20/05/2022 - 11:15

“La notizia della nuova procedura di infrazione europea nei confronti dell’Italia sulla gestione delle scorie nucleari, conferma quanto sia urgente il problema della definizione del deposito unico dei rifiuti nucleari. Soprattutto dimostra quanto sia sbagliato e dannoso ogni atteggiamento dilatorio. Il problema va risolto, col massimo della capacità di decisione e di partecipazione dei territori”. Lo afferma Roberto Morassut Vice presidente del gruppo Pd alla Camera, che da sottosegretario all’ambiente nel Governo Conte dette avvio, dopo anni di attesa, alla procedura per la individuazione del sito unico.

“Sono convinto - prosegue- che prima di immaginare nuovi programmi di impiego dell’energia nucleare che impongono anni di sperimentazioni e studi che non sappiamo quali reali apporti possano dare alla decarbonizzazione ci si debba concentrare con serietà e impegno sulla realizzazione del deposito unico liberando il paese dai numerosi siti che ancora si trovano in aree improprie e spesso pericolose”.

19/05/2022 - 19:14

“Oggi più che mai è il tempo della responsabilità e della serietà. Non sono accettabili inutili distinguo o polemiche pretestuose per ipotetici interessi di parte. Ne va del bene del Paese. Dobbiamo con tutti i nostri sforzi portare a termine le riforme per l’attuazione del Pnrr, perché l’Italia ne ha bisogno, perché gli italiani ne hanno bisogno. Non è pensabile che tutto il lavoro di questi ultimi anni venga messo a repentaglio per miopia o peggio egoismo politico. Mi auguro che tutte le forze politiche prendano coscienza della necessità di uno spirito costruttivo e collaborativo per approvare le riforme che mancano nel miglior modo possibile e in tempi brevi”.

Lo dichiara Roberto Morassut, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera.

07/05/2022 - 21:17

“‘Boia chi molla è il grido di battaglia’. Con questo slogan si è aperta la campagna elettorale del candidato sindaco di Fratelli d’Italia di Rieti, all’insegna della tradizione eversiva più bieca della destra neofascista. Una caduta di stile o forse di ignoranza del sindaco uscente, Antonio Cicchetti. Ci si domanda perché una città moderna e importante come Rieti debba essere rappresentata da certi rottami del neofascismo degni più di uno sketch comico che di una istituzione pubblica”. Così in una nota il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

28/04/2022 - 18:40

“La nomina di Antonio Rosati a Direttore Generale di Capitale Lavoro  una buona notizia per tutta l’area metropolitana di Roma. Rosati ha dimostrato, nel corso del tempo, notevoli doti manageriali e una grande sensibilità politica soprattutto sui temi dell’economia e del lavoro. Sono convinto che saprà far bene e dare slancio ulteriore alla costruzione dell’area metropolitana di Roma e alle prospettive del lavoro e della formazione del nostro territorio". Così in una nota il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

06/04/2022 - 17:35

“Il testo base della riforma di Roma Capitale, assunto oggi in comitato ristretto, è un passo avanti di grande portata per Roma. In esso si fissa il principio della potestà legislativa di Roma Capitale ed entro due anni una legge ordinaria lo tradurrà in pratica attraverso una sintesi con lo Stato e la Regione Lazio. I poteri dei municipi saranno definiti nel nuovo ente di Roma Capitale. In questo modo Roma si allinea alle grandi capitali europee e sale di rango con poteri finalmente di carattere legislativo”. Lo dichiara Roberto Morassut, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, tra i padri della riforma di Roma Capitale e firmatario, già dal 2012, del primo testo di riforma dell’ordinamento di Roma Capitale.

10/03/2022 - 17:15

"La critica politica di Pasolini, quella che Berlinguer avrebbe chiamato ‘questione morale’ di uno Stato, ovvero la dissoluzione degli elementi di trasparenza, di fiducia verso le istituzioni, è valida ancora oggi. Pasolini criticava il sistema di potere democristiano dicendo ‘io so, non ho le prove ma so’. Quella frase potrebbe essere ripresa e riportata alla condizione attuale dell’Italia. Ognuno di noi potrebbe dire ‘io so, non ho le prove ma so’; cioè le prove di un degrado diffuso delle istituzioni pubbliche dello Stato, degli enti locali e territoriali, in cui sia avverte un elemento di falsità e di non sincerità nei rapporti con i cittadini. Non ci sono le prove, perché le prove spettano ai magistrati (che hanno anche i loro problemi…) però ognuno di noi può dire ‘io so, non ho le prove ma so’. E questo rende quella frase tremendamente attuale”. Così il vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut, intervistato da Lanfranco Palazzolo di Radio Radicale.

07/03/2022 - 11:51

“Il Rapporto Ispra 2021 sul dissesto idrogeologico in Italia documenta un aggravamento ulteriore del rischio dei comuni e dei territori che passano dal 91 al 94 per cento dell’intero Paese. Il rischio idraulico e di dissesto sono per l’Italia una priorità assoluta e le risorse del Pnrr aiuteranno sicuramente ad avere maggiori disponibilità finanziarie per affrontarle. Ma è urgente applicare, ad ogni livello e rapidamente, le semplificazioni normative e procedurali approvate nel decreto sulle semplificazioni del Pnrr nel luglio 2021, che rendono più veloce e immediata la capacità di risposta e prevenzione degli enti territoriali”. Così in una nota il vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera dei Deputati e già viceministro per l’Ambiente nel governo Conte, Roberto Morassut.

“In quel decreto – continua Morassut – il Pd ha chiesto e ottenuto di introdurre una serie di norme che rendono più rapido il trasferimento delle risorse e soprattutto che rafforzano le unità tecniche di regioni e comuni per i progetti e per le gare finalizzate ad interventi di difesa idraulica e del suolo. L’Italia può essere più sicura se le risorse disponibili si spendono presto e bene e se si lavora con autorità di bacino ed enti territoriali con maggiore velocità e con capacità progettuali superiori. Le riforme normative introdotte con il Pnrr lo rendono possibile. Ora vanno applicate”.

25/02/2022 - 10:26

“Migliaia in piazza nelle maggiori città russe per dire NO ALLA GUERRA. Sosteniamo e diamo forza alla Russia pacifista con grandi manifestazioni in tutte le città europee e in Italia. Si convochi una grande manifestazione a Roma contro la guerra e per la pace, contro l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Aiutiamo chi nella Russia di Putin vuole far sentire la propria voce! Parlino i popoli e non solo le armi”. Così il vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

16/02/2022 - 11:50

“Felice che il Partito Democratico, con la comunità di Sant’Egidio, siano domani in piazza dei Santi Apostoli per dar voce alla volontà di pace e di sostegno agli sforzi delle diplomazie contro i venti di guerra contro l’Ucraina. La voce dei popoli europei per la pace conti più delle armi”. Lo scrive su Twitter il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

14/02/2022 - 09:27

“No alla guerra! Il Pd lanci una grande manifestazione nazionale contro il rischio di guerra. Si apra una trattativa che deve vedere l’Europa protagonista, sostenuta da una mobilitazione di popolo e di giovani. Non lasciamo solo alla diplomozia il compito di scongiurare il rischio di una guerra ma diamo voce alle ansie e alla voglia di pace di milioni di europei. Ritroviamoci in piazza per dire no alla guerra”.

Lo dichiara Roberto Morassut, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera e membro della direzione nazionale dem.

19/01/2022 - 16:27

“Per il Pd l’incremento del prezzo dell’energia, insieme all’aumento del costo delle materie prime, è un’emergenza da affrontare con tempestività e determinazione. Sappiamo che le ragioni di questa situazione sono ampie e complesse, ma occorre evitare rischi per la ripresa economica e, allo stesso tempo, dobbiamo tutelare le categorie sociali più esposte e le nostre imprese da un insostenibile aumento dei prezzi di gas ed elettricità. Ecco perché serve rafforzare con urgenza le misure già assunte dal Governo nei mesi scorsi e sostenere i settori più colpiti della nostra industria manifatturiera e delle piccole e medie imprese. Chiediamo un primo intervento immediato con risorse già disponibili, come la destinazione dei proventi delle aste CO2, valutando altre misure percorribili come la compartecipazione ai costi da parte dei produttori di energia che fase realizzando in questa fase margini di guadagno straordinari e considerando anche la possibilità di un nuovo scostamento di bilancio. Al contempo sono necessarie misure strutturali a livello europeo, continuando a lavorare all’ipotesi di riduzione dell’Iva e degli oneri di sistema e di revisione del meccanismo di formazione del prezzo oggi vincolato al gas. Obiettivo primario: accelerare rapidamente la produzione di energia rinnovabile per rispettare il traguardo fissato al 2030 e aumentare la nostra autonomia energetica, utilizzando al meglio risorse e norme connesse al Pnrr”.

Così la deputata dem, Chiara Braga, responsabile Transizione ecologica, intervenendo in replica al ministro Roberto Cingolani, al question time sul caro bollette. L’interrogazione era stata illustrata dal vicepresidente del Gruppo Pd e primo firmatario, Roberto Morassut.

17/01/2022 - 15:01

“La relazione del segretario Letta, condivisa da tutta la direzione nazionale, chiede di trovare una strada condivisa con tutte le forze politiche della maggioranza, una soluzione che garantisca una continuità con lo stile con cui il Presidente Mattarella ha guidato il Quirinale. Questo permetterebbe di arrivare a chiudere la legislatura al 2023 portando avanti i programmi e gli obiettivi del PNRR”. Così il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut, intervistato da Lanfranco Palazzolo su Radio Radicale.

“Prima dei nomi - continua Morassut - è importante il metodo. Quella di Berlusconi è una candidatura divisiva e di parte, che non consideriamo potabile perché non può unire il Paese. Quanto a quello che sostiene Goffredo Bettini nell’intervista di oggi, penso che colga un punto politico: l’esigenza di un’iniziativa politica da parte del Pd qualora si arrivasse allo stallo. Condivido il suo richiamo all’esigenza di ritrovare una discriminante tra destra e sinistra che riporti una sana dialettica in politica. Noi in questo passaggio dobbiamo fare il nostro gioco, ma sempre puntando a rafforzare il Paese e le istituzioni democratiche. Come ha giustamente detto Walter Veltroni, sarebbe un male che il Paese perdesse in un colpo solo sia Mattarella che Draghi”.

12/01/2022 - 14:34

“Eur Spa è una società molto particolare e richiede a chi la dirige una profonda conoscienza della città. In Francia si potrebbe definire una Stu, come fu l’Epad, l’ente che guidò la nascita e lo sviluppo della Defense parigina. In questi mesi il board dell’Eur guidato da Antonio Rosati aveva svolto un lavoro importante che ha introdotto innovazioni significative nella gestione societaria, andando oltre la mera amministrazione del patrimonio immobiliare, ma aprendo nuovi campi nella cultura, nel sociale e restituendo un carattere internazionale ad un quartiere che lo aveva smarrito. Peccato davvero che non sia sia stato consentito a questo gruppo dirigente di proseguire e sviluppare queste innovazioni peraltro riconosciute e apprezzate da tutti.Il merito e la valutazione dei risultati dovrebbe essere sempre la misura per scegliere le persone a cui affidare responsabilità, sopratutto nel campo dei beni pubblici come Eur Spa. Non è stato così e ce ne rammarichiamo”.

Così in una nota il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

11/01/2022 - 13:14

“David Sassoli, oltre a essere un amico, era un grande italiano che ha onorato il nostro Paese in Europa con un riconoscimento unanime. Venendo dal giornalismo, David scelse la politica e portò nel Pd nato da poco un apporto fondamentale: quello di un grande esperto di comunicazione impegnato nel volontariato civile. In una politica che nel tempo è andata degradandosi, ha mantenuto sempre un profilo molto alto e un grande rispetto per le istituzioni, portando avanti quei valori che devono animare una sinistra democratica moderna. Ha di fatto incarnato quella che era la nostra idea di Pd. La sua scomparsa mi addolora molto”. Così il vicepresidente del Gruppo Pd, Roberto Morassut, intervistato da Lanfranco Palazzolo su Radio Radicale.

21/12/2021 - 20:02

“Le misure sul settore turistico, fondamentale per il rilancio del nostro Paese anche in una chiave di sviluppo sostenibile, spingono nella direzione della digitalizzazione delle imprese, della riconversione energetica delle strutture, nel sostegno finanziario diretto o con credito di imposta delle imprese”. Così il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut, annunciando il voto favorevole al decreto per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose.

“Il Partito Democratico - continua – ha chiesto e ottenuto importanti emendamenti a favore delle imprese giovanili, ad una platea compresa tra i 18 e i 40 anni di età, estendendo, di intesa con altri gruppi, le risorse a favore della ristorazione, settore fortemente colpito dalla pandemia”. 

Pagine