Tav: Gariglio, ora ripristinare Osservatorio nazionale su Torino-Lione

  • 07/08/2019

"Oggi il problema non è solo più il dilettantismo e l'incompetenza di Toninelli, ma l'incapacità dell'intero governo di fare il bene del Paese”. Lo dichiara Davide Gariglio, componente Pd in Commissione Trasporti alla Camera, a proposito del voto del Senato sulle mozioni riguardanti l’Alta velocità Torino-Lione.

Tav: Fregolent, minacce anarchici intollerabili, Salvini faccia ministro

  • 24/07/2019

“Le minacce dei No Tav sono inaccettabili, eversive e non vanno sottovalutate. Le azioni dei teppisti hanno già creato feriti, danni e disordini ai cantieri della Torino-Lione. C’è ora il pericolo che, con il via libera definitivo all’opera, si possano verificare altri atti di violenza. Matteo Salvini, se ne è capace, inizi a fare seriamente il ministro dell’Interno e prenda le necessarie precauzioni per garantire la legalità, l’ordine pubblico e la sicurezza degli italiani”.

 

Così la deputata Dem, Silvia Fregolent.

TAV: Gariglio, oggi scadono bandi Telt, cosà farà Salvini?

  • 28/05/2019

"Oggi scadono le manifestazioni d'interesse legate ai bandi lanciati da Telt a febbraio per il tunnel di base della Torino-Lione: vediamo se Salvini, come promette da mesi, sbloccherà i lavori della Tav o ricomincerà a fare melina con il M5S in attesa di un probabile rimpasto di governo": è quanto dichiara Davide Gariglio, deputato Pd in Commissione Trasporti di Montecitorio.

Tav: Gariglio, Cirio coerente su no a manifestazione

  • 03/04/2019

"La non partecipazione di Alberto Cirio, candidato governatore alla Regione Piemonte per il centrodestra, alla manifestazione Si Tav di sabato a Torino è un atto di coerenza. Non sarebbe infatti corretto che l'esponente della coalizione si possa esporre cosi evidentemente a favore della Torino - Lione quando il partito di maggioranza, la Lega con il suo leader Salvini, hanno bloccato sia al governo sia in Parlamento la ripresa dei lavori della Tav". Lo afferma Davide Gariglio, deputato Pd in Commissione Trasporti della Camera.

Tav. Delrio: governo indeciso e irresponsabile. Distrugge credibilità Italia

  • 07/03/2019

Diviso e incapace di dire un sì o un no alla Torino/Lione Il governo continua a non decidere e dopo otto mesi non trova altra strada che rinviare ancora, questa volta inventando una fantomatica trattativa da aprire con la Francia e la Commissione europea. Conte, Salvini e Di Maio stanno distruggendo la credibilità dell’Italia. Non trovano nemmeno un briciolo d’intesa sui bandi, per un valore di 2,3 miliardi, che devono partire entro lunedì. E’ un atteggiamento assolutamente irresponsabile che crea danni all’economia, all’occupazione, al sistema produttivo e all’affidabilità internazionale.

Tav: Gariglio, Conte No-Tav ma non può fermare opera, si dimetta

  • 07/03/2019

"Il premier Conte è in evidente stato confusionale, ha finalmente ammesso la sua contrarietà alla Tav ma ha preso atto che, per i contrasti interni alla sua maggioranza, non potrà esprimere un giudizio definitivo sulla Torino – Lione”. Lo dichiara Davide Gariglio, componente Pd della Commissione Trasporti alla Camera, a proposito della conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Mini-Tav: Gariglio, Salvini cambia la Torino-Lione in Milano-Lione

  • 01/03/2019

“Con la Mini Tav non potremmo più parlare di Torino-Lione ma di Milano-Lione. Se il governo modificasse l’opera non stravolgerebbe soltanto il corridoio europeo, che sta alla base della Tav, ma penalizzerebbe in maniera irreversibile l’intero Piemonte in sui ricadrebbero soltanto i disagi per la realizzazione delle infrastrutture ma non i benefici futuri di sviluppo sociale, economico ed occupazionale.

Cantieri: Delrio, Governo chiuda con “politica del no”. Pd accanto a lavoratori in piazza il 15 marzo

  • 28/02/2019

"Mentre a palazzo Chigi si annunciano, ancora una volta, nuovi piani, nuovi decreti e nuovi organismi di coordinamento, i cantieri in tutto il Paese sono fermi. Non si tratta solo della Torino Lione ma anche della Asti/Cuneo, del passante di Bologna, della Gronda di Genova, della Campogalliano/Sassuolo, solo per citarne alcuni. Questa inerzia del governo sta mettendo in ginocchio il settore delle costruzioni, oltre a danneggiare l’intera economia nazionale, con allarmanti conseguenze sui livelli occupazionali".

Pagine