Nucleare: Sani, preoccupazioni condivisibili, ma evitare allarmismi Dubito scelta riguardi potenziali siti toscani

  • 08/01/2021

"Comprendo e condivido le preoccupazioni dei territori toscani presenti nella lista di Sogin per il deposito nazionale di scorie nucleari, ma l'individuazione delle aree potenzialmente idonee è soltanto una prima selezione di zone con determinati parametri morfologici, sismici, ambientali e demografici. Sicuramente una seconda e approfondita cernita escluderà luoghi ad altissimo pregio naturalistico, ambientale, agricolo e turistico come la Val d'Orcia e la Maremma.

Nucleare, Rotta: Percorso è trasparente, no alle prediche di Salvini

  • 05/01/2021

“E’ bene ricordarlo: nel 2011 Salvini voleva riportare il nucleare in Italia e oggi dice, senza un briciolo di coerenza, che le scorie sono un problema. Per troppi anni l’Italia non ha deciso - il percorso è fermo dal 2003 - e oggi è a un passo dall’infrazione. Durante l’anno e mezzo di Governo a trazione Salvini si sono guardati bene dal decidere per non scontentare nessuno.

Nucleare: Cenni, No a sito in Valdorcia ma bene trasparenza governo

  • 05/01/2021

“Oggi, dopo un ritardo infinito che ci è costato un’infrazione a livello comunitario, è stato pubblicata la CNAPI, la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee ad ospitare un sito per stoccare e mettere  in sicurezza rifiuti di origine medica, industriale e della ricerca. Si tratta di un atto sul quale si apriranno mesi di consultazioni pubbliche che valuteranno anche autocandidature.

Nucleare: Deputati sardi Pd, ferma contrarietà, sosterremo iniziative popolari

  • 05/01/2021

“Ribadiamo il nostro fermo e convinto NO di fronte all'inserimento di alcuni comuni sardi nell’elenco dei siti italiani potenzialmente idonei a ospitare un deposito di scorie nucleari. La Sardegna si è già espressa sul nucleare con un referendum e riteniamo che la nostra geografia e orografia siano incompatibili con siti di questo tipo”.

Lo affermano in una nota congiunta i deputati sardi del Partito democratico Romina Mura, Andrea Frailis e Gavino Manca.

Nobel Ican: D’Ottavio, notizia positiva, Italia firmi disarmo nucleare

  • 06/10/2017

“L’assegnazione del premio Nobel per la pace all’Ican, la Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, è una grande notizia positiva. Ora il Governo italiano firmi, come tanti altri Paesi, il documento depositato all’Onu per il disarmo nucleare. Abbiamo tutti sotto i nostri occhi quanto il pericolo nucleare sia presente e condizioni il mondo. La scelta dell’Accademia svedese è un invito ad impegnarsi contro il pericolo nucleare”.

Così il deputato Dem Umberto D’Ottavio.

Pagine