15/10/2020 - 10:32

"Non riesco a immaginare la morte di Iole. Una combattente che ha lottato contro la malattia e le avversità più dolorose, mi sembrava invincibile. Una donna coraggiosa e piena di vita che ha vissuto sempre in prima linea, sempre in trincea. La ricordo bella e allegra, le nostre chiacchierate fino a notte tarda sulla vita, sulla politica e sui nostri sogni giovanili. Non riesco ancora a dirti addio, Iole. Ti voglio bene".

Così, in un post su Facebook, Beatrice Lorenzin, ex ministra della Salute e responsabile del Forum salute del Partito democratico, commenta la morte della presidente della Regione Calabria, Iole Santelli.

13/10/2020 - 13:28

“L'aumento dei casi di positività al Covid-19, ancorché con un dato italiano largamente al di sotto del trend europeo, è motivo di una ancora più forte attenzione da parte delle Istituzioni sanitarie e civili del nostro Paese. L'aumento dei casi accertati è anche l'esito di un considerevole aumento del numero di tamponi effettuati con una attività di screening che è stata efficacemente potenziata. Conseguentemente è aumentata l'attività di contact tracing, attraverso la quale si individuano e si pongono in isolamento fiduciario tutti i contatti delle persone risultate positive. La crescita di questa attività di individuazione e isolamento dei contatti ha impegnato enormemente i Dipartimenti di Prevenzione della Sanità Pubblica che pur con risorse umane scarse per questo compito inedito hanno realizzato un importante lavoro che ha consentito fin qui di individuare tempestivamente il sorgere di nuovi focolai e di limitare il diffondersi del contagio”. Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati dem Beatrice Lorenzin, ex ministra della Salute e responsabile nazionale del Forum Salute del Partito Democratico e Luca Rizzo Nervo membro della commissione Affari Sociali alla Camera.

“Oggi, tuttavia – proseguono i due deputati dem - la dinamica espansiva dei casi chiede di investire immediatamente sul potenziamento dei Dipartimenti di Prevenzione rendendo una immediata priorità la capacità di realizzare un puntuale lavoro di contact tracing anche in caso di aumento dei casi, facendo atterrare su questo obiettivo immediato una parte delle risorse già disponibili. Questa situazione eccezionale chiede anche, di fianco all' aumento delle risorse professionali dedicate, di percorrere strade diverse per il reclutamento e la formazione in tempi rapidissimi del personale da impiegare, utilizzando anche reti del volontariato o altri tipi di professionalità potenzialmente formabili in tempi brevi”.

“A questo serve lo stato d’emergenza – concludono Lorenzin e Rizzo Nervo - derogare alla ordinarietà per affrontare la straordinarietà. Altresì, questa come altre urgenze che non attendono gli esiti di lunghe discussioni politiche, evidenziano l'esigenza di accedere senza ulteriori titubanze alle risorse del MES, pensate proprio per fare fronte alle tante indifferibili scelte collegate al Covid-19 e che, come nel caso del potenziamento dell'attività dei dipartimenti di prevenzione, rappresentano al contempo una scelta strategica utile e necessaria”.

02/10/2020 - 12:42

"Plauso al segretario del Partito Democratico e presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti per aver inserito l’obbligo di mascherina sul territorio regionale. Spero si vada presto verso un provvedimento nazionale".

Così in una nota, la deputata dem Beatrice Lorenzin, ex ministra della Salute e responsabile nazionale del Forum Salute del Partito Democratico.

17/09/2020 - 14:08

“Bene Paolo Gentiloni. Roma ha tutte le carte per diventare la sede dell'Agenzia europea contro le crisi sanitarie. Il nostro sistema universalistico è in testa alle classifiche di Bloomberg.
E' riconosciuta la qualità del SSN, dei suoi operatori e dei centri di ricerca”. Lo scrive su twitter Beatrice Lorenzin, ex ministro della Salute e responsabile del forum salute del Partito Democratico.

09/09/2020 - 14:39

“La sospensione cautelare della sperimentazione sul vaccino per il coronavirus di AstraZeneca dimostra come la sperimentazione sui vaccini sia una cosa seria, fatta in trasparenza, secondi i principi di massima cautela.

Per fare un vaccino mediamente ci vogliono 3 anni, la corsa contro il tempo messa in campo dai maggiori centri di ricerca occidentali non può e non deve comprimere il fattore sicurezza, come dimostra questo caso. Rimaniamo ottimisti sullo sviluppo di questo o di altri vaccini, nel più breve tempo possibile, ma questa vicenda ci dimostra che non c'è una soluzione facile e veloce al tema del Covid-19 quanto piuttosto una serie di procedure che vanno messe in campo per convivere con il virus”.

Così in una nota, Beatrice Lorenzin, ex ministro della Salute e responsabile del forum salute del Partito Democratico.

“Nell’attesa del vaccino o della terapia - prosegue l'esponente dem - non possiamo perdere tempo. Per questo, a mio parere, è importante utilizzare le risorse del MES per un grande piano per la prevenzione e la messa in sicurezza del sistema sanitario nazionale. Bisogna rafforzare il territorio, aumentando la capacità di presa in carico dei pazienti a domicilio o in strutture dedicate; mantenere alta la qualità della presa in carico dei pazienti cronici o acuti non affetti da Covid-19; potenziare la capacità di intercettazione di nuovi focolai; riformare i dipartimenti di prevenzione; investire in innovazione e ricerca; ripristinare un servizio attualizzato di medicina scolastica, oltre ad una vaccinazione di massa per l'influenza stagionale”.

“Queste sono solo alcune delle misure che ci permetterebbero di affrontare più serenamente l'autunno e l'inverno - conclude Lorenzin - oltre a rafforzare strutturalmente il sistema sanitario nazionale”.

08/08/2020 - 12:56

“Questa sentenza esemplare evidenzia ancora una volta che i figli non sono proprietà dei genitori ma come riconosciuto dalla Carta del Fanciullo sono titolari di propri diritti incomprimibili e il giudice in un ordinamento moderno e avanzato tutela l’inviolabilità dei diritti in capo al bambino anche di fronte ai genitori. Il diritto alla salute è uno di questi diritti e quando come in questo caso l’irrazionale convincimento del genitore mina l’integrità e la salute del bambino il giudice interviene.Dobbiamo comprendere che in questa fase oltre al rischio SARS-CoV-2 rimane intatto il rischio delle altre infezioni, quelle che devono essere debellate da vaccinazione obbligatoria.

La sentenza ci aiuta anche nel dibattito sulla sicurezza nazionale alla luce della stagione autunnale che ci prestiamo ad affrontare dove ci troveremo a fronteggiare sia la consueta sindrome influenzale sia i crescenti focolai di covid. Il tema vaccinazioni rimane in agenda anche alla luce dell’atteso vaccino per Covid-19. Come dimostra la storia delle vaccinazioni nel paese bisogna continuare a tenere alta la sorveglianza e continuare con efficaci campagne per la vaccinazione di massa. La prevenzione funziona se è accompagnata da azioni continuative nel tempo per non far scemare la percezione di rischio nelle nuove generazioni”.

Così, in una nota, Beatrice Lorenzin, ex Ministro della Salute e responsabile del forum salute del Partito democratico, in merito alla decisione dei giudici del tribunale dei minori di far vaccinare un bambino residente nella Rotaliana in Trentino, nonostante il parere contrario della madre no-vax, dando ragione al padre che invece era favorevole, e togliendo alla madre la patria potestà.

27/07/2020 - 19:36

“Salvini metti la mascherina e smettila di creare caos se hai davvero a cuore l’Italia e gli Italiani. Meglio la mascherina oggi che un nuovo lockdown domani

Chi ha ruoli di leadership non può mandare messaggi distorti, alimentando confusione e disinformazione, come hanno appena sottolineato illustri esponenti della società italiana di psichiatria”.

Così Beatrice Lorenzin (...) a margine del Webinar, organizzato dal Centro Studi Americani dal titolo “ᴄᴏᴠɪᴅ-\uD835\uDFF7\uD835\uDFFF: ɢʟɪ ᴇғғᴇᴛᴛɪ ᴅᴇʟʟᴀ ᴘᴀɴᴅᴇᴍɪᴀ ᴅᴇʟʟ’ɪsᴏʟᴀᴍᴇɴᴛᴏ sᴏᴄɪᴀʟᴇ ᴇ ᴅᴇʟ ʟᴏᴄᴋᴅᴏᴡɴ sᴜʟʟᴀ sᴀʟᴜᴛᴇ ᴍᴇɴᴛᴀʟᴇ ᴅᴇɪ ᴄɪᴛᴛᴀᴅɪɴɪ”

"Ora bisogna dare un solo messaggio chiaro: se ognuno di noi agisce responsabilmente, abbiamo la certezza di preservare la salute delle nostre comunità e il futuro economico dell’Italia”.

21/07/2020 - 13:26

"Accordo raggiunto! Non era facile, ma il Premier Giuseppe Conte è riuscito a portare a casa il risultato. L'Europa ne esce più forte. Ora pensiamo a come utilizzare queste risorse per lo sviluppo del Paese: lavoro, imprese ed educazione.
Per la salute non rinuncerei ai 36 miliardi del MES, risorse che ci permetterebbero di mettere in sucurezza il sistema sanitario italiano e di investire in ricerca e prevenzione.

Così, in una nota, Beatrice Lorenzin, ex Ministro della Salute e responsabile del forum salute del partito democratico.

16/07/2020 - 16:59

“Il progetto che rafforza la medicina del territorio con L'infermiere di quartiere si struttura e viene finanziato anche nel dl Rilancio. Dopo il Patto della salute si cominciano a strutturare una serie d’interventi per potenziare il welfare territoriale, divenuti drammaticamente urgenti durante l’emergenza covid. La presa in carico dei pazienti cronici e degli anziani nell’ottica di lavorare su assistenza e prevenzione, sempre più a livello domiciliare, migliorare la qualità della vita della popolazione con patologie croniche e ridisegnare un modello di welfare territoriale capace di intercettare i bisogni crescenti, sono gli obbiettivi che ci prefiggiamo. La sfida demografica e l’impatto dell’invecchiamento della popolazione ci impongono di strutturare oggi gli interventi per il prossimo futuro, il covid ci ha rivelato le debolezze del sistema che vanno corrette a partire dal sistema di prevenzione e dal controllo” .

Lo dichiara la deputata democratica Beatrice Lorenzin, ex ministra della Salute e responsabile Forum Salute PD

16/06/2020 - 18:20

Dichiarazione di Elena Carnevali e Beatrice Lorenzin , deputate Pd

La verità si racconta tutta intera e la Lega come sempre non lo fa. Nel decreto Rilancio sono già previsti 250 milioni per il fondo destinato alla  remunerazione dell’attività prestata che va oltre il lavoro straordinario svolto durante l’emergenza covid e le Regioni con risorse proprie sono già autorizzate ad utilizzare fino al doppio di queste risorse stanziate. E’ così vero che regioni come il Lazio e Emilia Romagna hanno già provveduto a tali riconoscimenti. L'emendamento della Lega era tecnicamente inaccettabile per la ragioneria perché utilizzava risorse già impegnate per il fondo sanitario . Cio ‘ non toglie la volontà dei relatori di trovare soluzioni reali e compatibili sulla quale si sta lavorando .  Nel Rilancio stiamo discutendo decine di emendamenti per valorizzare l’impegno di medici , infermieri ed esercenti delle professioni sanitarie nell’emergenza e a regime.

16/06/2020 - 14:36

“Non si capisce la ragione ‘clinica” della decisione della Regione Umbria di sospendere le procedure di interruzione farmacologica di gravidanza in regime di day hospital. Una modalità sperimentata e applicata in moltissime regioni, che contempla sia le ragioni di sicurezza della donna, sia la più facilmente esigibilità di un diritto, spesso disatteso, previsto dalla legge 194/78.
Per altro, in una fase a Covid circolante, le società di ginecologia e ostetricia hanno individuato nella possibilità di utilizzo della Ru486 una procedura per garantire il diritto all’interruzione di gravidanza riducendo i rischi di contagio dell’ospedalizzazione e al contempo alleggerendo il sovraffollamento degli ospedali. La motivazione sembrerebbe invece dettata più da ragioni strumentali e ideologiche, che di autentica preoccupazione della salute della donna. Ne chiederemo conto con un’interrogazione al ministro Speranza, consapevoli che l’analisi della relazione al Parlamento sullo stato di attuazione della legge 194/78 sarà uno strumento utile di monitoraggio e per arrivare a uniformare le modalità di utilizzo  farmacologico della RU486 nelle regioni”.

Così le deputate dem, Elena Carnevali e Beatrice Lorenzin, del Forum Salute del Pd.

14/06/2020 - 16:45

"I no-vax non sono mai scomparsi, sono sempre attivi insieme ai no-mask e a tutti gli pseudo movimenti antiscientifici pronti a sorgere come funghi seguendo la teoria complottista del momento. Nonostante la tragedia del covid19 negano i vaccini e le terapie. Solidarietà al ministro della Salute, Roberto Speranza, per gli attacchi che sta ricevendo dopo aver aderito alla strategia europea per il vaccino. Ora dobbiamo respingere, con convinzione , le tendenze anti scienza senza mai abbassare la guardia".

Così Beatrice Lorenzin, ex ministro della Salute e responsabile del forum Salute del Partito Democratico.

27/05/2020 - 18:12

“Giusta la proposta del segretario Zingaretti di rendere il test sierologico gratuito per i docenti e il personale delle scuole.
L’utilizzo su larga scala di test sierologici (e di tamponi) deve entrare in un piano nazionale che ci permetta di monitorare, in modo periodico e sistemico, l'andamento epidemiologico e di garantire, in primis, la sicurezza delle categorie più esposte: operatori sanitari, mondo della scuola e forze dell’ordine.
In questo modo possiamo integrare lo sforzo del Governo potenziando il sistema di prevenzione con l'utilizzo dei sistemi diagnostici e auspichiamo il rafforzamento in termini qualitativi e quantitativi dei dipartimenti di prevenzione e del sistema territoriale per garantirci l'intercettazione precoce di nuovi focolai e il loro tempestivo spegnimento.
Convivere con il virus in sicurezza è l'obiettivo della fase 2”.
Così in una nota la deputata del Pd, Beatrice Lorenzin, ex Ministro della salute e responsabile del Forum salute del Partito Democratico.

22/05/2020 - 12:52

“Crediamo sia necessaria una più forte attenzione per favorire la riapertura in sicurezza per gli stabilimenti termali. Gli Stabilimenti termali, infatti come prevede la normativa, assicurano un costante presidio medico e paramedico al servizio degli ospiti delle struttura e dei dipendenti, secondo protocolli standard, rafforzati, nell'ultimo periodo, anche da un rigido protocollo di tutela e prevenzione denominato “Terme Sicure”. Per questa ragione chiediamo che il Governo si faccia carico del sistema terme, prevedendone la riapertura, secondo regole certe, nel rispetto delle norme di distanziato oltre all'implementazione dei sistemi di sanificazione in essere, tutti autorizzati a livello regionale e che garantiscono agli utenti, con misure ad hoc, gli stessi standard di sicurezza delle piscine alimentate ad acqua comune.” Lo dichiarano le deputate dem Susanna Cenni, vice presidente della commissione Agricoltura della Camera e responsabile Agricoltura del Pd e Beatrice Lorenzin, responsabile del forum sanità del Partito Democratico ed ex Ministro della Salute.

“Ricordiamo infine - sottolineano le deputate dem - che dal punto di vista autorizzatorio, non vi è alcuna differenza tra l’attività di estetista e quella di “centro benessere”, in quanto entrambe sono autorizzate in base alla legge n. 1 del 1990. Di conseguenza è illogico non consentire l’apertura dei centri benessere termali, limitatamente all’attività estetica, sulla base dei protocolli previsti, come già avviene, peraltro, per le SPA negli Alberghi. 

Le terme costituiscono un importante infrastruttura del Paese, per loro caratteristiche, storia e professionalità possono svolgere un ruolo più attivo nei percorsi di riabilitazione anche da Covid-19, e rappresentano spesso un fondamentale fulcro  dello sviluppo  turistico in aree interne e minori. Per tutte queste ragioni, e fiduciose nel prezioso lavoro che importanti Regioni Termali stanno svolgendo definendo protocolli e standard di sicurezza, auspichiamo che tornino al più presto ad una rinnovata funzionalità.”

20/05/2020 - 16:09

“Benissimo Nicola Zingaretti sull’obbligatorietà del vaccino anti influenzale per gli over 65. Dobbiamo proteggere la popolazione anziana, la più esposta agli effetti del covid-19. Non dobbiamo farci trovare impreparati all’autunno quando sarà alta la probabilità di una sovrapposizione tra la sindrome influenzale stagionale e covid-19. Il Pd ritiene fondamentale non abbassare la guardia sulle vaccinazioni obbligatorie, e raccomandate, e promuovere nella popolazione, per la peculiarità di questa fase, la vaccinazione anti influenzale e antipneumococcica, così come suggerito dall’Oms e dalle principali società scientifiche”.

Così in una nota Beatrice Lorenzin, ex Ministro della salute e responsabile del Forum Salute del Partito Democratico.

Pagine