13/09/2017 - 12:42

"Per Cancelleri va bene una donna all’Agricoltura perché fa figli, come la terra dà i frutti. Una concezione abominevole, vergognosa.

Le donne del Movimento 5 stelle non hanno nulla da dire? Lombardi, Taverna, Ruocco e tutte le parlamentari cinquestelle accettano parole del genere? Finora la campagna di Cancelleri ha riservato solo gaffe e scivoloni: dicevano di essere in testa, ma ogni giorno ne combinano una, dimostrando la loro totale inadeguatezza e inaffidabilità". 
Così Alessia Morani, vicepresidente del gruppo Pd della Camera
 

13/09/2017 - 12:40

“L’incendio dell’escavatore dell’impresa di Giovan Battista Perciaccante, il presidente dell’Associazione nazionale costruttori di Cosenza, è un atto che desta molta preoccupazione sul quale le autorità inquirenti devono fare al più presto piena luce. Nel momento in cui è grande lo sforzo per il rilancio del Sud, vanno create tutte le condizioni per contrastare in maniera efficace ogni forma di inquietante ingerenza che rischia di asfissiare i territori. Anche per questo vorrei esprimere tutta la mia solidarietà a Giovan Battista Perciaccante”.

13/09/2017 - 12:37

"Non solo il Movimento Cinque Stelle dimostra grande improvvisazione e impreparazione - come si evince dal provvedimento del Tar che ha sospeso il risultato delle regionarie - ma dalle prime uscite pubbliche del (forse) candidato Giancarlo Cancelleri sembra di ripiombare indietro di secoli, almeno per quanto riguarda la concezione della donna". Lo dice Magda Culotta, deputato del Pd, in merito alle dichiarazioni di Cancelleri in occasione della presentazione dell'assessore all'Agricoltura. "Le parole di Cancelleri sulla sua idea di donna - continua Magda Culotta - che va bene per l’agricoltura perché fa figli, sono peggio di quanto avrebbe potuto dire un cavernicolo. Neanche nella Sicilia del Medioevo - conclude Magda Culotta - si aveva una concezione del genere. 

13/09/2017 - 12:34

«L'ulteriore rinvio dello Ius soli nel calendario di aula del Senato non deve rappresentare una resa definitiva al clima ostile che la propaganda xenofoba sta creando nel Paese. Io continuo a pensare che questa legge sia un obiettivo qualificante della legislatura e che vada fatto ogni sforzo per approvarla in tempo utile». Lo afferma Paolo Beni, deputato del Partito Democratico.

«So bene – prosegue Beni - che oggi l'orientamento dell'opinione pubblica è assai meno favorevole rispetto a due anni fa, ma questo non può essere un motivo per rinunciare. Ogni atteggiamento di subalternità alla campagna di disinformazione condotta da chi specula sulle paure degli italiani non fa che alimentare il clima di intolleranza che sta montando nel Paese. Bisogna avere il coraggio di dire la verità,  rivendicare il fatto che vogliamo dare la cittadinanza ai nuovi italiani perché questo è utile all'integrazione e serve a rendere più coese e sicure le nostre comunità. Ci sono scelte che vanno fatte semplicemente perché sono giuste, al di là di ogni calcolo di convenienza».

13/09/2017 - 12:32

“Le dichiarazioni di Salvini sui vaccini sono gravissime e pericolose. Il leader delle Lega non solo dimostra la sua totale ignoranza verso un tema così delicato ma conferma, ancora una volta, la sua totale mancanza di scrupoli: pur di attirare a sé facili consensi non esita a cavalcare le peggiori ondate populiste,  in questo caso con buona pace della tutela della salute degli italiani”. Così il responsabile Sanità del PD, Federico Gelli, commenta le dichiarazioni di Matteo Salvini sulla legge sui vaccini.

“Innanzitutto i test prevaccinali sponsorizzati da Salvini – spiega Gelli - sono del tutto inutili, come a più riprese spiegato dallo stesso Istituto superiore di sanità. Questi esami inefficaci e costosi servono solo ad arricchire chi li propone . Quanto alla polemica sul numero dei vaccini obbligatori, definito un ‘unicum’ a livello europeo,  mi vedo costretto a consigliare al leader del Carroccio di aprire più spesso i giornali. Scoprirebbe che la Francia, seguendo il modello italiano, dal 2018 renderà obbligatori 11 vaccini”.

“Infine, sulla polemica legata al presunto ‘regalo’ alle Aziende farmaceutiche, Salvini ignora che il costo delle vaccinazioni è di gran lunga inferiore a quello delle cure. E, ricordiamo, che nei primi 8 mesi di quest’anno, per il solo morbillo, si sono registrati oltre 1900 ricoveri. Salvini ha idea di quanto costi un ricovero o di quanta angoscia questo comporti nelle famiglie? Sa che per le cure si deve far ricorso, e con spese maggiori, a farmaci prodotti dalle stesse Aziende farmaceutiche da lui contestate? Tutto questo sarebbe evitabile con il semplice ricorso ai vaccini. Purtroppo non ne è stato ancora inventato uno contro le ‘sciocchezze’, sarebbe stato utile per politici come lui”, conclude Gelli.

13/09/2017 - 12:30

«A un anno di distanza dall’entrata in vigore della “legge antisprechi” 166/2016 il bilancio può dirsi decisamente positivo. La legge italiana è diventata un modello anche per gli altri Paesi europei. Le donazioni da parte di imprese impegnate in vari settori della intera filiera economica sono sensibilmente aumentate grazie ad una maggiore semplificazione burocratica e a puntuali disposizioni fiscali che incentivano chi sceglie di erogare beni a titolo gratuito. Questo dato è confermato dalle associazioni di volontariato che hanno visto crescere i beni erogati gratuitamente per quantità e tipologia, come ad esempio i farmaci, i prodotti a lunga conservazione, così come i cibi cotti, freschi e i prodotti ortofrutticoli. La legge ha suggerito nuove forme di sperimentazione per il recupero di prodotti prima impensabili come quelli confiscati, le enormi eccedenze nel settore marittimo o in quello del banqueting, nelle mense aziendali e scolastiche.». Lo afferma Maria Chiara Gadda, responsabile del dipartimento Spreco alimentare dell’esecutivo nazionale Pd, e promotrice della legge.
«La legge – prosegue – ha una finalità ben precisa che è quella di agevolare un dialogo costruttivo tra pubblico e privato in una logica di sussidiarietà e responsabilità sociale. Quando si parla di spreco, ormai non c’è più nulla da fare, al contrario recuperare in modo efficiente le eccedenze significa assegnare una nuova vita a prodotti buoni e sani che altrimenti andrebbero persi, affinché si trasformino in un bene per le persone più bisognose.».
«Una tappa importante è stata raggiunta, ora è necessario – conclude Gadda – lavorare per inserire ulteriori semplificazioni burocratiche ed estendere i benefici della legge ad altri prodotti importanti per le famiglie, agevolare l’azione del terzo settore anche attraverso agevolazioni dirette di carattere sia burocratico che fiscale e promuovere campagne di educazione, formazione e sensibilizzazione dei cittadini.».
 

12/09/2017 - 20:44

"La rievocazione della 'Marcia su Roma, la torta dedicata ad Adolf Hitler. Non è folklore. Le ideologie che promuovono violenza ed intolleranza possono rinascere, nel terreno fertile della crisi economica, nelle pieghe delle disuguaglianze sociali. E’ più che mai necessaria ed attuale una legge che impedisca il risorgere di queste idee. Senza introdurre un reato di opinione, con questo provvedimento intendiamo colpire la propaganda d'odio, a difesa dei principi democratici e di libertà che non posso essere oggetto di revisionismo storico. Grazie ad Emanuele Fiano per il suo impegno in prima linea nel portare avanti questa battaglia".

Post su Fb di Ettore Rosato, presidente deputati Pd 

12/09/2017 - 20:43

“Il principio di libertà è alla base della legge che noi abbiamo fortemente voluto. Perché a 65 anni dalla Legge Scelba non è affatto scolorito il compito di combattere l’ideologia nazi-fascista, la carica di violenza razzista e di odio che essa comporta. Di quelle idee non si può fare apologia o propaganda, questa è il concetto che sta alla base della nuova norma che riguarda l’oggi non il passato. L’estrema destra è un fenomeno di oggi, che si va radicando dove crescere il disagio e la rabbia: è un pericolo enorme. Sono pericolose le loro azioni, i loro comportamenti, i loro metodi e la propaganda dei loro contenuti. Non vogliamo limitare la libertà di opinione ma impedire che la nostra libertà sia offuscata dai veleni del fascismo”.

Lo ha detto Emanuele Fiano, nella dichiarazione di voto alla legge che introduce il reato di apologia del fascismo.

12/09/2017 - 20:00

Irresponsabile chi minimizza o ridicolizza il tema

“La norma contro l’apologia del fascismo è necessaria. Per l’oggi, non per fare processi o rivisitare il passato. Io rivendico la necessità di introdurre questo reato che è diverso da quello già previsto dalle leggi Scelba e Mancino”. 

Così il relatore della legge che condanna chi fa apologia del fascismo, Walter Verini, il quale insiste: “attenzione a chi ridicolizza il tema. In questi mesi vediamo crescere condotte e fatti direttamente riconducibili all’istigazione al razzismo, alla violenza, all’odio contro il diverso. Non è folklore: ci sono le ronde contro i rom, i raid punitivi contro i migranti, le scritte inneggianti ai campi di sterminio, le irruzioni neofasciste dentro istituzioni democratiche. La legge non colpisce le opinioni o la ricerca storica  ma i comportamenti di ispirazione fascista. Per questo noi del Pd la sosteniamo con forza, noi non vogliamo che quei veleni siano innervati nella nostra società”.

12/09/2017 - 19:58

“Quanto emerge dalla relazione presentata oggi dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti  e sugli illeciti ambientali ad esse correlati restituisce il grande lavoro svolto in questi anni dalla commissione di cui sono componente, guidata dal Presidente Alessandro Bratti. Abbiamo voluto caratterizzare il nostro impegno non solo indagando le attività illegali che ruotano intorno al pericoloso business dei rifiuti e degli illeciti ambientali, ma in molti casi anche supportando il lavoro delle altre istituzioni, centrali e territoriali, e il dialogo con  la società nelle sue varie articolazioni sui problemi aperti, contingenti e antichi".

Lo afferma Chiara Braga, deputata comasca del Partito Democratico e componente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti  e su illeciti ambientali ad esse correlati partecipando alla presentazione della relazione sull'attività della commissione  tenutasi oggi alla Sala della Regina presso la Camera dei Deputati.

“In diverse occasioni -prosegue Chiara Braga- dalla legge sugli ecoreati agli interventi relativi a siti contaminati, la Commissione Ecomafie ha contribuito con la sua attività alla proposta di norme e alla verifica della loro efficacia, arricchendo così anche i compiti tradizionali attribuiti alla stessa Commissione. Dal confronto avvenuto oggi - conclude Chiara Braga -  sono venuti contributi e spunti molto interessanti che accompagneranno l'attività che la Commissione dovrà svolgere in questi ultimi mesi di legislatura, portando a compimento il lavoro di indagine che si sta realizzando su temi di primario interesse per il Paese: quali, ad esempio, quello sul sistema del riciclo e sull'attività dei consorzi in una prospettiva sempre più rivolta ad un modello di economia circolare".

12/09/2017 - 17:19

Post su Fb di Ettore Rosato, presidente deputati Pd 

Con un minuto di silenzio alla Camera abbiamo voluto ricordare le vittime del maltempo a Livorno. 
Il silenzio in questi caso si unisce solo al rumore del lavoro di chi scava tra il fango e asciuga l'acqua. Ai vigili del fuoco, alle forze dell'ordine e ai volontari va il ringraziamento di tutti. Ha fatto bene il Presidente Gentiloni a chiedere di non fare polemiche: rimboccarci le maniche e dare subito sostegno a chi ha perso la casa, la propria auto, le certezze di una vita. Senza dimenticare le parole di Papa Francesco:"il cambiamento climatico va preso sul serio". Da lì dobbiamo ripartire per mettere in sicurezza i nostri comuni. Non mancano i soldi per i territori vulnerabili, ma molto si può fare anche con l'ordinaria manutenzione. E qui il ruolo dei sindaci è decisivo. A Livorno come nel resto d'Italia.

12/09/2017 - 16:02

"Non è la legge sui vaccini a essere confusa e a creare caos, come sostiene la sindaca di Roma Virginia Raggi. Piuttosto, sono lei ed il M5S ad alimentare situazioni di caos, escogitando metodi maldestri con i quali si vuole spalleggiare in maniera del tutto irresponsabile i genitori No-Vax”. Lo dichiara Federico Gelli, deputato e responsabile Sanità del Partito democratico, per commentare le dichiarazioni della sindaca di Roma Virginia Raggi a proposito della legge sui vaccini.
“Ricordiamo, infatti – continua - che nelle ultime ore il Comune ha dovuto fare dietrofront sul modello per l’autocertificazione diramato da Raggi nei giorni scorsi, impegnandosi ora a diffondere il modello allegato alla circolare ministeriale dello scorso 16 agosto. Ecco chi sono i veri responsabili della confusione. Le procedure per mettersi in regola sono chiare e note ormai da tempo”.
“Chi vuole mettere in regola i propri figli può farlo in diversi modi: bastano una telefonata al Cup o una mail o una raccomandata con avviso di ricevimento alla Asl”, conclude. 

12/09/2017 - 15:31

"Cortei in costume, rievocazioni e giochi storici si svolgono in tutta Italia e sono parte del nostro patrimonio storico‐culturale.   Per queste ragioni a inizio legislatura ho presentato la proposta di legge «Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione delle manifestazioni dei cortei in costume, delle rievocazioni e dei giochi storici» (AC 66),  provvedimento all’esame della Commissione Cultura della Camera  e che oggi ha ottenuto il parere favorevole della  Commissione Ambiente di cui è stato relatore il collega Iannuzzi. Un testo sottoscritto da oltre 50 deputati e di cui è relatrice la collega Caterina Pes e che è stato abbinato alle analoghe proposte dei colleghi Donati (AC 3804) e Picchi (AC 4085).
Uno strumento in più per rafforzare le identità dei nostri territori e un turismo diffuso e sostenibile che si orienta verso i borghi, un settore che  secondo i dati è in costante crescita. Una legge che si collega a quella a mia prima firma sui piccoli comuni già approvata dalla Camera e attualmente all’esame al Senato.
Per ogni manifestazione storica, regata, palio o giostra, si registrano in media circa 24.000 presenze. Il testo unificato dà una definizione di  queste manifestazioni, istituisce un albo nazionale dei cortei in costume e delle rievocazioni e  prevede un fondo per la  promozione e valorizzazione di questi eventi, che contribuiscono a quell’intreccio inimitabile di storia, natura e cultura che rende unica l’Italia nel mondo”.

Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente della Camera e primo firmatario del testo unificato sui giochi storici, sull’iter del testo.

12/09/2017 - 15:27

"L'Italia rappresenta il migliore esempio di inclusione degli studenti disabili e questa legislatura ha posto ulteriori elementi di innovazione”. Lo dichiara Laura Coccia del Partito Democratico, deputata del Partito democratico.

“Il commissario per i Diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muiznieks – spiega - in occasione della pubblicazione del rapporto ‘Lotta alla segregazione scolastica in Europa attraverso l'istruzione inclusiva’, riconosce i frutti di un percorso durato anni.  Da quando, cioè, abbiamo abbandonato l’istruzione speciale o differenziale e ci siamo orientati verso un  processo educativo d’integrazione, in una prospettiva inclusiva. È, inoltre, evidente lo sforzo ulteriore fatto in questa legislatura con la delega sull'inclusione, con cui sono stati introdotti elementi di rafforzamento del sistema.  E' stato un lavoro lungo che ha accolto molti suggerimenti delle famiglie e delle associazioni, interlocutori indispensabili per realizzare processi di inclusione scolastica sempre più efficaci”.
“Per continuare su questa strada, il passo successivo dovrà essere quello di allargare ulteriormente la didattica inclusiva. Essa deve diventare una risorsa educativa al servizio dei bisogni educativi di tutti i ragazzi. Il passaggio da una scuola che integra a una scuola che include continuerà a essere il mio primo impegno e obiettivo politico", conclude.

12/09/2017 - 14:16

Per essere chiari, rispondendo ad una domanda durante una diretta radiofonica sulla proposta di Luciano Violante, circa la necessità di cancellare la scritta Dux dall'obelisco dell'Olimpico a Roma, ho dichiarato che non sono contrario, mentre non sono d’accordo con l'abbattimento dei monumenti o edifici dell'epoca del ventennio o con misure iconoclaste di qualsiasi foggia. La cancellazione di quella scritta non è una mia proposta e non è certo una priorità.  Non  è in alcun modo oggetto della legge che voteremo oggi e per la stessa legge non sarebbe reato. Il provvedimento che votiamo oggi alla Camera si occupa della propaganda o dell'apologia dell'ideologia fascista, non di architettura, arte o altro. Per me quella scritta può rimanere, non è oggetto della mia attenzione.

Lo afferma Emanuele Fiano, capogruppo Pd in commissione Affari costituzionali della Camera e primo firmatario della legge sul reato di propaganda razzista.

Pagine