Coronavirus: Fassino, Orban contro la democrazia, Ue reagisca

  • 30/03/2020

“Da oggi in Ungheria il Premier Orban potrà, a sua assoluta discrezione, senza controlli e limiti di tempo, chiudere il Parlamento, sospendere leggi esistenti, rinviare elezioni, governare per decreti. Si usa coronavirus contro la democrazia. Non stiamo a guardare. L’Unione Europea reagisca”.

Lo scrive su twitter Piero Fassino, vicepresidente della Commissione Esteri della Camera e membro  della Presidenza del PSE.

Migranti: Fassino, deplorevole l'egoismo dell'Ungheria

  • 16/09/2019

"La vera cosa "deplorevole" è che il governo ungherese rifiuti qualsiasi redistribuzione di migranti, come se i flussi migratori riguardassero solo l'Italia e non l'Europa intera". Così il vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, Piero Fassino, ha replicato al ministro degli Esteri ungherese che ha definito "deplorevole" che l'Italia abbia accolto i migranti raccolti in mare.

Ungheria: Rosato, M5s cambia idea, Governo sta con Orban

  • 27/09/2018

“Il governo ha deciso di stare dalla parte di Orban. Di chi in questi anni in Ungheria ha ripetutamente limitato la libertà di espressione, religione, stampa, ha minato l'indipendenza della magistratura, compresso i diritti delle minoranze. E non ha mai rispettato gli accordi europei (come, ad esempio, quello sul ricollocamento dei migranti arrivati in Italia)”. Lo scrive su Facebook Ettore Rosato, vice-presidente della Camera, a proposito della mozione M5S-Lega che impegna il Governo italiano a bloccare le sanzioni a Viktor Orban.

Ue: De Luca, Bene voto su Orban. Cosa farà ora il Governo Conte?

  • 12/09/2018

“Dopo il voto del Parlamento europeo che ha condannato il leader ungherese Orban, Salvini e di Maio non potranno più continuare con il gioco dei due forni o delle tre carte. Il Governo italiano voterà in Consiglio pro o contro Orban? Spero che Conte non intenda sostenere chi ha voltato le spalle al nostro Paese sui migranti e viola i valori della democrazia e dello stato di diritto. Difenderemo gli italiani e la libertà di stampa, l’indipendenza della magistratura e dell’istruzione oppure gli interessi dell’uomo forte dell’Ungheria?”.

Salvini-Orban: Rosato, incontro inutile, contrario a Ue e Italia

  • 29/08/2018

Salvini i suoi alleati se li sceglie con cura: antieuropeisti e con interessi contrari a quelli dell'Italia. Sì, perché il premier ungherese Orbàn è quello che A PAROLE il governo dice di voler combattere. Ideatore di quella che lui stesso definisce "democrazia illiberale", Orbàn è anche il più strenuo oppositore dei ricollocamenti dei migranti sbarcati in Italia.

Migranti: Berlinghieri, bene governo, Gruppo Visegrad si assuma responsabilità

  • 13/04/2017

“La realizzazione di una politica comune sull’immigrazione è uno dei banchi di prova decisivi dell’Europa. Bene ha fatto il governo italiano fin dal 2016, con la presidenza del consiglio Renzi, e nuovamente oggi con il sottosegretario Gozi, a chiedere con forza pari responsabilità e condivisione a tutti i Paesi dell’Unione. Mettere gli Stati del Gruppo di Visegrad davanti ad una scelta ben chiara è ormai un obbligo per tutti.

Ungheria: Quartapelle, è tempo di attivare procedura di sospensione

  • 05/04/2017

"Da troppo tempo il primo ministro ungherese Viktor Orban agita proposte contrarie ai valori fondamentali dell’Unione europea, con atteggiamenti di sfida volti ad indebolire la nostra casa comune. Dopo le provocazioni e i provvedimenti adottati in palese contraddizione con i diritti fondamentali dei migranti, oggi arriva una legge che ha l’obiettivo di silenziare la libertà accademica e di prendere di mira la Central European University. È una decisione gravissima che trasforma i proclami in fatti.

Migranti: Tidei, parole Ungheria irricevibili e offensive

  • 27/03/2017

“Quelle del portavoce ungherese Kovacs sono considerazioni irricevibili e offensive, specie per un paese come l’Italia che, sul fronte dell’immigrazione, ha dato lezioni di civiltà e umanità a chi in Europa ritiene che il dramma dei migranti sia solo un fastidio da scaricare su altri”. Lo dichiara Marietta Tidei, deputata del Partito democratico e componente in Commissione Esteri alla Camera.

Pagine