05/08/2020 - 14:12

“Questa mattina è scomparso Sergio Zavoli, una persona, una voce, colta e gentile, popolare e profonda, ironica e delicata, un grande giornalista. La sua televisione, si può dire, era a colori, anche quando era in bianco e nero, con tutta la sua bellezza.
Ha inventatl una trasmissione rivoluzionaria, “Processo alla tappa”, dopo il Giro d'Italia. Faceva commentare quella corsa popolare a personalità come Pier Paolo Pasolini, come Alberto Moravia. E impossibile dimenticare “La notte della Repubblica”, la grande inchiesta televisiva sugli anni di piombo e del terrorismo.
Noi, come Partito Democratico, siamo stati onorati di avere eletto nelle nostre file, di aver avuto tra i senatori del Partito Democratico Sergio Zavoli, ma siamo altrettanto convinti che Sergio Zavoli non è solo un patrimonio del Partito Democratico, ma di tutto il Parlamento e di tutto il Paese”. Lo ha detto in Aula il deputato del Pd, Walter Verini, intervenendo in commemorazione di Sergio Zavoli.

01/07/2020 - 13:38

“Un risultato molto positivo, che premia coloro che da sempre si battono contro il racket e un aiuto concreto per le  vittime della criminalità”. Cosi il parlamentare del Pd  Walter Verini subito dopo l’approvazione in commissione Bilancio di un emendamento a sua firma e riformulato dai relatori che prevede “uno stanziamento aggiuntivo di 4 milioni di euro in più nel 2020, da destinare al Fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive. “. Si tratta – ha concluso Verini -  di un obiettivo che tutto il Pd ha  perseguito con forte determinazione, di cui saranno beneficiati anche gli imprenditori colpiti dal Covid e  le vittime di questo cancro che è il racket”.

16/06/2020 - 17:52

“La decisione della Regione Umbria di impedire l'uso di Ru486 senza ricovero ospedaliero è molto grave e rappresenta una cambiale che la Presidente Tesei paga alle forze più oscurantiste che l'hanno sostenuta e la sostengono. Altro che tutela della salute: la verità è che sono forze che non si rassegnano all'idea di una società nella quale le donne possano scegliere. Forze che contrastano chi si batte per una società non più patriarcale e maschilista ma fondata sulla parità di genere. Che non si rassegnano, per esempio, all'affermazione delle Unioni civili e che in queste ore si battono anche contro una legge civile che contrasti l’omotransfobia. Il Pd ha presentato una interrogazione parlamentare al Ministro Speranza, perché si garantiscano i diritti delle donne, anche davanti a scelte difficili e dolorose. Ma il cammino dei diritti e della civiltà non può essere interrotto da una destra che alza barriere anacronistiche e che vorrebbe imporre a tutti i suoi modelli di vita ”.

Così Walter Verini, deputato del Pd e Commissario del partito in Umbria.

06/06/2020 - 19:03

“Oggi, con la gazzarra del Circo Massimo, con gli attacchi alle forze dell’ordine e ai giornalisti, non si è arrecata solo un’offesa a Roma ma una ferita al Paese. Si è avuta una riprova di quanto siano pericolosamente attuali rigurgiti neofascisti e neonazisti. Al raduno del Circo Massimo o con le offese antisemite a Emanuele Fiano, cui va la nostra affettuosa solidarietà. Ci aspettiamo parole di presa di distanza e condanna da tutte le forze politiche, senza imbarazzati silenzi e ambiguità. Ci aspettiamo parole nette anche da Salvini e Meloni che siedono in Parlamento. Parlamento che vive e funziona proprio perché il fascismo venne sconfitto”.

Così il deputato del PD Walter Verini

06/06/2020 - 13:54

“Questa mattina ho presentato alla Camera un’interrogazione rivolta al ministro della Salute sulla opaca vicenda dell’acquisto da parte della Regione Umbria - senza procedure di gara e di evidenza pubblica - di migliaia di cosiddetti “pungidito” per screen Test Covid, per importi di spesa pubblica rilevanti, poi inutilizzati. Sulla vicenda, come è noto, anche la magistratura contabile si è attivata per le attività di propria competenza e per accertare eventuali profili di reato. Gli organi di informazione hanno parlato della vicenda; il gruppo consiliare regionale del PD e le altre forze di minoranza consiliare hanno intrapreso iniziative per chiedere alla Giunta Regionale e ai dirigenti del Settore gli opportuni e necessari chiarimenti su una operazione che presenta come minimo scelte e aspetti che debbono essere spiegati, motivati, giustificati. Nonostante queste iniziative, la Giunta Regionale e la maggioranza non hanno fornito alcuna risposta, opponendo di fatto un muro di gomma alle legittime richieste delle forze dell’opposizione. Per tutti questi motivi ho ritenuto necessario investire con l’interrogazione il ministero della Salute, perché - nel rispetto delle rispettive competenze - possa contribuire a verificare le modalità di produzione, certificazione e acquisizione di queste dotazioni da parte della Regione Umbria e per rafforzare ulteriormente le iniziative di coordinamento per una omogeneità delle prestazioni a tutela della salute, del Servizio Sanitario Nazionale, della trasparenza delle procedure, che debbono valere per tutte le realtà”.

Lo dichiara Walter Verini, deputato del Partito democratico. 

27/05/2020 - 10:50

“In questi giorni personaggi politici come il sindaco De Magistris hanno rivolto nuovamente al Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano accuse gravissime tanto più perché gratuite e infondate. Qualche organo di stampa ha ripreso queste cose, usando perfino espressioni insultanti nei confronti del Presidente, oltrepassando inaccettabilmente il limite del legittimo giudizio critico. Esprimo solidarietà a Giorgio Napolitano, uomo che ha sempre servito con lealtà e senso dello Stato le istituzioni democratiche - fino alla più alta magistratura- seguendo la Costituzione e l’interesse generale del Paese“.

Così il deputato del PD Walter Verini.

26/05/2020 - 20:26

“Il passaggio delle Frecce Tricolori nei cieli di diverse città italiane non può in alcun modo giustificare quello che è avvenuto oggi nel centro di Perugia, con incredibili, ingiustificati e pericolosi assembramenti di centinaia e centinaia di persone. E ancora meno si può giustificare il comportamento del Sindaco che, con la fascia, invece di adoperarsi per prevenire e risolvere gli assembramenti posava per foto ricordo”.

Così il deputato umbro del PD Walter Verini.

23/05/2020 - 19:00

“Da Gasparri solo battute da asilo”

“Il senatore Gasparri dovrebbe sapere che per essere promossi bisogna innanzitutto saper leggere. E la promozione non sarà facile, con le battute da asilo che fa sul cognome del ministro Boccia. Tutti, dal governo al Partito Democratico regionale, siamo convinti che la Regione Umbria sarà pronta ad accogliere turisti dall’Italia e non solo. E la Presidente Tesei, invece di passare il tempo ad attaccare il governo per nascondere diverse inconcludenze e ritardi, si muova e si assuma responsabilità per preparare da subito l’Umbria. Se sarà capace di farlo, avrà il nostro sostegno per raggiungere questo obiettivo con progetti efficaci, che il Gruppo PD in Regione ha già proposto. Come lo ha avuto in questi difficili mesi dal governo e da tutti i suoi ministri, a partire dal ministro Boccia. Non è il tempo di fare polemiche di basso livello ma di continuare a combattere l’epidemia con ogni strumento e prepararsi per la fase di rilancio.” Lo dichiara il deputato dem Walter Verini.

20/05/2020 - 12:45

"La mattina di ventuno anni fa, a Roma, in Via Salaria, a pochi passi da casa sua, dei terroristi rossi misero fine alla vita, all'impegno civile e culturale di Massimo D'Antona. Intanto mandiamo un abbraccio alla figlia Valentina e ad Olga, che non solo la nostra parte politica, ma questo Parlamento ha avuto l'onore di averla come deputata.I terroristi colpirono chi voleva cambiare il diritto e le politiche del lavoro in senso moderno, legato ai cambiamenti della societa', partendo pero' da un caposaldo: la difesa dei diritti. Colpirono un uomo dello Stato, della ricerca, dello studio, dell'impegno civile e sindacale.Colpirono un uomo del dialogo. E il suo assassinio fu un segno di odio, di annientamento, propaggine di quell'odio che caratterizzo' i terribili anni di piombo in questo Paese.Nel salutarlo, nel ricordarlo, ci piace pensare che Massimo D'Antona, se oggi fosse qui con noi, sarebbe al lavoro per attualizzare e migliorare un presidio fondamentale della civilta' di questo Paese, che compie in questi giorni cinquanta anni: lo Statuto dei lavoratori". Lo ha detto in Aula il deputato del Pd, Walter Verini, intervenendo a nome del gruppo Pd per ricordare Massimo D'Antona.

19/05/2020 - 10:24

“La vicenda Acciai Speciali Terni, dopo le comunicazioni legate agli orientamenti della Thyssenkrupp, assume aspetti di forte preoccupazione e allarme. Per questo stamattina ho presentato una interrogazione al Governo affinché promuova tutte le iniziative possibili per scongiurare un colpo gravissimo e inaccettabile al sito produttivo ternano, all’occupazione, a una città e a una regione intera. Gli orientamenti della multinazionale tedesca presentano aspetti che lasciano sconcertati: si passa improvvisamente dalla strategicitá del sito ternano a possibili soluzioni esterne al gruppo. E lo si fa in una fase delicatissima che più che mai richiederebbe invece di affrontare le sfide e le difficoltà , anche a livello del mercato internazionale, non con colpi di mano, ma con la massima trasparenza, il massimo rispetto delle relazioni istituzionali e sindacali. E soprattutto con la massima considerazione professionale e umana per tutti i lavoratori e tutte le risorse umane che hanno reso di alta qualità e competitive le produzioni del sito ternano. Su questi obiettivi è necessario che tutta la comunità regionale sia unita e mobilitata”.

Così il deputato del PD Walter Verini.

14/05/2020 - 12:07

“Esprimiamo soddisfazione per la norma introdotta ieri nel decreto legge di rilancio del Paese in merito agli esami di avvocato, che raccoglie le comprensibili preoccupazioni di molti aspiranti avvocati che hanno sostenuto la prova scritta nello scorso dicembre. Grazie a questa norma le commissioni di esame saranno autorizzate a correggere gli elaborati anche da remoto, salvaguardando comunque la collegialità, e potranno anche svolgere gli esami orali a distanza, laddove ciò fosse opportuno. In questo modo si garantirà il completamento dell'esame, e saranno salvaguardati i diritti e le legittime aspirazioni dei candidati. Una buona soluzione, alla quale il Partito Democratico ha contribuito fattivamente.” Lo affermano in una nota i deputati dem Alfredo Bazoli, capogruppo in commissione Giustizia alla Camera e Walter Verini, responsabile Giustizia del Partito Democrativo.

24/04/2020 - 14:02

“Con l'accoglimento di un ordine del giorno della maggioranza, proposto su impulso del Partito democratico, il governo si è impegnato a prevedere che il processo telematico in ambito penale non si applicherà alle udienze istruttorie e a quelle di discussione, salvo accordo tra le parti. È una precisazione importante, che consente di rimuovere le preoccupazioni che da parti significative di avvocatura e magistratura erano pervenute, circa i rischi che una eccessiva estensione delle udienze da remoto avrebbe potuto comportare per il corretto esercizio dei diritti di difesa e un adeguato contraddittorio. Al contempo, non si pregiudica la possibilità di continuare a fare funzionare la giurisdizione pur in questo periodo di chiusura degli uffici giudiziari. In ogni caso, la disciplina prevista dal decreto Cura Italia esaurirà i suoi effetti il 30 giugno prossimo. Ci sarà tempo e modo, finita l'emergenza, di affrontare, al riparo da urgenze, il tema del processo telematico, con una discussione necessariamente approfondita che tenga conto di tutti i delicati interessi e aspetti che coinvolge”.

Così i deputati dem, Alfredo Bazoli, Walter Verini e Franco Vazio.

21/04/2020 - 18:18

“La maggioranza di governo, facendosi carico delle osservazioni venute da magistrati, avvocati e giuristi su criticità e rischi connessi alla possibilità di celebrare anche le udienze penali a distanza, nella seduta della commissione Giustizia di oggi ha dato il suo parere favorevole alla conversione del decreto Cura Italia, che quelle norme contiene, a condizione che vengano tenute escluse dalla modalità telematiche le udienze che comportano attività istruttoria o di discussione. Per le quali, in omaggio al diritto di difesa, si ritiene debbano essere preservati i principi di oralità, immediatezza e concentrazione del contraddittorio. La maggioranza tutta ha sostenuto questa esigenza e la proposta di condizione del Presidente Vazio e del relatore Perantoni. Sorprende che l’opposizione, che pure ha molto criticato la norma in questione, non abbia concorso, per rafforzarla, ad approvare il parere inviato alla commissione Bilancio. Con questa decisione, si accolgono le preoccupazioni legate al rispetto di diritti costituzionali (dal diritto alla difesa a quello alla privacy sollevato anche dal Garante Soro) su una norma comunque del tutto temporanea, legata esclusivamente all’emergenza sanitaria. È evidente che riforme che prevedano l’adozione di modalità da remoto dovranno essere affrontate in futuro attraverso un ampio confronto parlamentare che  veda coinvolte tutte le componenti della giurisdizione e della cultura giuridica”.

Così in una dichiarazione congiunta i deputati Walter Verini, responsabile Giustizia PD, e Federico Conte, capogruppo LEU in commissione Giustizia.

30/03/2020 - 16:04

“In questo drammatico momento che il Paese sta vivendo il ruolo svolto dagli organi di informazione si conferma fondamentale. Per questo tutti gli operatori della comunicazione pubblica e privata ( giornalisti, tecnici, produttori, editori) meritano davvero il ringraziamento della collettività, anche perché lavorano in condizioni difficili. In questo quadro anche il ruolo delle radio e televisioni locali si conferma straordinario. Offrono quotidianamente informazione, aggiornamenti, notizie utili. Svolgono un servizio pubblico di autentica utilitá sociale. Per queste emittenti la situazione è ancora più difficile: per il crollo della pubblicità, per la chiusura di tante attività. Per questo vanno sostenute e come gruppi PD lavoreremo insieme al Governo e al Dipartimento per l’Editoria per introdurre ulteriori misure reali e concrete a tutela di questo settore, a partire dal decreto di aprile”.

Lo dichiarano i parlamentari democratici Walter Verini e Francesco Verducci.
 

05/03/2020 - 15:25

Le misure eccezionali adottate dal governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria appaiono opportune e necessarie. Oggi la priorità è certamente quella di contenere la diffusione dell’epidemia, per evitare picchi di contagio che potrebbero mandare al collasso il sistema sanitario, e creare danni ancora più pesanti all’economia del Paese. Giusto quindi sospendere le attività didattiche in scuole e università, sospendere ogni attività che comporti affollamento di persone, adottare tutte le opportune cautele laddove ciò sia richiesto.

In questo quadro riteniamo che anche gli uffici giudiziari - luoghi dove notoriamente transitano quotidianamente centinaia di persone, dove si celebrano udienze in stanze spesso piccole e affollate, ove le misure di cautela su distanze tra persone sono obiettivamente difficili da rispettare - non possano rimanere estranei a provvedimenti finalizzati a contenere la diffusione del virus e a tutelare gli operatori del settore.

Raccogliendo allora anche le preoccupazioni di avvocati e magistrati abbiamo girato queste nostre sollecitazioni al governo, che le sta opportunamente valutando, affinché i capi degli uffici giudiziari siano responsabilizzati e messi nelle condizioni di adottare le misure organizzative più idonee a garantire la sicurezza, anche prevedendo la sospensione temporanea o il rinvio delle attività giurisdizionali non urgenti, in modo da diluire le presenze negli uffici giudiziari ed evitare così che diventino luoghi di potenziale diffusione del contagio.

Lo affermano i parlamentari democratici Alfredo Bazoli (capogruppo in commissione Giustizia alla Camera), Franco Mirabelli (vice capogruppo senatori Pd) e Walter Verini (responsabile Giustizia).

Pagine