Mottarone: Fiano, osceno diffondere filmato su morte in diretta

  • 16/06/2021

Mi rifiuto di guardare il filmato che viene diffuso in queste ore, sugli ultimi secondi della funivia del Mottarone, un filmato ripreso in diretta dalle telecamere dell’impianto e che descrive la morte in diretta. Lo metto in relazione con quell’immagine dei giocatori della Danimarca che difendono il massaggio cardiaco di Eriksen dallo sguardo delle telecamere. A me sembra abbastanza osceno diffonderlo, ma perlomeno io non lo guardo. Avrei difeso quel filmato così come è stato protetto il corpo del giocatore.

Mottarone: Borghi, rispettare dolore delle persone, basta show!

  • 16/06/2021

“Sono sconcertato dalla diffusione delle immagini del drammatico incidente della Funivia del Mottarone. Lo dico da parlamentare, da uomo originario di quei luoghi e da privato cittadino. Il dolore delle persone va rispettato, mentre in questa società lo trasformiamo in show. No!”. Lo scrive su twitter Enrico Borghi, deputato Pd e membro della segreteria Pd.

Grillo: Lattanzio, video volgare, pericolosa cultura sessista e machista

  • 20/04/2021

"Il video di Grillo di ieri è volgare e pericoloso. Ma lampante: rende evidente il più bieco sessismo e familismo che ancora infetta in larga parte questo paese. E’, inoltre, un video che manda un messaggio violento e sbagliato: la colpevolizzazione della vittima è frutto del più becero maschilismo e machismo. Si banalizza uno presunto stupro di gruppo, ci si scaglia ancora una volta contro la vittima, si dimostra (ma di questo ne avevamo il sospetto) di non capire nulla della dinamica della violenza di genere.

Video con pistola: Fiano, inaudita difesa d’ufficio del Viminale ispirata da Salvini?

  • 03/06/2019

“Un’inaudita velina del Ministero dell’Interno, nei toni e nel merito, vorrebbe rassicurarci sul fatto che il candidato della Lega al comune di Ferrara, Stefano Solaroli, non sarebbe più in possesso di una pistola con la quale avrebbe fatto un video diffuso in rete e poi ritirato. Una difesa d’ufficio davvero imbarazzante per il Viminale, ci chiediamo se imposta dal Ministro e capo della Lega Salvini oppure diffusa per eccesso di zelo.

Battisti: Bazoli, rimuovere video, tutelare agenti e rispettare diritti persone

  • 17/01/2019

“Chiediamo al ministro Bonafede di rimuovere il video dell’arrivo di Cesare Battisti dai propri account social personali e di adottare insieme al ministro Salvini tutte le opportune misure per la tutela della sicurezza degli agenti e per il rispetto della dignità e dei diritti delle persone private della libertà”. È il contenuto dell’interpellanza ai ministri della Giustizia e dell’Interno presentata dal capogruppo del Pd in commissione Giustizia della Camera Alfredo Bazoli.

Battisti: Bazoli, video Bonafede riporta Italia al medioevo

  • 16/01/2019

Il video pubblicato sul sito internet del ministro Bonafede sull'arrivo di Battisti in Italia è vergognoso e riporta l'Italia al medioevo del diritto. Assicurare un pluriomicida e fuggitivo come Battisti alla sua pena è stato un atto di giustizia, non lo è invece la lesione di ogni minimo principio di tutela della dignità della persona, che deve riguardare chiunque, anche i condannati per reati efferati, che non possono essere sottoposti ad una gogna pubblica come accadeva nel passato.

Difesa: deputati Pd, Trenta usa ministero per spot ingannevole pro-M5S

  • 25/10/2018

“Alcuni giorni fa la Ministra Trenta ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video girato all’interno del Ministero della Difesa di promozione della manifestazione che il Movimento 5 Stelle ha tenuto lo scorso fine settimana a Roma”. Lo dichiarano i deputati Pd della Commissione Difesa della Camera.

Riace: Anzaldi, da Salvini disprezzo e fastidio per fatto grave

  • 09/10/2018

“Se non si trattasse del ministero dell’Interno basterebbe dire: scusa a magistrati e forze dell’ordine, si è trattato di un errore grave, apriremo subito un’inchiesta interna. Ma trattandosi del ministero che deve tutelare la sicurezza del Paese, in momento complicato per l’Europa, gli italiani meriterebbero di più di un ‘l’ho preso da un importante organo di informazione’. Con queste parole Matteo Salvini tenta di chiudere un fatto grave con disprezzo e fastidio. Non è corretto!”.