05/02/2018 - 18:00

La Capolista PD al Senato: “Risultato possibile solo con una forza europeista al Governo, una forza come il PD”

“Negli ultimi quattro anni l’Italia è tornata ad essere un interlocutore affidabile a livello internazionale. E, in questo modo ha potuto tutelare meglio i propri concittadini all’estero, anche in Gran Bretagna. È quanto accaduto con la Brexit, dove l’accordo tra Unione Europea e UK ha recepito tutte le richieste avanzate dal nostro Governo. Salvaguardando così i tanti italiani che vivono nell’isola britannica”. È quanto spiega Laura Garavini, Capolista PD al Senato nella circoscrizione Estero-Europa, intervenuta a Cambridge, ospite della collettività italiana.
“Il Governo Renzi prima e quello Gentiloni poi, hanno impresso un nuovo slancio al ruolo dell’Italia in Europa. Garantendo al nostro Paese autorevolezza e affidabilità. Grazie anche all’impegno del PD è stata possibile l’intesa post Brexit raggiunta tra UE e Gran Bretagna”.
“Un accordo nel quale si é sancito il riconoscimento dei diritti acquisiti dai cittadini europei, l’adempimento degli obblighi finanziari della Gran Bretagna e l’assenza di frontiere con l’Irlanda del Nord. Richieste volute fortemente dall’Italia. Per questo è fondamentale dare di nuovo al Paese un Governo guidato dall’unica forza europeista presente in Italia. Un Governo a guida PD”.
 

05/02/2018 - 10:45

“Valore e solidarietà: nella V giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, sono queste le due parole chiave che caratterizzano la legge “antisprechi”, a più di un anno dalla sua entrata in vigore”.

- Lo dichiara Maria Chiara Gadda, deputata del Partito Democratico e componente dell’esecutivo nazionale Pd, responsabile del dipartimento contro lo spreco alimentare

“Ridurre lo spreco attraverso il recupero delle eccedenze significa dare un nuovo valore al cibo, un valore che si misura in base agli effetti positivi che un gesto solidale come la donazione produce sulla nostra società. La donazione non è certo l’unico strumento : è importante prevenire – spiega la deputata Dem - ottimizzando i processi produttivi e soprattutto rendendo i comportamenti dei cittadini più consapevoli e virtuosi”.

“La legge si inserisce a pieno titolo come esempio positivo di economia circolare, che lega le aziende agli enti del terzo settore, per realizzare insieme una impresa condivisa basata sulla solidarietà. Sprecare non ha senso – conclude Gadda - recuperare è un bene per tutti”.

02/02/2018 - 19:41

“E’ certo che la magistratura onoraria in questi anni ha contributo a far funzionare gli uffici giudiziari. Ma era tempo di introdurre novità. La riforma proposta dal ministro Orlando, approvata in Parlamento dal Pd e dalla maggioranza, va in questo senso. Infatti, definisce meglio il ruolo del giudice onorario, favorisce un ricambio fisiologico, necessario per dare spazio a tanti giovani avvocati, e sostiene il reinserimento graduale nelle professioni forensi degli avvocati che da anni esercitano quel ruolo. Lo scopo, insomma, è qualificare meglio la funzione e favorire il turn over: per questo certe polemiche, come quella del collega Maestri, andrebbero evitate perché sono dettate dal desiderio di cavalcare qualche protesta in campagna elettorale”.  

Così Walter Verini, deputato del Pd, replica alla nota dl deputato di Possibile, Andrea Maestri.

02/02/2018 - 17:55

Post su Fb di Ettore Rosato, presidente deputati Pd 

C’è un signore di 81 che oggi ha detto ad un giornale che se vince lui aggiusta tutto. Questo signore è Silvio Berlusconi e ha già governato il paese portandolo sull’orlo del baratro. 
Ce n’è un altro molto più giovane che è andato fino a Londra per rassicurare che se vince lui porterà al governo le migliori competenze del paese. È Luigi Di Maio e per ora dove ha governato il suo M5S non è andata bene per niente (lo sanno bene i cittadini di Roma, Torino, Livorno). Lì ha anche detto che farà il governo con chi ci sta, ma qualche ora dopo si è corretto che lo farà da solo, anche senza i voti.
Ecco noi siamo il Partito Democratico e siamo tutta un’altra storia: una forza politica seria che oggi ha presentato il suo programma. 100 cose da fare partendo da quello che abbiamo fatto: impegni concreti e realizzabili. 
Il 4 marzo vogliamo la fiducia dei cittadini per andare avanti. Per fare dell’Italia una moderna democrazia europea, più forte e più giusta.

02/02/2018 - 13:32

 “Il pressapochismo e l’ignoranza degli esponenti del Movimento 5 stelle sembra non avere fine. Quando Di Maio parla di Amazon dimostra non solo di non sapere di cosa sta parlando e di non conoscere le leggi italiane, ma di non aver neppure seguito, da vicepresidente della Camera, i lavori parlamentari. Evidentemente il candidato premier M5s era troppo impegnato a raccontare falsità in rete e tra i suoi militanti”.

- lo dichiara Titti Di salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e  candidata alla Camera alle prossime elezioni politiche -

“Il bracciale elettronico di Amazon – spiega la deputata Dem - è in contrasto con le leggi, in primis con il Jobs Act,  e i contratti che tutelano la libertà e la dignità dei lavoratori, oltre che con l'ordinamento in materia di protezione dati personali. A Di Maio – conclude - consiglio di studiare prima di parlare”.

02/02/2018 - 13:06

Salute dei cittadini solo terreno di campagna elettorale

 

"La lettera inviata da Virginia Raggi ai Ministri Fedeli e Lorenzin per chiedere ammissione ad asili nido e scuole dell'infanzia dei bambini non vaccinati, in forza del principio della continuità educativa, è un atto gravissimo di portata quasi eversiva, perché chiede la disapplicazione di una legge dello Stato, ed è del tutto inutile, visto che la continuità educativa viene garantita in presenza di autocertificazione e prenotazione al centro vaccinale da parte dei genitori."

 

- Lo dichiara leana Piazzoni, Deputata del Partito Democratico e candidata alla Camera alle prossime elezioni politiche –

 

"Un comportamento del tutto irresponsabile che dà rilievo istituzionale a posizioni pericolose per la salute dei più deboli. Non paghi di aver candidato come capolista al Senato un'attivista no vax, che aveva brillantemente paragonato le vaccinazioni al genocidio, continuano le posizioni ambigue e l'offerta di tribune e appigli a teorie antiscientifiche, tutto ciò con una mal celata finalità di propaganda elettorale. L’assoluta incuranza del M5s per l’esigenza di proteggere i soggetti più deboli assieme all'incapacità di esprimere una posizione netta sul tema – conclude Piazzoni – dimostrano ancora una volta come la salute dei cittadini sia per il Movimento 5 Stelle solo terreno per la campagna elettorale”.

02/02/2018 - 10:24

"Continuano gli spot elettorali dei 5 stelle per prendere in giro gli italiani. Ora, come ha annunciato l’onorevole Villarosa stamani, vogliono cancellare gli 80 euro, una misura attuata dal governo Renzi che ha portato quasi mille euro in più all'anno a 10 milioni di italiani. Complimenti ai 5 stelle che non finiscono mai di stupirci: solo un mese fa era stato Luigi Di Maio ad annunciare che non sarebbe stata loro intenzione toccare gli 80 euro in busta paga. Ora propongono l'esproprio, forse per finanziare un reddito di cittadinanza che avrebbe solo effetti negativi per il Paese". Lo dichiara Marco Di Maio, componente della presidenza del Gruppo Pd alla Camera e candidato del centrosinistra nel collegio uninominale della Camera a Forlì.

01/02/2018 - 18:19

“Il Partito democratico ha contribuito alla nascita del manifesto ‘Mai più fascismi’, insieme all’Anpi e ad altre 23 associazioni. Ne siamo convinti perché riteniamo irrinunciabile combattere contro la violenza delle organizzazioni neofasciste e neonaziste che è seria e concreta, sia nella rete che nella realtà dei nostri territori”.

Lo dice il deputato del Pd Walter Verini, il quale aggiunge: “l’appello presentato oggi al Museo storico della liberazione di via Tasso intende denunciare quanto siano pericolose e attuali per la nostra comunità democratica le nuove e vecchie forme di odio e razzismo di sapore neofascista. Istituzioni e cittadini non devono mai sottovalutare i veleni di una cultura violenza e xenofoba che, purtroppo, è oggi una realtà. Ribadire sempre i valori del patto antifascista da cui è nata la nostra Costituzione è un grande antidoto contro questo pericolo”.

01/02/2018 - 15:36

“Amazon il braccialetto elettronico proprio no, non si può fare. Leggi e contratti tutelano la libertà e la dignità dei lavoratori. E per questo vanno rispettati”.

Lo scrive su Twitter Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico

01/02/2018 - 15:06

"Ho trovato le parole dell'on. Catalano particolarmente ingenerose nei confronti del Presidente della Commissione, Gian Piero Scanu, che ha condotto l'attività d'inchiesta in maniera rigorosa e rispettosa delle opinioni di tutti i componenti. Sono convinta che la Relazione finale consegnerà elementi puntuali e coraggiosi su cui dovrà riflettere anche il prossimo Parlamento e tutto il mondo che ha a cuore il destino dei nostri militari. Il Presidente Scanu è stato capace di dare dignità e accoglienza al
dolore delle famiglie dei militari deceduti e ascolto ai militari
malati che stanno ancora combattendo la loro personale battaglia. Anche sul tema dei vaccini sono stati fatti passi positivi per chi ora entra in servizio. Consegnare i risultati del gruppo di lavoro sui vaccini all'Istituto superiore di Sanità è tutt'altro che una censura, si tratta di una scelta precisa di rispettare gli ambiti diversi in cui ciascuno è chiamato a dare il proprio prezioso contributo, facendo valutare pienamente quei risultati nell'ambito medico scientifico".
Lo dichiara l'on. Maria Amato componente della Commissione d'inchiesta sull'Uranio impoverito, replicando alle affermazione dell’on. Catalano .

01/02/2018 - 13:23

20,1 miliardi di euro sottratti all’evasione fiscale nel 2017.

Il miglior risultato da sempre, frutto delle leggi approvate in questi anni su pagamenti elettronici, antiriciclaggio, rientro capitali, reato di falso in bilancio, accordi con gli stati esteri. ‪È solo l’inizio. Lavoriamo ancora perché le tasse le paghino tutti, e si paghi meno.

Lo scrive su Fb Ettore Rosato, presidente deputati Pd

31/01/2018 - 19:34

Il deputato del Pd Emanuele Lodolini, dopo l'approvazione nella Legge di Bilancio di un importante emendamento che estende il riconoscimento dell'equo compenso a tutte le professioni, ha organizzato un incontro pubblico sul tema: "Equo compenso: responsabilità e ruolo dei liberi professionisti nella società" con l’intervento dell'On Giuseppe Berretta, componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati e già Sottosegretario di Stato.  “La norma - ha detto Lodolini introducendo l’incontro al quale hanno partecipato professionisti provenienti dai differenti mondi, dagli avvocati, agli ingegneri, ai geometri, ai geologi, agronomi - intende tutelare il professionista in caso di squilibrio contrattuale ed integra, anche dal punto di vista economico, quanto previsto già dal Jobs act autonomi ed è una vittoria dopo anni di deregulation. Infatti, ha esteso a tutte le categorie professionali la giusta retribuzione proporzionata al lavoro svolto. Il principio di base della riforma fa sì che sia legittima solo la parcella proporzionale alla quantità ed alla qualità del lavoro. “Il risultato conseguito – ha spiegato l’On. Berretta – è frutto di una battaglia su cui si sono impegnati sia il Parlamento sia il Governo con il contributo degli Ordini professionali, con l’obiettivo di rimettere al centro il principio della dignità della prestazione professionale che ha contribuito all’impoverimento del ceto medio e dei liberi professionisti”. I numeri sono significativi perché l’equo compenso che, come provvedimento ha avuto l’obiettivo di mettere fine al caporalato intellettuale e tutelando la concorrenza leale, riguarda circa 4,5 milioni di lavoratori creando nuovi parametri per la legittimità delle parcelle. Si applica a tutte le professioni, incluse quelle senza Ordini o Albi che svolgono prestazioni nei confronti di banche, assicurazioni, grandi imprese. Presente anche Armando Zambrano, Presidente della Rete delle Professioni Tecniche che raccoglie 600mila professionisti di 9 categoria diverse e Raffaele Solustri, membro del consiglio nazionale dell’Ordine degli Ingegneri. “Nel giro di questi anni abbiamo visto una certa diffidenza nei confronti della categoria dei professionisti in genere – ha detto Zambrano – poi dal 2008, con la crisi, ci si è resi conto che la situazione non era rosea e che tanti colleghi espulsi dal mondo dell’impresa e della pubblica amministrazione hanno ripreso la libera professione cercando occasioni di guadagno”.

31/01/2018 - 17:34

"Parole a vanvera, parole indecenti. Un linguaggio da cortile. Come al solito Salvini replica se stesso nel mentire e libera la sua brutalità politica nelle parole.

Sapendo di mentire addossa colpe e responsabilità ad altri quando dovrebbe essere proprio lui e il suo partito a  fare ammenda per il fardello delle quote latte che dovranno pagare tutti gli italiani .

Questo suo tentativo di sviare l’attenzione dalla scandalosa questione dei diamanti di partito, della Lega ovviamente, è davvero una mossa patetica". Così Nicodemo Oliverio, deputato Pd.

31/01/2018 - 17:16

“Matteo Salvini invece che attaccare il Ministro Martina dovrebbe chiedere scusa per la scandalosa gestione delle quote latte, che a causa dell'incapacità della Lega è costata ad ogni italiano 85 euro in multe. La verità è che quella di Salvini è solo inutile propaganda. I risultati ottenuti da questo governo in tema di agricoltura sono evidenti a tutti: record di esportazioni, più tracciabilità nei prodotti, ricambio generazionale e tutela del reddito degli agricoltori”.

Così Marco Carra, deputato Pd.

31/01/2018 - 14:33

Post su Fb di Ettore Rosato, presidente deputati Pd.

È scesa ancora un po’ la disoccupazione in Italia: oggi l’Istat certifica il dato più basso dal 2012, cioè 10,8%. Ancora alto, troppo per un paese avanzato come il nostro. Però c’è stata un’inversione  di tendenza dovuta principalmente alla creazione di un milione di posti negli ultimi anni.
Un numero frutto di politiche attive, di riforme importanti e aiuti concreti alle imprese. Dietro a quei numeri ci sono giovani con un lavoro stabile, famiglie sollevate dal mantenimento dei figli, tanti cinquantenni che si sono potuti rimettere in gioco. Insomma ci sono “vite” vere che sono cambiate.
E proprio la speranza che abbiamo data a queste, ci deve ora spingere a fare di più. Penso alla proposta del salario minimo, una paga oraria minima come esiste in quasi tutti i paesi europei. Non un sussidio, ma una misura concreta che riporta al centro il lavoro, come ci dice la Costituzione.
Per farlo serve un governo credibile e concreto. E un Partito Democratico forte che possa ancora guidare il cambiamento.

Pagine