11/09/2017 - 15:18

"Abbiamo bisogno di un centro meteo nazionale che manca in Italia, come ha affermato oggi il Ministro Galletti intervenuto a Livorno. Proprio per questo già lo scorso anno ho presentato come primo firmatario la proposta di legge per regolamentare i servizi informativi meteorologici. La proposta, in particolare, istituisce presso il Dipartimento della Protezione Civile il Servizio meteorologico nazionale distribuito (SMND), dotato di autonomia scientifica, tecnica, amministrativa, organizzativa ed operativa, fondato su precise competenze e responsabilità. Il SMND dovrà elaborare, sviluppare e distribuire analisi e previsioni su diverse scale spaziali e temporali, bollettini meteorologici giornalieri, mensili e stagionali, avvisi, analisi e previsioni specializzate. Obiettivo, mettere a sistema i servizi meteo pubblici esistenti e le risorse tecnologiche e umane disponibili, e costruire meccanismi virtuosi di cooperazione". Lo dichiara il deputato Pd, Tiziano Arlotti, primo firmatario della pdl per l'istituzione del Servizio meteorologico nazionale distribuito (SMND).

"Attualmente l’Italia e la Grecia sono gli unici Paesi europei a non avere un sistema meteo nazionale civile, e la mancanza di un servizio di coordinamento a livello nazionale produce duplicazioni, sovrapposizioni e sprechi di risorse", spiega Arlotti.
"Il SMND, invece, realizzerà una diffusione omogenea e controllata dell’informazione, destinata ad aumentare anche la qualità della previsione meteorologica complessiva per rispondere adeguatamente alle esigenze di prodotti/servizi meteo nei settori dell’agricoltura, del turismo montano e marino, dell’energia (produzione e consumo), della gestione delle risorse idriche (gestione e uso) e della gestione/prevenzione del rischio climatico. Le informazioni saranno diffuse tramite un apposito sito internet e su ogni altro supporto informativo utile ai cittadini italiani, ai turisti e ai settori economici interessati", conclude il deputato Pd

11/09/2017 - 13:47

“Travolto dal malgoverno di tutte le sue esperienze locali, M5s ritira fuori la polpetta avvelenata del caso Consip. Un’inchiesta che vede sul banco degli imputati il magistrato che l’ha avviata e il carabiniere che indagava. E’ il segretario del Pd il primo a voler chiarezza e piena luce su tutta questa vicenda, per capire se è vero o no che pezzi deviati dello Stato volevano ricattare l’allora presidente del consiglio costruendo false accuse sul padre. Si vuole trasformare Renzi da vittima in colpevole per una volgare speculazione politica”.
Così il deputato Dem Marco Di Maio, componente della Commissione Affari costituzionali.

11/09/2017 - 12:03

“Giusto l'appello di Veltroni: essere ambientalisti oggi vuol dire realizzare i valori della sinistra. Noi abbiamo fatto molto per l'ambiente in questi anni: dalla legge sugli ecoreati agli ecobonus per l'efficienza energetica e la messa in sicurezza degli edifici, all'adozione, nel semestre di presidenza italiana con il governo Renzi, del pacchetto clima energia al 2030, base del nostro impegno nel quadro dell'accordo di Parigi. E ancora è in vista la nuova strategia energetica nazionale, con l'impegno ad abbandonare il carbone nella produzione di energia in Italia a partire dal 2025”.
- così Stella Bianchi, deputata del Partito Democratico e componente della Commissione Ambiente e della Commissione d’inchiesta sui rifiuti e gli ecoreati, in merito all’intervento di Walter Veltroni  -
“Il compito, per la nostra generazione, è fermare il riscaldamento globale e i prossimi anni sono decisivi. Dobbiamo essere all'altezza di questa sfida e le cronache di questi giorni, dagli uragani negli Stati Uniti a quanto accaduto a Livorno, ci dice quanto è importante. Su questo dobbiamo mettere tutto il nostro impegno come Partito democratico, per dare protezione al nostro territorio con un piano di adattamento ai cambiamenti climatici e – conclude Bianchi - per arrivare a zero emissioni nette al 2050 come previsto dall'accordo di Parigi”.

11/09/2017 - 10:55

“Un balzo in avanti della produzione industriale del 4,4% in un anno. L’Istat registra a luglio una crescita importante, una sequenza positiva che ormai si sussegue in maniera continua dall’agosto del 2016. A far da traino sono settori economici qualificanti: beni strumentali (+5,9%), beni di consumo (+4,1%), intermedi (+3,5%), energia (+3,3%). Sono questi gli esiti concreti e positivi dei Mille Giorni di Renzi i cui effetti stanno proseguendo oggi con il governo Gentiloni. Si tratta di risultati veri, che ci permettono di guardare con ottimismo al futuro. Gli strumenti messi in campo con le riforme volute dal Pd, dal Jobs Act a Industria 4.0, hanno rimesso in cammino il Paese. Continueremo con impegno per costruire un’Italia sempre più giusta e competitiva”.

Così la Vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent.

08/09/2017 - 20:10

Visto che aspira a Palazzo Chigi, almeno si documenti

“Parlando di giustizia, il vice presidente Luigi Di Maio ha preso l’ennesima cantonata. La realtà è esattamente il contrario di quanto sostiene. Infatti, la durata dei processi si è sensibilmente ridotta grazie agli investimenti, alle assunzioni e alle riforme fatte in questi anni. Inoltre, nessuno ha in mente di bloccare l’uso delle intercettazioni.  Insomma, le accuse di Di Maio al ministro Orlando sono completamente fuori bersaglio. Chi ambisce a varcare la soglia di Palazzo Chigi farebbe meglio a documentarsi prima di parlare”.

Così la presidente della Commissione Giustizia di Montecitorio Donatella Ferranti replica alle polemiche sollevate oggi dall’esponente grillino Di Maio sul tema del funzionamento della giustizia.

08/09/2017 - 20:05

“A parte che nulla ci toglie il sospetto che oggi la sindaca Raggi parli dell'acqua e di Acea per distrarci dal concordato al buio nel quale hanno precipitato Atac, la sorte dei lavoratori e dei fornitori e la possibilità per i romani di prendere un autobus. In ogni caso, la sindaca Raggi ha vantato il risultato di Acea nell'aver recuperato 1160 litri al secondo di perdite, risultato ottenuto a emergenza conclamata dopo mesi di disinteresse dall'allarme siccità lanciato nello scorso novembre”. Lo dichiara Stella Bianchi, deputata del Partito democratico, per commentare le dichiarazioni rilasciate da Virginia Raggi durante la conferenza stampa di oggi sulle politiche idriche a Roma.

“Se si fossero mossi per tempo – continua - Acea avrebbe potuto fare a meno dei prelievi dal lago di Bracciano ed evitare di aggravare la situazione drammatica del lago. In più quanto recuperato è pari all'incirca al 6% della portata di acqua distribuita mentre le perdite citate oggi dalla stessa Raggi sono all'incirca pari al 44% della portata. C'è una bella differenza”.

“La sindaca Raggi deve dire quali sono gli investimenti programmati per recuperare davvero le perdite e come pensa che saranno finanziati. O dobbiamo pensare che alla Raggi interessa solo ottenere i dividendi di Acea?”, conclude.

08/09/2017 - 18:46

“Verrebbe da suggerire un piccolo ripasso al collega del m5s Ferraresi dopo la pausa estiva”. Così Anna Rossomando, deputata del PD che continua: “In tema di sovraffollamento delle carceri infatti il percorso del governo e della maggioranza con il Ministro Orlando è stato coerente ed efficace. Come ben ricorderà il collega – sottolinea la deputata della commissione Giustizia - è stata affrontata da subito l’emergenza con risultati  positivi riconosciuti più volte dall’Europa e contemporaneamente si sono messe in campo energie,  studi e proposte che con il lavoro corposo degli stati generali sull’esecuzione penale ha contribuito a scrivere la riforma dell’ordinamento penitenziario contenuta nel ddl penale entrato in vigore (finalmente!) il 3 agosto. Entro fine settembre – aggiunge Rossomando - ci saranno I primi decreti attuativi; ci saranno cioè gli interventi strutturali per porre rimedio alle disfunzioni causate in gran parte da errati passati interventi legislativi. La riforma si fa carico della certezza della pena e al contempo della umanità e efficacia della stessa. Valga per tutti il forte impegno sulle misure alternative alla detenzione, vero presidio contro la recidiva. Ed è bene sottolinearlo in un momento in cui si discute molto di sicurezza dei cittadini. Quanto poi all’attenzione al fenomeno di corruzione – conclude Rossomando - l’elenco dei provvedimenti approvati per individuare e colpire i fatti di corruzione è lungo: oltre all’aumento delle pene ricordo tra gli altri il ripristino del falso in bilancio e la modifica del reato di voto di scambio mafioso.

08/09/2017 - 18:22

“Con la denuncia di Davide Barillari sulla sanità laziale il Movimento 5 Stelle conferma la sua irresistibile attrazione per le fake news”. Lo dichiara Marco Miccoli, deputato del Partito democratico, per commentare un post pubblicato dal consigliere regionale Cinquestelle Barillari sul blog di Beppe Grillo.

 “Con il solito tono di indignazione pret-à-porter – continua – Barillari si scaglia contro la Regione Lazio per i 24 miliardi di euro l’anno sperperati ogni anno in spese sanitarie.  Peccato che, bilanci regionali alla mano, alla voce ‘sanità’, le risorse spese ogni anno ammontino a 10.250.930.789 euro. In parole povere, tra la lettura dei numeri e la scrittura del post, le cifre di Barillari sono lievitate di oltre 13 miliardi di euro”.

“Resta dunque da capire come questo sia potuto accadere. Le ipotesi sono due: o Barillari inventa sul momento a seconda dei bisogni oppure non capisce i bilanci della Regione di cui è consigliere”, conclude.

08/09/2017 - 17:38

“Le ultime dichiarazioni di Annamaria Lusardi, nuova presidente del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività sull’educazione finanziaria, dimostrano come sia la persona giusta al posto giusto. A prescindere dal prestigioso curriculum della professoressa Lusardi, le sue riflessioni sull'imprescindibile e non più rinviabile necessità di intervento per alfabetizzare gli italiani sul funzionamento del sistema finanziario, teso a fornire al cittadino almeno la capacità di scelta della migliore forma di risparmio, sulla base del proprio profilo di rischio, confermano che la scelta operata sul suo nome da parte del Ministro Padoan sia stata opportuna e lungimirante”.

Ad affermarlo, è  Maurizio Bernardo, deputato Pd e presidente della Commissione Finanze della Camera, il quale aggiunge:

“Anche le osservazioni della nuova presidente del Comitato relativamente alla chiarezza dei prospetti informativi e ai sistemi di controllo mi trovano molto d’accordo. Nessun prospetto sarà mai abbastanza chiaro per un “analfabeta”. E' evidente che, pur se gli organi di vigilanza devono fare il loro lavoro sempre più e sempre meglio e i prospetti vanno resi sempre più chiari e intellegibili, l'ottica va rovesciata, fornendo al risparmiatore competenze che oggi in Italia non ha e che nel resto d’Europa, invece, sono considerate un fatto scontato”.

“Noi, come Commissione Finanze della Camera, siamo pronti a collaborare con il Comitato per fornirgli tutti gli strumenti necessari producendo quelle norme che consentano una rapida attuazione degli indirizzi politici, nell’interesse del Paese e dei cittadini-risparmiatori”, conclude la nota.

08/09/2017 - 16:26

“Dopo un’estate di incendi e siccità, l’uragano Irma si abbatte sulle coste americane, quasi a smentire quei pochi che ancora negano i mutamenti climatici. In questo quadro il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, intervenendo alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti del G7, ha individuato le tre grandi sfide globali:  crisi geopolitiche e democrazia; grandi flussi migratori; mutamenti climatici.

Importante il passaggio  sulla necessità  di attuare gli accordi di Parigi sui cambiamenti del clima, una chiave per costruire una nuova economia green che prosegua sulla via della transizione energetica, per uno sviluppo sostenibile.  E’ una strada obbligata su cui l’Italia è già in cammino e sulla quale occorre andare avanti con determinazione. Dall’auto elettrica all’efficienza energetica degli immobili, all’obiettivo di raggiungere il 100% della produzione elettrica da energia rinnovabile entro il 2050.

La green economy è anche un’eccezionale opportunità di sviluppo e di lavoro. In Italia sono  oltre 385mila le aziende, ossia il 26,5% del totale, dell’industria e dei servizi che dal 2010 hanno investito in tecnologie green per essere più competitive.  Una quota che sale al 33% nel manifatturiero. Alla nostra green economy si devono tre  milioni di green jobs, ossia occupati che applicano competenze ‘verdi’. Una cifra che corrisponde al 13,2% dell’occupazione complessiva nazionale.

Un esempio di Italia che fa l’Italia  che può contribuire ad un’economia più a misura d’uomo,  come dice Papa Francesco”.

Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commentando l’intervento del premier Gentiloni alla Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti del G7.

08/09/2017 - 14:21

Non ci coglie impreparati, occorre incrementare pene alternative

“E’ un utile stimolo quello contenuto nella relazione sull’Italia del Comitato europeo per la prevenzione della pene e dei trattamenti inumani o degradanti (Cpt). Già il Dap aveva segnalato una ripresa della tendenza al sovraffollamento carcerario, dopo una fase di indubbi miglioramenti dovuti all’azione efficace di governo e parlamento. L’organismo del Consiglio d’Europa non ci coglie impreparati ma è un autorevole sollecitazione a frenare questa tendenza. Indubbiamente dobbiamo lavorare per incrementare le pene alternative, depenalizzare i reati di non allarme sociale, avendo, in definitiva, più coraggio a far sì che il carcere sia una estrema ratio”. Lo ha detto Walter Verini, capogruppo Pd nella commissione Giustizia di Montecitorio, in una intervista a Radio radicale. Verini ha aggiunto: “non è utile, invece, drammatizzare la questione dei maltrattamenti. Ci sono casi drammatici e intollerabili ma sono l’eccezione alla regola, perché noi abbiamo un corpo di polizia penitenziaria sano e affidabile. Insomma, nelle carceri italiane si sta male e dobbiamo fare passi da gigante ma non facciamo l’errore di descriverle come fossero quelle egiziane o turche”.

08/09/2017 - 13:15

“Il blog di Grillo, come già la senatrice Lezzi, la famosa esperta economista che collegava la crescita del Pil all’aumento dell’uso dei condizionatori, torna a disinformare sul reddito di inclusione. Dimostrando che vengono criticati provvedimenti che non sono neanche stati letti. E’ evidente che si ignora tutto il percorso strategico della lotta alla povertà, iniziato dal governo Renzi nella legge di stabilità 2016, altrimenti tutto si potrebbe dire tranne che le risorse per il ReI siano state prese da risorse già stanziate. Va poi sottolineato che la dotazione del fondo di contrasto alla povertà nei diversi anni sono sempre aumentate: 750 milioni nel 2016, 1,3 miliardi nel 2017, 1,8 miliardi nel 2018. E questo al netto dei fondi europei che prevedono più di 480 milioni per un triennio. All’aumento dello stanziamento si accompagna l’aumento del numero dei nuclei familiari potenzialmente destinatari: 220mila nel 2016, 400mila nel 2017, 660mila nel 2018. Naturalmente questa disinformazione M5s non ci fa paura e proseguiremo in questo graduale aumento fino ad arrivare alla copertura totale di tutti i nuclei in condizione di povertà assoluta”.

Così la deputata Dem, Ileana Piazzoni.

08/09/2017 - 13:14

“La disinformazione che fa oggi sul reddito d’inclusione il blog di Grillo è la miglior dimostrazione dell’efficacia della nuova misura introdotta contro la povertà. M5s tenta di gettare fumo su un intervento finalmente concreto, dotato delle risorse necessarie - 1 miliardo e 150 milioni per quest’anno, che diventeranno 2 miliardi aggiungendo i fondi non spesi nel 2016 e i fondi europei - ed efficace proprio perché rivolto a chi ha veramente necessità di aiuto e sostegno economico. Un primo passo nella direzione giusta e con un approccio diametralmente opposto a quello del reddito per tutti proposto dai grillini, che non solo è finanziariamente insostenibile ma anche socialmente sbagliato. Il nostro obiettivo, al contrario, è quello di creare le condizioni affinché tutti possano uscire della condizione di povertà, costruendo un vero e proprio patto con i cittadini di accompagnamento ai servizi per il raggiungimento di una autonomia attraverso un lavoro”.

Così la deputata Dem Elena Carnevali, componente della Commissione Affari sociali della Camera.

07/09/2017 - 19:28

“Quando D’Alema nominava sottosegretario Misserville, lo storico esponente missino, non si poneva il problema del centrosinistra. Oggi, dimenticandosi degli straccioni di Valmy che gli consentirono di andare a Palazzo Chigi, parla di centrosinistra finito. Triste, molto triste”.

Così la deputata Dem Stefania Covello, responsabile nazionale Dipartimento Mezzogiorno del Partito democratico.

07/09/2017 - 17:43

“È stata finalmente raggiunta l'intesa sul riordino del settore del gioco d'azzardo”. Lo dichiara su Facebook Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera per commentare l’intesa raggiunta tra governo e Regioni sul riordino del gioco pubblico.

“Si dimezzano – continua - in tre anni dei punti gioco. Le macchinette più vecchie vengono rottamate e solo in parte rimpiazzate con altre, collegate direttamente con i Monopoli di Stato che potranno controllarle da remoto. I sindaci decidono le fasce orarie di chiusura, fino a sei ore consecutive al giorno, di queste attività, e disciplinano la distanza da tutti i luoghi ritenuti sensibili, come scuole e chiese. Aumenta lo standard di qualità e sicurezza dei punti gioco nei quali dovranno essere assicurati accesso selettivo, tramite l'identificazione con documento del giocatore, e la videosorveglianza. Non potranno essere esposte immagini eccessive che inducano al gioco, e il personale dovrà essere formato anche sul contrasto al gioco d'azzardo”.

“Dopo anni di discussioni questo è un altro risultato concreto raggiunto. Avanti”, conclude.

Pagine