Turchia: Serracchiani: da Erdogan offesa a donne e ai valori europei

  • 07/04/2021

Semplicemente vergognoso. La sedia negata da Erdogan alla presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen è un’offesa  alle istituzioni e ai valori dell’Europa democratica e un gesto contro le donne che arriva a qualche settimana di distanza dall’abbandono della Turchia della Convenzione di Instanbul.

Così Debora Serracchiani, capogruppo Pd alla Camera

Erdogan, Losacco: offesi i valori di milioni di europei

  • 07/04/2021

“Lo sfregio di Erdogan alla Presidente Von der Leyen è un vero e proprio guanto di sfida all’Unione Europea e ai valori che rappresenta agli occhi del mondo. Una provocazione assurda, un modo inequivocabile per dire che le donne non sono all’altezza degli uomini, a pochi giorni dall’uscita della Turchia dalla Convenzione di Istanbul sul contrasto alla violenza contro le donne.

Turchia, Benamati: oltraggio a Von der Leyen è umiliazione per Ue

  • 07/04/2021

“L’UE non può accettare che per la Presidente della Commissione non ci sia il posto che le spetta negli incontri di Stato. Non è un oltraggio per Ursula von der Leyen è un’umiliazione  per l’Unione. Un gesto vale più di mille vuote parole”. Lo scrive su twitter il deputato Pd, Gianluca Benamati.

Turchia, P. De Luca: Erdogan chieda scusa a Von Der Leyen e intera Europa

  • 07/04/2021

“Offensivo e grave il gesto di Erdogan nei riguardi della Presidente Von der Leyen, peraltro pochi giorni dopo l'annuncio del ritiro dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne. Il Presidente turco porga le sue scuse formali a Von der Leyen e all'Europa intera”. Lo dichiara Piero De Luca, capogruppo Pd in commissione Politiche Ue di Montecitorio.

Turchia: Quartapelle, diritti umani, bene intervento Draghi su Erdogan

  • 26/03/2021

“La decisione della Turchia di ritirare la propria adesione alla Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne è molto grave per due ragioni: da un lato, ovviamente, poiché testimonia l’arretramento di questo Paese nel percorso di protezione delle donne dalla violenza e di fuoriuscita da un approccio culturale patriarcale nel rapporto di genere; dall’altro, perché questa decisione sbagliata e antistorica si inserisce in una più complessiva deriva repressiva in cui la Turchia sembra precipitare via via ogni giorno di più, con arresti indiscriminati di oppositori politici e giornalis

Fassino: da Erdogan accuse inaccettabili

  • 27/10/2020

"Le accuse rivolte dal Presidente Erdogan al Presidente Macron e alla Cancelliera Merkel sono inaccettabili e irricevibili.
Il radicalismo di matrice islamica è nemico di qualsiasi società libera e multiculturale. E tanto più dovrebbe riconoscerlo chi - come il Presidente Erdogan -  si erge a paladino del mondo islamico e chiede per l'Islam rispetto. Ma il rispetto per sé richiede altrettanto rispetto per gli altri. È il fondamento delle convivenza e della democrazia."

Lo ha dichiarato Piero Fassino, Presidente della Commissione Esteri della Camera dei Deputati

Turchia, Fassino-Romano: regime di Erdogan repressivo. Governo italiano si attivi per violazione diritti umani

  • 10/06/2020

“L’arresto dei tre deputati turchi dell’opposizione due dei quali appartenenti all’Hdp è solo il culmine di una serie di episodi repressivi inquietanti da parte del regime di Erdogan. Ricordiamo che il leader dell’Hdp, Demirtas giace nelle galere turche da oltre 3 anni in attesa di giudizio.

Migranti: Delrio, Europa faccia rispettare i patti a Erdogan

  • 02/03/2020

L'Europa faccia ogni sforzo per costringere Erdogan a rispettare i patti. E aiuti la #Grecia ad affrontare l'emergenza. Anche così si misura la sua credibilità e la sua forza. Strumentalizzare migranti che fuggono dalla guerra è inaccettabile.

Lo ha scritto su Twitter Graziano Delrio, capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati.

Turchia: Fassino, Erdogan rispetti la volontà popolare, reimmetta sindaci destituiti

  • 30/10/2019

"È regola ineludibile democratica che si rispetti la volontà espressa con il voto dagli elettori. In Turchia, nonostante le elezioni amministrative abbiano visto un netto successo dei candidati dell'opposizione, già 12 sindaci eletti democraticamente sono stati arbitrariamente destituiti dal governo Erdogan e sostituiti da funzionari statali. E 9 sindaci curdi sono stati immotivatamente imprigionati".

Siria: Pd, l’Italia sostenga proposta tedesca di una forza di interposizione ONU

  • 23/10/2019

"In Siria oggi più che mai serve una forte iniziativa europea. Mentre alle spalle dei curdi si consuma un’altra cinica trattativa tra Erdogan, Putin, Assad e Trump, il governo italiano non stia a guardare e si adoperi attivamente per sostenere la proposta tedesca di forza di interposizione ONU nel nord-est della Siria. Dobbiamo evitare quello che viene chiamato il reinsediamento etnico, ossia che i 3,5 milioni di rifugiati siriani vengano riportati nel territorio del Rojava al fine di spingere altrove gli abitanti curdi che vivono lì da sempre.

Pagine