Bce: Pd, Bce giochi ruolo positivo e non danneggi sistema finanziario

  • 12/03/2020

"Opportune e benvenute le precisazioni della presidente della Bce Lagarde le cui dichiarazioni di oggi sembravano in contraddizione con le necessità poste dall’emergenza del Coronavirus e con quanto aveva detto solo ieri la presidente della Commissione Ue Von Der Leyen. Per l’Europa è il momento di scelte forti e nette per affrontare una crisi senza precedenti. La Bce può giocare un ruolo decisivo e non può correre il rischio di provocare frammentazioni dannose del sistema finanziario”.

Coronavirus: P. De Luca, Bce segua esempio Draghi, Ue adotti misure eccezionali

  • 12/03/2020

“La Bce ha annunciato alcune misure importanti nel rispetto delle sue attuali prerogative. Introducendo le agevolazioni per le banche per rafforzarne liquidità e sostegno alle imprese e ampliando il programma di quantitative easing, con un piano di acquisti netti aggiuntivi di 120 miliardi di euro fino alla fine dell'anno, e nuove aste di liquidità a lungo termine (Ltro e Tltro) rivolte in parte alle Pmi, Chrisitne Lagarde ha dato una prima risposta positiva.

Bce: Benamati, Draghi ha salvato euro e onorato Italia in Ue

  • 25/10/2019

“Volge a conclusione il mandato alla #BCE di #MarioDraghi. Se oggi l’euro è solido e abbiamo attraversato questo terribile periodo di crisi senza che la moneta unica si frantumasse grande parte del merito va a lui. Un italiano che ha onorato l’Italia e ha ben servito l’Europa!!”. Lo scrive su twitter il deputato Pd e vicepresidente commissione Attività produttive di Montecitorio, Gianluca Benamati.

Bce. Gadda da Savona incredibile attacco a Draghi, si dimetta da Consob

  • 20/08/2019

Di sciocchezze se ne sentono molte, e quelle dette dall’ex ministro Savona sembrano in linea con gli sproloqui del suo sponsor Salvini. Peccato che come presidente della Consob dovrebbe preoccuparsi di tutelare i mercati e non di fare politica con la disinformazione.

Da un presidente Consob ci si dovrebbe aspettare un minimo di serietà ed ecco che invece Savona, a poche ore dalla crisi di governo, infila una bella dichiarazione ad effetto."Draghi fece il quantitative easing nel 2012, quattro anni dopo lo scoppio della crisi quando molte imprese italiane erano già saltate”.

Banca Carige: Mancini, su vicenda governo informi il parlamento

  • 07/01/2019

“Abbiamo chiesto già nei giorni scorsi la convocazione della Commissione Finanze della Camera per un’informativa urgente del Governo sulla vicenda del commissariamento da parte della BCE di Banca Carige. Le notizie e le indiscrezioni di queste ore, e in particolare quelle di un possibile Consiglio dei Ministri in serata, rendono necessario che il Governo informi al più presto il Parlamento”.

Lo dichiara in una nota Claudio Mancini, Segretario della Commissione Finanze alla Camera e Deputato del Partito Democratico.

Banche: Benamati, Bce no a proposte che prosciughino il credito alle aziende

  • 05/10/2017

"Le nuove regole che si propongono  a livello europee, soprattutto nella parte riguardante le modifiche nella copertura dei nuovi flussi di crediti deteriorati, rischiano di appesantire in maniera molto significativa il flusso del credito e di danneggiare molto profondamente l'economia reale che sta appena uscendo da un periodo di grande difficoltà. Le proposte formulate non creano, infatti, difficoltà solo agli istituti di credito ma hanno un potenziale molto negativo sul nostro tessuto produttivo che si sta risollevando da una pesante crisi.

Tags: 

Banche: Romano, evitiamo crisi banche e tuteliamo credito a piccole imprese

  • 05/10/2017

"Dobbiamo necessariamente evitare la crisi delle banche in Europa, così come afferma il segretario del Pd, Matteo Renzi. Non possiamo permettere la crisi del credito e auspichiamo che la Bce possa rivedere le nuove regole, soprattutto in riferimento alla proposta di innalzamento nella copertura dei nuovi flussi di crediti deteriorati (Npl)". Lo afferma il deputato Pd, Andrea Romano.

Banche: Fregolent, Europa non sia miope

  • 05/10/2017

“L’obiettivo principale dell’Unione europea e delle sue istituzioni deve essere quello di proteggere e sostenere le famiglie e le imprese delle cittadine e dei cittadini europei. Le nuove regole proposte dalla Bce sui crediti inesigibili sembrano invece andare esattamente nella direzione opposta, esponendo a nuovi rischi non solo gli istituti di credito più esposti su questo fronte, ma di fatto soprattutto la rete di migliaia di piccole aziende che hanno necessità di vedere aperte le loro linee di credito.

Pagine