Elezioni: Borghi, voto anticipato impraticabile, piena sintonia tra Parlamento e cittadini

  • 22/09/2020

“La destra che chiede il voto anticipato assomiglia a quel calciatore che, quando gli arriva la palla, non sapendo cosa fare la butta in calcio d’angolo. In realtà la cosa è impraticabile, e lo sanno benissimo anche loro. Sul piano strettamente giuridico, un governo si regge finchè ha la fiducia del Parlamento, per cui è inutile tirare per la giacca il Presidente della Repubblica. Sempre per rimanere sul piano giuridico, ora non abbiamo più una legge elettorale per cui i comizi non si potrebbero neppure convocare.

Elezioni Sardegna: Frailis-Manca-Mura, Doria sconcertante, per lui il Covid non uccide più

  • 24/08/2020

“Pericolose e irresponsabili. Non si possono che definire in questo modo le dichiarazioni di Carlo Doria, candidato della destra alle elezioni suppletive del Senato nel Nord Sardegna. Durante un comizio, Doria ha sostenuto che non sia vero che il Covid continui ad uccidere. Questa è un’affermazione sconcertante, soprattutto per  un medico che ha fatto parte dell'unità di crisi voluta dal Presidente Solinas. In tempo di pandemia è gravissimo che un medico possa affermare che il virus sia uno stratagemma del Governo per spaventare gli italiani.

Bielorussia: Pd, situazione inaccettabile, governo si attivi

  • 11/08/2020

“Quello che sta accadendo in Bielorussia è inaccettabile. A fronte di una campagna elettorale partecipata  all'insegna di una pressante richiesta di cambiamento, il regime di Lukashenko sta rispondendo nel peggiore dei modi. Le notizie di brogli, di intimidazioni, di migliaia arresti indiscriminati tra manifestanti pacifici, l’oscuramento sistematico di internet, l’intimidazione violenta delle leader dell’opposizione sono tutti atti gravissimi che ledono la libertà dei cittadini e i diritti umani.

Doppia Preferenza Puglia: Bordo, serve correzione per evitare paradossi

  • 03/08/2020

“Il governo ha fatto benissimo ad imporre alla Puglia la doppia preferenza di genere per le prossime elezioni regionali. Ma il decreto, per come è scritto, rischia seriamente di non produrre gli effetti sperati, poiché non specifica come debbano essere composte le liste. Pertanto, ci potremmo trovare nella situazione paradossale di liste composte tutte da candidati dello stesso sesso.

Regionali: Bordo, ha ragione Zingaretti, divisioni incomprensibili. Rafforzare alternativa alla destra

  • 23/06/2020

“Ha ragione Zingaretti. Non lo capisce nessuno che a Roma governiamo assieme e poi ci dividiamo nelle regioni e nei comuni. Le nostre divisioni rischiano di far vincere la destra, con la conseguenza di indebolire il governo in un momento che è già molto difficile. Le elezioni di settembre, al contrario, dovrebbero essere l’occasione per consolidare l’alleanza e rafforzare l’esecutivo, viste le scelte importanti per il rilancio del Paese che bisognerà assumere.

Regionali: Fassino, è l'unità che fa vincere

  • 23/06/2020

“Sí, ha ragione Zingaretti: l'unica strategia utile a una politica di riforme è l'unità e la coesione tra le forze che condividono lo sforzo di portare il Paese fuori dalla crisi. Una strategia necessaria non solo a livello nazionale, ma anche regionale. Rifiutare candidature unitarie per chiudersi in presunte e non dimostrate convenienze elettorali di parte è miope e non corrisponde a ciò che si attendono gli elettori.

Elezioni: Ciampi, bene scuole aperte ma non lasciare soli sindaci

  • 19/06/2020

"Chiudere le scuole per elezioni e referendum a settembre sarebbe un errore e su questo sembra ormai esserci un'ampia condivisione fra tutte le forze politiche di maggioranza ed opposizione. È però necessario che le soluzioni alternative siano preso ora a livello centrale per poterle poi predisporre con efficacia nei territori. Sindaci, prefetture e presidi non siano lasciati soli": è quanto dichiara Lucia Ciampi, deputata Pd in commissione Cultura della Camera.

Regionali: Borghi, Zaia cerchi responsabili stop tra i suoi alleati

  • 10/06/2020

“Zaia non sia generico, ma si rivolga ai suoi alleati di Fratelli d’Italia che stanno bloccando il Parlamento per chiedere uno slittamento all’infinito della data delle elezioni e di Forza Italia che pretende di non fare l’election day. Se dipendesse da noi, il decreto sarebbe già stato da tempo licenziato. Le responsabilità su chi stia bloccando i lavori sono molto chiare, e stanno tutte nel campo del centrodestra a cui appartiene il presidente Zaia”.

Lo dichiara Enrico Borghi, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

Elezioni: Borghi, serve intesa Viminale - Regioni per data migliore

  • 27/05/2020

“Sulla fissazione della data delle elezioni regionali e amministrative, il Parlamento sta lavorando per fissare una finestra opportuna con le compatibilità generali. Questa scelta, a nostro giudizio, va accompagnata da una iniziativa del governo, che per competenza trova nel Ministero dell’Interno il proprio punto di responsabilità specifico, ispirata al principio di leale collaborazione e nel rispetto delle competenze legislative regionali in materia, che consigliano una intesa con le Regioni da parte del Ministero dell’Interno per concordare la data migliore.”

Pagine