Lavoro: Marattin, su lavoro precario Di Maio racconta balle

  • 21/02/2019

“Di Maio deve aver scambiato il dibattito economico per la piattaforma Rousseau, dove può raccontare le balle che vuole e truccare il risultato come più gli aggrada. Ogni cittadino può andare sul sito Istat e controllare che dal giorno del giuramento del governo Conte (1 giugno) all’ultimo dato disponibile (31 dicembre) in Italia ci sono 123 mila posto di lavoro a tempo indeterminato in meno e 84 mila precari in più. La smetta di raccontare balle e cominci a cercarsi un lavoro, ho la sensazione che presto ne avrà bisogno”.

Gilet gialli: Anzaldi, Copasir audisca Di Maio su rapporti con Chalencon

  • 15/02/2019

“Ascoltare in audizione il vice-presidente del Consiglio Luigi Di Maio per un chiarimento circa i rapporti che intercorrono tra lui, il movimento di cui è ‘capo politico’ e il sig. Cristophe Chalençon ”. Lo chiede Michele Anzaldi, deputato del Partito democratico, in una lettera inviata al presidente del Copasir Lorenzo Guerini.

Lavoro: Gribaudo, Di Maio offende lavoratori Blutec e Pernigotti

  • 13/02/2019

“Non è l’opposizione che strumentalizza casi delicati, è Di Maio che offende i lavoratori della Blutec e della Pernigotti prendendoli in giro. Il decreto dignità ha fatto peggio che meglio, della legge sui marchi storici promessa a Novi Ligure non c'è traccia, mentre il settore automotive è nel caos per colpa dell’ecotassa del governo. Il ministro dello Sviluppo passa il tempo a distruggere posti di lavoro, fra una gita con Di Battista e un caffè coi gilet gialli”.

Lo dichiara la vice capogruppo del Pd, Chiara Gribaudo, dopo il question time al ministro Luigi Di Maio.

Pernigotti, Gribaudo, Di Maio tradisce le promesse ai lavoratori

  • 05/02/2019

“La vertenza Pernigotti segna una vera propria disfatta per il governo: Di Maio aveva annunciato che la proprietà turca avrebbe dovuto cedere il marchio con le buone o con le cattive, ma quest’opzione non è mai arrivata sul tavolo. Di Maio ha tradito tutte le promesse fatte ai lavoratori, le dirette facebook e le visite spot sono state più utili a lui che al destino della fabbrica.

Consob: Rosato, Lega e M5S, per gli amici pronti a tutto

  • 05/02/2019

Era stato presentato come la carta vincente di questo governo. Pensate, doveva fare il ministro dell’economia. Invece 7 mesi di nulla.
‪Ora Paolo Savona potrebbe essere premiato con la presidenza Consob. Ruolo di garanzia, tecnico, che Salvini e Di Maio vogliono al proprio servizio.
Per la legge, Savona non potrebbe avere l’incarico. Per ragioni d'età, perché è membro di un governo e perché fino a qualche mese fa ha lavorato per uno dei fondi finanziari vigilati dalla Consob (il fondo Euklid).

Lavoro: Rotta, Di Maio smentisce sé stesso sulle agenzie interinali

  • 23/01/2019

“Le contraddizioni del ministro Di Maio non finiscono mai. Oggi gongola per l’aumento dei contratti a tempo indeterminato, in particolare in Veneto, ma dimentica di raccontare che le assunzioni non sono in capo alle aziende, come lui vorrebbe farci credere, ma alle agenzie di lavoro interinale, quelle stesse che sino a qualche mese fa definiva alla stregua del caporalato”.

Editoria: Rotta, Di Maio non sa di che parla

  • 23/01/2019

“Ancora una volta Di Maio mostra di essere molto confuso e non sapere di che parla. Prima abolisce i fondi all’editoria in nome del libero mercato anche per l’informazione, poi si stupisce del vergognoso titolo di Libero. È proprio in nome delle vendite che certi giornali si permettono simili scempi”. 
- lo dichiara Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati del Partito Democratico-

Francia: Berlinghieri, italiani pagheranno prezzo propaganda governo

  • 22/01/2019

“Con la sconclusionata tattica di far propaganda creando un nemico esterno il governo rischia, per una campagna elettorale di tre mesi, di dissipare un patrimonio di relazioni internazionali costruite dall’Italia in decenni”. Lo dichiara Marina Berlinghieri, componente in Pd in Commissione Politiche Ue, a proposito degli attacchi di Lega e M5S contro la Francia.

Francia. Delrio: dopo parole di Conte e Moavero tutto esecutivo su linea Di Maio

  • 22/01/2019

Sono decisamente sconfortanti le parole del presidente del Consiglio e del ministro degli Esteri sulla polemica aperta da Di Maio con la Francia. Era lecito aspettarsi qualcosa di più che un fiacco tentativo di inquadrare l’attacco del vice presidente del consiglio a normale dibattito politico in vista delle elezioni europee. Se prima degli interventi di Conte e Moavero si poteva sperare che, per quanto grave e senza precedenti, la grave sortita di Di Maio potesse essere ridimensionata alla posizione di un solo esponente dell’esecutivo ora è l’intero governo ad assumerne la responsabilità.

Pagine