22/05/2020 - 13:35

“Oggi sono intervenuto in aula alla Camera per illustrare l'interpellanza urgente presentata sul gravissimo incidente di Porto Marghera. Com’è potuto accadere? Di chi sono le responsabilità? Quali sostanze sono state sprigionate nell’aria, nei terreni e nell’acqua? I cittadini hanno il diritto di sapere. Inoltre va riconsiderato il monitoraggio ambientale e di gestione delle emergenze da parte delle aziende dell'area e implementato il sistema di allertamento della popolazione, che ha dimostrato tutte le sue carenze durante l'incidente. Il Governo, con il Sottosegretario Stanislao Di Piazza, ha assicurato il massimo impegno a rispondere su tutti i punti, assicurando di seguire gli sviluppi della vicenda con grande attenzione. In particolare il ministero ha riferito di aver avviato da tempo un confronto sui temi della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro con l'obiettivo di creare un quadro costruttivo tra i diversi attori coinvolti, finalizzato all'individuazione di proposte condivise per il rafforzamento del quadro di tutele e ribadito che gli accertamenti sulla dinamica dell'incidente e sul rispetto delle norme di sicurezza sono tuttora in corso e si è provveduto all'informativa all'autorità giudiziaria. Non è possibile che nel 2020 possa esplodere una fabbrica chimica che opera a poca distanza dal centro abitato ed è situata ai bordi di un ambiente fragile come la laguna di Venezia”.

Così il deputato del Pd, Nicola Pellicani.

22/05/2020 - 13:33

"Con un emendamento a mia prima firma al così detto “Dl liquidità”, si è definita la sospensione delle rate dei mutui prima casa anche per i soci di cooperative edilizie con i requisiti previsti dal decreto. Un risultato positivo che evita un’incomprensibile discriminazione tra cittadini nelle stesse condizioni sociali e di reddito".

Lo dichiara Claudio Mancini, deputato del Partito Democratico e membro della commissione Finanze alla Camera.

"Ringrazio – prosegue Mancini - la maggioranza che lo ha sostenuto e il Ministero dell'Economia per il parere favorevole. Il Partito Democratico – conclude Mancini -  auspica che il decreto ministeriale attuativo venga emanato al più presto dopo la conversione in legge del decreto”.

22/05/2020 - 12:54

“Approvato emendamento per stop affitti fino 31 ottobre

“Una boccata d’ossigeno per le Botteghe di Piazza San Marco, ma non solo. Alla fine ieri sera in Commissione Finanze e Attività Produttive, nell'ambito dell'esame del Decreto Liquidità, è passato il mio emendamento a tutela delle imprese che svolgono attività negli immobili dello Stato. Inizialmente l’emendamento non era stato esaminato poi, con il sostegno del Sottosegretario, Pier Paolo Baretta, è stato fatto proprio dal relatore del decreto. Così sarà possibile tutelare le imprese che svolgono la loro attività commerciale in affitto o concessione in edifici dello Stato, come le Botteghe Storiche di Piazza San Marco a Venezia, che non erano ricomprese in nessuno dei decreti precedenti, ma che in questo momento di grande crisi, in cui molti negozi ed esercizi commerciali sono rimasti chiusi per mesi, si trovano in difficoltà a far fronte a tutte le spese, comprese quelle relative all'affitto degli immobili. Per questo l'emendamento prevede il posticipo dei pagamenti dei canoni al 31 ottobre 2020, senza il pagamento di alcun interesse”.

Così il deputato dem, Nicola Pellicani.

“Nell'ambito del Decreto Milleproroghe - aggiunge il parlamentare del Pd - era già stato approvato un mio emendamento a tutela delle Botteghe Storiche di Piazza San Marco a Venezia, che prevedeva la proroga fino al 31 dicembre 2021 della durata delle concessioni e delle locazioni rilasciate o rinnovate in città. Continua, dunque, il mio impegno sul Dossier Venezia, strategico per difendere la città”.

22/05/2020 - 12:52

“Crediamo sia necessaria una più forte attenzione per favorire la riapertura in sicurezza per gli stabilimenti termali. Gli Stabilimenti termali, infatti come prevede la normativa, assicurano un costante presidio medico e paramedico al servizio degli ospiti delle struttura e dei dipendenti, secondo protocolli standard, rafforzati, nell'ultimo periodo, anche da un rigido protocollo di tutela e prevenzione denominato “Terme Sicure”. Per questa ragione chiediamo che il Governo si faccia carico del sistema terme, prevedendone la riapertura, secondo regole certe, nel rispetto delle norme di distanziato oltre all'implementazione dei sistemi di sanificazione in essere, tutti autorizzati a livello regionale e che garantiscono agli utenti, con misure ad hoc, gli stessi standard di sicurezza delle piscine alimentate ad acqua comune.” Lo dichiarano le deputate dem Susanna Cenni, vice presidente della commissione Agricoltura della Camera e responsabile Agricoltura del Pd e Beatrice Lorenzin, responsabile del forum sanità del Partito Democratico ed ex Ministro della Salute.

“Ricordiamo infine - sottolineano le deputate dem - che dal punto di vista autorizzatorio, non vi è alcuna differenza tra l’attività di estetista e quella di “centro benessere”, in quanto entrambe sono autorizzate in base alla legge n. 1 del 1990. Di conseguenza è illogico non consentire l’apertura dei centri benessere termali, limitatamente all’attività estetica, sulla base dei protocolli previsti, come già avviene, peraltro, per le SPA negli Alberghi. 

Le terme costituiscono un importante infrastruttura del Paese, per loro caratteristiche, storia e professionalità possono svolgere un ruolo più attivo nei percorsi di riabilitazione anche da Covid-19, e rappresentano spesso un fondamentale fulcro  dello sviluppo  turistico in aree interne e minori. Per tutte queste ragioni, e fiduciose nel prezioso lavoro che importanti Regioni Termali stanno svolgendo definendo protocolli e standard di sicurezza, auspichiamo che tornino al più presto ad una rinnovata funzionalità.”

22/05/2020 - 11:25
“Il lavoro parlamentare fin qui svolto ha migliorato il decreto liquidità e lo ha reso più efficace nelle risposte che i cittadini e le imprese attendono. Diverse misure, in un dialogo costante con il governo, sono state riviste nell’orizzonte per cui i deputati democratici si sono battuti, della semplificazione, della facilità di accesso al credito, dell’ampliamento dei tempi delle rateizzazioni, delle agevolazioni. E’ importante ad esempio aver inserito la possibilità di restituire in 10 anni e non più in 6 i prestiti coperti dal Fondo di Garanzia che aumentano anche da 25 a 30 mila euro. Le imprese con fatturato fino a 3,2 milioni nel 2019 potranno chiedere il finanziamento fino al 25% restituendolo in 30 anni e non più  in 10 con la copertura delle garanzie pubbliche all’80% e per il restante 20% anche da Confidi. Viene anche prevista la facoltà di distribuire gli ammortamenti delle perdite di quest'anno in più bilanci, e la possibilità di chiedere prestiti garantiti dallo Stato è estesa a broker e assicuratori. Queste tra le novità che servono a dare forza al comparto delle Pmi, da sempre fondamentale per l’economia e l’occupazione. È stata introdotta l'autocertificazione per chi chiede prestito e garanzia, ciò servirà a facilitare l'accesso rapido al credito superando resistenze degli istituti bancari. Sono state introdotte norme che vietano la delocalizzazione delle produzioni e che impediscono che i finanziamenti accordati finiscano nei paradisi fiscali. Sicuramente importante per gli enti del terzo settore la previsione che 100 milioni del Fondo di garanzia possano essere utilizzati per prestiti a queste realtà. 

Un particolare ringraziamento ai colleghi del Gruppo che hanno consentito di ottenere questi risultati decisivi per favorire la ripresa, sostenere l’economia italiana, le nostre aziende, i nostri lavoratori.”

Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio.

 

22/05/2020 - 11:06

“È stato un errore escludere alcune zone rosse dalla possibilità di accedere al Fondo dedicato alle zone maggiormente colpite dall'emergenza coronavirus, tra cui, in Campania, alcuni territori del Vallo di Diano e l'area di Ariano Irpino. In sede di conversione del decreto Rilancio, va assolutamente riformulato l'articolo 112 così da riconoscere a tutti i comuni italiani dichiarati zona rossa di accedere al riparto dello stanziamento di fondi per 200 milioni di euro. Presenteremo un apposito emendamento al riguardo per riequilibrare i livelli di tutele e sostegno a tutte le aree d'Italia provate duramente dalla pandemia, così da non abbandonare nessun territorio del Paese. Sono convinto riusciremo a trovare un'ampia condivisione politica di questa esigenza di modifica in Parlamento.” Così il deputato dem Piero De Luca, capogruppo in commissione Politiche Ue alla Camera. 

21/05/2020 - 20:55

Un altro grande risultato ottenuto oggi dal Partito Democratico.

“Con il risultato importate di ieri che consente alle imprese di poter restituire i prestiti oltre i 10 anni e fino a 30, viene dato un forte aiuto alle imprese in termini di liquidità di cassa.

Con l’emendamento di oggi aiutiamo le aziende a chiudere i bilanci non in negativo, evitando di portare i libri in tribunale.

Il testo approvato prevede che i costi fissi di gestione sostenuti dalle imprese possono essere capitalizzati ed ammortizzati sulla base del principio contabile OIC 24 per la valutazione delle immobilizzazioni immateriali nello stesso arco di tempo del finanziamento ottenuto con le garanzie dello Stato per gli interventi legati a Covid 19. Poi dal 2021 si riparte regolarmente.

Con il doppio risultato allungamento tempi restituzione dei prestiti e con il recupero della perdita civilistica nei bilanci abbiamo risposto alle molte richieste pervenute dal mondo dell’impresa”.

Così una nota dell’ufficio stampa del Gruppo del Partito democratico alla Camera.

21/05/2020 - 20:33

Comparto neve fondamentale per turismo

“Gli operatori degli impianti a fune chiedevano una maggiore attenzione al governo, la chiusura dovuta al lockdown unita alla crisi del turismo li ha coinvolti e messi in seria difficoltà. Per questo siamo molto soddisfatti

dell’approvazione, in commissione Attività produttive e fiscale, dell’emendamento al decreto Liquidità che ha riconosciuto la proroga di un anno dei termini degli adempimenti tecnici e amministrativi relativi agli impianti a fune in servizio pubblico”.

Lo dichiarano in una nota congiunta Luca Lotti, Francesca Bonomo e Roger De Menech, deputati del Partito democratico.

“Gli impianti di risalita, sia nel loro uso classico in inverno, che per le attività estive  - proseguono gli esponenti dem - sono una risorsa trainante del turismo e hanno avuto dal governo il riconoscimento atteso. Da oggi è possibile tornare al lavoro con maggiore serenità per preparare l'imminente stagione estiva, che col passar degli anni è diventata fondamentale per la sostenibilità degli impianti”.

21/05/2020 - 18:53

"Nuove norme e risorse a sostegno delle Pmi grazie alle modifiche apportate al decreto Liquidità dalla Camera”. Lo dichiara Martina Nardi, capogruppo del Pd in commissione Attività produttive, sugli emendamenti approvati a Montecitorio.

"Mi riferisco in particolar modo all'intervento dei Confidi per garantire fino al 100 per cento i prestiti erogati alle imprese, all'estensione fino a 30 anni per i mutui concessi, all'innalzamento fino a 30mila euro dei finanziamenti erogabili senza valutazioni di merito con pre ammortamento fino a 24 mesi, al fondo di garanzia esteso anche alle aziende a controllo pubblico. Il tessuto delle  Pmi è centrale per l'economia e l'occupazione del nostro Paese: queste misure - conclude Nardi - rappresentano un primo passo per sostenere la necessaria liquidità delle imprese nella fase 2 dell’emergenza".

21/05/2020 - 16:31

“Il piano del presidente degli Stati Uniti Trump e l’annessione della Cisgiordania annunciata dal premier di Israele Netanyahu rischiano di essere fatali per la pace tra israeliani e palestinesi. Insieme ad altri parlamentari dell’Unione europea abbiamo firmato l’appello di Avraham Burg, ex presidente della Knesset, per chiedere un'azione europea per evitare il peggio”.

Così il vicepresidente e la capogruppo Pd della commissione Esteri alla Camera, Piero Fassino e Lia Quartapelle, e il capogruppo della commissione Esteri al Senato, Alessandro Alfieri.

21/05/2020 - 16:26

“In pochi mesi, anche grazie alla determinante azione italiana del nostro commissario Gentiloni e dei ministri Gualtieri e Amendola, l’Unione europea ha decisamente invertito rotta, mettendo al centro il tema della solidarietà fra partner e della condivisione dei problemi. Oggi, con il via libera della Commissione al regime di sostegno alle imprese richiesto dall'Italia per fronteggiare l'epidemia di coronavirus un altro tassello ha trovato la sua giusta collocazione. Parliamo di altri 9 miliardi di euro che consentiranno a Regioni, Province autonome, enti territoriali e Camere di Commercio di sostenere l'occupazione e supportare le imprese colpite dalle ricadute economiche del Covid-19. Tantissime aziende, piccole, medie e grandi, compresi i lavoratori autonomi potranno essere aiutati. L’Unione europea ha dato dunque prova di estrema attenzione alle esigenze del nostro Paese. Certo, c’è ancora molto da fare e tante sono le resistenze da infrangere. Ma dobbiamo fare di questa emergenza virtù. Riscrivendo il nostro modello economico, puntando su sostenibilità, digitalizzazione e dando risposte concrete alle richieste e alle paure dei cittadini europei”.

Così il capogruppo del Pd in commissione Politiche europee alla Camera, Piero De Luca.

21/05/2020 - 15:53

“Il Partito democratico è favorevole alla riapertura in sicurezza degli asili nido e delle scuole dell’infanzia. Per noi sono importanti i diritti bambini, l’aiuto alle donne che lavorano e il sostegno alle diecimila imprese, con 100mila dipendenti, che in Italia si occupano di questo importantissimo e delicato settore in Italia. Ecco perché oggi partecipiamo con convinzione alla giornata di sensibilizzazione promossa in molte piazze italiane dal comitato EduChiAmo e da altre associazioni. La nostra presenza si concretizzerà in Parlamento con la presentazione di un emendamento ad hoc al Decreto Rilancio che preveda l’estensione della cassa integrazione al personale di queste strutture per tutto il periodo della chiusura provocata dall’emergenza Covid-19 o quantomeno per le nove settimane continuative e non spezzate. In questo ultimo caso, basterebbe solo aggiungere anche il settore nidi a quello del turismo e alberghiero per il quale questo trattamento è già previsto”.

Così le deputate del Pd, Lia Quartapelle, Chiara Gribaudo, Alessia Rotta, Beatrice Lorenzin e Rosa Maria Di Giorgi, che oggi hanno preso parte all’iniziativa indetta dall’associazione EduChiAmo in sostegno dei servizi educativi privati.

21/05/2020 - 15:48

"Approvando in modo pressocchè unanime il ddl sulla sicurezza di medici, infermieri e personale sociosanitario la Camera ha scritto una buona pagina. Giustamente abbiamo tutti espresso gratitudine a questi professionisti per la dedizione ed il sacrificio mostrati nell’affrontare la gravissima crisi dell’epidemia da Covid 19 ma la qualità del loro lavoro, l’abnegazione ed anche i rischi a cui spesso vanno incontro non sono una novità. Le misure introdotte per prevenire e contrastare il fenomeno delle aggressioni e delle minacce nei loro riguardi rappresentano dunque un passo significativo e rispondono ad un’esigenza reale del mondo sanitario a cui, ancora una volta, va la riconoscenza dell’intero Paese".

Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio

21/05/2020 - 15:39

“Questa legge è giusta e doverosa perché riconosce l’estensione delle pene previste per i pubblici ufficiali, con aggiunta dell’introduzione delle aggravanti, al personale sanitario e socio sanitario e sociale nell’ambito delle loro funzioni. Non più in relazione, quindi, a un luogo specifico come previsto al Senato, ma nello svolgimento dell’attività di cura, assistenza e soccorso. Una legge che non solo agisce sul fronte giudiziario, ma riconosce l’esigenza di investire in formazione, comunicazione, lavoro in equipe, oltre alla necessità di adeguare i piani di sicurezza. Questa riconquistata alleanza tra operatori e pazienti o assistiti avvenuta con la drammatica Pandemia non si realizza per legge, ma soprattutto tutelando e proteggendo chi vi opera e mettendolo in condizioni di poter svolgere nel modo migliore il suo lavoro. Vorremmo non assistere più a violenze, aggressioni o minacce che oltre ad essere un deprecabile e incivile fenomeno, incide fortemente sulla capacità del sistema sanitario di poter dare risposte ai bisogni di salute. Bene invece ciò che sta avvenendo: una nuova stagione di investimenti in risorse finanziare, umane e tecnologiche”.

Così Elena Carnevali, capogruppo dem in commissione Affari sociali alla Camera, intervenendo in Aula per dichiarazione di voto favorevole del Pd al Ddl per la prevenzione e il contrasto alle aggressioni di medici, personale sanitario e socio sanitario.

“Con questa legge - ha aggiunto Elena Carnevali - rispondiamo in modo adeguato al Manifesto europeo sottoscritto dagli ordini professionali europei nella giornata sulla violenza contro i medici ed altri professionisti della salute, convinti come i promotori che la sicurezza sul lavoro è la base di un’assistenza sanitaria efficace”.

21/05/2020 - 13:30

“La Commissione #Ecomafie ha approvato oggi all’unanimità la Relazione sull’approfondimento territoriale sulla regione #Umbria. Si tratta di una Relazione articolata, che analizza diversi aspetti oggetto di indagine della Commissione - dal ciclo dei rifiuti, alla gestione delle acque, ai fenomeni di inquinamento ambientale - e che raccoglie alcuni approfondimenti territoriali già svolti nella XVII Legislatura, oltre che i risultati di audizioni e sopralluoghi svolti nel corso di questa Legislatura. Dalla relazione emerge un quadro caratterizzato da alcune situazioni di criticità ambientale strettamente legati alla storia industriale della Regione, in particolare nella conca ternana e l’area del #SIN Terni-Papigno che richiede un’accelerazione degli interventi di restituzione e di tutela del sito contaminato. La gestione del ciclo dei rifiuti richiede un rafforzamento della programmazione regionale nella dotazione impiantistica, nell’organizzazione e miglioramento della qualità della raccolta differenziata (che pure è cresciuta in maniera costante in questi annidi tutto il territorio regionale grazie a un forte impegno delle amministrazioni, regionale e locali, che ha consentito una significativa riduzione dei conferimenti in discarica), nella chiusura del ciclo dei rifiuti coerente con i principi europei dell’economia circolare e la previsione europea del contenimento dei conferimenti in discarica fino a non più del 10% al 2030. Le audizioni con le autorità giudiziarie e le polizie giudiziarie operanti nel territorio umbro ha portato alla luce un contesto di adeguata prevenzione e repressione degli illeciti che non fa emergere collegamenti attuali con la criminalità organizzata. È importante segnalare che né i prefetti, né altri auditi hanno riferito di criticità severe derivanti dalla ricostruzione dopo il sisma dell’agosto 2016 per quanto riguarda le materie trattate dalla Commissione. Resta comunque importante garantire una costante attività di controllo, in primo luogo da parte dell’Agenzia di protezione ambientale a cui è importante che si continuino a destinare adeguate risorse garantirne la piena operatività.
La Relazione della Commissione restituisce una fotografia della situazione ambientale della Regione Umbria caratterizzata da alcune criticità e insieme da percorsi virtuosi che consegnano alla nuova amministrazione regionale, a seguito del cambio di guida politica, una responsabilità e una capacità di azione ancora tutta da verificare”. Lo dichiara Chiara Braga, capogruppo Pd in Commissione sulle Ecomafie.

Pagine