Pd: Borghi, partito si rimette in sintonia con la società

  • 07/10/2022

“Con la direzione di ieri sono stati fissati due punti fermi.
Il primo è che, con buona pace di numerosi osservatori esterni interessati a spartirsi le nostre spoglie, il Partito Democratico non sbaracca, non si scioglie, non toglie il disturbo. Al contrario, si attrezza per rimettersi in sintonia con la società e la contemporaneità ed essere all’altezza della sfida con la destra alla prossima elettorale. Chi punta sulla nostra liquidazione rimarrà deluso.

PD: Piero De Luca, Una scossa dai territori e doppie primarie per rifondare il Partito Democratico

  • 06/10/2022

“È doveroso aprire una riflessione chiara e decisa al nostro interno. Il Pd è un presidio di democrazia per l'intero Paese e non possiamo permetterci di sbagliare, ma neppure di arrenderci. Sono convinto che ce la faremo, ma ci vuole una scossa che parta dai territori per rifondare il Partito democratico dalle fondamenta. Bisogna svolgere subito e in tempi certi un Congresso ‘vero’ che non sia una mera conta interna, semmai anche tra soggetti non convinti, che in alcuni casi stanno dando lezioni di politica, pur essendo legati ancora ad altri partiti.

Pd: De Maria, Congresso in tempi certi per rilanciare progetto Pd

  • 06/10/2022

Sono fra coloro che ritengono che i tempi del Congresso del PD non sono una variabile indipendente. Perché la priorità non è chiuderci nella nostra discussione, ma mettere in campo una forte iniziativa nel Paese. E quindi penso che non si debba perdere tempo e avviarci subito al Congresso che va fatto con serietà ed impegno. Per questo concordo con la relazione del Segretario Letta dove ha indicato tempi certi ed un percorso ben definito. Ora mettiamoci al lavoro con il massimo di unità e con la volontà di rilanciare il grande progetto del Partito Democratico.

Elezioni: P. De Luca, rifondare il PD. Bene percorso proposto da Letta, ora al lavoro

  • 30/09/2022

“Il Partito Democratico ha bisogno di essere ricostruito dalle fondamenta. Serve avviare subito il percorso da seguire e da svolgere nei tempi certi, previsti dalle regole. È bene, però, evitare un calciomercato dei nomi che trasformi il tutto in una corrida. Sarebbe inutile e controproducente. Va aperta, piuttosto, una discussione preliminare, ampia e netta, sull'identità, sulla natura e sull'idea stessa del PD del futuro da rifondare. Abbiamo dei nodi decisivi da sciogliere: il rapporto con il Sud, l’attenzione verso i più fragili, l’ascolto del disagio sociale.

Pd: Morassut, sono cinque anni che parlo di costituente, ora si facciano i democratici,

  • 30/09/2022

“La lettera di Letta agli iscritti indica un percorso che accoglie completante quanto ho proposto già dal 2018 per superare la crisi strutturale del Pd, in un volume intitolato ‘Democratici’ che presenterò in una ristampa nei prossimi giorni. Serve una costituente aperta per dar vita ad una forza politica che nasca dal cuore del Pd e si chiami ‘Democratici’. Se già dopo la grave sconfitta di cinque anni fa avessimo imboccato questa strada non saremmo qui ancora a discuterne. Ma la blindatura interna delle correnti informali costituite lo impedì. Ora non si può più rinviare questa scelta.

Elezioni: Serracchiani, destra pericolo per le istituzioni

  • 22/09/2022

E anche la Bicamerale la facciamo la prossima volta. C’è un piano della destra per cambiare la Costituzione. Da sola, a colpi di maggioranza, mettendo in pericolo le nostre istituzioni. La vera Meloni la riconosci nei comizi.

Lo ha scritto su Twitter Debora Serracchiani, Capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati

Elezioni: Borghi, chi non condivide destra e vuole Paese moderno voti Pd

  • 22/09/2022

“In questa campagna elettorale, il Pd è stato sotto il fuoco concentrico del Movimento 5 Stelle e del cosiddetto Terzo Polo, uniti da un interesse convergente: dare la caccia al voto democratico, anziché porsi come alternativi alla destra. Conte si immagina come il Mélenchon italiano, impegnato nella rifondazione della sinistra radicale italiana; Renzi si pensa come il Macron nazionale, che liquida il Pd come in Francia vennero liquidati i socialisti.

Elezioni: Delrio, Votate Pd, per lavoro, sanità e scuola pubblica, opportunità e giustizia sociale

  • 22/09/2022

“Votare è un diritto conquistato con la lotta. Anche per questo la democrazia è bella. Il mio appello è votare per quelli che credono in un paese più giusto, per politici che non urlano, che non promettono cose mirabolanti. Votate per il Pd che ha un programma chiaro e realizzabile e che mette al centro il lavoro: meglio retribuito, più stabile, più sicuro. Un lavoro per i giovani, le donne, il Sud”.

E’ l’appello al voto che Graziano Delrio, deputato del Partito Democratico ha rivolto agli ascoltatori di Radio Immagina.

Pnrr: Borghi, cosa c’è da rinegoziare? Destra vuole togliere soldi ai territori

  • 17/09/2022

“È stato il Pd a conquistare gli oltre 200 miliardi del PNRR, e ha costruito un programma di impiego di questi soldi pensando all’Italia di domani: transizione ecologica e digitale, mobilità dolce, innovazione e ricerca, salute, inclusione sociale. E ha pensato ai sindaci, ai comuni come i principali soggetti attuatori di queste misure. La destra dapprima ha contestato l’idea, poi quando ha visto i soldi ha detto ‘piatto ricco mi ci ficco’. E oggi dice che vuole rinegoziare. Per fare cosa?

Elezioni: Pd, nostre proposte per infanzia frutto di confronto costante

  • 17/09/2022

“Abbiamo presentato a Bari il programma del Partito Democratico per l’infanzia e l’adolescenza, due temi su cui in questa legislatura abbiamo imposto l’attenzione ottenendo risultanti importanti come l’assegno unico, i ristori educativi, l’accoglienza scolastica dei bambini ucraini, la Child guarantee, i fondi per le case famiglia, l’investimento poderoso per i nuovi asili nido nel Pnrr solo per citarne alcune”.

Lo dichiarano Paolo Lattanzio, capogruppo Pd in Bicamerale Infanzia, e Michele Nitti, componente della commissione cultura, candidati in Puglia.

Pagine