paese il sistema del calcio, alla pari di altri settori che dal 4 di maggio hanno avuto la possibilità di riattivarsi”.
Lo dichiara Andrea Rossi, deputato del Partito democratico, intervenendo in Aula per il Question time

“Ovviamente - prosegue l’esponente dem nella replica - non chiediamo oggi una data certa di ripresa, ma di valutare tutte le possibilità presenti per una ripartenza dei campionati, consapevoli delle diverse peculiarità. Certamente chiediamo che venga fatto in sicurezza e con un protocollo sanitario, alla pari di altri settori. Ma credo sia in capo a noi, che siamo al governo pro tempore del Paese, assumere le decisioni, fa parte della nostra responsabilità. Dobbiamo uscire da un’idea elitaria del calcio, dalle potenziali contrapposizioni tra professionismo e sport di base, dobbiamo tenere unito tutto il sistema sportivo. Da un lato la mancata ripartenza del calcio professionistico porterebbe ad una perdita del 38% di occupati, 500 milioni di perdita netta del sistema sportivo e una riduzione del PIL prodotto in modo diretto e indiretto di 4 miliardi rispetto agli attuali 10. Dall’altro c’è lo sport di base, con le sue 50mila società, un presidio sociale, di prossimità e di comunità. Società dello sport di base a cui dobbiamo dare sostegno con il prossimo DM di maggio. Non può esistere lo sport di base senza il professionismo, né può esistere il professionismo senza la passione dello sport di base. A questo articolato mondo, siamo certi, il governo darà risposte efficaci il prima possibile”.

27/04/2020 - 15:19

“Esiste un'urgenza, accanto a quella sanitaria che rende necessaria la restrizione della libertà, che si somma alla difficoltà quotidiana di convivere -per riprendere le parole del premier Conte di ieri sera - con il virus.  Se questa convivenza è un imperativo dei prossimi mesi, occorre liberare quella parte del Paese che rischia di essere schiacciata per sempre dalla crisi economica. Condivido perciò con favore la proposta del presidente Bonaccini: in sicurezza, serve il coraggio di aprire alcune attività, come indicato proprio nella sua intervista a Radio 24, tra le quali - per fare alcuni esempi - bar, ristoranti, palestre e centri estetici. Una sfida di certo difficile per una regione che come prima cosa si pone l'obiettivo di salvaguardare la salute dei suoi cittadini, ma è un passo fondamentale per garantire quella eguaglianza di opportunità e quel benessere diffuso che contraddistinguono la nostra società. Importante sarà avere ben chiari - dettaglio che è mancato nella conferenza del Premier di ieri sera - le modalità e i comportamenti indicati dal comitato tecnico, che sono da seguire sia da parte degli operatori sia da parte dei clienti”.

Lo dichiara in una nota Andrea Rossi, deputato del Partito Democratico.

24/04/2020 - 13:13

“Il settore delle palestre e centri wellness è costituito da imprenditori e da semplici collaboratori sportivi che nei prossimi mesi potrebbero perdere il lavoro e l’attività con il perdurare della chiusura forzata senza una soluzione concreta.
Per questo abbiamo scritto al Ministro Spadafora alcune proposte per ridurre la reale eventualità di chiusura di tante realtà sul territorio nazionale, evitando che le prime spese da tagliare riguardino il personale e i dipendenti”. Lo dichiarano i deputati del Pd, Andrea Rossi e Luca Lotti, che hanno inviato una lettera al Ministro Spadafora, al Ministro Gualtieri e al Presidente Conte.

“Fra le varie proposte - spiegano i deputati dem - c’è il recupero dei costi per la sanificazione e per la gestione del distanziamento sociale; la sospensione canoni affitto fino alla riapertura (ora prevista solo per impianti pubblici) e la possibilità di recuperare con credito imposta almeno il 50% dei canoni di locazione; il prolungamento della scadenza dei pagamenti delle utenze per almeno sei mesi con rateizzazione nei 48 mesi successivi; la possibilità di attivare forme di finanziamento a fondo perduto e/o crediti di imposta per il recupero spese e dei mancati introiti; mantenere fino alla riapertura delle palestre e dei centri fitness le iniziative a sostegno
dei lavoratori quali ammortizzatori sociali per i dipendenti e contributi a contratti sportivi e autonomi, come già presente nel Cura Italia”.

“I centri fitness e wellness sono una realtà ben consolidata nel nostro Paese e rappresentano una risorsa molto importante per benessere psicofisico di tantissimi italiani. Per questo auspichiamo che il ministro Spadafora prenda in seria considerazione le nostre proposte”, concludono Andrea Rossi e Luca Lotti.

16/04/2020 - 18:45

“Da qualche giorno è stato sottoscritto un protocollo sulla sicurezza nei luoghi di lavoro tra le rappresentanze sindacali e Confindustria ceramica. Un protocollo dall’alto valore, che dimostra come si possa tenere insieme la dimensione industriale e l’esigenza produttiva per non perdere quote di mercato, rispondendo alla fortissima competizione internazionale - altri paesi diretti concorrenti come la Spagna hanno già riaperto gli stabilimenti e la produzione, mentre in Germania, Polonia e altri Paesi dell’Est europeo non l’hanno mai fermata- compatibilmente con un bene primario fondamentale come la salute dei cittadini e dei lavoratori e garantendo adeguati livelli di protezione e sicurezza personale.” Lo dice Andrea Rossi deputato del Partito Democratico.

“Sono questi - sottolinea il deputato dem - i presupposti per la riapertura sul quale si sono costruiti i rapporti e il protocollo tra Confindustria ceramica e Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uiltec-Uil, in rappresentanza dei lavoratori dell’industria ceramica. In virtù di questo accordo, senza dover accodarmi a inutili e strumentali polemiche di chi oggi dice ‘tutto aperto’, poiché in questo momento non lo ritengo ne’ utile ne’ proficuo, il Governo avrà la capacità, già nelle prossime ore, di prendere in considerazione la possibilità riattivare la produzione laddove siano rispettate le condizioni contenute nel ‘Protocollo Nazionale per l’adozione nei luoghi di lavoro di misure preventive anti-contagio idonee a garantire la ripresa in sicurezza dell’attività produttiva’ prima del 4 maggio.”

“La ceramica - conclude Rossi - esporta Made in Italy per oltre l’80% del suo fatturato, occupa in modo diretto circa 21.000 addetti, che in questa situazione di crisi sono in 14.000 in cassa integrazione a zero ore e 7.700 tra cassa integrazione e lavoro agile. Da qui la necessità di ripartire con l’attività produttiva per avere la facoltà di mantenere quote di mercato importanti e vitali per la tenuta dell’intero settore ceramico nazionale, per salvaguardare conseguentemente l’occupazione nel comparto.”

 

15/04/2020 - 16:23

“Oggi la Camera ha approvato il decreto con le ‘disposizioni urgenti per l'organizzazione e lo svolgimento dei Giochi olimpici e paralimpici invernali Milano Cortina 2026 e delle finali Atp Torino 2021-2025, nonché in materia di divieto di pubblicizzazione parassitaria’. Una discussione che riguarda grandi eventi sportivi potrebbe risultare anacronistica a causa del difficile contesto in cui si trova il nostro Paese in questo momento. Nel rispetto del lavoro che Governo e Parlamento stanno compiendo per dare risposta all’emergenza sanitaria, economica e sociale che stiamo affrontando, ritengo che oggi poter parlare di Olimpiadi sia un segnale di potenziale speranza e futuro. Le Camere sono chiamate ad assumersi la responsabilità di tracciare il futuro dell’Italia, calendarizzando e discutendo provvedimenti che riguardano obiettivi di medio e lungo periodo per programmare la graduale ripartenza. I Giochi olimpici e paralimpici invernali Milano Cortina 2026 rappresentano un volano per l’economia di questo Paese e sono una leva fondamentale di innovazione, competitività e occupazione, attraverso il potenziamento infrastrutturale e degli impianti sportivi, la creazione di nuovi posti di lavoro e la generazione di operazioni di marketing e di promozione del territorio”.

Così il deputato del Pd, Andrea Rossi, commentando l’approvazione del Dl Olimpiadi.

“Per fare un esempio - aggiunge il parlamentare dem - sono stati 17 miliardi di euro il valore aggiunto generato nei successivi tre anni delle olimpiadi di Torino 2006, con 57mila posti di lavoro in più. Il provvedimento approvato oggi costituisce una grande prova di gioco di squadra degli attori coinvolti: istituzioni governative, territoriali e sportive, come, peraltro, previsto dal dossier della candidatura, nato da un attento e scrupoloso operato durato tre anni e che ha coinvolto diversi governi”.

01/04/2020 - 19:49

“Concordo con la proposta avanzata da Gian Paolo Manzella e Alessia Morani, sottosegretari al ministero dello Sviluppo Economico, sulla necessità di intervenire sul blocco delle spedizioni, come già segnalato dai produttori di ceramica in Emilia-Romagna”.

Lo dichiara Andrea Rossi, deputato del Partito democratico.

“Questa mattina ho inviato una lettera al Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte e al ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ponendo l’attenzione riguardo a questo tema. Nel rispetto del Protocollo ministeriale per la sicurezza nelle aziende dei lavoratori in accordo tra Governo, imprese e sindacati, ho richiesto di porre particolare attenzione a quello che è un problema di competizione internazionale delle spedizioni. Le aziende ceramiche dall’estero - prosegue l’esponente dem - continuano a spedire in Italia determinando di fatto una situazione impari: questa evidente disparità sta generando nel distretto ceramico una forte preoccupazione, seppure in un contesto di libera circolazione delle merci, poiché rischia di penalizzare duramente una grande eccellenza italiana, l'industria ceramica del distretto reggiano-modenese. La proposta avanzata al Governo - conclude Rossi -è volta a far comprendere l’entità del problema e, ne sono certo, si riuscirà cogliere l’opportunità di inserirlo nel prossimo DPCM, pur avendo a cuore la difficile situazione sanitaria in cui ci troviamo e nel pieno rispetto delle regole di sicurezza per i lavoratori”.

17/03/2020 - 18:01

“Non mancano nel decreto Cura Italia i provvedimenti a tutela del mondo dello sport. E per questo rigraziamo tutto il Governo per il lavoro svolto”.

Lo dichiarano i deputati del Pd, Patrizia Prestipino e Andrea Rossi, i quali spiegano il provvedimento:

“Cassa integrazione in deroga per i lavoratori dipendenti del mondo dello sport; 600 € di indennità per autonomi e collaboratori, compresi anche i collaboratori delle società sportive e della associazioni dilettantistiche e degli enti di promozione sportiva, compresi anche coloro che restano sotto la soglia di 10mila euro l’anno. Sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per assicurazione obbligatoria fino al 30 aprile 2020. I versamenti sospesi sono effettuati senza applicazione di sanzioni e interessi in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione (massimo 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020). Sospensioni dei canoni fino al 31 maggio 2020 di pagamenti di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello stato e degli enti territoriali per associazioni e società sportive professionistiche dilettantistiche. Norme concernenti misure di sostegno finanziario alle piccole e medie imprese colpite dall'epidemia di COVID-19 e il riconoscimento di un credito d'imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro. Ulteriore misura che consentirà ai Comuni beneficiari dei finanziamenti per il piano "Sport e Periferie" a valere sui Fondi di Sviluppo e Coesione, di aumentare la quota di anticipazione dal 10% al 20%.

Un prima risposta importante a un settore vitale per la socialità e l'aggregazione delle nostre comunità, che dovrà vedere altri iniziative a partire dal prossimo decreto annunciato dal ministro Gualtieri per aprile”, concludono i deputati democratici.

26/02/2020 - 17:28

“Lo sport italiano non può essere penalizzato a causa dell’emergenza coronavirus. Purtroppo si stanno verificando alcuni disagi che mettono in difficoltà le società coinvolte e ledono l’immagine dell’intero Paese. La federazione rugby di Dublino ha annunciato che non si giocherà il match del 6 Nazioni con la nazionale italiana. Mentre la pallacanestro femminile, in due giorni, ha ricevuto il rifiuto della squadra ungherese Sopron alla partita con Schio e della squadra lettone di Riga a non voler disputare il match contro la Reyer Venezia in coppa campioni femminile. Condivido la richiesta del presidente della Federbasket Petrucci di assumere provvedimenti da parte della Fiba, contro chi discrimina l’Italia e i suoi professionisti. Lo spirito sportivo passa anche attraverso il rispetto degli altri e l’assenza di discriminazioni. Confido che il governo, a partire dal presidente Conte e dal ministro Spadafora, prendano le opportune iniziative a difesa e a sostegno dello sport italiano”.

Così il deputato dem, Andrea Rossi

Pagine