15/06/2022 - 18:46

“Serve un piano straordinario di intervento a sostegno della filiera ittica. Per questo oggi durante il Question time abbiamo chiesto al ministro Patuanelli di prendere ulteriori iniziative per ridurre l’impatto dei rincari sui costi di produzione e per preservare e sostenere le imprese e i lavoratori del settore. La guerra in Ucraina si ripercuote pesantemente sui settori della pesca e dell'acquacoltura. Il rincaro generalizzato delle materie prime e dei costi del carburante marittimo sta generando costi aggiuntivi elevatissimi. In diverse marinerie continua la mobilitazione dei pescatori che hanno deciso di non far uscire le proprie imbarcazioni dai porti. Il blocco della pesca, ovviamente, si ripercuote anche sul mercato al minuto e sulla ristorazione. Dobbiamo agire in fretta”.

Lo dichiarano a margine del question time, Antonella Incerti, capogruppo in commissione Agricoltura, ed Eva Avossa, deputata Pd.

“Valutiamo positivamente – proseguono le esponenti dem - il tavolo di crisi permanente, che coinvolge anche i sindacati dei lavoratori e i rappresentanti delle associazioni di categoria, convocato presso il ministero delle Politiche Agricole, il quale ha fatto sì registrare passi avanti seppur non ancora sufficienti rispetto alla necessità di velocizzare le procedure di liquidazione e per favorire l’attivazione della cassa integrazione di settore. Bene anche i 40 milioni messi a disposizione della filiera, che sicuramente servono a rassicurare il settore, attenuando alcune tensioni che tuttavia rimangono in numerose marinerie. Importante, senza dubbio, anche il lavoro che si sta facendo a livello europeo. Tuttavia l’enorme aumento dei costi continua a mordere la nostra flotta, costretta a lavorare in perdita. Per questo chiediamo al governo di fare di più, e di prendere misure ulteriori. Rischiamo ripercussioni gravi sull’occupazione di un settore che conta 12mila imprese e circa 28mila lavoratori. Abbiamo presentato vari emendamenti nel decreto Aiuti – concludono Incerti e Avossa -, serve velocizzare le erogazioni dovute al fermo pesca, va incentivato il ricambio della nostra flotta, ormai obsoleta, e va sfruttato a pieno il piano delle risorse del Pnrr”.

06/06/2022 - 14:53

“La crisi del settore pesca richiede scelte tempestive e chiare da parte del governo con sostegni che, in un momento così delicato per la sicurezza alimentare, ci paiono fondamentali.  Dopo le buone notizie sul riparto di fondi stanziati dalla legge di bilancio e le precisazioni sul bonus carburante per il 2021-2022, servono ora altri decisivi interventi. Il rinnovo del credito d’imposta, la garanzia dell’accesso alla cassa integrazione salariale operai agricoli (Cisoa), il sostegno ai fornitori, sono punti fondamentali per il rilancio della pesca italiana e per qualità dei prodotti che arrivano sulle nostre tavole. Ci auguriamo che i tavoli già aperti al Mipaf e in questi giorni al ministero del Lavoro producano i risultati auspicati. Per quanto ci riguarda, ci impegneremo a dare il nostro contributo in parlamento”.

Lo dichiarano le deputate democratiche Debora Serracchiani, capogruppo alla Camera, Susanna Cenni, responsabile agricoltura Pd e Antonella Incerti, capogruppo in commissione Agricoltura alla Camera.

24/05/2022 - 18:08

“Dopo l’allarme lanciato dall’Onu e l’appello a Putin del direttore del Programma alimentare mondiale, David Beasley, affinché consenta la riapertura dei porti in Ucraina ed eviti l’aggravamento di un'emergenza alimentare che vede a rischio 325 milioni di persone nel mondo, bene ha fatto il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, a chiedere una immediata iniziativa umanitaria e militare per portare via il grano dal porto di Odessa. Prima della guerra scatenata da Putin, Russia e l’Ucraina rappresentavano il 30% del commercio mondiale di grano. L’Ucraina, in particolare, è il quinto paese esportatore al mondo. Secondo le stime del Pam, sono 325 i milioni di persone che nel mondo rischiano ora la fame e 49 milioni di persone in 43 diversi Paesi sono ormai sull'orlo della carestia. Bisogna fare presto. Da un lato, occorre coinvolgere la Russia in un tavolo che risolva la crisi e sblocchi il commercio del grano e, dall’altro, avviare una operazione umanitaria e militare per far partire le navi cariche dal porto di Odessa”.

Così la capogruppo del Pd in commissione Agricoltura alla Camera, Antonella Incerti.

11/05/2022 - 18:35

“Le sfide che vengono poste oggi al sistema agroalimentare hanno bisogno di strategie più larghe, che tengano conto della complessità del sistema, dove ci sono produzione, trasformazione, somministrazione, vendita.
Sostenere la redditività delle tante imprese locali può servire ad offrire un prodotto di maggiore garanzia e qualità. Durante il Covid è cresciuta molto la sensibilità dei consumatori che si sono sempre più spesso rivolti ad imprese locali, vendite dirette, con la consapevolezza che fare la spesa in filiera corta è garanzia di prodotti freschi, che durano di più. E si valorizza l’indentità del produttore primario. La filiera corta inoltre contribuisce al contenimento dei prezzi. E fare la spesa in filiera corta significa anche tagliare lo spreco alimentare e i nostri produttori possono spuntare prezzi più interessanti, con un maggior bilanciamento di tutta la filiera. La legge è stata migliorata nei passaggi anche per rafforzare tutto il sistema dei mercati alimentari e dell’agroristorazione, dando anche sviluppo al cosiddetto turismo rurale”. Lo ha detto in Aula la deputata del Pd, Antonella Incerti, dichiarando il voto favorevole del Pd alla pdl sulla filiera corta.

26/04/2022 - 14:44

Dichiarazione on. Marina Berlinghieri, vicepresidente deputati Pd

Osservo con molta preoccupazione l’evolversi della situazione in Moldavia nella regione della Transnistria, dove il Consiglio di sicurezza ha dichiarato un' allerta rossa terrorismo dopo tre incidenti nelle ultime 24 ore. Ieri sera l'edificio del Consiglio di Sicurezza è stato attaccato con granate, mentre stamane un centro di trasmissione radiofonico con due antenne è stato colpito da esplosioni e un'unità militare di stanza nel villaggio di Parcani è stata presa di mira.

In Moldavia ho effettuato una missione di osservazione elettorale lo scorso luglio, e la situazione con la Transnistria è sempre stata molto delicata. L'escalation di violenze che con un effetto domino si sono generate a partire dall'aggressione russa in Ucraina preoccupa tutti noi.

Vanno respinti e condannati tutti i tentativi di destabilizzare la situazione in Transnistria, scongiurando qualsiasi azione che mini la stabilità su entrambe le sponde del fiume Nistro.
Speriamo che la missione di Antonio Guterres oggi a Mosca produca i frutti sperati; può e deve esserci una strada alternativa alle armi per la soluzione della guerra.

Vanno così rilanciati e sostenuti i negoziati in modo che non vi sia un pericoloso allargamento del conflitto in corso.

16/03/2022 - 16:52

“La guerra in Ucraina sta innescando un nuovo cortocircuito sul settore agroalimentare nazionale. L'aumento generalizzato di quasi tutte le materie prime, e dei costi energetici, sta progressivamente erodendo la redditività dell'attività economica di molte imprese, sta mettendo a rischio il futuro delle coltivazioni e dell'industria di trasformazione nazionale. A questo si aggiunge la difficoltà di reperire i mangimi, con il rischio di non poter garantire l’alimentazione del bestiame. Le fattorie sono costrette a ridurre del 10 per cento le razioni di cibo. Ne consegue una riduzione di carne, latte e uova. Per questo chiediamo al ministro Patuanelli quali iniziative urgenti il governo intenda attivare, tenuto conto che sarà necessario valutare canali alternativi di approvvigionamento, come un piano di incentivi per la coltivazione di ulteriori superfici”. Lo dichiara Antonella Incerti, capogruppo Pd in commissione Agricoltura, durante lo svolgimento del Question time alla Camera.

Nella replica Susanna Cenni, vice presidente della commissione Agricoltura della Camera e responsabile Agricoltura Pd, ha ringraziato il ministro per l’attenzione dimostrata, ha ricordato che il Pd ha chiesto un'informativa del ministro in Aula per discutere del quadro generale nazionale ed europeo, e ha aggiunto che “abbiamo la necessità di riorganizzare la produzione nazionale dell’agroalimentare, rendendo il nostro sistema  più resiliente, e di ridurre, senza tentazioni autarchiche, la dipendenza del settore dalle importazioni e dal fossile. L’agroalimentare non è un settore produttivo qualsiasi, il Paese deve riconoscerne la strategicità con forza. E come tale ha bisogno di provvedimenti e risorse adeguate, per evitare che anche in Italia si apra una questione di sicurezza alimentare. Soprattutto per le famiglie a basso reddito, visto l’aumento, non sempre giustificato dai fatti, dei prezzi dei beni di prima necessità. E queste famiglie vanno aiutate subito. Due quindi sono gli obiettivi: il mantenimento del reddito agricolo e la sicurezza alimentare per i cittadini, attraverso politiche che guardano al sistema alimentare complessivo”.

16/02/2022 - 17:21

“Abbiamo chiesto al ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, quali iniziative intenda adottare per sostenere agricoltori e allevatori, e tutta la filiera agroalimentare, e per evitare che i ricavi scendano sotto i costi di produzione a causa dei forti rincari delle materie prime. Non c’è, infatti, soltanto l’aumento dei prezzi dell'energia, ma anche dei fertilizzanti, del carburante, delle sementi, dei macchinari. La pandemia da Covid, inoltre, e l’incertezza sugli effetti dei cambiamenti climatici hanno rafforzato la corsa dei singoli Stati ai beni essenziali per garantire l’alimentazione della popolazione, aprendo uno scenario di accaparramenti e speculazioni”. Lo dichiara Antonella Incerti, capogruppo Pd in commissione Agricoltura, intervenendo in Aula per il Question time.

“Nella replica, Susanna Cenni, vicepresidente della commissione Agricoltura, ha dichiarato che il Partito democratico “è molto preoccupato. La produzione del latte, ad esempio, ha costi ampiamente superiori ai prezzi ottenuti dal produttore. Bene dunque l’impegno del suo ministero e del governo, ma noi oggi dobbiamo sottolineare come l’aumento dei costi riguarda in maniera drammatica l’agricoltura, con una ricaduta sul consumatore finale e sui beni di prima necessità. È senz’altro utile che venga riconvocato il tavolo di filiera, ma dobbiamo lavorare anche per una più equa distribuzione dei costi lungo la filiera. Non è pensabile che tutto il peso ricada solo sull’agricoltura e sul consumatore finale. Dobbiamo intervenire in maniera urgente, altrimenti rischiamo di perdere interi pezzi dell’agroalimentare”.

20/01/2022 - 12:54

“Preoccupa un’eventuale diffusione dell’epidemia di peste suina africana - per ora limitata ad alcune regioni settentrionali - su tutto il territorio nazionale. Ora è fondamentale intervenire con urgenza su più fronti: verifiche mirate, controlli intensificati su merci importate e sul flusso animale, azioni efficaci sul contenimento dei cinghiali per ristabilire l’equilibrio tra territorio e pressione faunistica”. Lo dichiarano le deputate democratiche Antonella Incerti e Susanna Cenni, rispettivamente capogruppo e vice presidente della commissione Agricoltura”

“L’ordinanza dei ministeri della Salute e dell’Agricoltura – affermano le deputate dem - è stata tempestiva, ma resta una grande preoccupazione per la gestione del sovrappopolamento dei cinghiali. Per il Pd è fondamentale che, accanto al lavoro dell’unità di crisi, si attivi una task force permanente capace di monitorare e coordinare tutti gli interventi con le massime competenze tecnico scientifiche. Sono indispensabili, inoltre, un’iniziativa coordinata delle regioni confinanti con aree colpite ed una efficace azione per ridurre la popolazione dei cinghiali in quelle aree utilizzando le figure consentite e formandone altre ove necessario, anche rafforzando e rilanciando il ruolo della polizia provinciale”.

10/01/2022 - 12:41

 Dichiarazione di Susanna Cenni, Antonella Incerti e Mino Taricco, rispettivamente Responsabile Agricoltura del Pd e capigruppo di Camera e Senato.

“Il PD esprime preoccupazione per le possibili conseguenze del caso di peste suina rilevato nei giorni scorsi ad Ovada, in Piemonte. Ricordiamo che la peste suina è una malattia virale che colpisce suini e cinghiali. Nel 2014 ha colpito paesi dell’Est europeo, raggiungendo poi Belgio e Germania. Nel nostro Paese solo la Sardegna aveva registrato la presenza della malattia.” Così Susanna Cenni, responsabile Politiche agricole, alimentari e forestali del Partito democratico e i capigruppo dem in commissione Agricoltura di Camera e Senato Antonella Incerti e Mino Taricco.

“Siamo un paese con una presenza e una pressione eccessiva di cinghiali, ed abbiamo una importante zootecnia suinicola. La forte contagiosità della malattia ci impone uno sforzo straordinario per evitare scenari disastrosi che non possiamo consentire .” Per il Pd è “fondamentale che si attivino subito tutte le azioni necessarie per rafforzare la sorveglianza, supportando le Regioni, valutando l’efficacia del Piano di sorveglianza Nazionale, e che si adottino tutte le misure necessarie per contenere il proliferare della presenza dei cinghiali, possibile veicolo di trasmissione. E’ necessario – conclude la nota- che Mipaf, Ministero Salute e Regioni attivino immediatamente una cabina di regia per adottare tutte le misure e gli strumenti necessari, anche straordinari. Il Pd chiede una informativa urgente alle commissioni competenti prima possibile, da parte dei Ministri competenti.”

30/12/2021 - 10:02

“Bene l’accoglimento di un ordine del giorno a nostra firma che impegna il governo ad incrementare le risorse per i prodotti Dop e Igp e a rafforzare i Consorzi di Tutela. Con l’approvazione di questo ordine del giorno alla Legge di Bilancio 2022, il Partito Democratico pone l’accento sull’importanza di sostenere e valorizzare i prodotti a denominazione ed indicazione geografica. Siamo il Paese con il maggior numero di prodotti alimentari Dop e Igp che hanno un rilevante peso economico e rappresentano più complessivamente la nostra cultura, il saper fare, il legame con i territori. Sono, inoltre, una garanzia di qualità per i consumatori. Per questo è e sarà importante sostenere il ruolo dei Consorzi di Tutela e le Aziende che producono questi beni proteggendoli dalle imitazioni sleali”. Lo dichiarano le deputate dem Susanna Cenni, vicepresidente della commissione Agricoltura e responsabile Pd per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e Antonella Incerti, capogruppo Pd in commissione Agricoltura della Camera.

26/11/2021 - 20:34

“Se volessimo rispondere a tono agli attacchi della collega Fiorini, potremmo limitarci a dirle che la risposta alle sue polemiche strumentali l’hanno già data gli elettori nelle diverse tornate elettorali degli ultimi anni, dal voto regionale fino a quelle relative proprio alla città di Reggio Emilia che hanno rieletto Luca Vecchi sindaco. Ma non ci interessa scendere sul terreno della polemica fine a se stessa. Vogliamo dire, invece, che bene ha fatto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, a coinvolgere gli enti di prossimità come i comuni, in un progetto che vuole affrontare seriamente il disagio e la marginalità giovanile, e a inserire il sindaco Luca Vecchi nel gruppo di lavoro nazionale ‘Politiche e interventi sociali in favore dei minorenni in attuazione della Child Guarantee’. Del resto sono proprio i comuni a poter avere maggiore attenzione sulle migliori politiche da adottare, sono loro che hanno maggiore conoscenza del territorio e dei problemi legati ai minori, problematiche che in questi anni di pandemia sono purtroppo aumenti”.

Così in una nota congiunta i deputati del Partito democratico Antonella Incerti e Andrea Rossi, eletti in Emilia Romagna.

“E la scelta di Luca Vecchi è giustissima - proseguono gli esponenti dem - per la sua esperienza e il suo impegno in questo territorio, per la conoscenza che ha di questi problemi; non a caso da sette anni rappresenta l’Anci con la delega al welfare. Ed è per la seconda volta sindaco di una città che è chiamata la ‘città delle persone’ per la cura dei bisogni dei cittadini. Quella di Reggio Emilia è una realtà fatta di eccellenze conosciute in tutto il mondo, all'avanguardia per l'educazione dei minori, per le politiche di inclusione, per le politiche educative e di contrasto all'esclusione anche minorile”.

“Del resto la professionalità e la competenza di Vecchi sono talmente riconosciute anche a livello trasversale, che appena dieci giorni fa è stato eletto, anche con i voti del centrodestra e dei colleghi dell’on. Fiorini, Presidente regionale Anci per l’Emilia Romagna. Rivolgiamo quindi un invito a smetterla con queste dichiarazioni inutili, se non offensive, e concentriamoci tutti sui temi di prossimità, sulla lotta alle sacche di disagio, sulle difficoltà dei più piccoli legate alla pandemia, devono essere questi i temi al centro dell'agenda politica. Noi siamo convinti che questa commissione possa portare un contributo utile per affrontare i problemi”.

22/09/2021 - 16:53

“Durante il Question time di oggi alla Camera abbiamo voluto porre all'attenzione del ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli la necessità di coordinare le esigenze dello sviluppo delle energie rinnovabili con un'adeguata tutela del suolo agricolo per la produzione di alimenti, della biodiversità, dell'equilibrio del territorio e dell'ambiente”.

Lo dichiarano in una nota congiunta Antonella Incerti, capogruppo Pd in commissione Agricoltura della Camera, e Andrea Frailis, deputato del Partito democratico e componente della commissione Agricoltura.

“Nel PNRR, infatti, sono previsti interventi per la produzione di energie rinnovabili attraverso l'installazione di pannelli ad energia solare, anche passando per una riqualificazione delle strutture produttive agricole. La commissione Agricoltura, però, ha precisato che l'installazione di pannelli fotovoltaici non potrà essere realizzata su terreni destinati alla produzione agricola e che dovranno essere definite, conseguentemente, le aree compatibili con tali tipologie di intervento”.

“Riteniamo – concludono gli esponenti dem - che le due esigenze non debbano entrare in contrasto, ma affinché ciò accada è necessario attuare una programmazione territoriale precisa, coinvolgendo non solo il mondo agricolo ma anche le Regioni, gli Enti locali, e le comunità locali che quei territori abitano, per evitare frizioni e contrasti. Consideriamo positiva l'attenzione dimostrata dal ministro e continueremo a lavorare per raggiungere entrambi gli obiettivi”.

05/08/2021 - 16:08

La prospettiva per la nuova agricoltura è legata indissolubilmente allo sviluppo di pratiche agricole sostenibili ed al sostegno degli agricoltori impegnati ogni giorno a tutelare la biodiversità ed a salvaguardare il paesaggio; l’accesso al cibo sano, la sicurezza alimentare sono al centro del dibattito internazionale. Gli agricoltori assumono un ruolo fondamentale nella produzione di prodotti alimentari salutari e rispettosi dell’ambiente. Sulla base di queste premesse abbiamo chiesto al ministro delle Politiche agricole per il question time di oggi - con un intervento della nostra Capogruppo in commissione Agricoltura Antonella Incerti - quali orientamenti il Ministro stia assumendo rispetto alle linee strategiche di utilizzo delle risorse indicate dal PNR per rafforzare la competitività e la sostenibilità del comparto agroalimentare italiano.

Abbiamo giudicato – con la replica di Susanna Cenni, responsabile dem per le politiche agricole - la risposta del ministro Patuanelli completa e dettagliata. Dobbiamo cambiare profondamente i nostri sistemi alimentari. E dobbiamo farlo subito tenendo presenti gli obiettivi di fondo: la redditività dei sistemi, l’accesso al cibo di qualità per tutti, sistemi che siano compatibili economicamente, socialmente e dal punto di vista ambientale. Per noi è fondamentale lavorare alla costruzione di strumenti di transizione capaci di affrontare la crisi climatica e dotarsi di una politica che affronti il tema del consumo del suolo mantenendo la produzione di cibo come priorità.

26/07/2021 - 15:29

“Mentre vigili del fuoco, mezzi della protezione civile, volontari, aiuti nazionali ed europei, sono ancora impegnati nella messa in sicurezza delle aree percorse dal devastante incendio in Sardegna, si comincia a profilare anche il drammatico danno subito dalle attività agricole. Aree coltivate, aree forestali, greggi, oliveti storici, immobili, sono andati distrutti togliendo ogni mezzo agli agricoltori di quei territori. Occorrerà fare di tutto per sostenere questa terra e i tanti agricoltori colpiti nel rialzare la testa e riprendere la propria attività. Il Partito democratico esprime tutta la sua vicinanza agli agricoltori sardi e si impegnerà al massimo per sostenere in Parlamento tutte le iniziative necessarie per recuperare aree e attività agricole”.

Così Susanna Cenni, vice presidente della commissione Agricoltura della Camera e responsabile Agricoltura del Pd, e i capigruppo dem delle commissioni Agricoltura di Camera e Senato, Antonella Incerti e Mino Taricco.

23/07/2021 - 17:22
La notizia del finanziamento del bando PINQUA del Ministero delle Infrastrutture di 15 milioni per la zona stazione, le nuove ex Reggiane e il futuro Parco dell’innovazione rappresenta un’ottima opportunità per Reggio Emilia. Un finanziamento che ha riguardato diverse città capoluogo, e non solo, della nostra Regione per un importo complessivo superiore ai 200 milioni di euro.

Dal piano periferie del 2016 approvato dal nostro Governo in avanti lo Stato ha deciso di essere al fianco delle città, prestando sempre maggiore attenzione alla qualità dell’abitare e con il presupposto che non vi sia più nessun luogo degradato e abbandonato, con spazi rigenerati e riqualificati. Un lavoro importante migliorare la socialità delle nostre comunità, che significa anche maggior sicurezza per la gente che abita e frequenta i quartieri. 

È una nostra grande soddisfazione avere promosso per il governo del Paese una visione più attenta alle disuguaglianze e all'urbanistica di qualità. Non da ultimo e non meno importante, un plauso all’amministrazione comunale per la qualità della proposta avanzata e per l'impegno profuso per la riqualificazione complessiva della città che oggi saluta un nuovo importante capitolo.

Lo affermano i deputati del Pd Graziano Delrio, Antonella Incerti, Vanna Iori e Andrea Rossi. 

Pagine