19/05/2024 - 19:25

"La destra pensa che la politica vada fatta soltanto sui media o sui social, con slogan populisti, promesse irrealizzabili e veicolati esclusivamente dai leader-padroni di partito. Per loro il contatto diretto con le persone è inutile. Il Pd la pensa diversamente ma fa parte di una concezione antitetica di fare politica: per questo motivo il centrosinistra di Piombino ha lanciato il messaggio “Casa X Casa”: per rappresentare valori di prossimità, giustizia sociale, speranza e coesione tra le persone e i popoli, distanti dall’ideologia fascista che esclude il diverso. Quello che non possiamo accettare sono le accuse di 'metodi intimidatori' mosse da Fratelli d’Italia contro il nostro candidato Gianni Anselmi sui social: sono assolutamente scandalose e vergognose, dimostrando paura e ignoranza. Siamo convinti che il nostro messaggio per le prossime elezioni amministrative possa rappresentare l'inizio di un nuovo percorso politico per Piombino e i suoi cittadini. Vi staremo vicini e continueremo ad andare 'casa X casa, strada X strada' per ascoltare e rispondere ai vostri problemi, ma soprattutto per condividere con voi i vostri sogni. Mimetizzarsi da civici non basterà alla destra per vincere": è quanto dichiara sui social il deputato Pd, Marco Simiani.

18/05/2024 - 19:33

"Europa e omotransfobia: il Governo non firma la dichiarazione che tutela e allarga la sfera dei diritti. Non è l'Italia che deve rappresentarci in Europa. Bisogna avere paura dell'odio e non dell'amore”.

Così il deputato democratico e candidato al Parlamento europeo, Nicola Zingaretti.

18/05/2024 - 19:33

"Il 94 per cento dei comuni ė a rischio dissesto idrogeologico e i mutamenti climatici stanno aggravando una situazione insostenibile ma il governo Meloni fa il negazionista in Europa, opponendosi ad ogni scelta green, mentre in Italia taglia i fondi per la prevenzione, com'è successo con i fondi del Pnrr. Siamo di fronte ad una destra irresponsabile capace solo di versare lacrime di coccodrillo dopo ogni alluvione".

 Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Ambiente alla Camera, Marco Simiani

17/05/2024 - 20:49

Lo scrive su X il deputato Pd e responsabile Diritti del Pd Alessandro Zan

L’Italia proprio oggi non ha firmato la dichiarazione UE per promuovere politiche in favore delle persone lgbtqia+ perché secondo il governo Meloni “ricalca il ddl Zan”.
Tradotto: perché chiede di rispettare diritti umani fondamentali. E questa destra vuole continuare a violarli.

17/05/2024 - 20:39

Dichiarazione di Nico Stumpo, deputato Pd

Vorrei dire al Presidente Occhiuto, vicesegretario di Forza Italia, che i luoghi dove criticare l’autonomia differenziata esistono e sono le istituzioni democratiche,  come per il suo caso la conferenza delle regioni e il consiglio regionale della Calabria dove il presidente Occhiuto si è espresso a favore dello spacca Italia. Ora, nel pieno della campagna elettorale per le elezioni europee,  ci informa che questa riforma non serve né al sud né al nord. Grazie. Lo sappiamo già e lo avevamo già detto. Dividere l’Italia e aumentare le distanze tra nord e sud indebolisce l’Italia e la costruzione di una nuova Europa.

17/05/2024 - 19:44

“Non accettiamo il nuovo tentativo della maggioranza di strozzare il dibattito parlamentare sul ddl sicurezza nelle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera. Quel provvedimento è stato approvato in Cdm a novembre scorso, è arrivato in parlamento a febbraio e da allora non è mai stato incluso tra le priorità della maggioranza”. Così in una nota la capogruppo democratica alla camera, Chiara Braga, che sottolinea: “dopo 6 mesi di stallo adesso si svegliano e vogliono stravolgere il calendario dei lavori parlamentari per chiudere tutto in 5 giorni e mandare il testo in aula il 27 maggio, guarda caso a dieci giorni dalle elezioni. Il Parlamento- sottolinea Braga- non può sottostare alla dittatura della maggioranza e piegarsi alle sue esigenze elettorali. Sulla sicurezza - conclude - il governo è in evidente difficoltà e vorrebbe utilizzare questa mossa per prendere in giro ancora una volta gli elettori. Non permetteremo questo ennesimo strappo istituzionale che risponde solo a un’esigenza di vuota propaganda della destra.”

17/05/2024 - 19:33

Produzioni internazionali stanno scappando dall’Italia

 

“Mollicone si arrampica sugli specchi ed utilizza argomenti pretestuosi per difendere l’indifendibile. Un conto è correggere alcuni aspetti di una legge che ha funzionato e che  dopo otto anni è giusto revisionare anche per adattarla ai mutamenti del settore, altra cosa è colpire il cuore della produzione cinematografica e costruire un groviglio di norme che, annunci e semplificazioni a parte, neanche il ministro e il sottosegretario sono in grado di spiegare. E non è un caso che in questi giorni chi si occupa di promozione internazionale a Cannes sta vivendo con imbarazzo le reazioni dei grandi produttori internazionali che già annunciano di voler andare a girare altrove pur di evitare la

palude della burocrazia e la politicizzazione delle scelte imposte da Sangiuliano” così in una nota i deputati democratici della commissione cultura della Camera, replicano al presidente Mollicone. “Mollicone parla di nuovo tax credit - concludono - noi vediamo solo il taglio drastico di 130 milioni di euro, di questo vogliamo di confrontarci in commissione non appena sarà calendarizzata la nostra risoluzione parlamentare, depositata oggi,  di cui chiederemo  l’esame urgente”.

17/05/2024 - 19:25

Furfaro presenta interrogazione a Schillaci

“Le nuove norme sulla farmaceutica, introdotte con l’ultima legge di bilancio, ipotizzano per le regioni un aumento di spesa da 600 milioni di euro. Una cosa incomprensibile e inaccettabile mentre tagliano e indeboliscono giorno dopo giorno il nostro servizio sanitario nazionale, con la scusante dell'assenza di risorse”. Lo afferma Marco Furfaro copogruppo PD in commissione affari sociali e membro della segreteria nazionale. “Quello che il governo sta spacciando per risparmi e “per favorire l’accesso in termini di prossimità attraverso le farmacie territoriali” sono in realtà solo regali all'industria del farmaco. Dai nuovi tetti di spesa al nuovo sistema di remunerazione delle farmacie fino allo spostamento di alcuni farmaci dall’ospedaliera alla convenzionata l’impatto sui già pericolanti bilanci regionali potrebbe essere pesante.
Presenterò un'interrogazione al ministro Schillaci per avere chiarimenti urgenti.  Una decisione assurda: sono costi che il governo ha deciso per l'ennesima volta di scaricare sui cittadini e sulle regioni”.

17/05/2024 - 17:41

“La moltiplicazione delle competenze sulla riforma dei porti, che ora sono in capo al Ministero dei Trasporti e potrebbero essere condivise con il Ministero del Mare, rischia di generare un cortocircuito istituzionale e una confusione di ruoli che non risponde a quelle richieste del cluster portuale, di semplificazione e mantenimento del mercato regolato nei porti. La nascita del ’Dipartimento per le politiche del mare’, prevista nella riforma presentata dal governo, rischia di provocare confusione e accentuare la spinta a forme di privatizzazione. I cluster portuali auditi in Commissione trasporti in questi mesi hanno chiesto a gran voce attenzione alla semplificazione delle competenze e chiarezza nelle procedure. Il Piano del mare predisposto dal Comitato interministeriale per le politiche del mare, rischia di andare nella direzione opposta. Ho presentato un’interrogazione al Ministro dei Trasporti Matteo Salvini per sapere se il Mit manterrà tutte le prerogative in merito alla riforma dei porti o se alcune saranno invece spostate sul Ministero del mare. Per capire in quale direzione il governo intende andare e se questo nuovo assetto inciderà sulla tempistica dei provvedimenti normativi annunciati”, così la deputata e vicepresidente PD alla Camera Valentina Ghio che ha presentato un’interrogazione alla Camera insieme ai deputati PD Barbagallo, Bakkali, Casu e Morassut.

17/05/2024 - 16:55

Dichiarazione di Rachele Scarpa, deputata PD e membro della Commissione Ambiente della Camera

Voglio innanzitutto esprimere la mia totale solidarietà a tutti i i cittadini e le comunità colpite. Ho parlato con diversi amministratori a cui ho voluto ribadire che sono a completa disposizione per sostenere le richieste di indennizzo e di ristoro per i danni subiti. Rispetto a questo, mi unisco alla richiesta rivolta al governo da diversi miei colleghi perchè sia riconosciuto lo stato di emergenza.  

Quanto accaduto è un fenomeno metereologico eccezionale, ma purtroppo i cambiamenti climatici ci stanno sempre più abituando ad eventi così forti. Ciò significa che non possiamo continuare a comportarci come se nulla fosse: la sicurezza idrogeologica e la capacità di assorbimento dell’acqua del nostro territorio sono una priorità ineludibile, e ciò passa sia dalle opere come i bacini di laminazione, sia da un vero piano di adattamento ai cambiamenti climatici che dia le risorse ai territori per intervenire su condotte e vie di deflusso ormai non più sufficienti. Tagliare i fondi del PNRR dedicati a questo è stato un grave errore del governo.”

17/05/2024 - 16:19

"Pessime notizie dalla Turchia dove ieri Selahattin Demirtas e Figen Yüksekdag, leader del principale partito di opposizione turco e curdo, Hdp, sono stati condannati rispettivamente a 42 e a 30 anni per le proteste in sostegno alla popolazione curdo-siriana di Kobane che, nel 2014, combatteva contro l'occupazione dell'Isis. Durante quelle proteste, la polizia turca uccise 46 persone e ne arrestò più di 300.
Pene pesantissime inflitte anche ad altri 106 esponenti politici, alcuni dei quali dovranno scontare l'ergastolo. Un durissimo attacco a chi si oppone al regime turco.
L'Europa non può essere testimone silente della pesantissima repressione e della violazione delle regole democratiche in atto in Turchia. Solidarietà all'Hdp, che adesso è rappresentato dalla sigla Dem Party". Lo dichiara Laura Boldrini, deputata Pd e Presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo.

17/05/2024 - 14:04

Democratici presentano risoluzione per potenziare finanziamenti industria audiovisiva

“Il governo sta mettendo in ginocchio il settore cinematografico e audiovisivo. Il nuovo decreto di riparto dei fondi è un duro colpo per le produzioni che avrà effetti devastanti sulla capacità del nostro sistema di attrarre i grandi investimenti internazionali” così i deputati democratici della commissione cultura della camera che hanno presentato una risoluzione parlamentare, su cui verrà chiesta la discussione urgente in commissione, che impegna il governo a un cambio di passo e a potenziare gli investimenti nell’industria cinematografica e audiovisiva italiana. “Il decreto di riparto del fondo cinema - aggiungono i democratici - è devastante: 130milioni di euro di tagli ai tax credit, incertezza normativa, raddoppio dei progetti speciali che il ministro può autorizzare direttamente a suo piacimento, tagli ai contributi automatici e il ritorno dei contributi selettivi con commissioni nominate dalla politica senza criteri che dovranno decidere sulle scelte dei produttori e degli autori e promuovere opere che esaltino l’italianità. È un grave passo indietro per l’intero sistema - aggiungono - che avrà effetti negativi sia economici che occupazionali. Sangiuliano non si rende conto di quello che sta facendo e non stupisce che proprio in questi giorni a Cannes si parli di un ‘caso italiano’ con i grandi gruppi intenzionati a girare in altri paesi europei”. La risoluzione a prima firma Matteo Orfini è sottoscritta da Irene Manzi, Nicola Zingaretti e Mauro Berruto ed impegna il governo: ad adottare iniziative volte ad incrementare l’entità dei finanziamenti destinati al settore cinematografico e dell'audiovisivo; ad adottare iniziative per potenziare il fondo per il tax credit per il cinema, valutando anche la possibilità di estenderlo al settore teatrale e musicale; a promuovere iniziative a tutela e sostegno del comparto cinematografico in tutta la sua evoluzione tecnologica;  al fine di sostenere la produzione, a ripartire le risorse dei contributi selettivi disponibili in maniera congrua e nel rispetto di tutte le tipologie;
ad avviare politiche di sostegno dei livelli occupazionali dell’industria cinematografica e per l’intera filiera culturale a sostegno di una politica di cultura fruibile ed autonoma; a promuovere lo sviluppo della cultura ed incentivare la fruizione nelle sale cinematografiche riconoscendo, ad un pubblico di età compresa tra i 14 e i 18 anni, la riduzione del biglietto di accesso alle sale cinematografiche”.

17/05/2024 - 13:52

“Ormai siamo alla precettazione degli scioperi come metodo di Governo. Salvini, che si occupa di tutto tranne che di far funzionare le infrastrutture, sceglie questa strada tutte le settimane. La limitazione del diritto di sciopero è diventata la normalità e non l’eccezione. Un fatto molto grave. Abbiamo presentato un disegno di legge che istituisce l’obbligo da parte degli enti pubblici di informare gli utenti del merito delle mobilitazioni sindacali. Un fatto di trasparenza. Chiederemo spiegazioni in Parlamento”.

Così il capogruppo Pd in commissione Lavoro alla Camera, Arturo Scotto.

17/05/2024 - 13:19

Più diritti a chi non ne ha, per crescere un paese civile.

Impegniamoci per avere misure di prevenzione e contrasto alla discriminazione e alla violenza per motivi fondati su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere.

Lo ha scritto su X Chiara Braga, capogruppo Pd alla Camera dei Deputati, in occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

17/05/2024 - 12:27

"I rider sono oggi il simbolo del lavoro precario, sottopagato, con turni estenuanti, pochi diritti e pericoli continui. Per questo motivo la 'Casa dei rider', lanciata dalla candidata a sindaco di Firenze del centrosinistra Sara Funaro, in collaborazione con la Cgil, è uno strumento utilissimo e una iniziativa di civiltà che dovrebbe essere replicata in tutte le città italiane". Lo afferma il deputato dem e segretario Pd Toscana Emiliano Fossi, in merito alla sede di sosta per i ciclofattorini del food delivery, che sarà realizzata a Firenze.

"I rider - ha concluso Fossi - hanno anche e soprattutto una funzione sociale, garantendo l'erogazione di beni e servizi a domicilio. Una comunità solidale ha quindi l'obbligo di dare la possibilità a questi lavoratori di usufruire di un luogo confortevole dove riposarsi e ristorarsi tra una consegna e l'altra".

Pagine