15/06/2022 - 16:29

Dichiarazione di Stefano lepri, deputato pd

Apprendiamo  che il Governo intende correggere nel prossimo decreto semplificazioni fiscali uno dei pochi errori (inevitabili, vista la rivoluzione avvenuta) fatti nella stesura delle norme sull’Assegno unico. Sarà quindi aumentato di 120 euro mese l’importo per i figli disabili maggiorenni. Avevamo già evidenziato il problema con un question time  e con un recente emendamento al decreto aiuti. Sarebbe stato più semplice e veloce dare un parere favorevole all’emendamento di iniziativa parlamentare, ma preferiamo guardare al risultato finale. Lo dichiara Stefano Lepri, deputato PD relatore della legge delega sull’assegno unico.

15/06/2022 - 15:32

 

Sono felice che si sia giunti a questo passaggio solenne. Presentai nel 2012 la prima proposta di legge del Partito Democratico per dare a Roma Capitale un nuovo ordinamento adeguato alla sua storia, dignità ed esigenze. Ora ci siamo. E ci arriviamo con una larga convergenza parlamentare. La riforma costituzionale darà a Roma la possibilità di ottenerne risorse e competenze maggiori, compresa la facoltà di approvare leggi. Un fatto storico che abbatte le distanze con l’Europa”.

Così in una nota il vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, Roberto Morassut.

15/06/2022 - 15:12

Dichiarazione di Rosa Maria Di Giorgi, capogruppo Pd Commissione

Cultura e Paolo Lattanzio, deputato Pd

Quante opere digitalizzate del Caravaggio si possono realizzare e in quale contesto? E’ quanto cercherà di capire l’indagine conoscitiva sull’uso dei certificati digitali di unicità (non fungible token –NFT) nell’arte che la Commissione Cultura della Camera ha oggi deliberato per iniziativa dei deputati Dem Paolo Lattanzio e Rosa Maria Di Giorgi.

“Abbiamo proposto tale indagine – hanno dichiarato Lattanzio e Di Giorgi- affinchè anche il nostro parlamento prenda coscienza, per la prima volta, di un fenomeno di frontiera assolutamente fondamentale nell’ambito digitale e culturale.

“Avremo il compito – continuano i deputati dem-  di indagare il tipo di opportunità per quanto riguarda la produzione, la promozione, l’utilizzo e la valorizzazione della cultura italiana. L’obiettivo –proseguono-  è di arrivare ad individuare alcuni aspetti che possono essere alla base delle indicazioni che lo Stato dovrà successivamente dare riguardo, ad esempio, al numero delle opere che è consentito realizzare partendo da un’opera tradizionale. Insomma, chiosano Di Giorgi e Lattanzio, quanti Caravaggio digitalizzati possiamo realizzare? Ecco perché occorre arrivare quanto prima  ad una sorta di normativa per il settore, come del resto il ministro Franceschini ha già ampiamente dimostrato di voler fare visto che il ministero sta lavorando alla elaborazione di alcune linee guida, alle quali il parlamento darà sicuramente il proprio contributo”

Per Di Giorgi e Lattanzio, “questa indagine conoscitiva è molto importante ed è la dimostrazione della volontà del Partito democratico di lavorare anche sulle nuove frontiere. Occorre avere – concludono- la possibilità di sfruttare le nuove tecnologie ma al tempo stesso di tutelare e valorizzare quanto arte e cultura rappresentino per l’Italia”.

L’indagine coinvolgerà una serie di figure professionali  che provengono dal mondo delle arti, dall’accademia, dal ministero dei Beni culturali, artisti  e ricercatori  internazionali,   esperti di digitale e ed esperti di cripto arte.

“Riteniamo sia un dovere e un compito del parlamento di interpretare e guidare  il cambiamento in un settore così rilevante dell’arte moderna”, hanno infine concluso Lattanzio e Di Giorgi.

15/06/2022 - 13:35

Sarà collegato da remoto il ministro Speranza domani durante la presentazione del volume di Emanuele Felice “La conquista dei diritti. Un’idea della storia”. L'incontro si terrà alle ore 16 presso la sala Berlinguer del Gruppo del Partito Democratico della Camera. Parteciperanno, oltre all’autore, Rossella Muroni e Debora Serracchiani. Coordinerà i lavori Andrea De Maria.

E’ possibile seguire la diretta sul sito di Radio Radicale.

15/06/2022 - 13:29

Segni di allarme avrebbero dovuto far scattare rete sostegno

“Ma chi li tutela oggi i bambini? È evidente che quella mamma, che ha partorito quando era ancora un’adolescente, con un compagno un po’ più piccolo di lei, aveva bisogno di essere sostenuta e aiutata sin dalla nascita di Elena. È evidente che, dopo la separazione dal compagno, avrebbe avuto bisogno di un aiuto dalla sua comunità. E se poi picchia la bambina al punto da procurarle una frattura alla gamba, vuol dire che ci sono tutti i segni di allarme che avrebbero dovuto far scattare una rete di aiuto e di sostegno. E invece lo Stato arriva sempre dopo. Non so se da lassù Elena riuscirà mai a perdonarci”.

Così i deputati dem, Paolo Siani, vicepresidente della commissione Infanzia, e Paolo Lattanzio, capogruppo Pd della commissione, commentano la morte di Elena Del Pozzo, la bimba di 5 anni uccisa dalla madre, Martina Patti, a Mascalucia in provincia di Catania.

 

15/06/2022 - 12:49

“Essere arrivati ad una mozione unitaria è segno positivo e tangibile ancora una volta che maggioranza e opposizione sono capaci di fare sintesi  su un tema così rilevante per la  salute delle persone, delle famiglie coinvolte, dei presidi di salute che affrontano la lotta contro il cancro.
Siamo alla vigilia di un nuovo piano oncologico nazionale (PON).
Dobbiamo puntare su programmi di prevenzione e screening gratuiti e accelerare i ritardi causati anche dalla pandemia.
I dati confermano che cala la mortalità e migliora la sopravvivenza. Di cancro si può guarire e dobbiamo investire di più sulla prevenzione primaria e secondaria e puntare sulla riorganizzazione dell’offerta sanitaria a livello regionale, le reti oncologiche a livello regionale, in grado di garantire ampia copertura territoriale e tempestività di accesso alle cure, oltre che disponibilità di setting assistenziali più specializzati.
Una mozione con 40 impegni può apparire esigente e abbondante, eppure nulla è lasciato al caso dal Parlamento che mira a dare indirizzi precisi.
L’apporto delle associazioni e delle comunità scientifiche e delle istituzioni di salute tra cui ISS, CSS, gli IRCSS sono alleati preziosi, un’alleanza che oltre alla condivisone garantisce lo sguardo non solo di chi opera in sanità ma soprattutto di chi “vede” e dà voce ai pazienti”.

Lo ha detto in Aula la deputata del Pd, Elena Carnevali, dichiarando il voto favorevole del Partito Democratico alla mozione unitaria in materia di prevenzione delle malattie oncologiche.

15/06/2022 - 12:48

“Le parole d’ordine urlate in Spagna dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, nel suo comizio in favore dei militanti di Vox, dimostrano il rischio che incombe sul futuro dell’Italia e dell’Europa. Mentre nel nostro Paese Meloni tenta con difficoltà di darsi un profilo moderato agli occhi degli italiani, con il suo intervento davanti alla destra nostalgica ha gettato la maschera, restituendoci il vero profilo programmatico del suo partito: zero diritti per le minoranze, intolleranza verso la comunità Lgbt, fake news sull’esistenza di presunte lobby, migranti in fuga da guerre e calamità visti come pericolosi invasori, senza alcuna idea su accoglienza e integrazione. Meloni, in buona sostanza, vuole far tornare indietro le lancette della storia, cancellare il progresso frutto delle trasformazioni storiche e delle lotte per i diritti civili e sociali degli ultimi decenni, per farci ripiombare nelle epoche storiche caratterizzate dal più buio oscurantismo. Meloni? No grazie”.

Così il deputato dem, Matteo Mauri, già viceministro dell’Interno e responsabile nazionale del Partito Democratico sulla cittadinanza e immigrazione.

15/06/2022 - 12:05

Dichiarazione di Vito de Filippo, deputato Pd

Ora è possibile riformare, attraverso la riorganizzazione della sanità territoriale e di prossimità, il nostro Ssn. La riforma, per anni una chimera, diventa più che probabile. La sfida, né semplice e né scontrata, è lanciata.” Così Vito de Filippo, deputato del Partito democratico, nella dichiarazione di voto “favorevole” per il suo gruppo, alla mozione riguardante la riorganizzazione dell’assistenza sanitaria territoriale.  “Dopo la pandemia – ha aggiunto De Filippo- il nostro paese ha a disposizione risorse enormi come la missione 6 del Pnrr, l’aumento del fondo sanitario nazionale, una novità rilevante,  e il programma “Equità e salute” finanziato, per circa 700 milioni di euro, dall’Unione europea a favore delle regioni del Sud, ed è la prima volta nella storia che ciò accade. Questo impone una grande capacità di governo del processo riformatore a partire da tutti i decisori pubblici coinvolti: Governo, parlamento e regioni in primis”, ha sottolineato De Filippo, secondo il quale “la mozione pone indicazioni chiare e convincenti. Questa volta non mettiamo in campo solo semplici definizioni  normative – ha proseguito il parlamentare Dem- ma abbiamo la garanzia di risorse finanziarie e di personale per rendere il sistema territoriale capace di affrontare le sfide straordinarie di una vera e propria transizione epidemiologica. Infine , ha concluso De Filippo, la mozione dà anche delle indicazioni importanti sul personale, perché le case di comunità , questa rete diffusa della sanità territoriale, deve essere animata anche con nuovo personale, costruendo nuove figure accanto a quelle dell’infermiere, del fisioterapista e dello psicologo  di comunità. Il territorio sarà il luogo  di questa transizione epidemiologica che sta cambiando i bisogni del nostro welfare, ma non dobbiamo pensare solo a realizzare strutture architettoniche ma anche a formare operatori sanitari adeguatamente preparati, pensando pure al coinvolgimento del terzo settore.

15/06/2022 - 11:53

Dalla sede dell’Ordine dei medici a quella del Partito Democratico a Bergamo. Non è solo un ignobile e codardo atto di vandalismo. Oltre alla solidarietà e vicinanza all’Ordine dei medici e alle professioni sanitarie siamo convintamente fieri di aver sostenuto in tutte le sedi istituzionali e nella comunità l’importanza di affidarci alla scienza e alla prevenzione oltre che di conseguenze gravi di malattie grazie ai vaccini. 
È tanto amaro e inqualificabile usare paragoni con il nazismo ed il  genocidio.
Non è solo frutto di ignoranza.
Ancora una volta presi di mira per le nostre posizioni a tutela della salute di tutti i cittadini.
Con leggerezza dimestichiamo quanto accaduto e proprio ora che la luce in fondo al doloroso tunnel della pandemia si vede, non saranno fanatici ideologici a farci vacillare.
Andremo avanti nella stessa direzione in attesa che le forze dell’ordine faccia chiarezza sull’accaduto.
Solo la condanna e la solidarietà di tutte le forze politiche farà barriera a tanta devianza culturale e potrà difendere i tanti professionisti della salute che in prima fila proteggono e promuovono la salute individuale e collettiva”. Lo scrive sulla sua pagina facebook la deputata del Pd, Elena Carnevali.

15/06/2022 - 11:11

"L'Europa ha contrastato con fermezza e decisione l'aggressione russa dell'Ucraina, adottando sanzioni rigorose, misure di piena accoglienza per i rifugiati, azioni di sostegno economico-finanziario e di supporto alla resistenza della popolazione ucraina. L'obiettivo è ottenere un cessate il fuoco e l'avvio di una soluzione diplomatica per la pace. In questa prospettiva e in nell'attuale situazione storica eccezionale, dobbiamo allora avere il coraggio politico di riconoscere subito all'Ucraina anche lo status di Paese candidato all'ingresso in UE per assicurarle ancora maggiore sostegno e vicinanza. È necessario poi accelerare nella creazione di una Comunità politica europea più ampia, che possa permettere di avviare da subito un percorso di stretta convergenza e collaborazione strategica, economica e sociale, per rafforzare il percorso dei Paesi terzi in attesa di completare il processo formale di adesione all'Europa".

Lo afferma Piero De Luca, vicepresidente del Pd alla Camera, durante l'audizione di una delegazione della Commissione per l’integrazione dell’Ucraina nell’Ue della Verkhovna Rada ucraina, guidata dalla Presidente Ivanna Klympush-Tsintsadz.

15/06/2022 - 10:30

Deputati Dem - conferenza stampa

Oggi, mercoledì 15 giugno, ore 16.00, Sala Stampa di Montecitorio

Intervengono: Siani, Carnevali, Ianaro, Rizzo Nervo

Verrà presentata oggi, mercoledì 15 giugno, alle ore 16.00, presso la Sala Stampa di Montecitorio, in via della Missione 4, la proposta di legge n. 3192 “Disposizioni per l’introduzione dell’obbligo di diagnosi autoptica istologica e molecolare nei casi di morte improvvisa in età infantile”, che propone l’obbligatorietà dell’autopsia per le morti improvvise giovanili, comprensiva di prelievi per l’esame tossicologico e molecolare.

All’evento partecipano: i deputati dem, Paolo Siani, Elena Carnevali, Angela Ianaro, Luca Rizzo Nervo, componenti della XII Commissione Affari Sociali e Sanità e firmatari della proposta di legge; Ciro Indolfi, presidente della Società Italiana di Cardiologia; Camillo Autore, professore associato di Cardiologia all’Università degli Studi di Roma La Sapienza; Giuseppe Limongelli, professore associato di Cardiologia all’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli; Ulderico Catania, dell’Associazione Cardiomiopatie e Malattie Rare Connesse; Maria Lucia Formicola, presidente dell’Associazione Il Cuore di Andrea. Il moderatore sarà Francesco Macchia, vicepresidente dell’Osservatorio Malattie Rare.

La conferenza stampa si può seguire in diretta dal canale Web Tv del sito della Camera dei deputati. Per seguire l’evento in presenza occorre accreditarsi inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica: pd.ufficiostampa@camera.it.

14/06/2022 - 16:08

“Domani in Aula per il question time chiederemo al ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli cosa intende fare riguardo l’aumento del prezzo del carburante dovuto all’aggravarsi della crisi ucraina e la conseguente ripercussione in diversi settori lavorativi, soprattutto in quello marittimo. C’è in ballo un intero settore di lavoratori a rischio. Il governo deve intervenire per ridurre l’impatto degli aumenti sui costi di produzione e sostenere le imprese del comparto della pesca e dell’acquacoltura. Serve un piano straordinario d’intervento a sostegno della filiera ittica”.

Così in una nota del Gruppo dei deputati Pd.

14/06/2022 - 14:40

"Molto positiva la relazione della Garante per l'Infanzia, Carla Garlatti, presentata questa mattina. Da due anni e mezzo, ovvero dall'inizio della pandemia, il Parlamento e il Partito Democratico sono in prima linea per riportare i temi dell'infanzia e della tutela di bambini e minori al centro dell'agenda politica. All'inizio della pandemia il settore dell'infanzia è stato investito da molte difficoltà, dalla problematiche legate alla sfera psicologica e alla salute mentale di bambini e ragazzi, alla dispersione scolastica e a tutte le vulnerabilità legate al mondo dei bambini. E' importante che la Garante abbia sollevato con tempestività e concretezza i temi che hanno riguardato i bambini nella prima fase della pandemia, la più critica. Come anche la necessità di una educazione all'uso critico dei media, il non lasciare da soli i ragazzi di fronte all'utilizzo di un tablet, ma seguirli nella loro evoluzione. Poi i cambiamenti sui tribunali dei minorenni che fanno perdere collegialità e multidisciplinarità. Importante il messaggio della centralità sul tema delle diseguaglianze da colmare che la Garante ha lanciato al presidente Draghi e della dispersione scolastica al ministro Bianchi. Su questi temi il Parlamento e il Partito Democratico in prima linea stanno lavorando con assiduità da molto tempo; c'è stato un forte lavoro politico a partire dall'aumento dei fondi destinati all'Infanzia con il Pnrr.
E' bene ricordare anche che il Parlamento è stato interlocutore di qualità sia con il terzo settore, che lavora principalmente con i bambini e sia con il Governo. Su quest'ultimo punto non possiamo tralasciare l'atto di indirizzo del Parlamento che impegna il governo sui temi dell'accoglienza per i bambini che arrivano dall'Ucraina votato solo due settimane fa e ci impegniamo affinché il Parlamento abbia un ruolo sempre più centrale nel settore dell'Infanzia, a lungo dimenticato in passato. Per questo ci auguriamo che venga al più presto approvata una proposta di legge a prima firma Paolo Siani che prevede la costituzione di una Agenzia nazionale per l'Infanzia che possa svolgere un ruolo di primo piano proprio nel raccordo fra le diverse realtà istituzionali che si occupano dell'Infanzia, il terzo settore, le parti sociali".

Lo dichiarano in una nota congiunta la presidente del gruppo Pd alla Camera, Debora Serracchiani, il vicepresidente Pd della commissione parlamentare per l'Infanzia Paolo Siani e il capogruppo Pd della medesima commissione, Paolo Lattanzio.

14/06/2022 - 14:05

"Il Partito Democratico è la prima forza politica del Paese, ce lo dice il voto amministrativo di ieri. Un risultato conquistato grazie a una iniziativa politica seria e coerente. Il voto ci dice anche che la partita delle elezioni politiche è più che mai aperta e che non va sottovalutato il radicamento di un centrodestra egemonizzato da Fratelli d'Italia. Voglio sottolineare che, nel quadro nazionale, l'Emilia-Romagna ha registrato risultati particolarmente positivi per il PD e il centrosinistra. Ora serve il massimo impegno per i ballottaggi. In vista delle elezioni politiche, questo voto ci indica a maggior ragione la necessità di costruire un’alleanza democratica e progressista larga, alternativa alla destra. Un’alleanza aperta al civismo e che promuova al massimo la partecipazione dei cittadini. Questo voto ci conferma che la forza del PD è fondamentale per vincere e che servono, nello stesso tempo, alleanze larghe, senza veti reciproci. L'unità del centrosinistra e delle forze riformiste e progressiste è oggi più che mai una priorità".

Così Andrea De Maria, deputato PD e segretario di Presidenza della Camera.

14/06/2022 - 12:16

“Da queste elezioni amministrative emerge un dato molto chiaro: il Pd è il primo partito in Italia e si propone sempre più come perno di una coalizione larga che abbracci tutte le forze riformiste e progressiste, anche di ispirazione civica, che vogliono lavorare per il bene di questo Paese. Dalle urne deve arrivare una spinta per superare divisioni inutili e lavorare in questa direzione, sulla base di idee e programmi di sviluppo condivisi e ambiziosi, con chiunque voglia arginare la destra e porre un freno ai populismi. Adesso tocca rimboccarsi le maniche. Abbiamo tanto lavoro da fare ma anche un’occasione storica che viene dall’Europa per rilanciare l’economia e il lavoro e dare un futuro agli italiani”. Così Piero De Luca, vicepresidente Pd alla Camera.

Pagine