31/01/2023 - 18:41

“Le immagini della sofferenza del popolo Yanomami, indigeni della foresta amazzonica brasiliana, scuotono le coscienze di ognuno di noi e non possono far restare indifferenti persone come me impegnate a costruire il bene comune in politica, soprattutto quando sembra che lo sfruttamento illegale delle loro risorse interessi anche le importazioni italiane di materiali preziosi. Per questa ragione ho chiesto, assieme ai colleghi Enzo Amendola, Laura Boldrini e Lia Quartapelle, con una interrogazione al governo, di attivarsi sul piano diplomatico affinché 'vengano implementati gli accordi internazionali in vigore per assicurare la sostenibilità e la tutela delle popolazioni indigene e venga aiutato il popolo Yanomami ad uscire dall’emergenza'. Inoltre, per evitare che il prodotto dello sfruttamento illegale del territorio appartenente a tale popolo arrivi anche in Italia, arricchendo i predatori, 'che venga rafforzata la rete di controllo sulla filiera dei prodotti provenienti dall’estero, in maniera che siano chiare ed evidenti le certificazioni richieste sul piano internazionale, per assicurare un Made in Italy che rispetti l’eticità dell’origine dei prodotti secondo norme internazionali universalmente acclarate'”.

Lo dichiara il deputato dem Fabio Porta eletto in Sud America e membro della commissione Esteri della Camera dei Deputati.

31/01/2023 - 18:10

“Donzelli non è adatto a ricoprire il ruolo di vicepresidente del Copasir. Una carica che richiede rigore, riservatezza e un forte senso delle istituzioni. Invece abbiamo a che fare con un personaggio fuori le righe, eccitabile, sconclusionato. Dal copasir dovrebbe dimettersi. Il suo partito scelga un altro. Meloni ci pensi”. Così in una nota il deputato del Partito Democratico, Roberto Morassut.

31/01/2023 - 18:00

Dichiarazione di Federico Gianassi, capogruppo Pd in commissione Giustizia

L’on. Donzelli ha oggi ha dichiarato che Cospito, detenuto al 41 bis, ha avuto colloqui con detenuti mafiosi, anch’ essi detenuti al 41 bis e ne ha divulgato il contenuto. Come ne è venuto a conoscenza? A quale titolo le ha divulgate? Chiediamo che il ministro Nordio  chiarisca con urgenza in parlamento tali affermazioni, il cui contenuto è in possesso esclusivo del ministero della Giustizia. Vogliamo sapere perché l’on Donzelli le ha pubblicamente divulgate, mettendole nella disponibilità di tutti, persino degli afferenti alle organizzazioni degli stessi detenuti a cui ha fatto riferimento. Con ciò, di fatto, aggredendo il regime del 41 bis a cui sono sottoposti quei detenuti e che impedirebbe loro di comunicare e portare messaggi all’esterno. Inoltre, Donzelli ci ha fatto sapere che detenuti al 41 bis, che non possono avere rapporti tra di loro, in realtà tra loro parlottano e  il Ministero ne è a conoscenza. Oltre ad avere sostenuto falsità nei confronti degli esponenti Dem per la loro visita di carattere umanitario in carcere a Sassari e ad avere alimentato insinuazioni calunniose contro il PD. Tutte dichiarazioni gravissime per le quali chiediamo al ministro Nordio di riferire subito in parlamento .  Vogliamo che il paese sappia  perché e da chi  Donzelli ha avuto quelle notizie e perché le ha divulgate”.

31/01/2023 - 17:13

“Quelle informazioni prodotte dal Dap sono nella esclusiva disponibilità del Ministro della Giustizia. Ecco perché ora è anche dovere di Nordio chiarire. E Donzelli deve dimettersi dal Copasir, perché con uno come lui nessuno può sentirsi al sicuro”.

Così il vicesegretario del Pd e vicepresidente del Gruppo alla Camera, Peppe Provenzano, su Twitter.

31/01/2023 - 16:59

Parteciperà anche il presidente dell’Anpi, Gianfranco Pagliarulo, alla conferenza stampa contro la proposta di legge Rampelli per istituire una commissione di inchiesta sugli “anni di piombo” che si terrà domani mercoledì 1 febbraio, alle ore 16:00, presso la Sala Stampa della Camera dei deputati.

L’evento vedrà la partecipazione dell’on. Andrea De Maria, di Paolo Bolognesi (presidente della Associazione dei familiari delle vittime della strage del 2 agosto), di Manlio Milani (presidente della Associazione dei familiari delle vittime della strage di piazza della Loggia) e di Federico Sinicato (presidente della Associazione Familiari delle Vittime di piazza Fontana).

31/01/2023 - 16:55

A pochi giorni dall'arresto di Messina Denaro, da toscano avrei voluto votare la commissione d'inchiesta sui fenomeni mafiosi per onorare Caterina e Nadia, due bambine di 50 giorni e 9 anni, che persero la vita nella strage di via dei Georgofili a Firenze. Doveva essere una giornata di unità e determinazione che onorava il ricordo di tutte le vittime di mafia. Purtroppo Donzelli, coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia, ha usato il suo intervento per infangare i parlamentari del Partito democratico associandoli a mafia e terrorismo solo per aver fatto visita in carcere a un detenuto. Una cosa che attiene alle prerogative parlamentari e al ruolo che il mandato costituzionale ci consegna. Una cosa aberrante e vergognosa a cui il Parlamento mai aveva assistito prima. Non contento ha rivelato informazioni sensibili, raccolte non si sa come, mettendo a rischio la sicurezza nazionale. E’ inaccettabile come è inaccettabile il silenzio di Giorgia Meloni.

Lo ha detto il deputato del PD Marco Furfaro, intervenendo in Aula.

31/01/2023 - 14:10

Dichiarazione di Silvio Lai, deputato Pd

Ma il diritto del parlamentare di entrare nel carcere secondo Donzelli dovrebbe servire a cosa? A incontrare la polizia penitenziaria, che fa il suo dovere nonostante la scarsa attenzione del suo governo?
Ricordo che i parlamentari non possono entrare in altre sedi militari o civili a visitare i corpi dello stato se non per invito.
Quindi Donzelli non conosce il motivo per cui i Parlamentari possono entrare liberamente nel carcere in uno stato di diritto che non butta via la chiave come forse a lui piacerebbe.
Volete vedere quello che non c’è, terrapiattisti, no vax, negazionismi dell’Olocausto e ora scambiate un dovere e un diritto del parlamentare per una presa di campo.
La differenza tra noi e voi è tra umanità e disumanità, lo si vede dal trattamento che fate ai naufraghi del mediterraneo, alle citofonate minacciose in campagna elettorale o alle manifestazioni su cui chiudete gli occhi nel giorno della memoria.

31/01/2023 - 14:01

“L’intervento di Donzelli è stato disdicevole ma rientra nei canoni di un individuo che ha fatto la fortuna politica esclusivamente gettando fango, accusando ingiustamente ed offendendo per anni gli avversari che considera soltanto nemici. Quello che è oggi necessario è appurare se queste parole siano state dettate da qualcuno sopra di lui per sviare l’attenzione sulla gestione disastrosa del governo sul caso Cospito o semplicemente le farneticanti esternazioni di chi ha scambiato il Parlamento per un talk show”. Lo dichiara il deputato del Pd Marco Simiani.

31/01/2023 - 13:43

"Essere insultati da Fratelli d'Italia e accostati a chi difende terroristi e mafiosi, anche questo è accaduto alla Camera questa mattina durante la discussione della Commissione Antimafia.  Giovanni Donzelli ha accostato i parlamentari del Pd a dei supporter di mafia e terrorismo perché hanno visitato Alfredo Cospito in carcere. Abbiamo chiesto le sue scuse. Negare i fatti, negare di avere offeso è arroganza e protervia: è prefascismo".

Così Virginio Merola, capogruppo Pd in commissione Finanze della Camera.

31/01/2023 - 12:52

“Donzelli, coordinatore del partito della premier Meloni, usa le parole in Parlamento come un manganello, accostando il Pd ai terroristi e ai mafiosi. Un analfabeta istituzionale, che scambia l'Aula per un comizio di piazza, offendendo il Parlamento e la comunità democratica”. Lo scrive su Twitter Enzo Amendola, capogruppo Pd in commissione Esteri della Camera.

31/01/2023 - 11:05

"Nei giorni scorsi il Sen. Castelli ha rilasciato a "La Verità" una serie di dichiarazioni sul tema della ricostruzione ("Terremoto per colpa del PD ricostruzione all'anno zero"), apparse stonate e prive di riscontro operativo. Il neo Commissario, che aveva assicurato di voler svolgere il mandato in rispettoso regime di neutralità, sferra invece un attacco incomprensibile sia contro il Partito Democratico che nei confronti della Struttura Commissariale. Questa uscita, peraltro, fa il paio con la recente partecipazione ad un’iniziativa politica di Fratelli d’Italia, che poco si addice al ruolo oggi ricoperto.  Noi, molto semplicemente, crediamo che Castelli debba prendere atto dell’opera monumentale svolta, in primis, da Giovanni Legnini. Un impegno che, nonostante la vis polemica, lo stesso Castelli non può non riconoscere. Ciò che appare assolutamente fuori luogo, però, è il giudizio espresso sul tema delle opere e dei cantieri. Per valutare correttamente il processo di ricostruzione, è sufficiente prendere atto della mole di istanze autorizzate dalla Struttura Commissariale. Si tratta di migliaia di interventi cantierati e cantierabili, il cui numero è in progressivo e costante incremento. Certe dichiarazioni, dunque, offendono prima di tutto lo sforzo prodotto dai Sindaci e da tutte le risorse impegnate, con grande abnegazione, sul conseguimento dell’obiettivo finale della ricostruzione. A nostro avviso il neo Commissario ed ex Assessore Regionale, piuttosto, dovrebbe preoccuparsi del perché la Regione Marche, non ha ancora approvato il nuovo Piano delle Opere Pubbliche. Uno strumento essenziale, ai fini della ricostruzione, che tutte le altre Regioni del Cratere hanno adottato. Un’inerzia assolutamente incomprensibile, se si considera le ingenti somme già deliberate e messe a disposizione proprio dal precedente Commissario Legnini. Chiediamo a Castelli di dismettere la casacca partitica, evitando in futuro di abbandonarsi alla retorica dello scaricabarile, oramai inflazionata. La verità è che il nuovo Commissario, oggi, deve semplicemente limitarsi a non disperdere il patrimonio organizzativo e normativo messo in campo da chi l’ha preceduto. Anzi se è vero, come il Senatore asserisce, che questo ruolo ha natura fiduciaria rispetto al Governo, auspichiamo che usi tutta la sua influenza presso la Presidente del Consiglio. Prima di tutto per evitare che qualche decisione dissennata, possa realmente pregiudicare la bontà del lavoro svolto. Perché è paradossale che Castelli, ad esempio, sottolinei il problema dello smobilizzo crediti sul Superbonus, dimenticando che il suo Governo non ha messo in campo alcuna misura in tal senso, come del resto ha fatto anche sul tema dei mutui". Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati del Pd, Augusto Curti ed Irene Manzi.

31/01/2023 - 10:37

“Il governo garantisca con urgenza la prosecuzione del confronto tra la multinazionale Jabil e le organizzazioni sindacali al fine salvaguardare i livelli produttivi e occupazionali dell’impianto di Marcianise, assicurando ogni intervento utile anche per l’attuazione del piano di riassorbimento e riallocazione del personale considerato in esubero, preservando il tessuto industriale e professionale della provincia d Caserta”.

E’ la richiesta contenuta nell’interrogazione presentata in commissione dal Partito Democratico, primo firmatario il deputato Stefano Graziano, e sottoscritta anche dai dem, Scotto, Sarracino, Laus, Gribaudo, Fossi, rivolta alla ministra del Lavoro, Marina Calderone.

“La vertenza Jabil - si legge nell’interrogazione - si trascina dal giugno 2019, e in passato i rappresentanti dell’impresa si erano dichiarati disponibili alla predisposizione di un piano di riassorbimento dei lavoratori in esubero, attraverso un progetto industriale poi illustrato nel febbraio del 2022, accolto favorevolmente dalle organizzazioni sindacali. Ma, a tutt’oggi, non è stata trovata alcuna soluzione industriale alternativa per evitare una nuova emorragia occupazionale. Il territorio di Caserta non può continuare a perdere presidi industriali importanti e livelli occupazionali. Occorre una strategia complessiva - prosegue il testo - per riportare il territorio di Caserta in un ruolo strategico all'interno della regione Campania, per salvare i livelli occupazionali e per un piano industriale serio, nel solco del Pnrr e della transizione ambientale ed ecologica”.

30/01/2023 - 20:26

“Nella sostanza, il congresso del Pd si giocherà tra un’opzione rivoluzionaria e un’opzione conformista. L’opzione rivoluzionaria interna è quella rappresentata dalla candidatura di Elly Schlein che ho sostenuto da subito. Questa opzione è quella di cui i Democratici hanno bisogno e che credo prevarrà. Anche grazie alla spinta di una nuova generazione, una spinta oggi visibile ed evidente”. Così il deputato Roberto Morassut, a margine dell’iniziativa organizzata dai sostenitori di Elly Schlein a Roma.

30/01/2023 - 18:26

Dichiarazione di Vinicio Peluffo, capogruppo Pd in commissione Attività Produttive

“Comprendiamo e condividiamo le finalità di un intervento normativo che preservi e metta in sicurezza un asset industriale e strategico ma restiamo perplessi sulle modalità e sull'oggettiva debolezza degli strumenti utilizzati”. Così  Vinicio Peluffo, capogruppo del Pd in commissione Attività Produttive nel dichiarare il voto di astensione del proprio gruppo al decreto sulla tutela dell’interesse nazionale nei  settori produttivi strategici.” Al governo – ha proseguito Peluffo - chiederemo di riferire periodicamente al Parlamento sull'operatività di questo decreto e sulla procedura di vendita dell'impianto Isab di Priolo Gargallo di proprietà della Lukoil, perché si tratta di un settore strategico per la nostra economia. A noi interessa che si facciano le scelte giuste per il Paese, così interpretiamo il nostro ruolo di opposizione, nel merito e senza sconti”. Peluffo ha sottolineato che “la cessione dell’impianto della Lukoil alla società Trafigura è una buona notizia, che permette di ragionare in termini di continuità produttiva e occupazionale,   ma adesso dovrà essere oggetto di attenta verifica e dovrà ottenere tutte le autorizzazioni, seguire le usuali procedure inerenti alle normative antitrust, quelle riguardanti i poteri speciali cosiddetti Golden Power e dovrà rispondere appieno ai requisiti in termini di produzione, di occupazione, di rispetto ambientale e degli impegni richiesti sul piano della riconversione verde del sito produttivo e del suo rilancio industriale.”  Noi dobbiamo rimanere  assolutamente vigili – ha concluso l’esponente Dem-  e sorvegliare con molta attenzione che si tratti di un’operazione industriale di rilancio e non di un tentativo di speculazione, che i livelli occupazionali siano garantiti, che la questione ambientale sia centrale e che la transizione ecologica sia corroborata da un piano ambizioso e definito”.

30/01/2023 - 18:24

“Dopo il no ad ‘Opzione Donna’ il governo ora fa cassa anche con le pensioni di invalidità. Dal mese di gennaio 2023 molti cittadini con gravissime patologie riconosciute sono stati infatti espropriati di questo sostegno economico, spesso necessario per mantenere livelli di vita dignitosi”, così Marco Simiani, deputato del Pd.

“L’esecutivo di destra non allineando all’inflazione i limiti di reddito per poter beneficiare della pensione di invalidità, nega a chiunque abbia un reddito lordo di 18mila euro annui questo beneficio aggiuntivo. Si tratta di un fatto gravissimo, già ammesso pubblicamente dal sottosegretario Claudio Durigon nel corso della discussione di una interrogazione alla Camera, su cui il governo continua a prendere tempo affermando che i penalizzati sarebbero comunque ‘poche eccezioni’. Ancora una volta la destra risparmia sulla pelle dei cittadini, soprattutto delle categorie deboli. Il Partito Democratico proverà a cambiare questa norma in Parlamento”, conclude Marco Simiani.

Pagine