28/10/2020 - 15:04

È un errore aver chiuso i servizi di Bar e ristorazione dei circoli ricreativi italiani. Le Case del Popolo sono state così ingiustamente penalizzate rispetto a servizi analoghi indicati nell’ultimo dpcm che possono, invece, rimanere aperti fino alle 18. La Presidenza del Consiglio spieghi il motivo di questa palese incongruenza e risolva al più presto questa situazione iniqua”. Lo dichiara la deputata del Pd, Rosa Maria Di Giorgi

27/10/2020 - 19:21

“Bene la decisione di Anfols (Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche), in seguito all’uscita dell’ultimo Dpcm che ha imposto la chiusura dei teatri e dei cinema, di invitare i propri associati a proseguire le proprie attività senza il pubblico”.

Lo dichiara in una nota Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della commissione Cultura.

“Il presidente Giambrone e la vicepresidente Macciardi - spiega Di Giorgi - hanno proposto alle Fondazioni di proseguire nelle proprie attività e nelle produzioni, anche se momentaneamente senza pubblico, invitando gli aderenti ad  evitare il ricorso alla cassa integrazione. Una scelta importante e responsabile in un periodo così difficile”.

“Auspico che anche il sovrintendente del Maggio musicale fiorentino, Pereira, si allinei a questo modus operandi e ritiri l’ordine di servizio già emanato, che prevede la cassa integrazione per i dipendenti del teatro”.

26/10/2020 - 18:10

“Non c’è più tempo. La politica non dimentichi le bambine e i bambini. Subito la nomina del garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Lunedì 12 ottobre la garante per l’Infanzia la dott.ssa Filomena Albano ha ripreso servizio come magistrato, dopo quattro anni da presidente dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza. Il mandato è scaduto circa sei mesi fa, ma i Presidenti di Camera e Senato non hanno ancora nominato il successore. La politica in un momento così drammatico per il nostro Paese sta dimenticando i bambini. L’11 aprile erano scaduti i termini per la manifestazione e di interesse e dopo oltre sei mesi non è stata ancora fatta la nomina. La pandemia da Covid-19 rende ancora più necessario garantire i diritti delle bambine e dei bambini specie di quelli più fragili e vulnerabili e l’autorità garante ha un ruolo preciso in questo senso. Pertanto il gruppo interparlamentare Infanzia così come ha recentemente fatto anche la bicamerale infanzia e adolescenza chiede con forza che i presidenti di camera  e senato procedano ad horas alla nomina del garante per l’Infanzia e l’Adolescenza che è l’unica autorità garante non ancora nominata. La politica non lasci indietro le bambine e i bambini del nostro Paese”.

Lo dichiarano i deputati e le deputate dell’intergruppo parlamentare Infanzia, Paolo Lattanzio, Paolo Siani, Vittoria Casa, Rosa Di Giorgi, Alessandro Fusacchio, Chiara Gribaudo, Rossella Muroni, Michele Nitti, Flavia Piccoli Nardelli, Lia Quartapelle, Luca Rizzo Nervo, Debora Serracchiani, Antonio Viscomi.

26/10/2020 - 14:04

“Apprendo che il Maggio Musicale fiorentino si sta predisponendo ad attivare la Cassa integrazione per i lavoratori. Auspico che il sindaco intervenga immediatamente nei confronti del Sovrintendente Pereira per bloccare questo atto che suona oltraggioso nei confronti di tutti i lavoratori. La chiusura al pubblico dei teatri contenuta nel Dpcm non significa chiusura totale. Le prove, le attività, la programmazione, i laboratori devono proseguire per mantenere viva, anche con trasmissioni sui canali social, la cultura italiana nel rispetto del lavoro degli artisti. È incredibile che, a fronte degli appelli del mondo della cultura, a Firenze, primi in Italia, si pensi di dare ristoro ai bilanci delle Fondazioni attraverso il sacrificio ulteriore degli artisti e dei lavoratori tutti. Un atto gravissimo che spero venga fermato in tempo dal presidente della fondazione del Maggio, il nostro sindaco”.

Così Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della commissione Cultura.

26/10/2020 - 10:18

L'iniziativa annunciata dal ministro Dario Franceschini può proiettare tutto il mondo dello spettacolo italiano nel futuro, con una forma di fruizione che rivitalizzerebbe da subito tutta la filiera che più di tante altre ha sofferto la crisi economica e occupazionale innescata dalla pandemia. Musica, teatro, danza, arti circensi e ogni altra manifestazione artistica dal vivo potrebbero ritrovare occasioni e opportunità di rilancio. Ci auguriamo che Cassa Depositi e Prestiti possa quanto prima realizzare il progetto di una piattaforma simile a Netflix con film, documentari e contenuti italiani che sarebbero a disposizione di tutti e specialmente delle giovani generazioni, abili alle fruizioni su internet. In questo modo la platea di fruitori dello spettacolo italiano potrebbe anche rinnovarsi e aumentare.
Lo dichiara la deputata Dem Rosa Maria Di Giorgi.

18/10/2020 - 11:56

“Porterò quanto prima in Parlamento la vicenda della trasmissione andata in onda su Rai 2 che ha associato Don Lorenzo Milani ai tremendi fatti del Forteto. Un accostamento inaccettabile e lesivo della memoria del sacerdote fiorentino e dei ragazzi di Barbiana”. Lo dichiara in una nota Rosa Maria Di Giorgi, parlamentare del Pd.
“Che sia stato fatto con coscienza, oppure sia solamente l’impreparazione di una redazione, non è in nessun modo ammissibile che un messaggio del genere venga trasmesso, con tanta leggerezza, su una rete che offre servizio pubblico”.

16/10/2020 - 10:04

“Se vogliamo garantire il diritto allo studio con la didattica in presenza dobbiamo intervenire subito per decongestionare il trasporto pubblico ed evitare così il rischio di alimentare la circolazione del virus. Un modo rapido per ottenere questo risultato è l’utilizzo dei bus privati. Occorre che Regioni e Comuni sottoscrivano rapidamente le convenzioni con le aziende. È una richiesta che giunge dall’Associazione nazionale dei presidi che considero giusta e facilmente attuabile. Chiedo pertanto alla Conferenza Stato-Regioni di attivarsi su questo”.

Così Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della commissione Cultura e Scuola.
 

08/09/2020 - 12:59

Nessuno scontro con la Soprintendenza. Non sosteremmo mai progetti che ‘devastino’ lo Stadio Franchi. Voglio rassicurare il Soprintendente con cui ho avuto uno scambio di opinioni molto proficuo. Non concordo assolutamente con le recenti dichiarazioni di Matteo Renzi che escludono il ruolo del Ministero dei Beni Culturali. Quando ha firmato il nostro emendamento, presentato dalla senatrice Biti, chiedendo di esserne il primo firmatario, ha condiviso il nostro testo, su cui lavoravamo da mesi, in solitudine, che semplificava l'iter di approvazione dei progetti sugli stadi, dando priorità al mantenimento delle funzioni, ossia del gioco del calcio. Apprezzo quanto dichiara il sindaco Dario Nardella che ben ha compreso il senso del nostro emendamento. Si dovrà collaborare con la Soprintendenza e dovranno essere esaminati i progetti in armonia fra le istituzioni preposte, ossia il Comune e la Soprintendenza".

Così Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della Commissione Cultura e Sport.

"Ora - prosegue Di Giorgi - vorremmo vedere i progetti. Vorremmo qualcosa di concreto. Il Pd in Parlamento e con la Presidenza del Consiglio ha fatto un ottimo lavoro di cui siamo giustamente soddisfatti. Ho letto in questi giorni di un'appropriazione dell'iniziativa da parte di Italia Viva e del suo leader, compresi altri autorevoli esponenti fiorentini di quel partito. Così come la Lega, disinteressata da sempre e poi improvvisamente pronta a rivendicare un successo che solo il lavoro del Pd, paziente e misurato, ha invece consentito di acquisire. Ricordo che la proposta di legge a mia prima firma e di altri 50 deputati del Pd è la base del lavoro che abbiamo portato avanti per mesi fino all'emendamento, scritto da noi Pd, poi ‘rivendicato’ da altri con le consuete ‘mosse del cavallo’ cui siamo abituati. Serietà ed equilibrio. Questo serve adesso. Ampia collaborazione fra istituzioni per trovare la soluzione per lo stadio Franchi che tutti aspettiamo. La legge certamente cambia lo scenario. I parlamentari e il Governo hanno fatto la loro parte. In questa settimana voteremo il Decreto Semplificazione alla Camera e sarà legge. Adesso fateci vedere i progetti per il Franchi su cui discutere. Concretezza e ‘velocità’. Ora - conclude la deputata Pd - non ci sono più scuse.

02/09/2020 - 12:12

Una buona notizia per gli stadi vincolati.  Con l'accordo raggiunto fra Pd e Iv sull'emendamento, presentato al Senato, che vede come primi firmatari la senatrice Biti del Pd e il senatore Renzi di Italia Viva, si pongono le premesse per poter intervenire in modo più agevole per lavori di ristrutturazione sugli stadi vincolati in Italia. Sono contenta di aver combattuto questa battaglia, iniziata con il collega Lepri, mesi fa, attraverso la presentazione di una mia proposta di legge alla Camera, firmata poi da oltre 40 deputati del Pd, e successivamente integrata e trasformata in emendamento al decreto Semplificazione dalla collega Biti (Pd) al Senato e dall'ex ministro allo Sport Luca Lotti.

Così Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera dei e membro della Commissione Cultura e Sport.

Per Firenze - aggiunge la deputata dem - significa non abbandonare lo stadio Franchi a un destino di degrado dopo la parentesi della gara voluta dalle amministrazioni cittadine per collocare l'impianto nell'area Mercafir (gara andata deserta). Felice che anche Renzi, ex sindaco di Firenze, riformulando un suo emendamento, sia accanto al Pd in questa importante scelta su cui da mesi il nostro partito sta lavorando. Nessun consumo di suolo, rispetto per il bene culturale su cui si interviene, salvaguardandone le parti identitarie secondo il parere delle Soprintendenze, e opportunità per le società sportive di poter intervenire creando spazi commerciali che rendano possibile la sostenibilità degli impianti stessi. Sarà possibile finalmente ristrutturare gli stadi storici - conclude Rosa Maria Di Giorgi - mantenendone l'identità storico-artistica e salvaguardandone la funzione primaria che è quella del gioco del calcio.

10/08/2020 - 18:29

“La notizia degli stanziamenti per terminare il progetto Grandi Uffizi con la realizzazione della Loggia progettata da Arata Isozaki  e per il nuovo Museo della lingua italiana a Santa Maria Novella (rispettivamente 12 e 5 milioni di euro) rappresenta un fatto molto importante, che mette un tassello di grande rilievo per il rilancio di Firenze in questa fase post lock down, e in occasione dei 700 anni dalla nascita di Dante.

22 anni fa , all'epoca del concorso internazionale che coinvolse i piu'  grandi architetti a livello mondiale, io ero capo gabinetto del sindaco Mario Primicerio e, anche successivamente  da assessore alla cultura, ebbi modo di toccare con mano la veemenza con cui la parte più retriva della città si scagliò contro quel progetto, destinato, come altri fatti oggetto dei medesimi attacchi pretestuosi e scomposti, a rinnovare ed ammodernare la città. Ricordo la politicizzazione dello scontro, cui segui' il pantano degli anni successivi.

Oggi che  finalmente e fortunatamente  il progetto Isozaki vede la luce, l'esperienza di questi anni deve servirci da monito per non ripetere gli stessi errori.  Grazie dunque al ministro Franceschini che ha mantenuto le promesse fatte e a chi in questi anni non si è mai arreso”.
Lo dichiara Rosa Maria Di Giorgi, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera

05/08/2020 - 14:02

“Sergio Zavoli ci ha lasciato. Sono addolorata. Il ricordo di lui mi accompagnerà. Un incontro felice nella mia vita. Un uomo che ha saputo darmi molto con la sua preziosa amicizia di cui sono onorata. Ero accanto a lui in Senato, nel gruppo del Pd, e ho apprezzato l'uomo, il giornalista, lo studioso. Un amico per me. Un grande amico con cui avevo lunghe conversazioni. Vivacità intellettuale, saggezza, lungimiranza, sensibilità. Senso politico ed estrema profondità e intelligenza nei giudizi sulle persone e sugli eventi. Mi ha seguito con affetto nel mio lavoro in commissione Cultura, mi ha dato consigli preziosi al momento della presentazione in Senato delle mie leggi su cinema e spettacolo di cui è stato autorevolissimo firmatario. È stato accanto a me, con tutto il suo supporto e il suo prestigio fra i senatori, al momento della mia elezione a vicepresidente del Senato. Il mio saluto affettuoso e il ricordo commosso a un uomo che ha segnato la storia del nostro giornalismo, della nostra televisione e della nostra cultura”. Lo dichiara la deputata del Pd, Rosa Maria Di Giorgi, membro della commissione Cultura di Montecitorio.

30/07/2020 - 19:04

“Finalmente giunge in Aula il Decreto Semplificazione e sarà possibile per noi del Pd presentare l'emendamento relativo agli impianti sportivi per semplificare l'iter riguardante l'adeguamento e il recupero, anche di quelli tutelati”.

Lo dichiara in una nota la parlamentare Rosa Maria Di Giorgi, membro dell’Ufficio di Presidenza del Pd alla Camera dei Deputati.

“In questi mesi, insieme ai miei colleghi, in particolare Luca Lotti, ex ministro allo Sport ed estensore della legge cosiddetta ‘stadi’, abbiamo fatto un grosso lavoro su questa importante questione, lavoro che ha prodotto versioni diverse dell'emendamento così da venire incontro alle giuste esigenze delle Soprintendenze, del Ministero dei Beni Culturali e degli altri ministeri interessati, Infrastrutture e Sport”. 

“Un lavoro lungo e complesso - prosegue Di Giorgi - che consentirà, dopo l’approvazione dell’emendamento, di intervenire sugli impianti sportivi, anche quelli tutelati, per permettere loro di mantenere, con lavori di ristrutturazione, le funzioni proprie e nello stesso tempo per garantirne la sostenibilità economica. Si potrà evitare quindi, senza le eccessive rigidità attualmente in essere, di far degradare strutture ormai divenute obsolete così da poter ospitare le manifestazioni sportive, rispondendo alle esigenze degli enti proprietari, in genere i Comuni, e delle società che gestiscono quegli impianti.

Abbiamo già verificato una condivisione bipartisan in Parlamento rispetto a una misura che potrebbe essere di grande aiuto per i comuni italiani, proprietari di numerosi impianti da riammodernare e adeguare alle nuove esigenze. L'emendamento del Pd, che sarà presentato in Senato, risponde a tutte queste esigenze, nel rispetto delle competenze e delle sensibilità di tutti i Ministeri”.

“Auspichiamo che il governo e la Presidenza del Consiglio siano sensibili a questa esigenza - conclude Di Giorgi - e possano esprimere parere favorevole su questa iniziativa parlamentare che, per quanto riguarda ad esempio lo stadio di Firenze, potrà risolvere una questione che da anni cerca una soluzione adeguata”.

28/07/2020 - 16:05

Dichiarazione di Rosa Maria Di Giorgi, deputata Pd

“Noi abbiamo un solo grande imperativo: tornare in classe. Tornare con i propri compagni nel proprio ambiente, senza prendere scorciatoie, impegnandosi  fino in fondo, col cuore e con l’anima, affinchè i ragazzi tornino a scuola”. Così la deputata del Pd Rosa Maria Di Giorgi, intervenuta in merito all’informativa del ministro Azzolina sull’apertura dell’anno scolastico. “Tutti devono essere coinvolti per questo obiettivo – ha proseguito l’esponente del Pd-  secondo la quale  “siamo di fronte a una prova collettiva e tutto  il governo deve essere in campo. Servono tante risorse,   e tante ne sono state messe . Serve senso di responsabilità da parte di tutti nel comprendere che occuparci della riapertura della scuola è tra le questioni più  importanti che abbiamo di fronte”.

“Se la nostra priorità - ha aggiunto Di Giorgi-,  e quella di riaprire le scuole,  allora c’è bisogno anche di qualche accorgimento, perché l’obiettivo è mantenere l’unità della classe:  è lì dentro che si gioca la socialità, è lì dentro che i ragazzi possono crescere bene. Se noi vogliamo questo c’è bisogno di una flessibilità maggiore, flessibilità che abbiamo già registrato in tanti altri ambiti della società  dopo il lockdown” . “I sindaci e tutti i soggetti del territorio – ha concluso la rappresentate del Pd-  trovino spazi per la nostra scuola , chiamino  loro le associazioni di categoria , i privati, gli alberghi,  tutti coloro che hanno luoghi da mettere in campo,  ambienti adatti o  adattabili per le classi . Ciò  deve essere un impegno della comunità, un impegno delle istituzioni. Noi  del Pd mettiamo a disposizione tutta la nostra rete di sindaci che sono abituati  a fare comunità nei loro territori affinchè  nessuno rimanga indietro. Ogni comune, anche il più piccolo, deve avere i suoi ragazzi nelle classi. Inoltre – ha precisato Di Giorgi - noi vogliamo tenere aperte le scuole anche nel pomeriggio in tutte le parti d’Italia e ci impegneremo a farlo".

21/07/2020 - 18:55

“Alla Camera dei Deputati è stata appena votata all'unanimità la legge sull’assegno unico per i figli.  Questa norma rappresenta una vera e propria rivoluzione per le famiglie italiane e per i tanti giovani che, fino ad oggi, hanno rinunciato a mettere al mondo figli perché questo rappresentava una spesa insostenibile”.

Lo dichiara Rosa Maria Di Giorgi, componente della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

“La legge, di cui sono firmataria e che ho supportato sin dall'inizio della sua stesura, se troverà il nulla osta del Senato, andrà per la prima volta a favorire concretamente e stabilmente la natalità, sostenendo ogni figlio e, in particolar modo, quei nuclei che contano due o più nati, ed investirà - seppur in modo progressivo - tutte le famiglie fino al 21 anno di età dei ragazzi. Ringrazio il collega e amico Stefano Lepri, ideatore della legge, che ha saputo costruire con intelligenza questa misura, portandola avanti con determinazione. L'assegno unico per i figli permetterà all'Italia di avvicinarsi finalmente agli altri paesi europei per quanto riguarda il sostegno alle famiglie. Una riforma essenziale per il futuro del nostro Paese, che oggi conferma di credere nei suoi giovani, nella loro giustificata voglia di creare nuove famiglie che rappresenteranno il rinnovamento dell’Italia”.

 

21/07/2020 - 14:23

Dichiarazione on. Rosa Maria Di Giorgi, deputata Pd

Sono profondamente soddisfatta dell’esito del vertice Ue, condotto con accortezza dal presidente Conte, e dall'accordo raggiunto sul Recovery Fund.

All'Italia andranno ben 208.4 mld dei 750 mld disponibili, una cifra importante per il futuro del nostro Paese, una svolta storica.

Ora è impellente la necessità di lavorare insieme a un piano di riforme serie e concrete su pensioni, lavoro e giustizia. È altrettanto necessario, e da oggi possibile, investire in maniera massiccia su infrastrutture, ricerca, green economy e digitale, settori che produrranno ricchezza e crescita, e che consentiranno all'Italia di tornare competitiva nel mondo. #NextGenerationEU

Pagine