24/11/2020 - 18:20

"Nel suo comunicato di oggi la Fiom informa che si è riaperta una situazione di crisi alla Fiac Compressori di Sasso Marconi, con la riproposizione della chiusura dello stabilimento e del trasferimento in Piemonte delle attività. Manifesto grande preoccupazione per il rischio che si perda un importante presidio produttivo e si mettano a rischio 200 posti di lavoro. È stata richiesta la convocazione del tavolo di crisi presso il Ministero competente. Sono certo che il Governo sarà attento e sensibile per favorire una soluzione positiva della vertenza". Così Andrea De Maria, deputato PD e Segretario di Presidenza della Camera.

24/11/2020 - 17:41

“Fratelli d’Italia e Lega hanno deciso di votare in commissione contro lo scostamento di Bilancio, ossia contro quel provvedimento necessario in questa fase della pandemia e degli effetti che sta producendo sul tessuto sociale ed economico per disporre di quelle risorse necessarie per il blocco del pagamento delle tasse per molti cittadini e imprese. Si è trattato cioè di un voto contro quello che serve all’Italia e ai suoi cittadini, al suo tessuto produttivo. Ci chiediamo se sia un preludio all’atteggiamento che Lega e FdI avranno in aula giovedì e che quindi spaccherebbe il centro destra al momento di una scelta cruciale, in una fase che richiederebbe maggiore unità delle forze politiche. Scelta che andrebbe contro quanto con autorevolezza auspicato dal Capo dello Stato. È con i voti che si dimostra concretamente se si ha, o meno, senso di responsabilità verso le istituzioni e verso gli italiani”.

Lo dichiara Ubaldo Pagano, capogruppo Pd in commissione Bilancio alla Camera.

24/11/2020 - 17:06

Post su Fb di Emanuele Fiano , deputato Pd

Solidarietà e vicinanza per l’attacco violento indirizzato a giornalisti e lavoratori de @LaStampa e @repubblica a Torino. La libertà di cronaca è un presidio indiscutibile della democrazia. Il volantino è firmato Anarchici e anarchiche, stabiliranno gli inquirenti la paternità dell’assalto, ma a noi sta comunque e sempre non tralasciare mai di segnalare ogni prologo della violenza politica con la quale si vorrebbero mettere a tacere la libertà di parola.

24/11/2020 - 15:38

“Condividiamo l'appello del Forum delle famiglie e di Scienza & Vita, affinché siano prese tutte le opportune iniziative per oscurare i siti che pubblicizzano la maternità surrogata, pratica vietata e sanzionata dalla legge italiana. È inaccettabile che il principale motore di ricerca web anteponga ai risultati di ricerca sulle parole 'utero in affitto' o 'maternità surrogata' la pubblicità di tali siti, aggirando così in modo palese la normativa vigente. Ed è intollerabile che non vi sia un intervento delle autorità preposte a vigilare sul corretto funzionamento del web. La maternità surrogata per l'ordinamento italiano è una pratica illecita, in quanto degradante la dignità della donna e i diritti dei minori, e ogni tentativo di aggirare il divieto deve essere perseguito con decisione”.

Così in una nota le deputate e i deputati del Partito democratico Alfredo Bazoli, Enrico Borghi, Gian Pietro Dal Moro, Rosa Maria Di Giorgi, Davide Gariglio, Beatrice Lorenzin, Flavia Piccoli Nardelli, Paolo Siani, Antonio Viscomi.

24/11/2020 - 14:41

La Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera: "Proposte specifiche per auto, turismo e commercio"

Roma, 24 novembre 2020 - "Stiamo lavorando come intera Commissione a presentare specifici emendamenti alla legge di Bilancio perché riteniamo utile poter dare un contributo specifico su determinati settori fondamentali della nostra economia. È una volontà politica condivisa da tutti i commissari. In particolare vogliamo riuscire a proporre all'attenzione del Parlamento incentivi ad hoc per il settore auto, per il turismo e per il commercio" così la presidente della commissione Attività produttive della Camera, Martina Nardi.

"In particolare sul settore auto - spiega Nardi - i dati sulle immatricolazioni mostrano come i bonus abbiano funzionato bene perché da una parte hanno aiutato molte famiglie a cambiare auto rinnovando il parco circolante che in Italia è particolarmente vecchio e inquinante e dall'altra hanno dato una boccata di ossigeno ad una settore ad alta percentuale di occupazione. Continuare su questa strada, allargando gli incentivi e facilitandone il loro utilizzo, rappresenta quindi per la Commissione una scelta da fare fin dalla prossima legge di bilancio".

"La Commissione poi ritiene che sia indispensabile approntare una specifica politica di aiuto e sostegno e settori del turismo e del commercio - aggiunge la Presidente -. Perché da quest'estate abbiamo visto che le nostre attività turistica, pur fortemente colpite dalla mancanza di clienti stranieri, sono state in qualche modo tenute in piedi grazie ai turisti italiani. Incentivare quindi il turismo nazionale per le località turistiche nazionali significa garantire a questo settore entrate che dall'estero rischiano di mancare ancora per un po' di tempo".

"Anche il commercio sta vivendo una situazione particolarmente complicata - conclude Nardi - con una fortissima contrazione delle vendite nei negozi tradizionali e lo spostamento di molti acquirenti sulle piattaforme di vendita on-line. È evidente che questo è sintomo di una trasformazione più profonda, che però le norme di contenimento della pandemia hanno accelerato. Questo porta alla necessità di un progetto complessivo di sostegno per il nostro commercio, perché la piccola distribuzione e i negozi di vicinato non sono solo un elemento insostituibile della nostra economia, ma sono un uno dei fattori vitali delle nostre città. Lasciarli soffocare significherebbe far seccare anche i nostri centri urbani. Governare questa trasformazione è certamente un progetto molto ampio e a medio termine, ma come Commissione riteniamo che alcune scelta vadano già anticipate nella legge di Bilancio".

24/11/2020 - 11:25

“Solidarietà ai giornalisti e a tutti i lavoratori delle redazioni di Repubblica e Stampa di Torino e ferma condanna degli atti violenti e intimidatori di cui sono stati vittime stamani. Sono certo che nessun attacco fermerà la libera attività di informazione dei giornalisti torinesi”.

Lo dichiara il deputato democratico Enrico Borghi, della Presidenza del Gruppo.

24/11/2020 - 10:35

“Domani è il 25 novembre. Tutti i vostri giornali, i siti web, i contenitori  di informazione ricorderanno la giornata internazionale contro la violenza. Pubblicherete foto di scarpe rosse, di panchine o forse i vostri volti con un segno rosso su uno zigomo. E’ importante, ma è facile. Stavolta noi vi chiediamo altro. Il vostro lavoro è fondamentale. Lo è da sempre. Lo è tanto più nell’era della comunicazione immediata, dell’immagine. Troppo spesso titoli non riflettuti, stereotipati, non raccontano le donne, raccontano un’immagine  sbagliata e nociva, e in alcune occasioni una visione misogina, maschilista, sessista. Molte  giornaliste si sono attivate con forza per cambiare tutto questo, e noi siamo al loro fianco convintamente, tanto più nella consapevolezza che sono ancora poche le donne in posizione apicale nelle redazioni. Apprezziamo iniziative importanti, come quella del Presidente Verna, come i codici per ‘raccontare i femminicidi’ che speriamo vengano rispettati ed attuati. Pensiamo però davvero che la sfida contro la violenza riguardi un Paese intero, riguardi uomini e donne, riguardi la cultura e la comunicazione. Raggela dover leggere proprio alla vigilia del 25 novembre articoli a nostro parere culturalmente sbagliati e, pur nel rispetto della libertà di comunicare, non possiamo più accettare, magari su testate che percepiscono contributi pubblici, parole che raccontano che...è ‘l’imprudenza’ delle donne a determinare uno stupro. La violenza si combatte rispettando la libertà femminile. Rispettando la differenza di genere. E anche cambiando le parole. Il linguaggio di genere è un tema molto molto serio e può contribuire ad aprire una pagina nuova, a mettere le basi per una stagione in cui il rispetto tra i generi sia la normalità”.  Così in una lettera appello indirizzata all’Ordine dei Giornalisti, sottoscritta da tutte le deputate del Gruppo del Partito Democratico alla Camera.

24/11/2020 - 10:23

 Gli onorevoli Maria Luisa Faro e Stefano Fassina sono stati nominati relatori  al disegno di legge recante il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e il bilancio pluriennale per il triennio 2021 - 2023. Lo comunica Fabio Melilli,  presidente della Commissione Bilancio della Camera dei Deputati

23/11/2020 - 19:03

Dichiarazione on. Stefania Pezzopane, deputata Pd e Responsabile nazionale del Dipartimento Terremoti e Ricostruzione Pd

Erano le 19,34 del 23 novembre 1980.  Poco dopo i Tg ci consegnarono le prime immagini di un enorme disastro. E dopo qualche giorno la Fgci dell’Aquila organizzo’ gli aiuti per le popolazioni disperate. San Mango sul Calore era il paese dove portammo gli aiuti. I ricordi sono fortissimi. Quarant’anni fa il terremoto devastò l'Irpinia e una parte del Mezzogiorno. Resterà nella nostra  memoria collettiva come una delle ferite più profonde mai subite. Non dimenticherò mai. Una violenta scossa colpì un’area di circa 17.000 km, ma i danni si estesero in una zona ben più ampia.
Circa 3.000 i morti, quasi 9.000 i feriti e 280.000 gli sfollati: un disastro enorme in una terra povera del Sud. Alcuni comuni furono praticamente rasi al suolo, ma ovunque si contavano danni enormi.
Dobbiamo ricordare tutto ciò per rispetto dei morti, degli sfollati e dei feriti, di intere famiglie distrutte. Furono indegne le speculazioni successive , i ritardi imperdonabili, le forzature della camorra e della criminalità organizzata che si inserirono, rallentarono la ricostruzione e produssero grave corruzione. Ricordiamo ed abbracciamo quelle popolazioni, con l’impegno concreto a mettere in sicurezza il nostro paese. Perché mai più si debbano raccogliere macerie e contare i morti.

23/11/2020 - 18:46

Dichiarazione on. Stefania Pezzopane, deputata Pd

Ringraziamo il governo e il commissario Arcuri per la tempestività della risposta alla richiesta del presidente Marsilio per la grave emergenza sanitaria in Abruzzo,  ed in particolare in Provincia dell’Aquila. I 200.000 test rapidi inviati alla regione, completamente a carico dell'amministrazione centrale e senza alcun aggravio per il bilancio della regione,  sono un'ulteriore testimonianza della responsabilità che il governo nazionale e sentitamente il commissario Arcuri hanno  sempre avuto nei riguardi della nostra regione. Ora tutti dobbiamo lavorare per colmare un ritardo diventato inaccettabile e far sì che  questi test e l'intera campagna di tracciamento venga fatta in tempi rapidi. Ci auguriamo infine che  il presidente Marsilio, anziché perdere il proprio  tempo in inutili e dannose polemiche, agisca per la riuscita di questa preziosa e importante campagna di screening. Ricordandogli che è uno strumento di diagnosi che va accompagnato ad altre decisioni che ci aspettiamo vengano da lui assunte senza più perdite di tempo.

23/11/2020 - 17:18

"Il nulla di fatto registrato nella riunione di maggioranza è grave. Si deve procedere secondo le intese concordate portando a conclusione i correttivi costituzionali già in agenda alle Camere e la legge elettorale. Tutto questo dentro un quadro di riflessione, sul cambiamento nei rapporti fra stato regione e sul bicameralismo, che appare necessaria. Che improvvisamente le lancette dell'orologio tornino di nuovo al punto di partenza non è accettabile. Al tavolo dei segretari con Presidente del Consiglio era stato deciso di andare avanti in maniera rapida e in modo coeso".

Così i capigruppo democratici di Camera e Senato Graziano Delrio e Andrea Marcucci.

23/11/2020 - 16:35

“Quello che ci si aspetterebbe da chi riveste un ruolo istituzionale è un minimo di conoscenza della materia di cui ci si vuole occupare o, in alternativa, almeno l’umiltà di studiare, evitando di seminare parole al vento, con toni anche arroganti. Siamo di nuovo sul tema piscina romana del quartiere Garbatella, dove il Tar, stante la chiusura forzata dell’impianto (per Covid-19), non ha ravvisato motivi di urgenza per sospendere la procedura, specificando che è necessario andare nel merito, fissando da subito l’udienza. Ci è sembrata una decisione giusta e conseguente, che non cambia affatto la sostanza.
Ma qui è scattata l’impreparazione, mista alla tendenza a produrre fake news, del consigliere comunale M5S, Angelo Diario, così esploso sul suo profilo: ‘I tribunali hanno deciso, riconoscendo la bontà di quanto è stato fatto dall'Amministrazione Raggi’. Ma di cosa stiamo parlando? Ricordiamo all’esponente grillino che l‘Amministrazione Raggi, su questo impianto, aveva emanato un primo bando che, che a seguito del ricorso della Lazio Nuoto, è stato annullato per correggere elementi sostanziali e determinanti. Nel successivo bando, il Tar Lazio ha accolto nel merito l'ulteriore ricorso della Lazio Nuoto dichiarando l’aggiudicazione illegittima tanto che, in piena estate, hanno dovuto rifare l’istruttoria per ritrovare documenti prima inesistenti.
Quindi non parlerei proprio di efficienza, quando esiste quasi il 70% degli impianti senza titolarità, con le concessioni scadute da anni (oltre la metà nell’amministrazione Raggi). Non riteniamo poi corretto offendere chi si batte perché le procedure siano corrette, tanto meno fare il tifo per una delle concorrenti, addirittura celebrando chi ha vinto ‘temporaneamente’ il bando con una cerimonia pubblica in una sede istituzionale. Noi chiediamo che chi ha la competenza decida nel merito delle problematiche avanzate, qualunque sia l’esito. E, soprattutto, al consigliere Diario vogliamo dire che noi siamo per la correttezza amministrativa e per la difesa di un patrimonio sportivo rappresentato da storiche società che la nostra città dovrebbe tutelare. Non invece dei favoritismi clientelari”.

Lo dichiarano Patrizia Prestipino, deputata dem della commissione Sport, Svetlana Celli, vicepresidente della commissione Sport del comune di Roma, e Amedeo Ciaccheri, presidente del municipio 8.

23/11/2020 - 13:58

"La lettera di Nicola Zingaretti (Repubblica oggi) coglie con tempestività la grande opportunità che si apre con l'elezione di Biden e la nomina di Starmer alla guida dei laburisti inglesi: la ricostruzione di un campo progressista capace di immaginare e costruire soluzioni innovative, eque e riformiste ai grandi temi che scuotono il mondo, da Covid19 al climate change, dai diritti umani alla regolazione della globalizzazione economica, dalla soluzione ai conflitti locali alla realizzazione di una nuova governance multilaterale. Temi che tutti sollecitano le forze della sinistra europea a unirsi per essere protagoniste attive di quel progetto. La lettera di Zingaretti dimostra che il PD vuole esserne pienamente parte".
Lo ha dichiarato Piero Fassino della Direzione del PD.

23/11/2020 - 11:35

“Doppio avvicendamento nella delegazione del Partito Democratico in commissione di Vigilanza Rai. Entrano a farne parte i deputati dem Michele Bordo e Andrea Romano, in sostituzione di Carla Cantone e di Antonello Giacomelli (eletto qualche settimana fa all’AgCom). Michele Bordo, 47 anni, è stato eletto nel collegio di Foggia e a Barletta-Andria-Trani. Andrea Romano, 53 anni, è stato eletto a Livorno. “Riformare la RAI e rendere sempre più autorevole il servizio pubblico radiotelevisivo sono sfide a cui nessun partito può sottrarsi, tanto più in una stagione di grandi difficoltà per tutti gli italiani. Il nostro impegno in Vigilanza, insieme alle colleghe e ai colleghi del Partito Democratico, sarà all’altezza di questi obiettivi” hanno dichiarato Bordo e Romano.

20/11/2020 - 20:39

La vignetta apparsa contro Laura #Ravetto, perché ha lasciato Forza Italia per la Lega, mi fa vomitare, è volgare, sessista e indice di un cervello totalmente privo di materia dentro la scatola cranica. Vedo che l’ha cancellata l’autore, ma non si cancella in me la certezza che quando si tratta di criticare una donna politica per le sue scelte, ancora troppe volte si usa lo sfregio sessuale, cosa che non succede mai per gli uomini. Nei tre che hanno lasciato Forza  Italia c’è un uomo. Ovviamente su di lui nessuna allusione sessuale.
Lo scrive Emanuele Fiano, deputato Pd in un post su Fb.

Pagine