Fase 2: Lorenzin, da Fontana, sanità ha bisogno di respiro nazionale

  • 04/05/2020

“Vorrei dire al presidente Fontana che tutta l’Italia ha fatto il tifo per la Lombardia, per i suoi pazienti e il suo personale medico. Lo abbiamo fatto dal Sud, dal Centro e dal Nord. Come ha fatto sicuramente anche il governo varando misure straordinarie per aiutare la Regione. Poi abbiamo gestito tutti insieme una crisi difficile e sono la prima a non voler dare la croce a Fontana e al sistema amministrativo che guida. Ciò che però occorre oggi è verificare dove ci sono state lacune, il perché e come colmarle.

Coronavirus: Intergruppo Donne Camera, ministero Salute garantisca diritto a interruzione gravidanza

  • 08/04/2020

A causa dell'emergenza Coronavirus, il diritto all'interruzione volontaria di gravidanza risulta oggi essere gravemente compromesso. Per rispondere a questa emergenza e sollecitato da vari appelli, l’Intergruppo Donne, Diritti e Pari Opportunità, coordinato da Laura Boldrini, ha presentato un’interrogazione al ministro della Sanità, firmata da 26 deputate. L’obiettivo è quello di sollecitare Roberto Speranza affinché si faccia chiarezza sulle iniziative che il ministero vorrà mettere in campo per affrontare tempestivamente il problema.

Coronavirus: Cenni, governo tuteli salute lavoratori agricoli

  • 02/04/2020

“La continuità della filiera agricola e agroalimentare, anche con l'ausilio di tanti lavoratori immigrati rappresenta oggi, in piena pandemia, un elemento irrinunciabile per sostenere la corretta erogazione di alimenti e beni primari a tutta la popolazione. È indispensabile pertanto che il Governo continui a contrastare il caporalato e il lavoro nero in agricoltura, anche valutando la proroga automatica dei permessi di soggiorno per i braccianti regolari.

Salute: Pd, nostra pdl raddoppia periodo per mantenere posto di lavoro a malati oncologici

  • 21/02/2020

“La nostra proposta di legge va a modificare il regio decreto del 1924 in cui si prevede un periodo, cosiddetto ‘di comporto’, in cui viene conservato il posto di lavoro in caso di lavoratori che hanno riscontrato patologie di tipo oncologico o lavoratori che comunque necessitino di prolungate terapie riabilitative a causa di gravi patologie. In particolare prevede che tale suddetto periodo venga raddoppiato. L’individuazione delle patologie che possano prevedere tale prolungamento verrà deciso da un apposito decreto del ministro della Salute e del ministro del Lavoro”.

Patto Salute: Carnevali, completato il ciclo degli interventi per la sanità

  • 18/12/2019

“La sottoscrizione del Patto della Salute in Conferenza Stato – Regioni chiude positivamente il cerchio insieme agli interventi del Dl Fiscale e legge di Bilancio”. Lo dichiara la deputata dem Elena Carnevali, capogruppo in commissione Affari sociali.

Camorra: Siani, urgente tutelare ospedali Napoli da criminalità

  • 27/06/2019

“È davvero insopportabile che gli ospedali diventino basi operative della camorra. È insopportabile che medici e infermieri e tutti i lavoratori della sanità siano costretti a lavorare in ambienti infarciti dal malaffare. Desidero esprimere tutta la mia solidarietà al direttore generale dell’Asl Napoli 1 Centro, dottor Ciro Verdoliva, e a tutti gli operatori dell’Ospedale San Giovanni Bosco. La stragrande maggioranza degli operatori svolge ogni giorno, tra mille difficoltà, il loro lavoro per garantire le migliori condizioni di cura in un contesto così delicato.

Salute: Carnevali, inasprire pene contro aggressioni personale sanitario

  • 02/05/2019

“Le notizie di aggressioni al personale sanitario e dei servizi sociali sono ormai a cadenza quasi quotidiana. Nonostante il fenomeno sia sempre più sotto i riflettori, non sembra arrestarsi. Si tratta di un problema che sta assumendo contorni sempre più ampi e pericolosi e proprio per questo motivo è bene che il Legislatore si affretti e affronti in maniera definitiva il problema, trovando delle soluzioni normative.

Sanità: Grillo garantisca possibilità circoncisione. Basta bimbi morti

  • 17/04/2019

“A tutt’oggi, i genitori che, per motivi religiosi e/o culturali, intendono far circoncidere il proprio figlio trovano risposte diverse nei diversi Sistemi sanitari regionali: dal riconoscimento nell’ambito dei Lea in Toscana (Dgr n.561/2002,) alla possibilità di esecuzione, a carico del richiedente, con tariffa in vigore per la circoncisione terapeutica in Friuli Venezia Giulia (Dgr n.600/2010), alla completa assenza di risposta da parte di altre regioni.

Pagine