21/07/2021 - 17:27

“Oggi insieme al Comitato No Enpaf presentiamo una proposta di legge che vuole fare giustizia per un’intera categoria di lavoratori e lavoratrici fortemente penalizzate da una legge vecchia e ingiusta, quella dei farmacisti dipendenti. Chiediamo l'abolizione della doppia contribuzione, la modifica dei regolamenti Enpaf e delle norme sul cumulo, perché non vengano più penalizzati i più giovani e i meno abbienti. Quando si parla dei farmacisti - ha aggiunto - troppo spesso si pensa soprattutto ai padroni delle farmacie, e ci si dimentica invece dei dipendenti e dei tantissimi giovani che studiano per diventare farmacisti, e poi devono svolgere tirocini o vengono assunti con contratti precari dovendo comunque pagare una seconda previdenza iniqua. Troppo spesso finiscono per abbandonare la professione e sprecare anni di studi. Per questo la proposta di legge elaborata insieme al comitato è rivolta soprattutto alle nuove generazioni, che non possono essere sfruttate per la sostenibilità di un ente dal quale non ricevono né assistenza né previdenza”.

Così la deputata del Pd, Chiara Gribaudo, nel corso della conferenza stampa alla Camera per la presentazione della proposta di legge per la modifica del regime previdenziale dei farmacisti.

"Per anni - hanno affermato le rappresentanti del Comitato No Enpaf nel corso della conferenza stampa - abbiamo chiesto una riforma dell’Enpaf e ci siamo sempre sentiti ripetere che per cambiare lo status quo serviva un intervento legislativo. Per questo oggi portiamo in parlamento una proposta di legge per la dignità del lavoro di tanti farmacisti dipendenti e disoccupati, vessati da quote contributive insostenibili e da un regolamento scritto a favore dei soli farmacisti liberi professionisti ad alto reddito. Vogliamo dare l’opportunità di recuperare la contribuzione silente ai farmacisti dipendenti, che oggi viene loro negato, e lasciare ai dipendenti il pagamento dei soli contributi Inps. I diritti e le tutele dei lavoratori, per essere definiti tali, devono essere di tutti. Serve equità nei trattamenti previdenziali, e ci auguriamo - hanno concluso - che questa proposta di legge possa essere l’inizio di un percorso di riforma che adegui la previdenza alla condizione attuale del mondo del lavoro”.

21/07/2021 - 10:26

Conferenza stampa

Oggi, mercoledì 21 luglio, ore 16, Sala Stampa Montecitorio

Partecipa: Chiara Gribaudo

Si terrà oggi, mercoledì 21 luglio, alle ore 16, presso la Sala stampa della Camera dei deputati, la conferenza stampa di presentazione della Proposta di legge 3076 della deputata Chiara Gribaudo per una riforma del regime previdenziale dei farmacisti.

All'evento parteciperanno, oltre la deputata dem presentatrice della Pdl, anche i componenti del Comitato No Enpaf, che approfondiranno le ragioni di questa iniziativa legislativa in merito alla necessità di abolire la doppia contribuzione per i farmacisti dipendenti, nonché di revisione dei regolamenti Enpaf e di alcune norme di carattere previdenziale che impediscono ai farmacisti il cumulo dei periodi contributivi.

20/07/2021 - 12:29

Si terrà domani, mercoledì 21 luglio, alle ore 16, presso la Sala stampa della Camera dei deputati, la conferenza stampa di presentazione della Proposta di legge 3076 della deputata Chiara Gribaudo per una riforma del regime previdenziale dei farmacisti.

All'evento parteciperanno, oltre la deputata dem presentatrice della Pdl, anche i componenti del Comitato No Enpaf, che approfondiranno le ragioni di questa iniziativa legislativa in merito alla necessità di abolire la doppia contribuzione per i farmacisti dipendenti, nonché di revisione dei regolamenti Enpaf e di alcune norme di carattere previdenziale che impediscono ai farmacisti il cumulo dei periodi contributivi.

14/07/2021 - 12:20

Dichiarazione di Chiara Gribaudo, responsabile Missione giovani e deputata Pd

"I dati del rapporto INVALSI fotografano quanto grave sia stato l'allontanamento dei ragazzi dalle aule scolastiche fra il 2020 e il 2021. Praticamente 1 studente su 2 non ha raggiunto la preparazione minima nelle materie più importanti, come italiano e matematica. Si tratta di mancanze che devono essere adeguatamente recuperate con programmi specifici, finanziamenti per attività pomeridiane e allargamento del tempo pieno su tutto il territorio nazionale. E soprattutto, la DAD per il prossimo anno scolastico deve essere evitata a qualsiasi costo." Lo dichiara in una nota la deputata Chiara Gribaudo, responsabile della Missione Giovani del Partito Democratico. "Se ci sono scenari preoccupanti a causa delle varianti, è urgente prevedere misure adeguate per il trasporto pubblico che evitino i problemi di affollamento, oltre a mettere a disposizione delle scuole test salivari veloci e lavorare sui sistemi di ventilazione. La scuola non può più chiudere, qualsiasi sia il colore delle regioni e dei comuni. Le fabbriche e i luoghi di lavoro sono rimasti tutti aperti anche in zona rossa, non ha senso tornare alla didattica a distanza. A pagare non possono essere sempre i più giovani, che hanno ricevuto già troppi danni formativi e psicologici."

08/07/2021 - 14:04

“Esprimiamo soddisfazione per l’approvazione in commissione Bilancio alla Camera, in sede di conversione del decreto Sostegni bis, dell’emendamento a mia prima firma che aiuta i giovani nell’acquisto della prima casa. La misura è importante poiché impone ai soggetti finanziatori di applicare le condizioni migliori rispetto a quelle applicate dagli stessi soggetti a prezzi di mercato e di indicare, in sede di richiesta della garanzia, le condizioni economiche di maggior favore applicate ai beneficiari in ragione dell’intervento del Fondo di garanzia per la prima casa. In questo modo si assicura ai giovani il riconoscimento delle condizioni di maggior tutela e si favorisce la possibilità di accedere alla garanzia statale sul mutuo”.

Così la deputata Chiara Gribaudo, responsabile Missione giovani del Partito democratico.

08/07/2021 - 11:19

“La riforma dell’elettorato attivo del Senato è indispensabile per svecchiare il Paese e mettere fine a una discriminazione generazionale che è stata, fino ad oggi, un punto di debolezza del nostro sistema parlamentare. Mi auguro che il voto ai diciottenni e in particolare a tutti i minori di 25 anni per l’elezione dei senatori, porti dalle prossime elezioni una ventata di cambiamento fra quei banchi che oggi troppo spesso rallentano o bloccano l’adeguamento delle leggi dello Stato all’avanzamento culturale dell’Italia. Il percorso delle riforme in questa legislatura non è ancora finito. La riforma dei regolamenti parlamentari e soprattutto dell’assetto delle Commissioni e del gruppo misto, come anche l’attuazione dell’articolo 49 della Costituzione sulla vita dei partiti, sono appuntamenti che le forze politiche non possono eludere. Abbiamo la responsabilità collettiva di far iniziare la prossima legislatura in maniera ordinata, senza lasciare ai posteri gli aggiustamenti dovuti al taglio dei parlamentari”.

Così la deputata Chiara Gribaudo, responsabile Missione Giovani del Pd.

07/07/2021 - 16:33

“La questione delle pari opportunità passa inevitabilmente dal lavoro. È stato il lavoro, nel secolo scorso, il primo mezzo di emancipazione delle donne ed è il lavoro ancora oggi a determinare le discriminazioni e le disuguaglianze che impediscono la libera scelta fra lavoro e famiglia, l’indipendenza economica e la realizzazione personale. L’Italia sta uscendo da uno dei periodi più difficili della sua storia, ma senza uguaglianza di genere, non potrà esserci alcuna concreta ripresa. Per questo e per un'Italia più giusta, serve approvare e dare rapidamente attuazione alla legge per la parità salariale e le pari opportunità nei luoghi di lavoro”.

Così la deputata Chiara Gribaudo, della segreteria nazionale Pd, intervenendo in Aula come relatrice sulle linee generali della legge per la parità salariale.

“Il gender pay gap totale nel nostro Paese - prosegue la deputata dem - raggiunge la vetta del 44%, e a parità di mansione e orario può arrivare fino al 20% della busta paga fra uomo e donna. All’arrivo della crisi, la prevalenza di contratti precari fra le lavoratrici ha generato una tremenda ondata di licenziamenti. Il tasso di occupazione femminile, già prima della pandemia, era di 18 punti inferiore a quello maschile, una distanza definita ‘impresentabile’ dal presidente Mattarella. Le donne rappresentano il 56% dei laureati italiani, ma soltanto il 28% dei manager. Faccio mie le parole di Draghi: dobbiamo pretendere più informazioni da parte delle aziende sul divario salariale di genere. Questo testo si occupa non soltanto del gender pay gap inteso come disparità salariale, ma anche della conciliazione tra tempi di vita e opportunità di crescita e carriera. Attraverso il principio della trasparenza, il nostro approccio non vuole essere solo repressivo, ma intende promuovere un sistema premiale per i datori di lavoro che garantiscono il rispetto delle pari opportunità. E’ il risultato - conclude Chiara Gribaudo - dell’unificazione di tutte le proposte delle forze politiche presenti in commissione, che oggi voglio ringraziare perché insieme abbiamo fatto un ottimo lavoro”.

29/06/2021 - 13:53

"L'articolo pubblicato ieri da ‘Il Sole 24 Ore’, a firma di Giulio Peroni, che parla di maschicidio, è un vero e proprio attacco ai diritti delle donne e un'offesa per tutte le vittime di violenza domestica. Il giornale rettifichi le informazioni e cancelli questa mistificazione che aumenta il pregiudizio di genere e legittima il femminicidio. È grave che si vogliano attaccare le donne manipolando i dati e rappresentandole con perfidia, proprio dopo l'aumento di casi di femminicidio e di violenza domestica avvenuti con il lockdown. Ci stupiamo che un quotidiano serio come il Sole, all'avanguardia nel data journalism, si sia prestato a questa narrazione da romanzo di serie B, che danneggia la battaglia culturale per i diritti delle donne e per sconfiggere i pregiudizi patriarcali e maschilisti”.

Lo dichiarano la deputata Chiara Gribaudo e l'eurodeputata Pina Picierno, del Partito Democratico.

24/06/2021 - 14:03

“Dobbiamo mettere il lavoro in condizioni di reagire alla trasformazione digitale, per rimanere lo strumento centrale di dignità della persona e di garanzia democratica, assolvendo al ruolo che gli assegna la nostra Costituzione. Laddove la piattaforma atomizza il lavoro, laddove gli appalti della logistica e dei servizi estraggono e non distribuiscono ricchezza, la politica deve iniziare a rispondere concretamente. La discussione su una legge della rappresentanza per combattere i contratti pirata e una strategia per garantire salari dignitosi non può attendere oltre. "Abbiamo bisogno di rafforzare la contrattazione collettiva e garantire legalità e tutele nei subappalti, per combattere il lavoro povero. Inoltre abbiamo bisogno di riflettere con i territori per gestire gli effetti dello smart working e della logistica. Ringrazio tutti i partecipanti all'evento di oggi per i contributi preziosi”.

Lo dichiara la deputata, Chiara Gribaudo, della segreteria nazionale Pd, concludendo il panel ‘La centralità del lavoro nella grande transizione’, all’interno dell’evento ‘Una nuova agenda sociale per l’Italia e l’Europa’ organizzato questa mattina al Nazareno.

23/06/2021 - 15:18

“Oggi in commissione Lavoro segniamo un passo avanti fondamentale nella lotta contro il gender pay gap e contro le discriminazioni di genere sul posto di lavoro. Con l’approvazione all’unanimità del testo di legge sulla Parità salariale, siamo a un passo dall’istituire un meccanismo di trasparenza e garanzia per milioni di donne lavoratrici che oggi vengono pagate meno e vengono escluse dalle opportunità di carriera rispetto ai loro colleghi uomini. Ringrazio tutte le forze politiche perché abbiamo fatto un ottimo lavoro insieme, a dimostrazione del fatto che quando si dà spazio al Parlamento e al dialogo, arrivano risultati significativi per tutte e per tutti”.

Lo dichiara la deputata del Pd Chiara Gribaudo, relatrice della legge sulla Parità salariale, dopo il voto di oggi pomeriggio in commissione Lavoro.

“Il percorso di questa legge - aggiunge - è iniziato insieme alla legislatura ed è il risultato di un profondo lavoro di studio e dialogo; è stato coordinato con le previsioni del Pnrr e oggi approviamo una proposta che prevede la creazione di nuovi meccanismi di trasparenza e garanzia per le donne lavoratrici attraverso il rapporto sulla situazione del personale e la creazione di una certificazione della parità di genere per premiare le aziende virtuose. Il gender pay gap in Italia può arrivare al 20% in meno sulla busta paga delle donne rispetto ai loro colleghi uomini, mentre solo il 28% dei manager sono donne. Peggio di noi solo Cipro. Il Global gender gap report, infatti, ci pone fra i peggiori Paesi europei per le differenze economiche fra uomini e donne, e stima che servano oltre 200 anni per raggiungere la parità. Non possiamo aspettare secoli, è tempo di mettere fine a questa ingiustizia. C’è un testo condiviso fra le forze politiche - conclude - approviamolo definitivamente prima possibile”.

21/06/2021 - 17:24

"Il Presidente Draghi ha espresso chiaramente quali devono essere gli obiettivi dell'Italia e del mondo per consentire una piena partecipazione delle donne alla democrazia e alla società, e per garantire una crescita nel segno dell'equità e della sostenibilità sociale. Oggi come ieri l'emancipazione femminile parte dal lavoro: occorre garantire la parità salariale fra uomo e donna, pari opportunità di carriera e soprattutto occorre passare da un'idea di conciliazione tra famiglia e lavoro, a un'idea di condivisione di responsabilità genitoriali fra uomo e donna, con congedi e servizi all'infanzia accessibili per tutti. Solo così possiamo mettere fine, contemporaneamente, alle discriminazioni di genere, al declino demografico, al rischio di un deficit democratico che oggi rappresenta un punto debole della nostro sistema costituzionale”.

Lo dichiara la deputata Chiara Gribaudo, della segreteria nazionale Pd.

21/06/2021 - 16:49

Il candidato del centrodestra in Calabria Nino Spirlì vuole una "rilettura" del duce e della "sua parte socialista". Si rilegga allora il discorso di Matteotti e si studi lo squadrismo contro le Camere del lavoro ad esempio. A destra non si arrendono a chiamarlo col suo nome: fascismo.

Lo scrive su Twitter la deputata del Pd Chiara Gribaudo.

 

21/06/2021 - 15:35

Dichiarazione dei parlamentari piemontesi del Pd

Stellantis potrebbe presto decidere di collocare in Italia una nuova fabbrica di batterie per l’auto elettrica, a condizione di ottenere sostegni, che il Governo potrà definire con equilibrio. A noi interessa affermare con forza che la sede più indicata per tale fabbrica è Torino, nell’area Mirafiori, sia per lo straordinario know how automobilistico piemontese, sia per rilanciare un sito e una città che più di altri hanno pagato i costi sociali derivanti dalle trasformazioni industriali. A Mirafiori potrebbero così essere concentrate le già definite produzioni Maserati (quattro modelli di cui due nuovi, tutti elettrificati), un altro auspicato modello premium e la fabbrica delle batterie, così da ottimizzare i costi (come richiesto da Stellantis) e salvaguardare l’occupazione. Nei prossimi giorni ci coordineremo con i colleghi delle altre forze politiche, per tutelare insieme un territorio leader nell’automotive e che non può essere ulteriormente
penalizzato.
Così in una nota  I PARLAMENTARI PD DEL PIEMONTE  Francesca Bonomo, Enrico Borghi, Davide Gariglio, Andrea Giorgis, Chiara Gribaudo, Mauro Laus, Stefano Lepri, Anna Rossomando, Mino Taricco.

21/06/2021 - 10:10

"A Roma e Bologna la partecipazione è stata un ottimo risultato, un esercizio di democrazia non affatto scontato dopo un anno chiusi in casa. Il Pd è l'unico partito a dare questa possibilità per la scelta delle figure che meglio possono rappresentare il centrosinistra nelle candidature politiche e amministrative. È uno sforzo che rivendichiamo perché, anche alla luce dell'altissima astensione alle regionali in Francia, ci sono segnali preoccupanti di perdita di valore della partecipazione democratica che devono farci riflettere”.

Lo ha dichiarato questa mattina, nel corso dell'intervista su Radio24, la deputata Chiara Gribaudo della segreteria nazionale Pd.

18/06/2021 - 11:55

"Nel settore della logistica sta prevalendo una linea violenta illegale che nega tutti i diritti dei lavoratori, mettendoli anche gli uni contro gli altri. Basta, l'assassinio del sindacalista a Novara come le bastonate sui facchini a Lodi devono essere puniti e la mancanza di tutele deve essere affrontata. E' inaccettabile morire o essere picchiati davanti ai cancelli per i propri diritti, nel 2021 come nell'800. Ci stringiamo tutti attorno alla famiglia della vittima e ai suoi compagni”.

Lo dichiara la deputata Chiara Gribaudo, della segreteria nazionale Pd.

Pagine