Dl Rilancio: Bonomo, nostro emendamento per transizione mobilità ibrido-elettrica e rinnovo parco auto motore termico

  • 04/06/2020

“Il lockdown, necessario per contrastare la diffusione del coronavirus, ha acuito una crisi del settore automobilistico senza precedenti, non solo in Italia, ma a livello globale, e la ripresa appare molto difficile. Il primo mese di riapertura delle concessionarie in Italia ha registrato circa il 50% in meno di vendite rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Fca-Peugeot: Benamati, operazione positiva da seguire con attenzione per futuro auto

  • 31/10/2019

“La fusione #Fca e #Peugeot è potenzialmente molto positiva per un settore come #Automotive ove l’innovazione richiede grandi investimenti e porterà a concentrazione dei produttori. Una operazione di mercato che si dovrà seguire con attenzione per il futuro dell’auto in Italia”.

Lo scrive su twitter il vicepresidente Pd della commissione Attività produttive di Montecitorio, Gianluca Benamati.

FCA-Renault: Moretto, avvilente disattenzione governo su fusione

  • 26/06/2019

"Il settore automotive e in particolare la produzione di automobili vive una delicata e sfidante fase di transizione verso una nuova industria dell’auto. Una fase che necessita in primis di investimenti privati, ma che non può non essere sostenuta da politiche industriali ed energetiche coerenti.
Ciò impone al governo di un Paese che in questo settore è storicamente protagonista di seguire con attenzione e fattivo impegno l’ipotesi di fusione tra FCA e Renault. Operazione che dopo un primo stop pare possa riprendere avvio.

Ecotassa: Moretto, su auto governo non ha visione di politica industriale

  • 10/01/2019

“Il governo M5s-Lega è privo di una visione di politica industriale e non ha un piano nazionale di sostegno delle produzioni green da mettere in campo in favore e a sostegno degli interessi degli operatori del mercato automobilistico, in particolare di quelli della filiera italiana dell’automotive, oltre che di quelli dei consumatori. L’introduzione a partire dal marzo 2019 delle tasse bonus-malus pone in seria difficoltà proprio le nostre aziende, poiché premia di fatto i marchi esteri già presenti sul mercato in questo settore.