Intercettazioni. Pd, ok su decreto tariffe è buona prova tenuta maggioranza

  • 07/04/2021

L'approvazione del parere sul decreto inerente le tariffe delle intercettazioni in commissione Giustizia è una buona prova di tenuta della maggioranza e di come anche sulla giustizia, quando si abbandonano le posizioni strumentali e pregiudiziali e si cercano le soluzioni di merito, si trova ampia condivisione. Il decreto si era caricato di eccessive valenze tecniche e politiche, alla luce di una interpretazione corretta delle norme del codice e di dubbi che potevano probabilmente trovare un chiarimento già nel testo iniziale.

Dl intercettazioni: Bordo, garantita privacy e accertamento reati

  • 27/02/2020

“Si tratta di una buona legge: delimita il campo dell’uso delle intercettazioni, consente di separare quelle rilevanti da quelle che non hanno niente a che fare con le inchieste, vieta la pubblicazione di quelle irrilevanti, permette alla difesa di essere protagonista in tutte le fasi delle indagini. Noi del Pd siamo molto soddisfatti per aver contribuito in modo determinante alla stesura di questo testo che introduce norme che garantiscono sia i cittadini, ma anche il lavoro importante degli inquirenti di accertamento dei reati.

Intercettazioni: Bazoli, misure equilibrate, FI e Lega falsi garantisti

  • 27/02/2020

“La nuova legge sulle intercettazioni introduce regole equilibrate che disciplinano l'uso di uno strumento di indagine importante, e finalmente garantiranno la fine della pubblicazione sui giornali di brani di conversazioni irrilevanti ai fini delle indagini, lesive di ogni minimo principio di privacy e riservatezza”. Lo dichiara il capogruppo democratico in commissione Giustizia Alfredo Bazoli.

Intercettazioni, Zan, decreto equilibrato. Lega fa ostruzionismo strumentale

  • 25/02/2020

"Il Partito democratico esprime convintamente la fiducia su questo provvedimento dopo una discussione lunga ma positiva all'interno della maggioranza che ha avuto la capacità di trovare una sintesi migliorativa del decreto. Già nella passata legislatura avevamo affrontato il tema della pubblicazione di quelle intercettazioni che nulla hanno a che vedere con l'oggetto delle indagini, azione che colpisce la privacy delle persone coinvolte, dei loro affetti, familiari e dei loro amici. Una barbarie, un malcostume che già il ministro Orlando aveva incominciato ad affrontare.

Coronavirus: Borghi, 250 odg su intercettazioni, ostruzionismo senza senso

  • 25/02/2020

“250 ordini del giorno presentati sul decreto Intercettazioni dalle opposizioni. Ma che senso ha? Mentre nella vita reale il Paese vive l’emergenza del Coronavirus, noi rischiamo di trascinare tutta la settimana parlamentare in uno sterile e ozioso ostruzionismo che ci impone di parlare di altro, mentre dovremmo rapidamente passare a esaminare il testo del decreto varato dal governo per contrastare l’emergenza.

Intercettazioni: Bazoli, passo avanti a tutela stato liberale

  • 21/12/2019

“L'approvazione in cdm del decreto che consente l'entrata in vigore la riforma Orlando sulle intercettazioni, con qualche piccola modifica migliorativa, è un'ottima notizia. Una legge fortemente voluta dal Partito democratico, che salvaguarda le esigenze investigative, garantisce il diritto alla difesa, ma finalmente dà adeguata tutela anche al diritto alla privacy e alla riservatezza di coloro che con le indagini non c'entrano nulla, troppo spesso in questi anni dati in pasto all'opinione pubblica per vicende del tutto private e personali.

Giustizia: Bordo, passi avanti con ok a riforma Orlando su intercettazioni

  • 21/12/2019

"Con il via libera del Cdm al decreto sulle intercettazioni, una norma voluta dal Pd e da Orlando, migliorata grazie alla discussione tra le forze di maggioranza, si fanno degli importanti passi avanti in tema di giustizia e di garanzie per le indagini e per le parti. Ora non bisogna perdere altro tempo: così come concordato nel programma di governo si deve procedere spediti verso la riforma del processo penale per il quale presenteremo una proposta di legge in Parlamento".

Così il vicecapogruppo Pd alla Camera dei Deputati, Michele Bordo.

Giustizia: Bazoli, bene intesa intercettazioni. Pronti a Pdl su prescrizione

  • 20/12/2019

“Ieri sera la maggioranza ha trovato un sostanziale accordo sul via libera alla riforma Orlando sulle intercettazioni, con alcune lievi modifiche che la migliorano e completano. È un’ottima notizia. Una legge fortemente voluta dal Partito democratico che salvaguarda le esigenze investigative, ma finalmente anche il diritto alla privacy. Mai più notizie personali, di terzi estranei alle inchieste, in grado di rovinare le persone, date in pasto ai media. Sulla prescrizione non si registrano invece particolari passi avanti, nonostante il buon clima della riunione.

Intercettazioni: Bordo, no ostacoli a indagini da riforma Orlando, ma non piantiamo bandierine

  • 16/10/2019

“Sulle intercettazioni mi preme innanzitutto chiarire che la riforma voluta dal ministro Orlando non ostacolava né le indagini, né metteva il bavaglio all’informazione. Questa fu la lettura data da alcuni solo per ragioni politiche, ma per niente suffragata dai fatti. E tuttavia, noi non siamo legati alle nostre proposte come se fossero delle bandierine da piantare. Certo, per quanto ci riguarda è stato un errore sospendere l’entrata in vigore della riforma Orlando impedendole di produrre i suoi effetti, ma siamo comunque aperti al dialogo e al confronto anche su questo tema.

Giustizia: Bazoli a Salvini, perché ha ritirato riforma Pd su intercettazioni?

  • 21/06/2019

“Siamo contenti che il ministro Salvini si sia accorto che è inaccettabile leggere sui giornali intercettazioni sulla vita privata, che nulla hanno a che fare con le indagini e i reati”. Lo dichiara Alfredo Bazoli, capogruppo Pd in Commissione Giustizia alla Camera, a proposito delle parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini sulle intercettazioni.

Pagine