13/10/2021 - 11:56

Siamo molto soddisfatti del voto unanime dell’Aula che dà oggi il via alla Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti. Sarà uno strumento molto importante con lo scopo principale di acquisire dati e informazioni che possano costituire la base di futuri interventi legislativi o di indirizzo sul tema della tutela dei diritti dei consumatori, tematica ormai centrale in quanto parte integrante per la realizzazione di una cittadinanza attiva e perché comporta rilevanti conseguenze per la sicurezza e la salute della persona nel suo rapporto con il mercato. In particolare, la Commissione indagherà sulle forme principali e più ricorrenti di truffe, abusi e di comportamenti scorretti a danno dei consumatori e degli utenti più deboli, a tutela anche delle aziende che agiscono in maniera corretta e che vanno quindi riconosciute e premiate. Un altro obiettivo strategico sarà quello di permettere una più ampia diffusione della conoscenza tra i consumatori e gli utenti degli istituti e delle norme esistenti per la loro tutela, al fine di diffondere una maggiore consapevolezza dei loro diritti e degli strumenti a loro disposizione per prevenire o per porre fine ad abusi ingiustificati.

Lo ha detto la deputata del Pd Francesca Bonomo, intervenendo in Aula come relatrice.

27/09/2021 - 13:43

“ I parlamentari PD hanno sempre chiaramente escluso, in ogni sede, che in una zona ad alto pregio agricolo come Carmagnola possa essere collocato il deposito nazionale di scorie nucleari. Le affermazioni della locale candidata sindaca del centrodestra, evidentemente in difficoltà per la pochezza dei suoi risultati, sono solo faziose bugie”.

Lo dichiarano Francesca Bonomo, Davide Gariglio, Stefano Lepri e Anna Rossomando.

23/09/2021 - 17:42
“Oggi, durante il question time in commissione Esteri abbiamo chiesto al ministro Luigi Di Maio, quali siano le ragioni che hanno portato al blocco degli avvii dei giovani operatori volontari in alcuni Paesi esteri extra Schengen a causa della situazione sanitaria dovuta al Covid, considerando che tutti i volontari sono oggi vaccinati e che le condizioni sanitarie dei Paesi coinvolti appaiono attualmente migliori rispetto ai mesi scorsi”. Così in una nota le deputate dem Lia Quartapelle, capogruppo Pd in commissione Esteri della Camera e Francesca Bonomo, componente della commissione Attività Produttive di Montecitorio, firmatarie dell’interrogazione.
“Nel rispondere – proseguono le due deputate Pd –  il ministro Di Maio ha ribadito che i rilievi sulla sicurezza di alcuni paesi sollevati dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale non ha carattere vincolante e non corrisponde in alcun modo ad un divieto. Alla luce di ciò, auspichiamo che il Dipartimento per le Politiche Giovanili si assuma maggiori responsabilità e valuti caso per caso se sia possibile revocare il blocco. Sarebbe altresì auspicabile che si socializzasse con gli enti e i rappresentanti dei volontari quali siano i punti di criticità, paese per paese, con specifico riferimento agli aspetti relativi alle condizioni di sicurezza”.
“Infine – concludono Quartapelle e Bonomo – per favorire la rimozione possibili di motivi ostativi, sarebbe opportuno che l’assicurazione sanitaria con rimpatrio assistito per il Covid-19, dal costo di 500 euro, fosse a carico del Dipartimento o in alternativa si potrebbe studiare una formula assicurativa convenzionata con la Farnesina o il ministero della Difesa, così da non gravare sulle scarse finanze degli enti e favorire gli spostamenti all’estero dei volontari”.
11/09/2021 - 12:11

“Abbiamo depositato alla Camera un’interrogazione alla ministra delle Politiche giovanili, Fabiana Dadone, e al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, sulla questione del blocco degli avvii dei giovani operatori volontari in alcuni Paesi esteri extra Schengen a causa della situazione sanitaria dovuta al Covid. Si tratta di 19 Paesi per un totale di circa 350 giovani impegnati in progetti già avviati o da avviare il prossimo 16 settembre. La scelta assunta ci sembra ingiustificata per due ragioni: il fatto che tutti i volontari sono oggi vaccinati e che le condizioni sanitarie dei Paesi coinvolti appaiono attualmente migliori rispetto ai mesi scorsi. Chiediamo, dunque, quali siano le ragioni che hanno portato al suddetto blocco, di poterlo almeno verificare caso per caso e, se possibile, di revocarlo”.

Così le deputate e i deputati dem, Francesca Bonomo, Stefano Ceccanti, Elena Carnevali, Chiara Gribaudo, Lia Quartapelle, Laura Boldrini e Stefano Lepri.

04/08/2021 - 16:47

“L’esito positivo del tirocinio nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dall’amministrazione della giustizia amministrativa, dell’Avvocatura di Stato, nonché nei concorsi indetti da altre amministrazioni dello Stato, deve essere valutato come lodevole servizio presso la pubblica amministrazione e costituire formazione post lauream, riconoscendogli un punteggio equivalente a quello assegnato ai diplomi delle Scuole di Specializzazione delle Professioni Legali (Sspl), dei Dottorati di Ricerca e dei Master di II livello. Questo è il nucleo centrale della proposta di legge, di cui sono prima firmataria, che intende modificare il decreto-legge del 21 giugno 2013, n. 69, sulle disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia, in materia di formazione negli uffici giudiziari. Gli obiettivi di questa modifica delle regole di accesso al lavoro nella Pa sono due, entrambe molto rilevanti: da un lato, sanare una ferita e, cioè, restituire dignità a coloro che hanno svolto con merito un tirocinio di 18 mesi, con valutazione sottoposta alla verifica del capo dell’ufficio giudiziario; dall’altro, contribuire all’obiettivo di garantire al processo una ragionevole durata, anche attraverso il potenziamento degli organici dell’ufficio del processo, e contemporaneamente, di agevolare l’ingresso e una formazione di alto livello ai giovani laureati. Questo, del resto, è anche l’obiettivo delle riforme della giustizia all’esame del Parlamento, incluse nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza approvato dal Governo. Una prima apertura in questo senso, per quanto concerne i concorsi straordinari, si è già avuta nel decreto Brunetta che stiamo discutendo. Si tratta ora di estenderla a tutti i concorsi pubblici”.

Così le deputate dem, Francesca Bonomo, prima firmataria della proposta di legge di modifica del decreto-legge del 21 giugno 2013, n. 69, sulle disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia, in materia di formazione negli uffici giudiziari, e Chiara Gribaudo, responsabile Missione Giovani della segreteria nazionale del Pd

15/07/2021 - 19:46

“Un grazie davvero sentito al ministro del Lavoro Andrea Orlando che, su sua proposta, ha fatto approvare in Consiglio dei ministri la norma che consente l'accesso integralmente gratuito alla proroga della cassa per cessazione di sei mesi per i 400 lavoratori della ex Embraco, rimuovendo in questo modo le resistenze da parte della curatela fallimentare ad utilizzare il recente provvedimento adottato dal governo, i quali, senza questa misura, tra una settimana sarebbero stati licenziati. Un grazie anche a Stefano Lo Russo, candidato sindaco del centrosinistra, perché ha dimostrato la differenza tra chi vive di slogan e chi si occupa concretamente dei problemi dei cittadini e dei lavoratori. Ora occorre però trovare una prospettiva per queste lavoratrici e lavoratori ed è importante che ci sia l’impegno concreto di tutto il governo e soprattutto del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, che in questa vicenda non solo è stato il grande assente ma ha anche affermato che il progetto Italcomp non ha sbocco futuro senza incontrare nemmeno i sindacati”. Così in una nota i parlamentari dem torinesi.

23/06/2021 - 20:26

Dichiarazione on. Francesca Bonomo, deputata Pd                                                     

Apprendo con soddisfazione la decisione dell’Assemblea delle Nazioni Unite che con soli due voti contrari e tre astenuti ha approvato poco  fa una risoluzione che chiede la fine dell’embargo degli Stati Uniti nei confronti di Cuba. In tutti questi anni l’embargo ha provocato all’economia cubana danni enormi, quantificato dalla stessa Onu in 117 miliardi dollari ed è stato un imponente ostacolo allo sviluppo economico e sociale del paese.
L’Italia ha confermato il suo voto contrario all’embargo e il nostro auspicio è che continui a lavorare sia in sede europea  sia nei rapporti bilaterali con gli Stati Uniti,  a favorire il processo distensivo nei confronti  di Cuba. Inoltre,  ci auguriamo che la nuova amministrazione Biden riprenda con decisione quel percorso di distensione avviato dal presidente Obama e che , come primo atto,  si attivi per togliere Cuba dalla lista dei paesi che finanziano il Terrorismo che Trump aveva inserito durante la sua campagna elettorale.

21/06/2021 - 15:35

Dichiarazione dei parlamentari piemontesi del Pd

Stellantis potrebbe presto decidere di collocare in Italia una nuova fabbrica di batterie per l’auto elettrica, a condizione di ottenere sostegni, che il Governo potrà definire con equilibrio. A noi interessa affermare con forza che la sede più indicata per tale fabbrica è Torino, nell’area Mirafiori, sia per lo straordinario know how automobilistico piemontese, sia per rilanciare un sito e una città che più di altri hanno pagato i costi sociali derivanti dalle trasformazioni industriali. A Mirafiori potrebbero così essere concentrate le già definite produzioni Maserati (quattro modelli di cui due nuovi, tutti elettrificati), un altro auspicato modello premium e la fabbrica delle batterie, così da ottimizzare i costi (come richiesto da Stellantis) e salvaguardare l’occupazione. Nei prossimi giorni ci coordineremo con i colleghi delle altre forze politiche, per tutelare insieme un territorio leader nell’automotive e che non può essere ulteriormente
penalizzato.
Così in una nota  I PARLAMENTARI PD DEL PIEMONTE  Francesca Bonomo, Enrico Borghi, Davide Gariglio, Andrea Giorgis, Chiara Gribaudo, Mauro Laus, Stefano Lepri, Anna Rossomando, Mino Taricco.

21/05/2021 - 19:57

“Riteniamo assolutamente sbagliato e inaccettabile il tentativo del ministero del Turismo di introdurre la classificazione dei ‘comuni a vocazione montana’. Per due ordini di motivi: in primo luogo, non c’è alcun bisogno di una ulteriore classificazione legislativa dei comuni montani, con il rischio di introdurre una discriminazione oggi inesistente che creerebbe solo confusione. In secondo luogo, perché la discriminante della cosiddetta ‘vocazione montana’ è la presenza all’interno dei comprensori sciistici. Questo equivale a dire che essere ‘di montagna’ significhi SOLO essere legati all’industria dello sci. Una concezione da anni ‘50, che speriamo vivamente possa essere superata immediatamente”. Lo dichiarano in una nota i deputati dem Erico Borghi, responsabile delle  Politiche della sicurezza della direzione nazionale del Pd e membro del Copasir e Francesca Bonomo.

“Inoltre - concludono Borghi e Bonomo - c’è un’evidente sperequazione nell’assegnazione delle risorse contenute nel decreto Sostegni approvato ieri. I maggiori beneficiari dei 100 milioni di euro messi a disposizione, sono Trento e Bolzano con 46 milioni complessivi. Siamo sicuro che con il decreto Sostegni bis ci sarà una più equa distribuzione di risorse per evitare di scatenare una competizione, al momento inesistente, tra province autonome e comprensori sciistici da un lato e gli altri comuni montani dall’altro”.

20/05/2021 - 16:56

“Grazie all’impegno del Partito Democratico e a un gioco di squadra iniziato con il precedente governo, il decreto Sostegni bis appena varato dal Consiglio dei Ministri, assegna a Torino il ‘Centro per l’intelligenza artificiale applicata ed automotive’, con uno stanziamento dei primi 30 milioni di euro. E’ una misura fondamentale per il rilancio del capoluogo piemontese, molto provato da questi mesi di emergenza pandemica. Finalmente Torino potrà diventare la capitale per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale in Italia e si candida a diventare un punto di eccellenza per lo sviluppo e la ricerca in questo settore per tutta l’Europa”. Lo dichiarano in una nota i parlamentari piemontesi del Pd Francesca Bonomo, Davide Gariglio, Andrea Giorgis, Mauro Laus, Stefano Lepri e Anna Rossomando.

19/05/2021 - 18:52

“Dal governo arriva finalmente un segnale concreto per i lavoratori dell’Ex Embraco con l’annuncio di una norma ad hoc che verrà inserita del decreto Sostegni Bis e consentirà di prolungare per sei mesi la cassa integrazione dei 400 dipendenti. Ringraziamo il ministro Orlando per il lavoro svolto e per questa iniziativa tempestiva che non risolve la situazione ma che dà comunque una boccata di ossigeno ai lavoratori ed alle loro famiglie, e ulteriori mesi alle istituzioni per rilanciare il polo industriale piemontese. Il ministro Giorgetti non perda ora altro tempo”.

Così in una nota congiunta i deputati del Pd Davide Gariglio e Francesca Bonomo.

12/05/2021 - 17:09

“Su Ex Embraco il ministro Giorgetti dica chiaramente se vuole salvare azienda e garantire gli stipendi dei lavoratori”: è quanto dichiarano i deputati Pd Francesca Bonomo e Davide Gariglio, sulla discussione della loro interrogazione sulla crisi dello stabilimento piemontese che si è svolta oggi, mercoledì 12 maggio a Montecitorio.

“La crisi dell'azienda – proseguono gli esponenti dem - è precedente al Covid ma gli interventi varati per risolvere la situazione sono stati rallentati dall'attuale pandemia. Oltre alle misure necessarie per garantire gli ammortizzatori sociali, va oggi elaborato un piano industriale credibile in cui lo Stato possa essere garante per attrarre investimenti privati solidi e duraturi. Continuare a ripetere, come fa oggi il Mise, di essere genericamente alla ricerca di una partnership privata non porta ad alcuna soluzione positiva del problema”.

06/05/2021 - 19:56

“Dobbiamo assolutamente preservare il settore del ‘Wedding’, precipitato in una profonda crisi economica a causa della pandemia Covid-19. Il Gruppo del Partito Democratico alla Camera segue con estrema attenzione le sollecitazioni da questo comparto, il cui giro d'affari annuale ammontava a circa 65 miliardi di euro, impiegando un milione circa di lavoratori”.

Lo afferma la deputata dem Francesca Bonomo, la quale, insieme alla vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Marina Berlinghieri, Diego Zardini membro dell’ufficio di presidenza delegato alle attività produttive, Martina Nardi, presidente della commissione Attività produttive alla Camera e Gianluca Benamati, capogruppo Pd in commissione Attività produttive di Montecitorio, hanno incontrato alcune rappresentanze del settore: la presidente di Insieme per il wedding Stefania Vismara, il vicepresidente Sebastiano Campus e Claudio Compagnucci vicepresidente di FEU.

“Siamo estremamente consapevoli – prosegue Bonomo – che, per la sua peculiarità, il comparto wedding ha bisogno di date certe sulle riaperture e di protocolli per poter pianificare in sicurezza matrimoni che tantissime coppie sono in attesa di celebrare. Oltre alla nostra personale vicinanza, abbiamo rassicurato i rappresentanti della categoria che abbiamo già presentato interrogazioni al ministro dello Sviluppo economico al riguardo e stiamo valutando la presentazione di specifici emendamenti al Dl Aperture, nonché interessato i nostri rappresentanti al governo per assicurare la ripresa delle attività al più presto nel rispetto dei protocolli di sicurezza”.

26/04/2021 - 15:31

“Da quando è scoppiata la pandemia da Covid-19, il mondo del wedding, tra ‘stop e go’, di fatto è stato completamente bloccato e oggi sono venuti davanti Montecitorio per protestare ‘contro la mancata indicazione della data di ripartenza per le feste, nonostante le sollecitazioni giunte da numerosi presidenti di Regione’. A tal proposito mi sono impegnata con i rappresentanti della loro categoria per sollecitare un confronto con il ministro della Salute Roberto Speranza e il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti su questo tema”. Lo dichiara la deputata dem Francesca Bonomo.

“Il settore matrimoni - prosegue la deputata Pd - il cui giro d’affari annuale pre-pandemia ammontava a circa 65 miliardi di euro, per la sua specificità, ha bisogno di un’ampia programmazione e, se si vuole avere una possibilità di far ripartire il settore, in sicurezza, entro metà giugno deve ricevere risposte adesso. Per accelerare la riapertura, si potrebbe, ad esempio, integrare il protocollo esistente prevedendo l’obbligo di fare un tampone prima del matrimonio e poi fissare un limite massimo di ospiti, sempre tamponati e con tavoli distanziati, in base alla capienza della sala dove si svolgerà il ricevimento e utilizzare la musica, ma dare la possibilità di ballare, con mascherina, solo negli spazi all’aperto”.

“Le idee per un confronto costruttivo non mancano. Sono sicura - ha concluso Bonomo - che il ministro Speranza e il ministro Giorgetti accoglieranno la richiesta di produrre un protocollo aggiornato, che, ad esempio, possa anche prendere spunto dal protocollo per le crociere e che sia in grado di salvaguardare il diritto di unirsi in matrimonio e al contempo di salvare un settore importante e fiore all’occhiello della nostra economia, prima che sia distrutto del tutto”.

22/04/2021 - 13:49

"Finalmente è stata calendarizzata in commissione Affari costituzionali della Camera la proposta di legge presentata due anni fa dal PD per consentire il diritto di voto ai fuori sede nelle elezioni nazionali, europee e referendum". Lo affermano i deputati del Pd firmatari della pdl Madia, Ceccanti, Giorgis, Pini, Piccoli Nardelli, Pezzopane, Pagano, Critelli, De Filippo, Fiano, Bruno Bossio, Sensi, Quartapelle, Verini, Lotti, Bonomo, Serracchiani, Braga, Ciampi, Gribaudo, Navarra e Incerti.

"La nostra proposta è complementare rispetto al disegno di legge presentato in questi giorni dal Presidente Brescia, che interessa invece le elezioni regionali e amministrative. Chiediamo quindi di procedere velocemente nella discussione per arrivare il prima possibile all'approvazione. Sarebbe un passo importante che rafforzerebbe  la nostra democrazia, soprattutto in questa difficile crisi pandemica".

Pagine