Coronavirus: Bordo, Serve gradualità e precauzione. Ha ragione Conte

  • 30/04/2020

“Ha ragione il presidente Conte: non ci possiamo permettere un allentamento generale delle misure di restrizione già a partire dal 4 maggio, visto che siamo ancora troppo dentro la pandemia. Ci vuole gradualità e precauzione, e ogni scelta deve essere fatta guardando all’andamento del contagio per evitare il rischio che torni ad aumentare in modo incontrollato. Le regioni guidate dal centrodestra farebbero bene, allora, a uniformarsi alle indicazioni nazionali, evitando fughe in avanti al limite dell’irresponsabilità.

Coronavirus: Miceli, dal 18 sì ad aperture differenziate e in sicurezza

  • 28/04/2020

“È assolutamente condivisibile e da sostenere l’ipotesi di dare vita ad aperture differenziate fra territori regionali in sicurezza da dopo il 18 maggio avanzata dal Pd”. Lo dichiara il deputato democratico Carmelo Miceli, responsabile Sicurezza per la segreteria nazionale.
“Scelte che andranno fatte  - spiega l’esponente dem -in modo attento e scrupoloso in base al monitoraggio delle curve dell’epidemia e in proporzione alla capacità delle strutture sanitarie territoriali di affrontare situazioni di stress e della disponibilità degli strumenti di protezione”.

Coronavirus: Ciampi, su apertura scuola polemiche assurde, prima sicurezza ragazzi

  • 28/04/2020

«Francamente non comprendo le polemiche sulla riapertura delle scuole, a meno che non si voglia tentare anche in Italia l'immunità di gregge. Che la didattica nelle classi sia, per tipologia di attività, quella oggi più rischiosa per veicolare il virus è ormai un dato di fatto condiviso da tutti gli studiosi. Tanto che le annunciate fughe in avanti di altri paesi europei, come Francia e Germania, sulla riapertura degli istituti sembrano oggi essere meno certe»: è quanto dichiara Lucia Ciampi, deputata Pd in Commissione Cultura di Montecitorio.

Coronavirus: Ciampi, scuole tra le ultime attività da riaprire

  • 31/03/2020

"Se il contagio dovesse mostrare evidenti segni di rallentamento le scuole dovranno comunque attendere per riprendere le attività. I bambini e i ragazzi sono infatti statisticamente i più numerosi fra i portatori sani del contagio e quindi i soggetti maggiormente a rischio per alimentare nuovi focolai. Al tempo stesso, per temperamento, età e abitudini, sarebbe impossibile per le istituzioni scolastiche impedire, soprattutto agli adolescenti, il minimo contatto fisico dopo mesi di quarantena forzata".

Così Lucia Ciampi, deputata del Pd in Commissione Cultura.

Coronavirus: Lorenzin, riaprire in sicurezza seguendo indicazioni autorità sanitarie

  • 30/03/2020

“Sul dibattito in corso su quando riaprire, non dobbiamo compiere gli stessi errori fatti su quando chiudere: riapriamo anche gradualmente, nei tempi e nei modi che ci indicheranno le autorità sanitarie, in totale sicurezza. Le riaperture dovranno avvenire con un piano e linee guida nazionali, seguendo regole precise, forse anche trasformando il nostro modo di lavorare, finché non ci sarà un vaccino.